ZACCARDO TRA FUTURO PROSSIMO E REMOTO

12 Ago 2011, 09:14 Commenti disabilitati su ZACCARDO TRA FUTURO PROSSIMO E REMOTO di

Il “vice direttore” (sportivo), nonché difensore del Parma, grande appassionato ed intenditore di mercato, al punto che ha già la strada tracciata per quando appenderà le scarpette al chiodo, indica nella salvezza l’obiettivo dei crociati
SAM_1817(gmajo) – Si deve a Pietro Leonardi, AD e DG del Parma FC, la rivelazione delle doti mercatali di Cristian Zaccardo: durante la presentazione di Blasi e Brandao, sabato 9 luglio, come documentato da stadiotardini.com, fu lui a svelare, il gustoso retroscena dell’incursione del Campione del Mondo 2006 al Calciomercato: “Tutti pensavano che l’avessi venduto, invece era lì perché non sapeva dove andare mentre sua moglie faceva shopping a Milano. Però secondo me sarà un grande direttore sportivo”. Noi titolammo: “Leonardi incorona Zaccardo direttore sportivo”. Qualche giorno più tardi, dal ritiro di Levico, arrivò stampata sulla Gazzetta di Parma (del 14 luglio) una cartolina (riproposta all’interno) con Zaccardo in mezzo ai “colleghi” Leonardi e Preiti, con la dicitura di vice-direttore. In occasione della press conference di ieri al CS di Collecchio (foto sopra) gli abbiamo ricordato questi aneddoti, e lui, in proposito, ha chiosato: “Mi piace e ci scherzo quando si può. Mi piacerebbe fare questo lavoro in futuro, Leonardi dice che sono portato, conosco anche il ds del Fano e anche lui vuole magari che a fine carriera parta lì con lui. Mi piace, mi dà interesse quindi speriamo. Loro dicono che sono pronto già anche adesso, però ora è meglio che pensiamo a giocare ancora qualche anno alla grande e dopo, se c’è la possibilità, lo farei volentieri”. E da esperto di mercato giudica i crociati da salvezza… All’interno la trascrizione integrale della conferenza stampa di ieri di Zaccardo

CONFERENZA STAMPA DI CRISTIAN ZACCARDO, TRASCRIZIONE INTEGRALE
(da sportsbook24.net)

SAM_1820Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – Com’è andata questa lunga tournée inglese dal punto di vista del lavoro?
“E’ andata bene, ci siamo calati nella mentalità inglese, abbiamo lavorato, abbiamo giocato, penso che non ci sia test migliore della partita, ne abbiamo fatte quattro, abbiamo giocato tutti, abbiamo tutti messo minutaggio nelle gambe, tutti abbiamo fatto 90′, abbiamo giocato contro formazioni che andavano forte, test importanti, abbiamo retto tutti i confronti, tranne contro il Norwich, dove la palla l’abbiamo vista poco, però tutto sommato adesso siamo tutti nella stessa condizione, tutti i giocatori, ci sono stati pochissimi infortuni, quindi dovremmo arrivare all’inizio del campionato e della Coppa Italia in una condizione tale che chiunque scenda in campo può fare benissimo i 90 minuti”.
SAM_1825Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – In fascia destra, di fatto punto fisso Zaccardo, davanti puoi avere le alternative Valiani o Biabiany. Cambia qualcosa che ci sia l’uno o l’altro?
“No, ho giocato con tutti e due e magari hanno caratteristiche diverse: Biabiany è più offensivo, Valiani magari potrebbe aiutare di più anche in fase difensiva. Poi queste saranno valutazioni che farà il mister di volta in volta, sono tutti e due buoni giocatori. Penso che saranno utili entrambi perchè, chi per una caratteristica, chi per un’altra, possono essere utili. Per me poi magari se c’è un Biabiany, spingerà più lui, io magari starò più di contenimento”.
SAM_1824Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – A questa varietà che ha il Parma dal punto di vista delle scelte non corrisponde una varietà tattica, nel senso che più o meno è sempre 4-4-2. E’ proprio l’interpretazione dei singoli che cambia questo sistema di gioco?
“Sì, abbiamo utilizzato questo modulo da quando è arrivato mister Colomba, è andato benissimo, ha dato i suoi frutti, c’è una quadratura della squadra sia in fase difensiva sia davanti. Se la condizione fisica è buona copriamo tutte le zone del campo, c’è più equilibrio, poi dopo si può essere un po’ più SAM_1819offensivi, un po’ più difensivi, dipende anche dagli esterni alti. Comunque abbiamo trovato l’assetto giusto, siamo ripartiti da lì, da quella certezza lì, dove abbiamo subito non tanti goal e comunque abbiamo avuto buone occasioni per fare goal, quindi ripartiamo da un modulo che ci ha dato soddisfazioni; poi non sarà semplice ripetersi perchè adesso magari ci conosceranno ancora di più però i meccanismi li conosciamo bene”.
Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – Tutti dicono adesso “ripartiamo dalle ultime 7 partite”, io invece come motto direi “partiamo SAM_1821forte, senza pensare nè al passato, senza guardare al futuro”…
“Sì, partire forte è quello che speriamo tutti quanti. Ripartiamo da lì perchè siamo andati forte in quel periodo quindi ripartire facendo quelle partite, quei risultati utili consecutivi, sarebbe partire molto molto bene. Facciamo tesoro delle cose, positive e negative, successe in questi due anni però poi a fine campionato si chiude e ne inizia un altro, ci saranno sempre tante difficoltà, però non partiamo da zero, ci conosciamo, la squadra è buona, sarà un campionato difficile, dove tutte si sono rinforzate, anche chi viene dalla serie B, quindi speriamo di reggere nei momenti dove magari andremo in difficoltà e di mantenere l’equilibrio giusto per ripartire, di non affossarci come abbiamo fatto magari in passato. Ripartiamo da quello che abbiamo fatto l’anno scorso, il che vuol dire che non ripartiamo da zero”.
zaccardo noi frustrati colomba lucido stadiotardinicom 22 04 2011Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – All’inizio di queste 7 giornate l’anno scorso tu dicesti che voi giocatori eravate frustrati mentre Colomba vi aveva portato lucidità. Cosa vi ha portato invece durante questa fase di ritiro e com’è la vostra condizione, non soltanto fisica, ma anche mentale?
“Si è lavorato con serenità, si è lavorato bene in ritiro, dove fai tanta fatica, tanti chilometri sulle SAM_1814gambe, per avere una buona condizione tutto l’anno. Si è ripartiti da dove avevamo lasciato, da quei concetti, inserendo subito i nuovi giocatori nel calarsi nella mentalità, non ci poniamo obiettivi importanti, vogliamo restare sempre concentrati e salvarci il prima possibile. Questo è, senza perdersi durante l’anno sia in eccesso sia in difetto, senza montarsi la testa se magari facciamo 2-3 vittorie consecutive, senza deprimerci se facciamo 4-5 sconfitte consecutive, avere un equilibrio. Penso che quest’anno in questo momento più della salvezza non possiamo ambire”.
miranteGabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Ieri Mirante ha sintetizzato un po’ le caratteristiche del Parma dicendo che lo scorso anno eravate fastidiosi per gli avversari e che si tratterà di essere fastidiosi ancora. Dunque questa è la missione?
“Sì, fastidiosi perchè con il non possesso palla eravamo riusciti a far giocare male gli avversari e ripartire, avevamo buona condizione quindi si correva meglio e quindi si soffriva di meno. Come ha detto Mirante, così dobbiamo essere, fastidiosi, equilibrati, per cercare di partire bene. L’anno scorso siamo partiti male e dopo è andato un po’ tutto male, quindi penso che le prime partite che giochiamo in casa sono alla nostra portata e in quelle bisogna cercare di fare bottino pieno”.
zaccardo vicedirettore 14 aluglio 2011 folgaria gdpGabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Abbiamo appreso grazie a Leonardi di queste tue capacità sul mercato per un futuro da direttore sportivo. Questa curiosità, questo interesse, per il calciomercato ci spieghi com’è nata questa passione e come la vivi davvero?
“Mi piace e ci scherzo quando si può. Mi piacerebbe fare questo lavoro in futuro, Leonardi dice che sono portato, conosco anche il ds del Fano e anche lui vuole magari che a fine carriera parta lì con lui. Mi piace, mi dà interesse quindi speriamo. Loro dicono che sono pronto già anche adesso, però ora è meglio che pensiamo a giocare ancora qualche anno alla grande e dopo, se c’è la possibilità, lo farei volentieri”.
SAM_1818Stefano Piras (Radio Bruno) – A che punto è il livello di preparazione? Parlavi di ricercare gli equilibri…
“Siamo tutti sulla stessa condizione, il mister ha valutato tutti i giocatori, tutti hanno i 90′ sulle gambe, quindi può far giocare qualsiasi giocatore. Sicuramente dal punto di vista fisico siamo tutti preparati allo stesso modo. Cerchiamo gli equilibri per essere una squadra, per avere un’identità e una mentalità, tutti la stessa, poi le partite si possono vincere e perdere, ma l’importante è cercare di interpretarle tutte nello stesso modo. E’ la cosa più importante quando i tifosi vedono che la squadra risponde “presente” sul campo e fa tutte le cose necessarie per cercare di vincere la partita o quantomeno di non perderla. Poi dopo non è che siamo il Barcellona che può vincerle tutte. Cercheremo di fare i punti necessari per arrivare alla salvezza il prima possibile per non soffrire più tanto come abbiamo fatto in passato”.
(Christian Zaccardo , conferenza stampa di giovedì 11 agosto 2011 al Centro Sportivo di Collecchio. Trascrizione di Andrea Mazzone per sportsbook24.net)

Senza categoria

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.
Commenti chiusi.