IN MORTE DI LIVIO FORMA: LA FERALE NOTIZIA DATA IN DIRETTA SU RADIO RAI DURANTE LA RADIOCRONACA DA KIEV DI DINAMO-FIORENTINA

16 Apr 2015, 22:00 5 Commenti di

LIVIO FORMA STADIOTARDINI IT(Luca Savarese) – La ferale notizia la comunica su Radio 1 Rai  Maurizio Ruggeri, interrompendo Giuseppe Bisantis da Kiev. Sono da poco scoccate le 21.Scusami, Scusami Bisantis, ti devo interrompere. Nella sua casa di Aosta, è morto Livio Forma, storico radiocronista di Tutto il calcio, a 72 anni, era malato di cancro”. Scorrono increduli centesimi d’istanti di rumoroso silenzio. La linea torna a Bisantis, impegnato a narrare le gesta della Fiorentina che a Kiev se la deve vedere contro la Dinamo. Il radiocronista calabrese accoglie, non trattenendo alcuni secondi di commozione, ciò che si è appena sentito, non riesce a dribblare quello che prova dentro e dopo un goccio di silenzio e di lacrime dice: “Amico, compagno di tante trasferte, proviamo ad andare avanti”. Ma la sua voce è marcata dal dolore. La notizia, in diretta, della scomparsa di un collega gela come un iceberg le due dirette delle italiane in Europa League, ed unisce improvvisamente e mestamente Kiev a Wolfsfburg. Dotto, collegato telefonicamente dalla cittadina tedesca, dopo aver in apertura detto che la linea telefonica va e viene come le Nuvole di Aristofane, commenta così la morte di Forma: “Amico, collega, grande Livio, ti sia lieve la terra”. Strana la vita, stranissima la morte, quella di Livio è avvenuta proprio mentre due radiocronisti, suoi colleghi per molte partite, stanno raccontando la Fiorentina ed il Napoli; come se volesse in qualche modo esserci anche lui, dare il suo saluto finale così, sul campo, dove aveva servito il calcio, raccontandolo, con passione, per tanto tempo. Forse l’uscita di scena terrena, Livio se l’era immaginata così, tra due radiocronache, quasi a rimbalzo di linea. Il clima è cupo: Maurizio Ruggeri, il coordinatore di Radio 1 nei giorni di Coppa, non ha interrotto per notificare il risultato delle altre due partite, ma per informare che la partita di Livio era definitivamente finita. Era iniziata il 30 novembre del 1942 ad Aosta. Dal 1979, anno in cui debuttò la TG3, ne era stato redattore, per poi dedicarsi alla radiofonia. Dal 1985 diviene inviato di Tutto il Calcio minuto per minuto, ma di fatto, visse l’esordio con la sua prima radiocronaca tre anni prima, il 7 febbraio il 1982, allorchè commentò Cremonese-Varese. Tanti i suoi annunci importanti, a parte che ogni annuncio è sempre nuovo, sempre importante per la sua stessa natura di annuncio. 5 maggio 2002, mentre l’Inter perde lo scudetto, lui racconta chi lo vince: la Juve, che allo stadio Friuli di Udine, si ritrova campione d’Italia. Passa un anno esatto e da un annuncio italiano ecco un annuncio europeo, si ma per un derby tutto italiano, anzi tutto milanese e rossonerazzurro: Milan ed Inter si contendono a San Siro l’accesso alla finale di Champions, in programma a Manchester, ai microfoni di Radio 1 Rai, c’è Livio Forma. La sua voce, genuina, intensa, gustosa, mi faceva pensare ad una tavola tranquilla di un tranquillo ristorante di paese, dove ti servono bene, anzi coi guanti. Nel suo palmares vocale anche 5 campionati del mondo di calcio ed 8 olimpiadi. Essendo entrato nello staff di stadiotardini.it nell’autunno del 2012, quando Livio stava vivendo l’inizio della sua pensione, non ho avuto il piacere né di dargli mai la mano né di conoscerlo e vederlo di persona, come invece, grazie al direttore, accaduto con altri. Però, nel mio sogno di radiocronista, l’ho sentito per tanti anni e quando una persona la senti molto, sai in fondo che persona è. Se dovessi definire quella di Livio, direi confidenziale, ma discreta al tempo stesso. Ricordo che ci teneva tantissimo, quando viveva le sue radiocronache e doveva riferire di un calciatore valdostano, suo conterraneo, e visto che non che siano un esercito, diceva, per esempio raccontando il Chievo e quando aveva palla Pellissier, “Pellissier valdostano come Fusani e come De Ceglie”, elencandoli tutti i pochi, ma buoni valdostani. Da questa sera, in cielo, gli addetti ai lavori della sala stampa paradiso, stanno facendo anche il suo nome. Un abbraccio Livio, ora che, dall’alto, le tue care partite le puoi seguire tutte, senza cuffie, senza microfono, tutti i momenti che vorrai. Luca Savarese

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO SENZA LE VOCI STORICHE DI LIVIO FORMA E TONINO RAFFA, CUI LA RAI NON HA RINNOVATO IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE

SIENA-PARMA 0-2 – 6^ VITTORIA CONSECUTIVA – E’ RECORD !!! DALLA CABINA DI RADIO RAI IL COMMENTO DI LIVIO FORMA

PARMA-VERONA 0-2, IL COMMENTO DI LIVIO FORMA (RADIO RAI): “DELUSO DAI CROCIATI”

LIVIO FORMA (RADIO RAI): “PER IL PARMA UN SUCCESSO CHE RASSERENA L’AMBIENTE. DISPIACE PER GIAMPAOLO”

PARMA-ATALANTA 1-2, IL COMMENTO DI LIVIO FORMA DI TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO

PARMA-SIENA 3-1, IL COMMENTO DI FORMA DA TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO

News, Tutto il Calcio minuto per minuto

Autore

Gabriele Majo, 54 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), capo ufficio stampa del Parma Calcio 1913 fino alla stagione 2016/2017, nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 Commenti a “IN MORTE DI LIVIO FORMA: LA FERALE NOTIZIA DATA IN DIRETTA SU RADIO RAI DURANTE LA RADIOCRONACA DA KIEV DI DINAMO-FIORENTINA”

  1. Luca says:

    R.I.P.

  2. Gustavo says:

    L’eterno riposo dona lui, o Signore, e splenda a lui la luce perpetua.

  3. Luca Russo says:

    Se ne va un altro pezzo del calcio di cui ero innamorato e che amavo. Mi associo al saluto di Luca Savarese: un abbraccio Livio…

  4. reggiano 87 says:

    che tragedia il pensiero va alla famiglia ai figli io ne so qualcosa ho perso mio padre 13 giorni fa un dolore immenso