CARLO CHIESA E IL RITORNO AI MICROFONI DI RADIO BRUNO

04 Set 2011, 23:41 Commenti disabilitati su CARLO CHIESA E IL RITORNO AI MICROFONI DI RADIO BRUNO di

Videointervista esclusiva di stadiotardini.com al popolare volto di ‘Pronto chi Parma?’ che dopo qualche anno di assenza sarà di nuovo il radiocronista ufficiale delle gare casalinghe del Parma e di qualche trasferta. Magari anche quella all’ora di pranzo a casa Juve di domenica, sperando che possa bissare il famoso gol di Crespo, un cult per i tifosi crociati…

(gmajo) – La notizia non è nuovissima, dal momento che proprio noi di stadiotardini.com fummo i primi a spiattellarla il 18 agosto scorso: Carlo Chiesa torna a fare la radiocronaca ufficiale delle gare casalinghe del Parma dopo qualche anno di assenza su Radio Bruno, riprendendosi il posto che aveva lasciato per alcune stagioni al Saltimbanco Enrico Boni. La formula è quella del prestito, essendo un prezioso collaboratore di Tv Parma, per la quale continuerà a condurre le trasmissioni “Pronto chi Parma” e “A tutta A”. Più nebuloso l’organigramma per le trasferte, anche se verosimilmente sarà proprio Chiesa a raccontare Juventus-Parma dal nuovo Delle Alpi, sperando che possa bissare il racconto un po’ hard del gol di Crespo come quello famosissimo di qualche anno fa, divenuto un vero e proprio cult per i tifosi crociati.
All’interno la trascrizione integrale della intervista di Majo a Chiesa

Al campo comunale di Colorno Carlo Chiesa è tornato a fare lo speaker, annunciando le formazioni delle squadre in campo, come qualche anno fa al Tardini e tra pochi giorni tornerà a fare anche il radiocronista ufficiale del Parma Calcio, dai microfoni di Radio Bruno, dopo qualche anno di assenza. Un ritorno che ha fatto parlare…

“Ha fatto parlare… per me è un ritorno assolutamente gradevole: la radiocronaca è sempre stato il mio primo amore e come tu sai il primo amore non si scorda mai. Per cui per me è un piacere ritornare a raccontare le gesta del Parma Calcio, anche se in tanti dicono che lo strumento radiocronaca, ormai, non ha più l’appeal di una volta, però per me non è assolutamente così, dunque sono felicissimo di essere ritornato. Devo ringraziare per questo – e consentimelo di farlo subito in apertura – sia l’editore Gianni Prandi di Radio Bruno, che mi ha richiamato e mi ha chiesto se ero disponibile a tornare ed anche, ovviamente, il direttore di Tv Parma Andrea Gavazzoli che mi ha concesso la possibilità di ritornare, ripeto, a fare un qualcosa che mi dà forti emozioni e quindi sono molto felice”.

Ciò non toglie che tu rimarrai a Tv Parma come conduttore di “Pronto chi Parma?”

“Esatto: la radiocronache saranno soltanto quelle casalinghe e qualche trasferta a patto che possa essere compatibile con gli impegni in Tv”.

Ad esempio a Torino contro la Juve?

“Ad esempio può essere Torino, come può essere Novara perché si gioca al sabato: quindi non devono andare in conflitto, ovviamente, con quelle che sono le mie trasmissioni storiche, che amo fare e che sono ‘Pronto chi Parma ?’ con Alberto Michelotti e Luca Ampollini e poi ‘A Tutta A’ con il commento insieme a Luca, di tutte le sintesi delle partite della domenica”.

Come sarà la squadra delle radiocronache di Radio Bruno? Tu avrai il microfono in casa, ma in trasferta chi ci sarà?

“Questo è un po’ tutto da definire: diciamo che in questo caso lo sciopero dei calciatori ha portato anche un vantaggio da parte nostra, perché si sta definendo tutto l’organigramma delle radiocronache. Quello che è certo è che oggi, per quello che riguarda quelle casalinghe, le possa fare io. Poi il resto verrà definito in questi giorni”.

Questo sciopero potrebbe anche avere aiutato te, perché se sarai a Torino avrai l’occasione di riprendere con Juventus-Parma, una partita che ha sempre caratterizzato, sia pure giocata a campi invertiti, la tua carriera da radiocronista…

“Questo non dovrei dirlo con te che non ami i radiocronisti tifosi…”

…Urlatori…

“… o urlatori… Io sono convinto che un radiocronista possa anche essere tifoso, ma non deve mai perdere di obiettività e io cerco di fare questo, avendo a cuore, naturalmente, le gesta del Parma Calcio. Iniziare con la Juve, se così sarà, darà sempre un’emozione particolare. Lo si sa, l’avversario di serie A con cui ci sono state le sfide più significative è sicuramente la Juventus: e poi per chi non ha molta simpatia per la Juventus sin da quando era bambino, direi che è effettivamente un’emozione particolare”.

Quel famoso gol di Crespo ti ha reso immortale, anche se giustamente tu una volta mi avevi rimarcato che non avevi fatto solo quello in carriera…

“Fa piacere essere ricordati anche per quello, ma fa piacere perché viene fuori tutta la spontaneità del momento e quindi a me piace molto quello di quel pezzo di radiocronaca, e sono contento che sia anche piaciuto a tanti altri. Poi, dai, quello che faccio abitualmente la gente lo vede tutte le domeniche sere per televisione per cui, dai, va bene così. L’importante è avere lasciato qualcosa”.

(Carlo Chiesa, video intervista esclusiva e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com – Colorno, sabato 03.09.2011)

News

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.
Commenti chiusi.