CARMINA PAPA / ALLA SCOPERTA DI FRANCESCO I, PERSONA FRESCA E TIFOSA (Il video delle sue prime parole da Vescovo di Roma)

13 Mar 2013, 23:00 Commenti disabilitati su CARMINA PAPA / ALLA SCOPERTA DI FRANCESCO I, PERSONA FRESCA E TIFOSA (Il video delle sue prime parole da Vescovo di Roma) di

(Luca Savarese) – Jorge Mario Bergoglio, argentino, nato a Buenos Aires il 17 dicembre del 1936, è il nuovo pontefice massimo di Santa romana Chiesa. Sarà papa Francesco. Il suo nome, è stato annunciato dal protodiacono, il francese Touran, ed ha suscitato una sorpresa generale perché non era tra i  papabili dell’opinione pubblica ma lo è stato, dal primo momento, nel cuore dello Spirito Santo, il vero assistman di ogni Conclave. Come quando in sede di calciomercato la tua squadra ti sorprende, e presenta un acquisto che proprio non t’aspetti (e in questo Leonardi è uno specialista, quasi come a fare plusvalenze). Straordinario, perché davvero innovativo e fresco, il modo in cui il successore di Pietro, si è subito presentato ai fedeli che avevano letteralmente invaso piazza San Pietro. Si è definito vescovo di Roma e non papa, (vedi il video sotto dalla diretta del TG 1) ed è partito dalla base della fede cristiana cattolica, le preghiere, invitando dal loggione a recitare tutti un sereno Pater, Ave e Gloria.  L‘abc della fede, speso però lasciato da parte e dato per scontato dai più, in altre faccende affaccendati. Poi un’altra grande novità: Jorge Mario Bergoglio, chiede al popolo di pregare per lui un attimo, prima di impartire lui la benedizione Urbi et Orbi. Un silenzio pieno di Dio accarezza Roma e tutte le case, i bar, i locali, i ristoranti, le comunità, che seguono l’evento in tv. Si respira un clima disteso sul volto del nuovo papa che poi diceCi vediamo domani, anzi domani andrò a pregare la Madonna, ed allora buon riposo per oggi“. Un papa gesuita, formatosi alla scuola di Sant’Ignazio di Loyola e dei suoi Esercizi Spirituali, ma che, dimostrandosi un uomo estremamente aperto e di larghissime vedute, sceglie il nome di San Francesco di Assisi, Francesco, quasi a voler dire che la sapienza non va da nessuna parte senza una solida umiltà. Nato a Buenos Aires ma con un nonno paterno piemontese (di Bricco Marmorito di Portacomaro, nell’astigiano ) emigrato in Argentina a fine ottocento. Diplomato in chimica (anche il gesuita di fine ottocento Pierre Teillhard de Chardin era un chimico che amava pensare la materia come culla dello spirito) laureato in filosofia e teologia, diventato sacerdote a 33 anni, quindi non appena nato, ma con una buona conoscenza anche del mondo esterno, dove ha da sempre amato i poveri; gran tifoso del San Lorenzo di Almagro (la squadra da dove proveniva il pocho Lavezzi, per intenderci) ed appassionato di tango che ballava da giovane con la sua fidanzata. Esulta la numerosissima colonia argentina del pallone, capitanata da Leo Messi, ieri sera anche lui divino, che dice che la nazionale albiceleste farà di tutto per dedicargli il prossimo mondiale brasileiro. Sarà contento anche il nostro Gabriel Alejandro Paletta, come gli ex nostri Hernan Crespo, Gustavo Abel Balbo, Roberto Nestor Sensini, Juan Sebastian Veron, Matias Jesus Almeyda,  Ariel Arnaldo Ortega e tanti altri. Godiamocelo tutto. Ispira una gran fiducia. E poi nella metro della capitale argentina girava in tonaca da cardinale. L’essenzialità fatta persona. Cerchiamo di essere persone che prima di giudicarlo, indipendentemente dal nostro orientamento religioso, lo guardino, lo scoprano, che provino ad assaporarlo. Monsignor Vincenzo Paglia, ha definito la nomina a papa di Bergoglio, come una sorpresa divina. Allora lasciamoci sorprendere. Luca Savarese

IL VIDEO DELLE SUE PRIME PAROLE DA “VESCOVO DI ROMA”

News, Videogallery Amatoriale

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.
Commenti chiusi.