IL PUBBLICO LUDIBRIO DI CANDREVA

19 Apr 2011, 10:19 6 Commenti di

Nella serata televisiva delle locali il caso del centrocampista sostituito, ma a Mediaset Premium Giovinco, dal Tardini, chiarisce: “Ci ha subito chiesto scusa”…

zagnoli bertini piovani bar sport 18 04 2011(gmajo) – Non è mai troppo tardi. “Per salvarsi?”, mi chiederete voi. No, adesso non sto per parlare di calcio, bensì per comporre, come ogni martedì mattina, il consueto reportage semi-serio dal piccolo schermo, dopo la visione in-Crociata dei vari programmi del lunedì sera delle locali. Non è mai troppo tardi era il titolo di un corso di istruzione popolare per il recupero dell’adulto analfabeta, mandato in onda a cadenza giornaliera dalla RAI negli anni ’60, ideato e condotto dal maestro e pedagogo Alberto Manzi, al fine di insegnare a leggere e a scrivere agli italiani. “Bene, grazie: ma che c’entra?”, mi chiederete voi. C’entra, c’entra, perché ieri sera, anziché istruirci di tattica ed affini (o forse anche di quello) Sandro Piovani, novello Manzi, ha cercato di insegnarci l’italiano. Con la complicità di Zagnoli. E il prezioso apporto del famoso camper di Radio Parma. Tutto nasce dal (pessimo) gesto di Antonio Candreva, il quale sabato sera, dopo essere stato sostituito (giustamente) da Colomba, ha manifestato in maniera evidente il proprio dissenso rifiutando il cinque a Valiani ed offendendo l’allenatore. “Ma che c’entra Non è mai troppo tardi?” A parte che non è mai troppo tardi (o forse sì) per chiedere scusa lo spiegherò all’interno… (Continua)

vanni zagnoli tv parma 18 04 2011Sandro Piovani, il quale aveva avuto la bontà di anticiparmi il suo punto di vista fin dal pomeriggio al Centro Sportivo, ha spiegato alla platea televisiva che a suo avviso Candreva aveva già subito la massima punizione già sabato sera, essendo stato esposto dal suo allenatore al “pubblico ludibrio”. Psycolomba, infatti, non aveva fatto finta di niente come, in circostanze analoghe fanno certi suoi colleghi, bensì aveva redarguito quel discolo davanti ai 20.000 (circa, portoghesi inclusi) del Tardini e a centinaia di migliaia di persone sintonizzate sulle tv satellitari e digitali on the air dall’Ennio. Pubblico Ludibrio… L’espressione è piaciuta anche a Vanni Zagnoli, il quale, a sua volta, l’ha ripetuta qualche minuto dopo. E così dal camper l’autista Luca Ferrari (macellaio), con Enrico Cavalca (già ufficio stampa ai tempi d’oro del club) e la bionda bionda occhi gatto su camper 18 04 2011occhi di gatto di cui – colpevolmente – non ricordo il nome si sono affannati ad erudirsi e ad erudirci andando a leggere un dizionario su internet il significato di quella allocuzione. Tra i sinonimi ivi indicati quelli che meglio si adattano, più di quelli strettamente etimologici come beffa, scherno e berlina, sembrerebbero essere vergogna, biasimo, deprecazione, disprezzo e spregio. Comunque sia non avrei mai pensato che un giorno Bar Sport potesse trasformarsi in una riedizione di Non è mai troppo tardi, e soprattutto che l’insegnante potesse essere sandro piovani tv parma 18 04 2011Sandrone nostro… Ma perché stupirsi? Fontanellato è terra di rinomati professori. Di lettere, soprattutto. Anche se nella sua precedente esperienza lavorativa – orgogliosamente ricordata ieri pomeriggio dallo stesso Piovani, mentre cazzeggiavamo in attesa della conferenza stampa – doveva essere soprattutto in grado di far di conto. La querelle Candreva – il quale oggi pomeriggio sarà esposto al pubblico ludibrio dei giornalisti, durante il question time a Collecchio – nel salotto di Tv Parma è stata sfoggiata addirittura nella prima parte della trasmissione, con la forte meraviglia di Antonio Cervi, il quale, al contrario, si aspettava – ed ha auspicato un paio di volte – la celebrazione della vittoria sull’Inter che lo ha fatto perfino commuovere. antonio cervi tv parma 18 04 2011Invece, sfumata la sigla, prima ancora della presentazione della squadra degli opinionisti (esercizio non abituale, ma che i conduttori effettuano una volta tanto) è partita la registrazione di uno spezzone della conferenza di Colomba, nella fattispecie quello che avevamo proposto – trascritto – pure noi, vale a dire quello dei pantaloni alla zuava. Giustamente, come ha sottolineato Milano, quel brano diceva già tutto. Dopo di che la stura al pubblico ludibrio televisivo di Candreva l’ha data Stefano Frigeri – il dottore, come spesso ha ricordato Cervi, specificando che ne sa di saltimbanco calcio e calcio 18 04 2011tutto, meno che di calcio – il quale lo aveva subito indicato quale nota stonata della serata. Su Teleducato, invece, l’argomento è stato sviscerato solo in seconda battuta, direi, anzi, verso la conclusione della trasmissione: nel suo intervento il Saltimbanco è riuscito a far passare in sottordine la malefatta del Talento (inespresso) perché, a suo dire, Colomba avrebbe fatto male a trattarlo così come ha fatto dopo la pessima scenata. Se fosse stato sintonizzato sull’altro canale avrebbe sentenziato che era sbagliato aver esposto Candreva al pubblico ludibrio… Tra gli ospiti di calcio e calcio miss salvezza 18 04 2011Angella l’intero stato maggiore del Centro di Coordinamento Parma Club, Manfredini nello studio centrale, gli altri in quello periferico, però gratificati dalla conturbante presenza di Miss SalvezzaBelen è una sua goccia d’acqua – la quale, partita dal Camper di Radio Parma, nel giro di poche settimane ha fatto il giro completo delle Tv locali: dopo Parma-Bari era stata accompagnata dal manager Attilio Mazzoli negli studi di è tv. Ieri sera dal trio Bottarelli-Devincenzi-Colombi c’erano, invece, Alberto Monguidi già capo ufficio stampa del Parma ed attuale uomo comunicazione del cervi, frigeri e gallerani bar sport 18 04 2011Palazzo Municipale, il quale si è affannato a ricordare i meriti di Ghirardi, esprimendo l’auspicio che rimanga a lungo proprietario del club e Silvio Baistrocchi, presidente del Parma Club Leonardi, il quale, come da compito istituzionale, ha incensato l’AD). Mancava Francesca Goni, guest star la scorsa puntata. Ma torniamo al pubblico ludibrio di Candreva: secondo la testimonianza di Antonio Cervi il centrocampista non si sarebbe nemmeno scusato con i compagni. Manco lo avesse sentito l’ha smentito, pressoché in contemporanea, Sebastian Giovinco, il quale, giovinco mediaset premium 18 04 2011ieri (come documentato dalla fotogallery pubblicata da stadiotardini.com in serata, su fornitura diretta dell’ufficio stampa, grazie!) era in diretta dal Tardini ospite di Pier Luigi Pardo a “Mediaset Premium Football Club”. La Zanzara Atomica (il neologismo appartiene a Colomba, che sforna perle a ripetizione, prezioso tesoro per noi giornalisti) ha infatti spiegato che “ha capito subito di aver sbagliato e ci ha chiesto scusa”. Lo stesso dottor Frigeri, che aveva sturato la questione, l’ha poi fatta terminare a tarallucci e, appunto, vino (che colomba papa teleducato 18 04 2011aveva sturato) spiegando che in pizzeria aveva incontrato, dopo la partita, Crespo & C. i quali avrebbero affermato che ci avrebbero pensato loro (i compagni) a far capire a Candreva l’errore. Chiudiamola qui, in attesa del pubblico ludibrio pomeridiano, e rifacciamo zapping su Teleducato, dove, prima della dannazione di Candreva si era assistito alla beatificazione di Colomba. Un santo subito che, ovviamente, non poteva piacere al Saltimbanco, perpetuamente infatuato di Marino. In realtà Colomba non era stato santificato, ma solo fatto papa nella grafica. Stefano Nava ci ha sandro piovani bar sport 18 04 2011messo in guardia perché i fuochi di paglia sono sempre in agguato e quindi attende una riprova ad Udine. Sostanzialmente pure noi avevamo manifestato lo stesso ragionevole dubbio, considerata la referenza della impresa a casa Juve, fiore all’occhiello della gestione del siciliano. Come dire: contro le storiche grandi i calciatori si caricano da soli, senza l’aiuto di un motivatore. Ma Psycolomba più che aver motivato i “frustrati” per me li ha solo tranquillizzati e restituito un po’ di ordine mentale. A proposito: ieri sera Piovani, su Tv Parma, ha (finalmente) dato il giusto risalto alla “confessione” di martedì scorso di Zaccardo (“Colomba è un allenatore che mentalmente è libero e non frustrato come la calcio e calcio teleducato 18 04 2011squadra per questa classifica un po’ deficitaria, e quindi, con la sua lucidità, anche se è arrivato da pochissimo tempo, ci sta cercando di trasmettere la sua serenità”) significativa frase finora ignorata dal quotidiano (sempre che non sia stato un cattivo lettore io nel non trovarla, nel caso mi esporrò al pubblico ludibrio chiedendo umilmente scusa…). Ieri sera non se ne è parlato, ma nelle scorsa puntata di Calcio & Calcio era emersa l’indiscrezione secondo cui il Parma starebbe trattando, per la prossima stagione, l’ingaggio di Gasperini: con tutto il rispetto per questo allenatore, zaccardo noi frustrati colomba lucido 13 04 2011indubbiamente di fascia superiore, sarebbe auspicabile che non venisse ripetuto lo stesso errore commesso con Guidolin. Delegittimare un allenatore, a lavori in corso, potrebbe risultare assai pericoloso: senza l’impresa sull’Inter il Parma sarebbe terzultimo a pari “demerito” con la Sampdoria. Manteniamo umiltà, calma e gesso per altre cinque giornate e poi si ragioni. Non solo: se, come tutti auspichiamo, Colomba centrerà l’obiettivo richiesto – alias la salvezza – vantando, tra l’altro, già un contratto pure per la prossima stagione, meriterebbe di rimanere al suo giuseppe milano bar sport 18 04 2011posto. Queste voci incontrollate (incontrollate si fa per dire) sarebbe meglio non venissero inserite nel ventilatore. Siamo ai titoli di coda: ho dimenticato qualcosa? Mi pare di no. Penso di avere inserito tutto quello che mi ha colpito della serata televisiva di ieri. Mi dicono che Leonardi ha telefonato a Tv Parma: mi scuso, ma non l’ho seguito, si vede che ero già sintonizzato su un altro canale: semmai mi farò perdonare proponendo un sunto, se troverò da qualche parte l’audio, del suo intervento. Ah, ma era quello finto! Allora… Di Giovinco a Mediaset Premium, invece, si trova qualche rigo di sunto sulla Gazzetta di Parma, che ha inserito tutto quel poco di Parma che è emerso dal collegamento con la Zanzara, peraltro improntato, come spesso accade in questi casi, sulla Juve, su Del Piero, etc. etc. Molto sorridente il nostro fantasista, il quale ha persino proposto il rinnovo del contratto al suo procuratore (Andrea D’Amico) ospite negli studi di Cologno Monzese. Sono arrivato con un attimo di ritardo e non ho bene colto la motivazione… Forse perché lo starebbe trattando con il Barcellona? Gabriele Majo

Senza categoria

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 Commenti a “IL PUBBLICO LUDIBRIO DI CANDREVA”

  1. Anonymous says:

    come al solito perfetto, sagace e originale! Gmilano

  2. Anonymous says:

    Veramente, dite qualcosa ad Angella: è irritante come tratta gli spettatori da casa. Gli sms vengono letti sempre prima della pubblicità (quasi per compatimento) senza mai essere commentati, mentre nelle telefonate lo spettatore è sempre colpevolizzato di parlare troppo. Ieri era il colmo. Ah meglio sentire Boni!! Un consiglio caro Angella se ci legge: tolga tutto quello che riguarda i tifosi da casa (sms e telefonate) perchè se devono essere compatititi e trattati come popolino ignorante che sciommiotta opinioni è meglio lasciare perdere e chiudere con questo coinvolgimento dei tifosi. VA bene come dice lei Majo che spesso Angella è schiavo dei tempi televisivi ma mi sembra che si stia esagerando.
    Però il buon Angella trova il tempo per parlare di quella pagliacciata colossale della maglia gialloblu.
    Diciamocelo: se non ci fosse Schianchi e Nava quella trasmissione la guarderebbero in pochi, avrebbe addirittura meno spettatori di ètv.
    Altra cosa: il collegamento esterno. Diciamo la verità, non è un collegamento, sono in una stanza a fianco. Anizchè chiamare 8 tifosi di cui uno che sa dire frasi di senso compiuto (soggetto verbo complemento) e gli altri sette si esprimono a versi non sarebbe meglio mettere quello che parla bene nello studio con i vari Schianchi, Nava e lasciare i sette analfabeti a casa? Oppure Calcio&Calcio non vuole sporcare il salottino buono dei giornalisti e dei saltimbanco con la presenza di un tifoso? Hanno paura che il tifoso vestito in jeans figuri male? Stoni?
    A me sembra che chi stona è un saltimanco che viene solo per provocare e chi parla frequentemente di un inesistente comitato su una maglia di fantasia.

    Saluti
    Luigi

  3. Anonymous says:

    Majo la bionda si chiama Miriam Santoro..non é nuova sulle tv locali (reality "il volo" di tv parma)

  4. gianni says:

    luigi ha pienamente ragione, secondo me bisognerebbe sospenderla calcio&calcio, non é abbastanza osservante e compiacente, credo in realtà che quella trasmissione non la guardi nessuno … io a casa mia guardo solo tv parma, lì almeno sono tutte persone serie, bene informate, autorevoli, coccolano il nostro parma, lì i tifosi hanno sempre tantissimo spazio, se sparano cagate vengono invitati a prolungare i propri interventi … bravo luigi

  5. Anonymous says:

    Caro lettore delle 12 57 la invito a firmarsi (cit Majo. Non so sei lei è ironico, probabilmente sì.
    Le dico comunque che anche tvparma ha i suoi bei difetti che ho messo in evidenza la scorsa settimana (Milano che per me è troppo monotono, un dentista che non si capisce perchè sia lì; sport minori che vengono sminuiti con poco spazio e domande banali della Bertini; un giornalista che sebbene risulti simpatico per la sua fisicità e per le canzoni a lui dedicate non è obiettivo perchè è molto amico con il presidente e Leonardi; un altro giornalista che è vecchio (sì, avete letto bene vecchio, detto in tono spegiativo, non anziano, ma vecchio perchè fa del nonnismo giornalistico con altri studio) sia nel parlare e nello scrivere (fare la barba al palo lo si diceva negli anni 70).
    Gallerani, che subisce il nonnismo di questo giornalista, almeno si fa ascoltare: recita il ruolo del giullare di corte e provocatore ma almeno non è banale, così come non è banale Schittone.
    Altro gravissimo errore di tvparma è che sono in 150000 in studio: se sono in sei basta e avanza. Invece bisogna dare visibilità a tutti: io segherei il dentista tanto per cominciare, poi Bellè che non ha più niente da dire nel giornalismo calcistico per come la vedo io da tifoso.

    Luigi

  6. Anonymous says:

    Ah dimenticavo di Vanni Zagnoli: è competente, però avrei due suggerimenti. Basta vestirsi in quel modo stravagante! A volte si mette una completo color salmone, altre volte bianco/celeste chiaro.
    E poi mi sembra troppo legato alla statistica che secondo me contra poco, e al pc che ha sempre tra le mani
    Luigi.