MANFREDINI A STADIOTARDINI.IT: “I PULLMAN SONO STRAPIENI E NOI SIAMO PRONTI A PARTIRE. QUALSIASI SARA’ LA DECISIONE NOI A ROMA CI SAREMO COMUNQUE”

14 Mar 2013, 02:00 Commenti disabilitati su MANFREDINI A STADIOTARDINI.IT: “I PULLMAN SONO STRAPIENI E NOI SIAMO PRONTI A PARTIRE. QUALSIASI SARA’ LA DECISIONE NOI A ROMA CI SAREMO COMUNQUE” di

(gmajo) – A margine della Festa del Parma Club Toscanini  stadiotardini.it ha intervistato il presidente del CCPC Angelo Manfredini.

E’ arrivato l’annuncio del nuovo papa ed è atteso anche, nelle prossime ore, l’annuncio se si giocherà o meno la partita tra Roma e Parma. Immagino che voi tifosi siate combattuti tra due sentimenti: andare in campo subito potrebbe significare affrontare la Roma, in una partita ragionevolmente difficile; non andare in campo subito potrebbe significare aspettare il Pescata godendosi a lungo questa vittoria col Torino, per poi sperare di raccogliere altri tre punti. Però avete organizzato tutto per Roma, c’è tutto pronto… Cosa prevale?

“Come dici tu siamo pronti a partire perché abbiamo già tutti i pullman strapieni. Diciamo che dopo la vittoria col Torino è tornato l’entusiasmo nella tifoseria. Ripeto: i pullman sono pieni, noi siamo pronti a partire: aspettiamo la decisione da Roma se si giocherà oppure no… Che dire? Incontrarla adesso, oppure dopo… con i se o con i ma il calcio non si fa. Per noi se si gioca domenica ben venga, diversamente saremo pronti anche per andare a Roma in occasione di un rinvio a data da destinarsi. Noi ci saremo comunque vada la decisione di Roma”.

Tu sei sempre vicino alle panchine: che aria tirava fino al 70° di Parma-Torino e che aria tirava dopo il 70° di Parma-Torino?

“Beh, sicuramente erano due arie diverse. Prima del 30° del secondo tempo c’era sempre la fiducia di raggiungere il risultato, ma dopo il 30° è scoppiata una bufera di gioia, veramente è stata una cosa bellissima, che dimostra che chi non la vive in prima persona non la capisce. Per cui è stata una cosa bella bella bella, e sono sicuro che si ripeterà anche in futuro”.

 

 

Mettiamola così: senza le feste dei Parma Club il Parma non riusciva a vincere, poi il Parma è riuscito a vincere e c’è stato il ritorno di una festa dei Parma Club…

“Eh sì, c’è questa coincidenza, anche se c’era qualcuno che diceva che le feste dei Parma Club rovinavano la squadra, perché rovinavamo la concentrazione dei giocatori. A me non sembra che noi con queste feste andiamo a rovinare la concentrazione dei giocatori. Anzi è bello e giusto… Questa festa era stata programmata da tempo, non è stata programmata dopo il risultato di Parma-Torino, per cui non stiamo a guardare i risultati. Noi siamo vicini alla squadra: che si vinca o che si perda i tifosi devono comunque essere vicini alla squadra, soprattutto nei momenti di difficoltà, per cu, ti ripeto, noi non stiamo a guardare i risultati, ma guardiamo solamente di essere vicini alla nostra squadra che portiamo nel cuore”.

Il direttore Leonardi ricordava proprio pochi minuti fa nelle interviste come i Parma Club siano sempre vicini alla squadra anche nelle difficoltà, anche nei momenti difficili, che speriamo possano essere terminati con la roboante vittoria sul Torino…

“Sì: tutti quanti ci auguriamo che con la vittoria sul Torino sia terminato questo periodo negativo: per cui cosa dire? Noi tifosi siamo vicini al Parma, lo siamo sempre stati e li saremo sempre. Per cui un grosso in bocca al lupo al Parma per questo finale di campionato”.

News, Videogallery Amatoriale

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.
Commenti chiusi.