LEONARDI: “ABBIAMO RITROVATO LE NOSTRE PREROGATIVE”

25 Set 2011, 22:43 3 Commenti di

Sui fischi a fine gara : “Io non ci casco più: ho le mie  idee ma me le tengo per me…. Ci sono tante aspettative. La Roma è la squadra migliore che abbiamo affrontato finora”

News

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 Commenti a “LEONARDI: “ABBIAMO RITROVATO LE NOSTRE PREROGATIVE””

  1. Alessandro -Vicenza says:

    Salve a tutti!! Dal mio punto di vista emergono tutti gli errori-orrori effettuati in fase di mercato da Leonardi e Ghirardi…come si fa a cedere Dzemaili e non comprare un sostituito degno?? Perchè è chiaro che manca un regista decente(che non poteva essere nemmeno Dzemaili), in difesa siamo scandalosi perchè manca un centrale e un terzino sinistro affidabile…Crespo regge solo 16 minuti? Non credo…Morrone ormai è da mettere dietro una scrivania.. e Galloppa è ancora da recuperare…Mi viene da ridere quando Leonardi e Ghirardi dicono che abbiamo fatto bene…ma pensano che siamo scemi??? Ne approfitto per chiedere a Al Sig Majo cosa ne pensa dell attuale società, ormai è chiaro che Parma non ha un fieling Con Ghirradi( che per me non ha un soldo da investire e anzi pensa solo a far cassa9)..ci stanno sbandierando un progetto giovani che non esiste!!Spero ci venda il prima possibile…ormai Parma è stanca..Non vi vuole!!
    Alessandro

  2. Gabriele Majo says:

    Buondì Alessandro Da Vicenza. Io anche se secondo qualche poco equilibrato osservatore userei "il blog diario personale" per scrivere articoli "sempre velenosi all’ennesima potenza contro la società gialloblu", in realtà cerco di essere – senza neppure sforzarmi troppo, perché la mia indole è così – quanto più obiettivo possibile, rimarcando a seconda dei casi sia gli aspetti positivi che quelli negativi. Per questo non mi sento di sottoscrivere buona parte dei contenuti del suo commento. Intanto una piccola contraddizione: se lei è di Vicenza, perché dice che Parma non vuole Ghirardi e che Parma è stanca? Se è di Vicenza… Vabbè, facciamo i seri e pensiamo agli altri spunti: adesso sembra che Dzemaili fosse Maradona. Quando era qua nessuno se lo filava. Mettiamoci d'accordo. E poi il mercato è fatto di valutazioni e alle volte scommesse che si possono vincere e che si possono perdere: probabilmente la società, anche al fine di recuperarne il valore patrimoniale, ha deciso di fondare il centrocampo su Galloppa, giocatore da ritrovare. Galloppa, il quale, quando sta bene, non mi pare sia inferiore, come qualità, al suo ex compagno ora al Napoli. La scommessa si può vincere e si può perdere, ma ci può stare. E comunque Galloppa non meritava di essere abbandonato a mare. Certo c'è da chiedersi, di questi tempi, quanto valga la pensa insistere su di lui, mentre la barca non si raddrizza, ma è un altro discorso. Nel frattempo si può cercare di supplire: per qualcuno Jadid sarà pure un avanzo del Brescia, eppure a me non è dispiaciuto né nelle amichevoli, né nelle gare ufficiali, anche se a Firenze diventava difficile eccellere. Stavo ascoltando poco fa Carlo Chiesa intervistato dalla Bertini nella mix zone del Tardini dopo la partita di ieri e anche lui ha speso parole di elogio per Jadid. Perché non crederci? Perché non pensare che questo calciatore possa essere un'utile sorpresa? E lo stesso dicasi per quando sarà pronto il tanto decantato Danilo Pereira, al contrario di Borini trattenuto dalla società, non essendo pervenute offerte adeguate. Insomma le soluzioni possono anche essere in casa, senza per forza investire (o peggio spendere) sul mercato. Mi è già capitato di dire che io avrei risparmiato i soldi spesi per Floccari puntando sul Crespo e Pellè, salvo ripensarci a Gennaio: del resto, quando era arrivato Amauri? Quello stesso Amauri che ha giocato circa la metà delle sette gare di Colomba 2010-11? Di Borini l'ho detto più volte: dinanzi a offerte del genere sarebbe stato sbagliato girarsi dalla parte opposta. Questo, però, non significa che Ghirardi non ha più un soldo da spendere, come dice Alessandro, o peggio pensa solo a far cassa. Io credo che si possa davvero effettuare una gestione virtuosa senza spendere o spandere eccessivamente, pur mantenendo la categoria, che è l'obiettivo dichiarato. Almeno ufficialmente, anche se l'ambizione aveva spinto Ghirardi a dire, appena prima dell'abbrivio di stagione, che gli sarebbe piaciuto non affermare più che il suo Parma parte per la salvezza. Anche i tifosi, che vorrebbero la propria squadra come la più forte del mondo, devo razionalmente riflettere sul fatto che è meglio soffrire, ma rimanere in A (lavorando anche in prospettiva di una tranquilla situazione economico finanziaria) piuttosto che compiere populiste mosse avventate (leggi prendere grandi nomi poco avvezzi a lottare per non retrocedere). Progetto giovani? Ma se il campo andasse in campo un Parma con 5 under 21 lei cosa direbbe, dal momento che non valuta Galloppa all'altezza di Dzemaili? Su Morrone dietro la scrivania non sono d'accordo: a Firenze era stato il migliore in campo e anche ieri ha fatto il suo. Terzino sinistro? Gobbi non è forse affidabile? Rubin lo buttiamo a mare dopo due partite in cui lui ha fatto male, ma i suoi compagni pure? Cordialmente Gmajo

  3. Anonymous says:

    Buongiorno,
    vorrei fare una piccola chiosa ai precedenti commenti seguendo lo stesso ordine; in merito a Dzemaili, concordo pienamente con Alessandro quando parla della mancata sostituzione del centrocampista svizzero con uno di pari valore, (Majo, non sarà stato Maradona ma era l'unico a distruggere il gioco avversario e ad impostare l'azione offensiva, quest'anno i 2 centrocampisti centrali non riescono a svolgere nemmeno uno dei 2 compiti!!!) poi non son d'accordo che non se lo filava nessuno, Marino non lo vedeva per niente ma quando era in campo, il gioco del Parma cambiava e come! Proseguendo, ritengo assolutamente sbagliato fondare tutte le responsabilità del centrocampo su Galloppa, giusto guardare al recupero patrimoniale, ma dopo un grave inforunio ci può stare che un giocatore non ritorni come prima (è ancora presto e spero non sia così) e quindi dico che si ha il 51% di possibilità di essere penalizzati sia dal rendimento sul campo che nel "portafoglio". Rimanendo a centrocampo mi vien da ridere quando Leonardi dice che abbiamo 8 centrocampisti centrali…numericamente ha ragione ma quale di questi ha le qualità per orchestrare il gioco del Parma in questo momento e soprattutto in serie A!? Blasi? fresco di operazione al tendine di Achille e già in età avanzata? Musacci? giocava pochissimo in serie B a Empoli…se fosse un giocatore di livello sarebbe titolare in qualche squadra di serie A! Obiora? mai impiegato sino ad ora (solo per infortunio…? mah…); Jadid? 24 presenze nel campionato Belga nell'ultima stagione e non in età fiorente,la sua carriera poi… per niente eccelsa…Pereira? Per il momento lo si è visto più allo studio Pasta che sui campi di calcio del "nostro pallone" NG; restano Morrone e Galloppa…i risultati visti sino ad ora parlano da soli! Termino dicendo che se avessimo anche tutta la squadra under 21 composta da giocatori di qualità, la metterei in campo!! Questo per dire che potremmo avere anche 100 giocatori ma se non hai qualità, non vai da nessuna parte! Il Sig. Leonardi abbia il coraggio di essere realista!
    Saluti. Andrea