PARMA-INTER 3-1, DALLA SALA STAMPA LEONARDI: “LA PIU’ BELLA SERATA DA QUANDO SONO QUI”

02 Mag 2012, 22:30 3 Commenti di

 

 

ALL’INTERNO RISULTATI E CLASSIFICA DOPO LA 36^ GIORNATA

RISULTATI E CLASSIFICA DOPO 36^ GIORNATA

News

Autore

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 Commenti a “PARMA-INTER 3-1, DALLA SALA STAMPA LEONARDI: “LA PIU’ BELLA SERATA DA QUANDO SONO QUI””

  1. Luca Russo says:

    Ho visto una partita piena di confusione ed anche con qualche imprecisione di troppo (specie del Parma nel primo tempo), ma giocata a viso aperto da entrambe le squadre. Giocata bene dall'Inter e giocata bene anche dal Parma. Alla fine l'abbiamo spuntata noi perché siamo stati bravi a monetizzare al massimo i cinque minuti di black out vissuti dall'Inter ad inizio ripresa. E' lì che vinciamo la partita, dopo i nerazzurri sfioreranno anche il pari…ma ci sta nell'ambito di una partita in cui loro erano costretti a vincere e noi non avevamo nulla da perdere.

    Vorrei rimarcare l'onestà del Parma che all'Inter non ha regalato nulla. Lo stesso non sta accadendo su altri campi. Ma per questa sera la festa non voglio guastarmela da solo. Un bel tratto con l'evidenziatore lo merita anche la prestazione di Giovinco. 'Sto ragazzino è entrato in forma ad un soffio dagli Europei. I tre punti di questa sera sono soprattutto merito della sua intraprendenza e delle sue invenzioni (delizioso il no-look che ha propiziato il 3-1 finale).

    Ora la questione si fa interessante: sarebbe un vero peccato perdersi ora che il calendario ci propone due sfide contro avversari che sono alla nostra portata. Quota 56 a me sembrava un azzardo perché avevamo ancora lo scoglio Inter da dover affrontare e superare, L'abbiamo fatto portando a casa l'intera posta e ora se davanti qualcuno crolla anche l'Europa League potrebbe non essere un miraggio. Pensiamo a Siena…da cui dipenderà grossa parte del nostro finale di stagione. Se dovessimo vincere anche in Toscana, avremmo una settimana intera per preparare il derby casalingo col Bologna…e arrivarci a quota 53 con vista Europa non sarebbe affatto una pessima idea. Anzi…da quanto tempo non viviamo un'ultima giornata da campo centrale o quasi? da quanto tempo le nostre ultime giornate non hanno più tanto senso? ecco…abbiamo l'occasione per darne uno a quella che andrà in onda il 13 Maggio…il bello deve ancora venire!

  2. Anonymous says:

    buongiorno a tutti!!!
    oggi ho già provveduto in ufficio a sistemare "i conti" con i miei colleghi interisti…l onta subita con la scoppola dell andata andava in qualche modo lavata…in sostanza il sole splende alto oggi e..GODO COME UN RICCIO!!!,la vittoria di ieri sera è la cigòliegina sulla torta per questo inaspettato(almeno per me…lo è)finale di stagione,lo "scalpo" di una grande è un trofeo che per noi ha sempre un certo valore,ormai ci dobbiamo accontentare di questo…perciò…GODO PER QUESTO RISULTATO.
    Per quanto riguarda la partita di ieri sera devo fare i complimenti a donadoni,evidentemente è riuscito ad inculcare maggior autostima a questo gruppo(che per me tecnicamente rimane limitato)i risultati parlano da soli,in più bisogna dire che Valdes regista è stata una intuizione fenomenale..si parla solo di giovinco giustamente e per ovvi motivi, ma se fossi in ghirardi blinderei con un bel triennale questo giocatore perchè penso che a giugno ce lo chiederanno in molti…..per ricostruire la squadra (perchè devono cmq essere fatti molti interventi)è fondamentale averlo ancora in organico quindi..un occhio di riguado per valdes…a voler essere pignoli se propio si vuole muovere un appunto ….bisognerebbe invertire la tendenza di regalare il primo tempo agli avversari,senza attendere la ripresa per reagire mnon sempre può andare bene….è vero che il parma non ha abbastanza qualità per assumersi l onere di fare la partita dal primo al 90mo ..ma questo è l unico neo in un ottima serata..è cmq un aspetto su cui mister Donadoni dovrà lavorare,infine ..ne parlo ora poi sarebbe il caso di abbandonare definitivamente l argomento dualismo tra allenatori ..io non ero per l esonero di Colomba(al quale sono grato per averci consentito di giocrea ancora in serie A quest anno) non lo ritenevo una necessità e ancora adesso ne sono convinto ..ci saremmo salvati ugualmente…ma…NON CREDO CHE AVREMMO DISPUTATO UN FINALE COSì BRILLANTE(anche nel gioco)CON QUESTA SQUADRA…E PER ME QUESTO è UN MERITO ASCRIVIBILE A DONADONI..CHE RITENEVO PRIMA E RITENGO ADESSO UN BUON ALLENATORE…. ma per considerarlo un "genio"come già qualcuno sta facendo aspetto di vedere il prossimo campionato…per il momento và detto:HA COSTRUITO QUALCOSA C è UN INTELAIATURA DI GIOCO …se la società lo sosterrà con uno sforzo economico nella prossima campagna acquisti finalmente potrebbe avere inizio un progetto.. a lungo termine..ma un progetto e sarebbe davvero bellissimo iniziare a vedere crescere il Parma
    ciao a tutti
    Filippo1968

  3. Luca Russo says:

    Altre considerazioni sparse e che mi sono venute a mente fredda.

    Giocammo molto meglio il Parma-Inter dello scorso anno con Colomba. Quello di ieri sera è stato giocato bene, ma non benissimo. Parere mio, naturalmente. Ma l'anno passato, lo ricordo benissimo, dopo trenta secondi di partita pensai e dissi ad alta voce che l'avremmo vinta perché il Parma aveva aggredito quei primi secondi con un'intensità pazzesca. Mai vista nello scorso campionato prima di quella circostanza. Ieri, al contrario, abbiamo fatto fruttare quei dieci minuti di sbandamento dell'Inter. Dopo che nel primo tempo ce la siamo vista brutta.

    Detto questo, con la possibilità di veder penalizzata la Lazio per gli effetti di Scommessopoli e visto che le due finaliste di Coppa Italia sono qualificate in Champions (la Juve c'è, al Napoli manca solo l'avallo della matematica) e per questo libereranno un posto in Europa Leagua, aggiungo che il Parma se riuscisse a vincere le restanti due gare avrebbe buone possibilità di rientrare in Europa attraverso i preliminari di Europa League. Ve lo immaginate il brivido di riassaporare palcoscenici europei? Ve la immaginate un'estate a sperare che dall'urna esca questa squadra e non quella? Secondo me dobbiamo provarci fino alle 22.30 del 13 Maggio. La Roma non è in forma e potrebbe crollare. L'Inter, derby a parte, potrebbe non avere più stimoli. Io dico che l'Europa forse ci ha aspettato.

    E chiudo con una constatazione un po' amara. Fino ad un mese fa parlavamo dei punti che gli arbitri ci hanno scippato nella gare contro Genoa (in Liguria) e Napoli (in casa) come quelli che forse ci avrebbero fatto retrocedere. Ora dico che quelli saranno i punti che forse non ci permetteranno di rientrare in Europa dalla porta principale. Speriamo di non doverci piangere su.