CODA, PARMIGIANO DI MARE, NON VUOLE FAR RIMPIANGERE ZACCARDO – Il video della presentazione (con il fuoriprogramma del Saltimbanco) e la fotogallery del Folletto Day

29 Gen 2013, 16:00 1 Commento di

DSC01202(gmajo) – Ieri sera a Calcio & Calcio  il Saltimbanco mi ha dato del  conservatore poiché rimpiangevo Zaccardo: fosse per me, come noto, non apporterei mai variazioni alla rosa a campionato in corsa (specie se non c’è da riparare…): ma il buco lasciato dal Campione del Mondo 2006, passato al Milan poiché voglioso di giocare in età matura, in Champions League, sarà tappato da Andrea Coda, difensore 27enne, leonardiano puro (i trascorsi ad Empoli ed Udine parlano per lui), presentato oggi nella sala media e video del nuovo Centro DSC01217Direzionale Parma FC di Collecchio. Egli mi ha fatto una buona impressione: o è un grande paraculo, o lo hanno istruito bene dietro le quinte, o magari, come spero, ha parlato col cuore: fatto sta che dalla sua bocca sono uscite parole d’amore per questa città, per questa squadra, per questo stadio che non possono passare inosservate e non fare centro nei pramzàn. Del resto lui è un parmigiano di mare: un sinonimo (per emulare Ermanno Malvisi, il cui clone è Germano “Frige” Montali, cameraman di Tv Parma) di Massa (sua città natale) potrebbe, infatti, DSC01222essere “Parma Marittima”. Stadiotardini.it gli ha fatto presente come 27 anni significhi l’apice nella carriera di un calciatore: del resto a questa latitudine, di questi tempi, siamo abituati ad avere calciatori o più giovani o più anziani, difficile che siano (o rimangano) qui suoi coetanei. Egli – in grado di giocare in tutte e tre le posizioni della difesa a tre, o in tutte e due della difesa a due – ha manifestato i buoni propositi di fare bene e non far rimpiangere Zaccardo. Speriamo sia così. Pur da  conservatore  glielo auguro di cuore. DSC01212Magari si sarà toccato pure gli attributi sotto l’elegante scrivania in mogano quando Mattia Fontana di Eurosport gli ha ricordato che il prossimo avversario è proprio quella Fiorentina, contro cui si infortunò – gravemente – l’ultima volta. Del resto la stessa pratica esoterica simil-masturbazione l’ha fatta pure il Plenipotenziario, quando il Saltimbanco Boni, all’esordio nel nuovo quartier generale gialloblù, gli ha rimarcato – tra l’ilarità o il compatimento dei presenti – che mancavano due busti, il suo e quello di Ghirardi. Ovviamente la mente di Leonardi, che corre più veloce di quella del Variopinto, ha DSC01239subito pensato che di solito i busti rappresentano chi è passato a miglior vita. Ma l’AD evidentemente, preferisce la peggioreLeonardi in apertura di conferenza ha fatto una battuta (“quanti nuovi giornalisti!), vista la sala gremita: ma poco prima la responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione Maria Luisa Rancati, nell’introdurre i lavori, aveva fatto presente che si trattava dei partecipanti (guidati dal top manager Patrizio Barsotti, presidente della Worverk) al Folletto Day. Gabriele Majo

 

IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE DI ANDREA CODA

FOTOGALLERY AMATORIALE: PRESENTAZIONE CODA E FOLLETTO DAY

 

Fotogallery Amatoriale, News, Videogallery Amatoriale

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

1 commento a “CODA, PARMIGIANO DI MARE, NON VUOLE FAR RIMPIANGERE ZACCARDO – Il video della presentazione (con il fuoriprogramma del Saltimbanco) e la fotogallery del Folletto Day”

  1. CHINA65 says:

    Caro Majo, son felice che segui Radio Malvisi, della quale io sono un indegno interprete come Gallo di Castione. La nostra trasmissione, seguitissima e con tanti fans, che va in onda al sabato mattina, sabato pomeriggio, domenica mattina, lunedi notte e martedi sera ultimamente parla di calcio col collegamento dal Paradiso, dove Sandro Ciotti ci racconta vicende calcistiche ed extra-calcistiche. Ovviamente solo scemenze, ridere non è mai stato così serio.