DA AGOLETTI SOLIDARIETA’ ALL’ARBITRO COLPITO

08 Nov 2010, 19:39 Commenti disabilitati su DA AGOLETTI SOLIDARIETA’ ALL’ARBITRO COLPITO di

“Fatto inaccettabile che va perseguito con strumenti disciplinari e giuridici”

imagesDA MATTEO AGOLETTI RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Ospitiamo volentieri l’intervento del Presidente Agoletti in quanto condividiamo i valori di educazione e rispetto che richiama nella sua nota. Valori che troppo spesso nel mondo dello sport, anche parmigiano, vengono meno o, come dice lui, vengono calpestati. Difenderli è un dovere civico di tutti. Anche di chi gestisce un blog sullo stadio Tardini e su chi ci gioca dentro, nonostante i fatti descritti siano capitati altrove. (gm)

A seguito dell’inaccettabile fatto di cronaca che ha visto coinvolto l’arbitro di calcio Francesco Bocchi della sezione Aia di Parma colpito da un calciatore sul campo di Castellarano, interviene il presidente della commissione sport del Comune di Parma Matteo Agoletti. (Segue dichiarazione)

“Desidero portare la mia personale solidarietà e quella della commissione sport del Comune di Parma al fischietto parmigiano Francesco Bocchi. Allo stesso modo siamo vicini alla sezione Aia di Parma che rappresenta una scuola di vita per centinaia di giovani che ogni fine settimana con spirito di servizio ed entusiasmo permettono che tutte le società di calcio possano svolgere la propria attività sportiva. Quello accaduto sul campo di Castellarano è un fatto inaccettabile che va condannato nella maniera più assoluta. La degenerazione dello sport in violenza gratuita va stroncata sul nascere e perseguita con strumenti disciplinari e giuridici affinché situazioni del genere non abbiano mai più a ripetersi. L’educazione e il rispetto sono valori troppo importanti per essere calpestati sia nei campi di provincia che sui palchi nazionali. Per questo auspichiamo che si intervenga nella maniera dovuta affinché il rispetto dell’avversario, del direttore di gara e l’educazione siano principi fondamentali e tutelati dalla serie A ai giovanissimi”.

News

Autore

Gabriele Majo, 54 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), capo ufficio stampa del Parma Calcio 1913 fino alla stagione 2016/2017, nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.
Commenti chiusi.