IL PARMA VANTA CREDITI CON L’INTER. BELFODIL, C’ERA UNA CLAUSOLA DI RIACQUISTO PER SCARSO RENDIMENTO? LA TEGOLA BIABIANY HA FATTO SALTARE IL PLAYER TRADING DEL PARMA

26 Dic 2014, 11:00 12 Commenti di

(Luca Marotta) – Dal bilancio di esercizio al 30-06-2014 di FC Internazionale Milano S.p.A. risulta l’acquisto dal Parma, in data 05/07/2013, del calciatore Ishak Belfodil per la cifra di Euro 11.500.000 e la contemporanea cessione in compartecipazione della metà dei diritti economici. Quindi, al momento della prima cessione, per l’Inter figurava anche un debito da compartecipazione di Euro 5.750.000, estinto nello stesso esercizio per risoluzione della stessa compartecipazione. Infatti, nello stesso esercizio, il 19/06/2014, FC Internazionale Milano S.p.A. ha ceduto al Parma il calciatore Ishak Belfodil per la cifra di Euro 11.500.000.

Poiché, durante il 2013/14, FC Internazionale Milano S.p.A.ha ammortizzato per Euro 2.108.333 il diritto pluriennale, che aveva scadenza 30/06/2018, il calciatore Ishak Belfodil presentava un valore contabile netto residuo di Euro 9.391.667, pertanto FC Internazionale Milano SpA, con la cessione del calciatore al Parma, ha potuto registrare una plusvalenza di Euro 2.108.333.

Non avendo brillato, durante il 2013/14, il calciatore Ishak Belfodil è stato ceduto temporaneamente in prestito dall’Inter al Livorno. Tale cessione temporanea ha determinato il conseguimento di ricavi a tale titolo da parte dell’Inter.

Su Belfodil, evidentemente, c’era una clausola di riacquisto da parte del Parma per scarso rendimento: se si aggiunge la tegola Biabiany si completa il quadro che ha fatto saltare il Player Trading del Parma.

Torniamo, però, all’esame del complesso intreccio tra FC Internazionale Milano S.p.A. e Parma F.C. S.p.A secondo quanto emerge nel bilancio al 30.06.2014 del club nerazzuro:

Nel Bilancio di esercizio al 30/06/2014 di FC Internazionale Milano S.p.A. risulta, in data 19/06/2014, l’acquisto dal Parma di Crisetig Lorenzo per Euro 9.500.000. Lo stesso calciatore era già in compartecipazione al 30/06/2013 per Euro 1.500.000, che è stata risolta a seguito dell’acquisto.

Altri calciatori di provenienza Parma che figurano nel bilancio dell’Inter sono: Biraghi Cristiano, acquistato il 05/07/13, con un valore lordo di Euro 1.220.000; Mariga Mc Donald acquistato il 01/02/10, con un valore lordo di € 10.000.000; Galimberti Jacopo acquistato il 19/06/13 per Euro 1.700.000; Lombardi Jeremy acquistato il 25/06/10, con un valore lordo di Euro 600.000; Mella Diego acquistato il 18/06/13, con un valore lordo di Euro 2.000.000; Obi Joel Chukwuna acquistato il 23/01/12, con un valore lordo di Euro 6.400.000.

Tra quelli ceduti in prestito figura: Cassano Antonio, per il quale durante il 2013/14 l’Inter ha calcolato una quota di ammortamento di Euro 3 milioni pari al valore residuo contabile al 30/06/2013.

Al 30/06/2013 tra i debiti per compartecipazione figurava Yao Guy Eloge col Parma per Euro 1.000.000. Tale compartecipazione non risulta nel 2013/14, perché risolta.

Nel Bilancio di esercizio al 30/06/2014 di FC Internazionale Milano S.p.A.tra i crediti verso società del settore specifico figura:

PARMA FOOTBALL CLUB S.P.A. per Euro 21.440.000.

Nel Bilancio di esercizio al 30/06/2014 di FC Internazionale Milano S.p.A. tra i debiti verso enti settore specifico figura:

PARMA FOOTBALL CLUB S.P.A. per Euro 26.490.000.

Nel Bilancio di esercizio al 30/06/2014 di FC Internazionale Milano S.p.A. non risulta specificato il dettaglio dei proventi da compartecipazione ex art. 102 bis NOIF pari a Euro 6.078.400 e degli oneri da compartecipazioni ex art. 102 bis NOIF pari a Euro 1.089.700.

Da quanto sopra si può solo dedurre che il Parma presenta un saldo a credito nei confronti dell’Inter e che del vorticoso meccanismo delle compartecipazioni sono avvalsi anche i “grandi club”. Luca Marotta

Economist, News

Autore

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

12 Commenti a “IL PARMA VANTA CREDITI CON L’INTER. BELFODIL, C’ERA UNA CLAUSOLA DI RIACQUISTO PER SCARSO RENDIMENTO? LA TEGOLA BIABIANY HA FATTO SALTARE IL PLAYER TRADING DEL PARMA”

  1. ASSIOMA says:

    speriamo che l’algeria vada in finale….per il resto ne ho gia’ parlato questa estate,ottima operazione, bravo peter sei il piu’ furbo del mercato

  2. ASSIOMA says:

    maio come la vedi la dipartita di tomei al pisa ?,ma era un collaboratore di Leonardi ?

    • Gabriele Majo says:

      Tomei, fino all’anno scorso o due anni fa, ha svolto l’incarico di osservatore per il Parma. Diciamo che ha operato per circa un paio d’anni con il club gialloblù. Indubbiamente, però, con Leonardi ha sempre avuto da tempo un ottimo rapporto, per cui, al di là dell’ufficialità, immagino abbia sempre segnalato calciatori e in un qualche modo collaborato con lui.
      Sul suo ingaggio da parte del Pisa (dove milita capitan Morrone) non saprei che dire, se non formulargli le mie congratulazioni per il nuovo incarico.

      Cordialmente

      Gmajo

  3. roberto says:

    tratto da il tirreno di pisa edizione del 01.10.2010.
    Incarico di prestigio per Pietro Tomei. L’ex portiere e direttore sportivo del Pisa, oltre che ex diesse del Brescia e collaboratore della Juventus, entra nei ranghi del Parma. Tomei ha il compito di segnalare all’ambizioso club emiliano i migliori talenti in Italia e anche all’estero. Diventa così l’uomo di punta della rete di osservatori del Parma. Pietro Tomei continua in questo modo a lavorare a stretto contatto con l’amico Pietro Leonardi, con il quale ha già collaborato a lungo all’Udinese. Il sodalizio si ripropone a Parma, con l’assoluto benestare del presidente Ghirardi. Tomei ha già seguito diverse gare di serie B e Lega Pro in questo inizio di stagione, comprese un paio di partite del Pisa. Riserva di Ciappi all’inizio dell’epoca d’oro di Anconetani, da vero pisano aveva accettato la chiamata della famiglia Gentili-Mian nella complessa annata di transizione prima della vendita della società, pur avendo altre allettanti proposte.

  4. Gabriele says:

    Ci daranno krin in prestito fino a giugno

  5. Ermete Bottazzi says:

    9,5 milioni il valore di Crisetig… Vabbè lasciamo perdere che se uno li controlla per bene ce ne viene una gamba

  6. ASSIOMA says:

    e di cosa vuoi che abbiano parlato a fornovo con moratti il gatto e il gatto !

  7. Gabriele says:

    Ciao Gabriele, domani secondo te ci saranno novità?

    • Gabriele Majo says:

      Penso di no. Nel senso che immagino che l’assemblea approverà il bilancio. Domani c’è solo assemblea, non cda. Assemblea del parma fc di cui eventi controlla il 90%. I soci di minoranza di eventi magari si faranno sentire in sede della propria assemblea. Sarà interessante poi vedere cosa scriveranno i revisori. Cmq pare che Ghirardi non veda l’ora che il bilancio sia pubblico per smentire tutte le cattiverie scritte dai giornalisti cattivi su situazione conti del parma :) certo che se le cose andavano bene come mai si è trovato nelle condizioni di vendere? Comunque una volta che sarà disponibile vedremo i contenuti e li faremo analizzare da chi se ne intende… Comunque credo che il passaggio delle quite fosse necessario per l’ approvazione in continuità aziendale. Cordialmente gmajo

  8. ARDICCIO says:

    IL BILANCIO e il conto dei Profitti e delle Perdite metteranno in luce lo Stato Patrimoniale dell’Azienda e ci darà la misura reale dell’indebitamento e soprattutto l’entità delle perdite relative all’ultimo esercizio.

    Quindi dalla relazione dei Revisori ne sapremo di più per poter prevedere i reali flussi di danaro fresco da immettere.

    Di lì si capirà che tipo di campagna acquisti ci si aspetta.