DOMENICALE / ESTATI CROCIATE di Luca Savarese: quarta puntata, 1987. Quando un piccolo saggio del primo Zeman fu di scena a Parma

13 Ago 2017, 00:00 10 Commenti di

parma_ac_-_1987_-_zeman_susic_apolloni(Luca Savarese) – Quest’estate Zeman sta provando a divertirsi ancora sull’altalena del suo Pescara, appena tornata nel parco giochi della Cadetteria. Esattamente trent’anni fa, le proverbiali discese ardite e le risalite del tecnico boemo erano di scena nel Ducato, dove l’allenatore delle mille sigarette, era alla guida del Parma. Ma nonostante il tanto fumo del suo tabacco, fu subito arrosto e che arrosto: vittoria, a fine estate, del girone di Coppa Italia: Parma primo con 13 punti, Milan del neo allenatore Sacchi Arrigo proveniente da Parma, secondo con 12 lunghezze. A San Siro i Crociati ad inizio settembre fanno la voce grossa davanti ad uno dei primissimi Milan del vate di Fusignano. A Van Basten risponde Zannoni, Filippo Galli fa autogol e poi pareggia i conti Gullit. Ai rigori ciccano Bortolazzi e Donadoni per i rossoneri e solo Di Fabio per gli emiliani. Zeman batte Sacchi, ma la cuccagna estiva era già iniziata. Nils Liedholm e i suoi pargoli romanisti fannoZeman-Parma-2.jpg visita al neo Parma zemaniano che li batte, a metà agosto, rimontando lo svantaggio iniziale, con i gol di Gambaro e Di Fabio. Ma l’appetito, al tecnico ceco e a quel Parma, veniva mangiando. 18 agosto, l’elegante esercito delle Merengues sbarca al Tardini. La forza dei pimpanti ragazzi di Zeman sa essere devastante: Turrini e Gambaro spezzano i gangli madrileni e segnano per due volte. Per una sera agostana, ad essere Real è il Parma. Butragueno, però, non ci sta a tornare nella capitale spagnola senza gol ed accorcia. Caspita che tris di vittorie: Roma, Real e Milan cadute tutte e tre quell’estate 87 sotto i colpi del Parma di Zeman. Non fu vera gloria perché poi Zdenek, con quattro sconfitte nelle prime sette giornate, ebbe vita breve sulla panca del Parma. Non vedeva molto Melli nei suoi dettami. Vide l’esonero. Un giovane e arrembante Majo provocò il presidentissimo Ceresini: “La città è contro”, buscandosi la risposta: “Che domande del cavolo che fa lei…”. Arrivò Gipi Vitali. Poi Zeman si rifece, e con gli interessi, qualche anno dopo a Foggia. Ma i primi virgulti di Zemanlandia si videro ed ammirarono nell’estate del 1987 in quei tre ruggiti di un Parma bello, ma effimero. Proprio come una buona sigaretta. Luca Savarese

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

AMARCORD (STRAORDINARIO): 18 AGOSTO 1987, QUANDO IL PARMA DI ZEMAN BATTE’ IL REAL MADRID

LE PRECEDENTI PUNTATE DI ESTATI CROCIATE

1 – 1997

2 – 1954

3 – 2002

In Evidenza, News, Videogallery Amatoriale

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

10 Commenti a “DOMENICALE / ESTATI CROCIATE di Luca Savarese: quarta puntata, 1987. Quando un piccolo saggio del primo Zeman fu di scena a Parma”

  1. The Rock says:

    MAXI Lopez è proprio MAXI.
    Ha una pancia veramente MAXI
    Sta diventando un uomo PALLA
    Se viene a Parma a degustare
    la cucina pramzana migliore del mondo
    diventerà un panzone.

  2. Luca says:

    è possibile reperire un video/cronaca di quel Parma-Real Madrid?

  3. morosky says:

    A proposito di Zeman ( che ho sempre ammirato per il gioco, lo spettacolo e la valorizzazione dei giovani, oltre che degli sconosciuti ..).. come ho già scritto ed affermato almeno un mese fa…penso che il suo PESCARA sarà una delle prime 5 squadre insieme a BARI, PARMA..e forse PALERMO….

    Palermo che ha perso contro il Cagliari ( Serie A ), nel terzo turno di Tim Cup, solamente dopo i calci di rigore : scrivo del Palermo perché, oltre ad essere una delle retrocesse, con un discreto organico per la cadetteria, ha un allenatore di cui si parla un gran bene e che, nel campionato appena trascorso, seppur perdendo tre gare su tre, ci ha messo SEMPRE IN GRANDE DIFFICOLTA’…
    si chiama TEDINO e allenava il Pordenone, esprimendo bel gioco, bel calcio e divertimento ..sono proprio curioso di vederlo all’opera in questa rinnovata Serie B.

    La formazone schierata ieri sera:

    POSAVEC
    CIONEK, STRUNA, BELLUSCI, ALEESAMI
    MORGANELLA IAIALO CHOCEV
    MURAWSKY NESTOROSKY TRAJKOVSKY
    in organico anche POMINI, RISPOLI, ACCARDI….

    diciamo che NESTOROSKY su tutti e, complessivamente una bella squadra, che gioca, che corre e lotta a tutto campo …
    credo che potranno dire la loro …
    ma pure noi …la nostra..
    j’espere

  4. jdm says:

    io penso che il parma si giochera’ la salvezza diretta con altre 7-8 squadre

  5. morosky says:

    Si certo ASSIO, non discuto, ho capito la lezione dall’anno scorso, stesso periodo, lezione non da parte tua, lezione di concetto, quello di accettare tutto ciò che dicono gli altri e …FREGARMENE..
    i conti del casaro si tirano sempre alla fine …
    QUESTA SQUADRA, GIA’ OGGI, COSì COM E’ …ARRIVERA’ TRA LE PRIME 5 ….appena arriva il BOMBERONE …chiunque esso sia ( CAPUTO naturalmente ) ..ARRIVERA’ ..tra le PRIME 5 ..naturalmente…
    ..così è scritto ..dal vangelo di Faggiano ..secondo D’Aversa ( se non fa ..cappelle ) se no …terzo …????

  6. Douglas says:

    Io digo I premer 2. …
    Sottoscrito
    Douglas

  7. chicco.p. says:

    Stando all’espressione di gioco intensità e risultati, avremmo dovuto dominare il campionato, invece complice forse la troppa fretta si determinò un campionato anonimo ma comunque salvammo il didietro perdendo però uno dei migliori ds passato dal granducato .
    Comunque fu una grande estate di divertimento

    • jdm says:

      inutile che parli di cose che non hai visto .

      primo la partita col real (in amichevole) e’ rimasta mosca bianca,quindi non so dove hai visto l’intensita’ e i risultati del precampionato ,dopodiche’ 7 partite da delirio tattico ,questo ricordo di Zeman ,citofonare ferrari…..

      • Chicco.P. says:

        Guardi: nel 1987 avevo 25 anni, mi feci il ritiro di Tizzano ( casetta ad Ertola ) seguendo assieme ad una caro amico divenuto poi importante giornalista e che in quei giorni muoveva i primi passi in una radio locale del centro gli allenamenti presso l’allora Arena dei Pini, essendo la metodologia dell’allenamento cosa primaria nella mia attività ero rimasto colpito dai sistemi zemaniani.
        Detto questo, da come si evince dal mio scritto e come ben chiaro nell’articolo per molti di noi quella fu una estate di raro godimento che poi purtroppo si tramutò in un incubo, ma che anche se breve rimarrà un gradevole ricordo.
        Non entro in merito alle sue considerazioni circa le opinioni che differiscono dalle sue, e che spesso celandosi dietro becera ironia tratta in modo irriverente e non consono alla libertà di espressione che sarebbe indispensabile avere all’interno di questo forum.

        P.S.
        Circa l’invito all’osteria della curva ( in altro scritto ) perché no, ma non mi lasci solo scomparendo come lo scorso anno !!

        Forza Parma