CALCIO & CALCIO PIU’ / IL GIORNALISTA BOLOGNESE BORTOLOTTI: “IN BOCCA AL LUPO AI TIFOSI CROCIATI PER TACI, MA IO IN GENERE NON MI FIDO DI CHI DALL’ESTERO VIENE IN ITALIA A COMPRARE DEBITI”

16 Gen 2015, 17:00 51 Commenti di

DSC00610(Evaristo Cipriani) – MILLE LIRE AL MESE – L’abbonato crociato di lungo corso (oltre 40 anni di fedeltà) Giovanni Di Rocco, ospite ieri sera della 18esima puntata stagionale di Calcio & Calcio Più, la trasmissione del giovedì sera di  Teleducato  (clicca qui per vedere la web registrazione a cura di Alex Bocelli). Con lui il nostro direttore Gabriele Majo, sempre con il naso protetto da uno scudetto, opera del personale medico e paramedico del Maxillo Facciale dell’Ospedale Maggiore di Parma, rimosso soltanto nel pomeriggio odierno, e con una vistosa camicia fashion che faceva capolino sotto la giacca e il Saltimbanco Enrico Boni, il quale, DSC00628invece, si è presentato con una vecchia banconota da Mille Lire, incorniciata. “Se potessi avere, mille lire al mese, se potessi avere mille lire al mese, senza esagerare, sarei certo di trovare tutta la felicità…” ha intonato, senza steccare, l’imprevedibile opinionista spiegando: “Le speranze di salvezza del Parma sono come quelle dei poveri italiani negli anni 30 di poter avere una propria stabilità economica, ossia un miraggio!!!” (La canzone di Gilberto Mazzi risale al 1939, nda). Secondo Boni (indiscrezione confermata anche da Angella) a Collecchio circolerebbe una tabella di marcia per la salvezza che prevedrebbe la conquista di 6 punti al mese tra febbraio e maggio. La quota complessiva finale sarebbe stata indicata in 35 punti, ritenuti sufficienti per raggiungere la permanenza in serie A. “Io credo che bisognerebbe smetterla di parlare di salvezza e concentraci sui progetti per la prossima stagione e per allestire una squadra competitiva in B, inutile sprecare risorse sul mercato adesso, se adesso vai da uno come Osvaldo a proporgli di venire a Parma ti risponde con una pernacchia!”.

DSC00625BORTOLOTTI E IL MONITO SU TACI – “Rezart Taci non parla, non parla la sorella Anika, non parla nessun dei suoi collaboratori, che peraltro abbiamo provato a contattare, per cui per cercare di capire qualcosa in più sul personaggio Taci ci rivolgiamo a chi lo ha visto già all’opera in Italia”. Così il conduttore Angella ha introdotto il collegamento telefonico con il noto giornalista bolognese, vice presidente nazionale USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) Alberto Bortolotti, volto di TeleSanterno che aveva seguito con grande attenzione le vicende del tycoon di Tirana sotto le Due Torri nel 2009: “Taci a Bologna promise molto, ma non concluse niente, di lui si ricordano soprattutto le scorribande nei ristoranti cittadini”. “Vi faccio un in bocca al lupo – ha proseguito Bortolottituttavia vi invito ad essere cauti, anche a Bologna la sorella di Taci si insediò a Casteldebole negli uffici della società per controllare i conti del Bologna, poi un bel giorno tutti sparirono con la motivazione che trovarono una voragine, come se non sapessero prima quale fosse stata la situazione”. Il giornalista felsineo ha poi rimarcato: “Io in genero non mi fido di fronte a chi dall’estero viene in Italia a comprare debiti e ho delle perplessità quando non si conosce l’identità di una proprietà perché ufficialmente non si sa ancora chi ha comprato il Parma. Dico questo non solo in riferimento al Parma, ma anche al Bologna perché a me piace essere obiettivo e anche qui non si sa come è composto il pacchetto azionario rossoblu. Questi sono aspetti – ha concluso Bortolotti che magari per molti non sono importanti, ma che io considero, invece, molto significativi perché una città deve sapere in che mani è finita la propria società di calcio e su questo credo che sia il sindaco Pizzarotti a Parma, sia il sindaco Merola a Bologna dovrebbero chiedere chiarezza”. A proposito di sindaco, Boni ha colto l’occasione per rivolgere un appello a quello parmigiano affinché chieda un incontro con Taci e lo sproni ad illustrare il proprio progetto alla piazza.

imageGRANDI PROGETTI, MA SOLDI CON IL CONTAGOCCE – Secondo il nostro direttore Gabriele Majo le ambizioni di mercato sbandierate, sia pure non in prima persona, da Rezart Taci sono in contraddizione con un piano economico finora limitato: Da un lato si fa sapere di voler portare a Parma i vari Gilardino, Osvaldo, Giovinco ecc ecc, dall’altro, però, invece di mettere subito sul tavolo una cifra imponente si sente parlare di un primo versamento da 5 milioni e poi di altre tranche che arriverebbero in maniera graduale. Io penso – ha affermato Majo che il segnale che questa proprietà avrebbe dovuto dare era quello di regolarizzare immediatamente tutti gli stipendi arretrati dei giocatori, perché se dimostri di avere questa forza economica anche per il mercato invogli tanti giocatori a venire a Parma e a DSC00612sposare il progetto di Taci”. In ambito mercato, secondo Angella, se da un lato non sarà difficile convincere Gilardino perché “ormai andando a giocare in Cina, dal punto sportivo si è sputtanato, se mi consentite l’espressione e dunque non dovrebbe avere problemi ad accettare di venire a giocare nel fanalino di coda della serie A”, dall’altro sarà complicato riuscire ad ottenere il si di giocatori delle grandi squadre e di un certo livello Anche se fossero ricoperti d’oro non credo che gente come Giovinco, Osvaldo, Ramirez, Cibolla Rodriguez, possano essere allettati dall’idea di rischiare fortemente una retrocessione”.

DSC00609GILA E LO SPETTRO DI CRISTIANO LUCARELLI – Giovanni Di Rocco non si è mostrato entusiasta dal probabile arrivo di Alberto Gilardino: “Temo che possa arrivare in condizioni fisiche non ottimali e non vorrei che si ripetesse quello che era accaduto con Cristiano Lucarelli che nel gennaio del 2008 tornò in Italia dallo Shaktar Doneskt, con l’obiettivo di risollevare il Parma. Poi ricordiamo tutti quale fu il rendimento di Lucarelli e come andò a finire il Parma”. Gli scongiuri sono ovviamente consentiti e addirittura sollecitati!

DSC00619BONI BOCCIA NOCERINO E INCORONA RISPOLI – Per Enrico Boni. Nocerino giocherà al massimo 5 partite: “E’ un giocatore finito, viene a Parma perché nessuno lo vuole”. Angella ha però invitato alla prudenza e ad un briciolo di ottimismo: “Nocerino non è certo il giocatore che farà la differenza, a me non convince visto il rendimento degli ultimi due anni, tuttavia ricordiamoci che anche Cassani, Marchionni, Molinaro e Schelotto quando erano arrivati venivano considerati morti”. Il popolare Saltimbanco ha anche incoronato Rispoli dopo il gol di Coppa Italia contro il Cagliari: “Altro che Cassani, il titolare della fascia destra deve essere Rispoli, il problema è che Donadoni non lo vede e dato che mercoledì gli ha fatto fare tutta la partita significa che domenica contro la Samp starà fuori e questo è assurdo!” Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA 18^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO PIU’ – web registrazione a cura di Alex Bocelli

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE

Calcio & Calcio, In Evidenza, News

Autore

Gabriele Majo, 55 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

51 Commenti a “CALCIO & CALCIO PIU’ / IL GIORNALISTA BOLOGNESE BORTOLOTTI: “IN BOCCA AL LUPO AI TIFOSI CROCIATI PER TACI, MA IO IN GENERE NON MI FIDO DI CHI DALL’ESTERO VIENE IN ITALIA A COMPRARE DEBITI””

  1. Alfredo says:

    Bortolotti mi e’ parso poco conoscitore degli eventi in casa Parma. A Bologna Taci non aceva acquistato nulla; qui c’e’ stato un passaggio di azioni siglate dal notaio.
    Una bella differenza direi

    • Gabriele Majo says:

      La girata unilaterale delle azioni non garantisce assolutamente, di per sé, un futuro roseo al Parma. E neanche le apparizioni da fantasma di Taci. Serve pecunia. Claro? Soldini, Dineros, Pila. E tanta. Ma mica per pagare quei poveri fornitori, la almeno i pedatori. Io, tra l’altro, di quei soldi non debbo prendere una lira: ma se insisto su questo tema è perché un conto è sognare, un conto rendersi conto che si sta facendo più fatica ancora dell’era Ghirardi. Poi quando i soldi saranno arrivati, questione morale a parte, sarà tutto un altro discorso.

      Cordialmente

      Gmajo

    • niko says:

      ” anche a Bologna la sorella di Taci si insediò a Casteldebole negli uffici della società per controllare i conti del Bologna, poi un bel giorno tutti sparirono con la motivazione che trovarono una voragine, come se non sapessero prima quale fosse stata la situazione”,,,,, può darsi che hanno trovato piu che una voragine.

  2. Gustavo says:

    Dipende. Saputo è affidabile, Taçi no…

  3. Rucaru says:

    Buonasera direttore… Seguivo l’altra sera una trasmissione sportiva dove parlavano di queste particolari trattative di acquisizione da parte di ipotetici magnati stranieri verso squadre più o meno indebitate. Parlavano per esempio dell’Inter, dove prima dell’arrivo di Thoir le acque erano piuttosto agitate. Avranno i loro buoni motivi?
    Purtroppo questo è il calcio moderno, già sviluppato nel resto d’Europa, dove personaggi con grandissime capacità economiche acquistano società in difficoltà. E da dove vengano i soldi resta e resterà un mistero… E avverrà così anche a Parma.
    Ora le chiedo…. Ma secondo lei i soldi della Roma e del Bologna da dove vengono?? E non le vengono i dubbi sul “particolare” presidente della Sampdoria? Pensa che Ferrero abbia davvero le possibilità di compiere il mercato che sta facendo?? Eto’o e Muriel Operazioni da minimo 15 milioni… (e Gabbiadini venduto al 50% per 6 milioni)… A proposito prepari i carboni perchè pare le ufficialità arrivino a breve!!!

    • Gabriele Majo says:

      Si, ma con la differenza che io mi occupo del Parma e mi interessa parlare del Parma e della mia città.

      Altrove ci penseranno, se avranno coscienza, i Majo locali…

      Cordialmente

      Gmajo

    • Gustavo says:

      Scusi ma di quali ufficialità sta parlando? Di Sciaudone???

      • Rucaru says:

        Le ufficialità di Eto’o e Muriel alla samp… Majo in puntata ha detto che non credeva a queste operazioni e avrebbe camminato sui carboni ardenti in caso di arrivo dei 2 giocatori a genova

  4. Alberto says:

    Fiducia alla nuova proprietà! Forza Parma

  5. Raffaello says:

    Il nuovo giocatore del Parma Fc, Antonio Nocerino, sarà presentato domani, sabato 17 gennaio, alle ore 13.15, con una conferenza stampa nella sala media del Centro Direzionale di Collecchio.
    Questo potrebbe significare che per qualche giorno non arriverà più nessuno?
    se non ricordo male direttore mi avevi prospettato che avrebbero fatto una conferenza multi-giocatori…

    • Gabriele Majo says:

      Così mi dicevano stamattina. Evidentemente c’era la speranza che si aggiungesse qualcun altro al quantitativo.

      Giusto, comunque, presentare Nocerino prima di un suo possibile impiego domenica.

      Cordialmente

      Gmajo

  6. ASSIOMA says:

    la differenza fra parma e bologna ?

    il parma e’ stato acquistato a nostra inSAPUTA
    il bologna e’ stato acuistato a loro inSAPUTO

  7. Simone T. says:

    Mi Dica direttore, ma come fa a sapere se i soldi sono arrivati o meno?in base a quali fonti mi perdoni?

  8. Diego says:

    Ci voleva almeno Floccari contro la Samp!
    Cassano prevedo che predicherà ancora nel deserto!

    • Gabriele Majo says:

      Non che con Floccari avremmo avuto la garanzia di chissà quali gol. Io tutta questa differenza tra Floccari e Palladino non la vedo.

      Ci vuole uno che faccia gol una partita sì e l’altra pure. Di questi qui col piedino tecnico e raffinato, ma senza l’istinto assassino ne abbiamo già in casa senza bisogno di spender dei soldi, che Taci non mi pare che ne voglia buttare via…

      • Simone B. says:

        Ma dai Gabriele non dire castronerie alla Boni o all’Assioma…come puoi paragonare Palladino a Floccari…con Cassano ci vuole un attaccante che corra e si muova bene…chi meglio di Sergio…con quei due qua davanti un centrocampista un po’ intelligente fa 10 gol…speriamo che Nocerino sia abbastanza in condizione!!!!
        Speriamo che stasera arrivi il regalo di Taci…

      • www.superbo.xyz says:

        Infatti, spendere per Floccari ha poco senso, di quel calibro c’è già Palladino e tra qualche settimana anche Coda, in quel ruolo o ci si può permettere un’eccellenza o è meglio lasciare stare.

  9. Marco says:

    Chi lo presenta?

  10. Simone T. says:

    Ma scusi se il bonifico è stato fatto oggi non trova sia normale che nelle casse di chi ne beneficerà non sia ancora arrivato?

    • Gabriele Majo says:

      Veramente “tutto è predisposto” da giorni. Non da oggi. E non trovo assolutamente normale che non siano arrivati. E non trovo assolutamente normali una miriade di altre situazioni correlate a questa storia.

      Saluti

      Gmajo

      • Gustavo says:

        Quindi tragga le conclusioni, Majo… La pensa come me: Taçi è un bluff ai danni della città e dei tifosi. Avanti, abbia il coraggio di dirlo

  11. Gustavo says:

    Tino Taho (nome che tra l’altro sul web non esiste)

  12. ASSIOMA says:

    oui je suis charlie …chaplin

  13. Simone T. says:

    ieri Leonardi ha detto che l aspetto societario è stato risolto e la data del bonifico da più parti hanno detto che era oggi. Poi se sono cannelle che devo dire? Le notizie che che arrivano sono quelle

  14. Simone T. says:

    su TV parma hanno appena confermato che Iri sono stati sbloccati i 5 milioni. cosa le dice che la sua fonte sia più attendibile?

  15. Luca da Ferrara says:

    Direttore novità nella giornata di oggi per quanto riguarda il calciomercato?

  16. Gustavo says:

    Paradossalmente con Ghirardi c’erano più soldi

  17. Diego says:

    Direttore, nel mio intervento precedente intendevo dire che siccome la vera punta da gol (se arriverà) prevedo che arriverà l’ultimo gg di mercato o poco prima,
    nel frattempo uno come Floccari, che non è certo un goleador, ma sicuramente una punta più mobile di Palladino e che gioca di più per la squadra faceva comodo.
    Secondo me le prossime due partite visto che le giochiamo in casa contro 2 squadre abbordabili possono essere decisive.
    Concordo con lei che con il solo Floccari li davanti i miracoli non li faremo di sicuro peró mi sembra attualmente una trattativa più semplice rispetto alle altre che girano in questi giorni.

    • Gabriele Majo says:

      Il fatto è che se di punte ne arriva una, che già sarebbe tanta manna, è meglio se è uno prolifico… Uno così più floccari mi pare eccessivo. Quindi rinuncerei volentieri a floccari x un attaccante da doppia cifra in un solo girone. Cordialmente
      Gmajo

  18. Stefano says:

    io non capisco però la diffidenza verso proprietà straniere. L’italia con proprietà sempre italiane ha portato la serie A in un campionato minore dell’Uefa. Se la serie A sono i Preziosi, Agnelli, Berlusconi, De Laurentiis, Zamparini, Lotito, Pozzo, Cellino ecc ecc. io guardo all’estero non con diffidenza ma con grandissima speranza e solo magari un giorno quando avremo almeno metà dei club italiani in mano straniere verranno meno certe logiche strane.
    Proprio in questi giorni parlavo con un tifoso del bologna e mi diceva che questi presidenti con pochi soldi sono funzionali al sistema delle strisciate per questo motivo: io squadra strisciata ti faccio entrare nel calcio anche sei hai pochi soldi e sei un borghesotto come Ghirardi a patto però che accetti questo ripartizione drogata dei diritti tv. Proprietà come Taçi (o il socio russo) e Saputo sono malviste perchè un giorno se tanti club saranno stranieri e con soldi i presidenti di questi club di provincia non sono più ricattabili.
    Io non capisco questa nostalgia verso i presidenti italiani. Solo quando la serie A avrà cambiato pelle nelle proprietà ci sarà futuro. Il gioco sta quasi tutto unicamente nella spartizione dei diritti tv. Ricordiamoci che il rapporto in Italia è 1:6 in Inghilterra 1:1,5 e in Germania 1:2. E il signor Bartolotti vuole le proprietà italiane che fanno queste robine.???? Ghirardi, così come tutti gli altri, fanno finta di essere contro il sistema ma in realtà sono complici votando per Tavecchio e facendo i servi della Juve nella sedi opportune.
    Anche Tacopina da questo punto di vista è stato molto chiaro.

    • mazs says:

      Tutto vero i diritti televisivi in It sono uno scandalo

    • Gabriele says:

      Io non condivido la contrapposizione italiani stranieri, in entrambi i casi ci sono i seri e gli onesti.
      Se poi si parla di presidenti tifosi mi scappa da ridere, napoletani e romani a Genova, interisti a cagliari e Verona etc.
      A mio avviso non è ben chiaro che in serie a ci saranno sempre meno imprenditori italiani perché i costi sono elevati e per raggiungere gli obiettivi vai quasi sempre in perdita, soprattutto in provincia

  19. Fabio says:

    ma quel perdigiorno del mercatologo chhe fine ha fatto???

  20. mazs says:

    Non capisco cosa ci sia da ridere coglionazzo
    compreremo un’altra punta coglionazzo

  21. mazs says:

    Majo non se ne può piu..
    questo è giuventino me lo lasci dire