CARMINA PARMA, di Luca Savarese / Battesimo cadetto di rigore. Crociati in crescita e Cremonese senza verve offensiva

26 Ago 2017, 13:00 3 Commenti di

Luca Savarese(Luca Savarese) – Duellavano nei favolosi anni ’90, quando, alcune pagine, di lotta, gioco e governo delle buone idee, provavano a scriverle anche loro: Parma e Cremonese, alla tolda due comandanti ruspanti e senza fronzoli, l’impero delle S, Scala e Simoni, quelli che facevano fare sogni d’oro agli abitanti del ducato ed a quelli del Torrazzo. Il gustoso trait d’union tra le due piazze? Bhe, ca va sans dire, Enrico Chiesa, prima bombardiere grigiorosso e poi fromboliere giallobù crociato, passando dalle acque blucerchiate, ma questa, è un’altra storia. Quella di ieri sera, in un Tardini preso d’assalto dall’entusiasmo della ritrovata B, ha visto di fronte Parma e Cremonese 2.0. Entrambe smaniose d’iniziare a battagliare, con quella voglia matta di chi ha letteralmente mangiato gli avversari (i grigiorossi nei confronti dei grigi alessandrini nella seconda fase del girone A della scorsa esultanza dopo gol di calaiò con in evidenza nocciolini zamorano foto di chiara bergamaschiLega Pro) e di chi la B, se l’è conquistata all’ultima curva (il Parma e lo spareggio fiorentino vinto proprio contro i grigi). Insomma, tante le attese ma tanto anche il caldo torrido che assieme ai palpiti del primo giorno di scuola, ha frenato la cifra tecnica dell’incontro. Il 4-3-3 di D’Aversa ha prodotto occasioni e un primo tempo dove nel suo epilogo, Dezi, funambolo abruzzese, si e’ procurato un rigore. Dal dischetto si è presentato l’Arciere, con tanto di maglia numero 9 sulle spalle (Nocciolini si è accontentato, come anni fa Zamorano, della addizione 1+8). Gol e un nuovo inizio crociato che parte, ancora una volta, dal dischetto. E parte nel migliore dei modi. Freddo Riccardo Musetti in quel di Arzignano, quando, nella prima giornata della serie D, nel settembre 2015 fece gol dagli undici metri e fece capire che si, era possibile vivere anche quella katabasi. Preciso Calagol ieri sera, due categorie più sopra. Due rigori, che dicono, come due spari coraggiosi, i balzi che ha fatto il Parma. E la Cremonese? curva nord parma cremonese foto di chiara bergamaschiAttilio Tesser, vecchia volpe delle panchine, non è riuscito a tessere fino in fondo una trama troppo impotente là davanti per essere vera. Brighenti, trascinatore in Lega Pro e Mokulu (che erroraccio ieri nel finale) non solo non hanno avuto gli occhi della tigre, ma in due non formavano la giustezza di una punta. Se si rivede la gara infausta di Coppa Italia col Bari si capisce la crescita della squadra di D’Aversa: in Puglia la rete, sempre dal dischetto, del bomber siculo fu spezzata via dalla doppietta di Galano, ieri sera è stata difesa e controllata a dovere. Certo con un Mitra in più potrebbero esserci molti più  Matri(moni) di gol, ma per ora, va bene così. Ora sotto, CALAIONovara, Brescia ed una serie di piazze, tutte da vivere. La B è un treno che non conosce soste. Piccola personale postilla. C’era un tizio che desiderava più di altri la Cremonese in serie B, si chiamava Gianfranco e con una signorilità infinita, fuori dalle chiese di Milano, viveva le sue giornate. Non chiedeva uno spicciolo, più che denaro, desiderava il dono dell’ascolto. Quando parlavi con lui e lo incrociavi, il lunedì mattina, era capace di ripeterti a menadito la formazione della Cremonese della domenica, compresi i cambi. deziEcco l’offerta che lo faceva felice: parlare dei suoi grigiorossi. E poi alla fine di ogni chiacchierata, aggiungeva: “Grigiorossi tornerete in B”. Loro sono tornati, lui se li è visti dal Cielo, ecco perché ieri sera la Cremonese aveva un tifoso in più. Si scrive serie B, lo chiamano il campionato degli italiani. E delle loro vite. Luca Savarese (foto amatoriali dagli spalti dello Stadio Tardini di Chiara Bergamaschi, foto di Emanuele Calaiò e Jacopo Dezi tratte dal sito ufficiale www.parmacalcio1913.com)

Carmina Parma, News

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

3 Commenti a “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / Battesimo cadetto di rigore. Crociati in crescita e Cremonese senza verve offensiva”

  1. VELENOSO says:

    La squadra è OK.
    Manca solo un giocatore,
    Il DIVINO
    Non facciamo LA CAZZATA del secolo di vendere
    Nocciolini e Corapi.
    Saremmo da
    T.S.O

  2. THE ROCK says:

    Dezi è veramente bravo
    Se gioca sempre così è insostituibile