Stadio, laboratorio di repressione e speculazione

03 Mar 2010, 23:05 Commenti disabilitati su Stadio, laboratorio di repressione e speculazione di
Stadio, laboratorio di repressione e speculazione
Da anni gli stadi sono uno dei laboratori per eccellenza della repressione. Le varie leggi speciali che i vari governi hanno sfornato, da un lato hanno inasprito fortemente le pene, permettendo ad esempio ai Questori di punire il solo possesso di un fumogeno, un tamburo o di un megafono con la “Diffida” (allontanamento dagli stadi per un periodo variabile da 1 a 5 anni, spesso con obbligo di firma in questura, senza che vi sia stato un regolare processo che accerti la colpevolezza del diffidato), dall’altro hanno creato solo più tensione tra tifoserie e forze dell’ordine, garantendo però spesso a queste ultime l’impunità giudiziaria. Norme quali l’Arresto in flagranza differita o la stessa Diffida sono chiaramente anti-costituzionali, vengono lasciate alla completa discrezionalità dei Questori e sono usate spesso per colpire quella parte del tifo organizzato che DENUNCIA quello che gli stessi ultras chiamano “Calcio Moderno”.

Continua—->>>

Archivio Storico, News

Autore

Stadio Tardini
Commenti chiusi.