AL VIA IL PROGETTO “I COLORI DEL PALLONE”. LA CARICA DEI 2.000 BAMBINI DI CORRADONE PER PARMA-UDINESE

18 Nov 2011, 13:15 2 Commenti di

I calciatori crociati saranno presenti alla “Casa dei Bimbi”, la grande tensostruttura che verrà collocata in piazza Garibaldi da martedì 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, che fornirà gratuitamente ai bimbi dai 3 ai 9 anni laboratori, giochi e spettacoli

colori pallone(Ufficio Stampa Parma FC) – E’ stato presentato oggi, venerdì 18 novembre 2011,  nella sala stampa dello stadio Tardini, il progetto “I colori del pallone” che il Parma FC, insieme ad Erreà, all’ufficio scolastico provinciale, al circolo Aquila Longhi e al Lions Club Bardi Val Ceno porterà avanti con le classi terze delle scuole di istruzione secondaria di primo grado di Parma e Provincia da novembre a maggio. Hanno presenziato alla conferenza di questa mattina l’AD del Parma FC Pietro Leonardi, il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale dott. Armando Acri, il presidente del Lions Club Bardi Val Ceno Luigi Fecci e il presidente del circolo Aquila Longhi Corrado Marvasi. Già domenica, in occasione di Parma-Udinese, saranno presenti allo stadio più di 2.000 ragazzi delle scuole di istruzione secondaria di primo grado con i loro accompagnatori. Inoltre il Parma FC sarà, con un evento che verrà successivamente comunicato, presente anche alla Casa dei Bimbi, la grande tensostruttura che verrà collocata in piazza Garibaldi da martedì 13 dicembre e che fornirà gratuitamente ai bimbi dai 3 ai 9 anni laboratori, giochi e spettacoli.

Continua la lettura all’interno

“Siamo contenti ed onorati di essere coinvolti in iniziative che ci coinvolgono attività sociali e con i ragazzi”, ha spiegato l’AD Leonardi nel corso della conferenza. “Questa è una bella iniziativa originale a cui daremo tutto il nostro supporto perché penso che sia l’inizio di un percorso importante, che ci darà la possibilità di avvicinare nuovi tifosi al nostro club”.
Armando Acri, dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, ci tiene a ringraziare coloro che hanno collaborato in maniera concreta: “In questa iniziativa che ha un alto valore educativo, saranno coinvolti circa 3.800 ragazzi. Numeri considerevoli e tangibili. Lo sport può giocare un ruolo fondamentale nella crescita e nella formazione dell’individuo ”. Partendo da questo punto Luigi Fecci, a nome del Lions Club Bardi Val Ceno, aggiunge: “Siamo felici d’aver contribuito. Per noi è importante diffondere i valori dello sport, che stanno alla base della convivenza civile. Seminare oggi vuol dire avere una società migliore domani”.
“Il circolo Aquila Longhi è sempre vicino ai giovani – ha detto Corrado Marvasie ringraziamo il Parma FC perché ci appoggia sempre in ogni nostra idea”. “Sono io che colgo l’occasione per ringraziare voi – gli ha risposto Leonardi –, Erreà che ci è sempre vicino e tutti gli appassionati che perdono parte del loro tempo per progetti di questo tipo. Siete una forza inesauribile e noi come Parma abbiamo l’obbligo e l’orgoglio di partecipare, perché non possiamo vivere solo in un mondo schermato come quello del calcio.”

Il primo incontro si terrà il 24 di novembre alla scuola Newton, i nomi dei calciatori che vi prenderanno parte saranno successivamente comunicati.

News

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 Commenti a “AL VIA IL PROGETTO “I COLORI DEL PALLONE”. LA CARICA DEI 2.000 BAMBINI DI CORRADONE PER PARMA-UDINESE”

  1. Anonymous says:

    Sarebbe bello che anche quest'anno si ripetesse quella bellissima giornata di Parma Bari con lo stadio pieno di bambini. Lo stadio era letteralmente pieno, non sembrava neanche il TArdini.

    Cayman

  2. Gabriele Majo says:

    Buonasera Cayman, in quella occasione ci fu il concorso di diverse componenti che concorsero insieme alla buona riuscita della giornata. Risultato e prestazione sul campo a parte, ovviamente. A quei tempi, infatti, il tandem Levati-Monguidi, con la benedizione di Ghirardi e Vignali, ideò una sinergia Parma FC e Municipalità con l'invito inviato a tutti gli scolari di Parma. In corsa si aggiunse Pallini che fece stampare le Bandiere Crociate distribuite ai ragazzi che contribuirono all'invidiabile colpo d'occhio del Tardini crociato (un unicum nel suo genere). E in più ci fu tutta la squadra di Corradone, con 2000 bambini e tutti i suoi collaboratori a raccogliere occhiali. Non so se ci sia al momento la possibilità di ripetere l'iniziativa pari pari mancando la componente comunale per le note vicende. Ma sono d'accordo: sarebbe bello e costruttivo replicarla. Cordialmente Gmajo