SPORT CIVILTA’ / AL PARMA CALCIO UN PREMIO SPECIALE PER IL CENTENARIO

nov 18, 2013 21:00 No Comments by

sport_civiltà_06(Orazio Vasta, foto di GianMatteo Palese) – Premio speciale per il Parma Calcio questo pomeriggio in occasione del 37° Premio internazionale “Sport Civiltà 2013”.  Corrado Cavazzini, Presidente della sezione di Parma dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport, ha fatto gli onori di casa, insieme al giornalista Massimo De Luca, ricordando alla platea la particolarità di questa edizione nell’anno del bicentenario di Verdi e  Bodoni, e dei primi cento anni del Parma Calcio.

Si comincia con Andrea Monti, direttore della Gazzetta dello Sport, il quotidiano più letto d’Italia. Il direttore della Rosea parla della necessità di “riscoprire la civiltà nello sport”, affermando che tante volte “basta una parola, un gesto per migliorare le cose”. Come la restituzione a Don Ciotti del campo da calcio sintetico di Rizziconi tolto alla Ndrangheta e restituito a Don Ciotti, dopo una mobilitazione promossa dallo stesso giornale.

sport_civiltà_12Si susseguono sul palco, intervallati da qualche balletto o qualche pezzo intonato da Antonella Ruggiero, tutti i premiati della serata (Nerio Alessandrini, Vincenzo Nibali, Martina Grimaldi, le Frecce tricolori, Javier Zanetti, Costantino Rocca, Gustav Thoeni e Piero Gros) fino ad arrivare agli ultimi della scaletta, i campioni del Parma Calcio.

Salgono sul palco, dapprima due pilastri del Parma del passato, quello che collezionò trionfi e trofei, il capitano Lorenzo Minotti e l’attaccante Sandro Melli. I due rivivono quegli anni indimenticabili e intramontabili non solo con le parole, ma anche grazie all’ausilio delle immagini. Un ripercorrere quegli anni vissuti, e rendere così un omaggio a due dei protagonisti di quei successi.

sport_civiltà_10Per Minotti il segreto è da identificare ne “il gruppo”, temprato negli anni e capace di raggiungere grandi traguardi. “Si è creato un gruppo negli anni. Le prime vittorie in A e nelle Coppe si basavano su un gruppo che giocava insieme da diversi anni ed era partito dalla serie B. Il Parma ebbe la pazienza di far crescere certi uomini, che poi assieme ad altri campioni hanno fatto la differenza. Io, Sandro, Osio, Apolloni e tanti altri… eravamo insieme in B, e lottavamo per stare in serie B. Poi è arrivata la A, ma noi avevamo già raggiunto una sintonia, che ha poi permesso anche ai nuovi di ambientarsi e trovarsi bene”.

Gol che restano nella storia del club per Melli, e per l’ex attaccante crociato, ogni gol ha un valore doppio. “I gol nei momenti più importanti del Parma Calcio, la promozione dalla C, la promozione in serie A, la finale di Coppa Italia o Coppa delle Coppe regala tante emozioni. Per un attaccante segnare è il massimo, poi farlo in certe partite lo è ancora di più. Di certo mi dato lustro come calciatore, ma sono ancora più belli perché fatti con la maglia della propria città”.

Poi è il turno di Donadoni e il capitano del presente, Alessandro Lucarelli, con un occhio al Parma di oggi, nell’anno del Centenario. Il tecnico crociato predica calma, non si fa spaventare dalla classifica, afferma che poteva esserci qualche punto in più in cascina, ma è convinto che il Parma migliorerà. Sulla falsariga del tecnico bergamasco, uno dei migliori di quest’annata crociata, il cuore pulsante della difesa e l’anima del Parma dei 100 anni. Lucarelli afferma che il gruppo sta mettendo tutte le proprie forze in questa stagione e poi manda un saluto all’unico assente di questa serata, Corrado Marvasi, che sarebbe dovuto essere premiato proprio stasera, ma che – per bocca dell’altro Corrado, Cavazzini – verrà premiato “più avanti, quando tornerà in grandissima forma”. Speriamo che questo possa accadere quanto prima.

sport_civiltà_08Infine, il premio ritirato dall’amministratore delegato del Parma, Pietro Leonardi. “Questo premio ci rende pieni d’orgoglio, ma ci responsabilizza molto. Compiere cento anni è motivo d’orgoglio per la Città, per i tifosi e per noi che rappresentiamo questo marchio, questa maglia. E’ veramente qualcosa di importante”. Una promessa da fare? Al solito Leonardi promette “tanta serietà e tanto impegno”. E prima di rompere le righe e mandare tutti a casa, dando appuntamento al prossimo anno, c’è tempo per applaudire Amauri senior e junior, che si sono prestati alla realizzazione di un cortometraggio in onore dei primi cento anni della formazione crociata.

Da domani sotto con il lavoro, che tra pochi giorni ci aspetta l’insidiosa trasferta di Napoli. L’impegno e la serietà tanto decantati dall’a.d. crociato devono vedersi anche soprattutto sul difficile campo del San Paolo. Orazio Vasta

In Evidenza, News

About the author

The author didnt add any Information to his profile yet
No Responses to “SPORT CIVILTA’ / AL PARMA CALCIO UN PREMIO SPECIALE PER IL CENTENARIO”

Leave a Reply