CARMINA PARMA di Luca Savarese / Lettera al capitano. Caro Lucarelli, che coincidenza: io nella tua Livorno e tu in gol al Tullio Saleri…

31 Dic 2016, 00:00 9 Commenti di

img-20161230-wa0036(Luca Savarese) –  “Venditore. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi?Passeggere. Almanacchi per l’anno nuovo? Venditore. Sì signore. Passeggere. Credete che sarà felice quest’anno nuovo? Venditore. Oh illustrissimo si, certo. Passeggere. Come quest’anno passato? Venditore. Più più assai”. Così si apre ilDialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere”, perla, tra gli zaffiri, delle Operette morali di Giacomo Leopardi. Un’opera, il Parma, l’ha realizzata ieri pomeriggio, dove, in quel di Lumezzane, nel penultimo giorno dell’anno, è andata a cogliere la terza vittoria consecutiva. E se, sotto la veste del venditore di almanacchi, si celasse proprio la Lega Pro, che ha appena celebrato le sue ultime gare del 2016 e che ora riposerà un po’ e che allo stadio Saleri ha fatto lumezzane-parma-0-2-gol-alessandro-lucarellidue chiacchiere con il Parma, passeggere, rasserenato da nove punti che arrivano mentre i salmoni sono ancora in tavola e prima che gli accendini abbiano toccato le micce dei botti? Lo scopriremo solo vivendo e vedendo quello che il 2017 serberà al Parma ed ai suoi amici, dove e come lo porterà, e se la squadra si farà, docile, guidare, cercando quella vita nuova che l’anno novello recherà con sé e che ha avuto una caparra di novità già nelle ultime battute del 2016, aperto tra i dilettanti e chiuso in Lega Pro con un vento nuovo in poppa. A proposito di vento e di poppa. Mi sia concesso, img-20161230-wa0032dato che è l’ultimo Carmina dell’anno, un goccio di soggettività, tra le vicende oggettive di un calcio maestro di obiettività. Dal 29 dicembre mi trovo a Livorno, patria del poeta Giorgio Caproni, dell’Armando più famoso di Maradona prima dell’avvento di Diego, Picchi, libero per per natura prima e per professione poi e di Carlo Azeglio Ciampi, che fu presidente della Repubblica italiana, ma anche del capitano coraggioso Alessandro Lucarelli, il regalo da aprire per ultimo sotto l’albero Parma, la fontana più pirotecnica da dare al fuoco nella notte di San Silvestro, esprimendo una girandola di desideri. Quelli del numero 6 sembrano numerosi e granitici come i motoscafi e i barchini che dal porto labronico scendono in acqua, lucarellifendendola e dicendo alla vita che non c’è un’ora giusta per tornare a salpare, perché ogni istante è un’ ancora che si può rimuovere e un ancora possibile. Stesso mestiere, che in fondo, ha scelto lui, quello di rimettersi in acqua e di togliere le varie ancore che negli ultimi anni non solo ormeggiavano, ma quasi soffocavano la nave da crociere, anzi crociata. Livornese nel midollo ed innamorato delle segrete possibilità dell’acqua, anche quando tira una brutta aria, anche quando solo l’idea img-20161230-wa0029di navigare, risulta pura follia. Il Parma va a ramingo? Lucarelli presente, mentre molti se la danno a gambe. Il Parma nella spiaggia libera della quarta serie? Lucarelli è lì, bagnino e scialuppa insieme. Apolloni e Minotti via, Scala che si dimette? Lucarelli nella classe parmense, salita nel frattempo in Lega Pro, c’è lo stesso, alunno curioso che ha ancora qualcosa da imparare, compagno prezioso per i neofiti della materia resilienza. Ieri mentre lui ed i crociati erano impegnati a Lumezzane, passeggiavo, in compagnia della mia ragazza, per gli scorci, incastonati sovente tra ponti d’acqua, un orecchio rivolto alle vicende dei ragazzi di D’Aversa, l’altro pronto ad ascoltare,tra la fortezza medicea e il porto, accanto agli Scali Novilena, i respiri di una città fiera img-20161230-wa0031e resistente, fatta a misura del capitano. Caro Alessandro, so che quello che sto dicendo è solo un pensiero da giornalista tifoso e e parecchio preso dalle storie, come la tua, ancelle prudenti del poco a poco che alla fine diventa un piccolo grande regno del tanto, anzi del tantissimo, ma secondo me, hai avuto bisogno che io venissi nella Tua città natale, a camminare nelle strade che hai guardato, mentre bambino t’irrobustivi a caciucco e pallone, per poter fare a Lumezzane il gol che mettesse al sicuro la gara, il punto del 2 a 0. “Io credo che le sole cose sicure in questo mondo siano le coincidenze”, diceva Leonardo Sciascia. Bé io più che crederci, lo spero. Auguri a te ed a tutta la truppa. P.S. Anche io come il passeggere compro l’almanacco del 2017, non posso perdermelo, non possiamo perdercelo, è quello che ci porterà ai tuoi primi 40 anni! Luca Savarese (video dal canale ufficiale YouTube del Parma Calcio 1913)

Carmina Parma, News

Autore

Stadio Tardini

9 Commenti a “CARMINA PARMA di Luca Savarese / Lettera al capitano. Caro Lucarelli, che coincidenza: io nella tua Livorno e tu in gol al Tullio Saleri…”

  1. tommasone says:

    Qualcuno ha fatto caso che i commenti siano quasi spariti da stadiotardini.it. Poi adesso che si vinci han smesso pure i menagramo.

    • joe says:

      Eh si caro tommasone..godiamoci noi questo momento di serenità calcistica dopo mesi duri in cui siamo stati vicini alla squadra…
      Coloro che godono quando il Parma perde o gioca male lasciamolo nei loro tuguri…
      Buon anno a tutti!!!

  2. Luca says:

    L’ultima bandiera rimasta. Il nostro capitano, immenso capitano.

  3. Tommaso says:

    Auguri di buon anno a tutti compreso alcuni che si auto consideravano esperti di calcio ed appena smentiti dai risultati sono spariti :)

  4. GALLO DI CASTIONE says:

    Auguri anche ai tifosi che soffrono quando il Parma gioca male e perde e godono quando il Parma gioca bene e vince.
    Grazie per il buon anno e per le speranze di un 2017 ricco di gioie sportive.

  5. LucaDena says:

    Auguri a tutti! A tutti i lettori, i redattori, i direttori (il direttore)…il 2016 è stato un anno davvero particolare…il 2017 promette i fuochi d’artificio….fiducia tanta fiducia nel futuro di questa squadra..ancora auguri !!!!

  6. Rikman says:

    Auguri a tutti i responsabili, collaboratori e ai frequentatori di Stadiotardini. Un grazie al nuovo staff tecnico che ci ha ridonato speranze per il futuro, a chi c’era prima che ci ha portato in lega pro. Un grazie ai ragazzi che si sono ripresi e ci hanno ridato entusiasmo.
    Un grandissimo augurio di Buon Anno a tutti.
    Sempre Forza Amatissimo Parma

  7. Dante says:

    Auguri di un buonissimo 2017 a tutti coloro che Amano il Parma……