DOMENICALE di Luca Savarese / A TU PER TU CON MARCO FERRARI, IL PORTIERE DI PARMA-REAL MADRID DI 30 ANNI FA: “RIPENSANDOCI HO ANCORA I BRIVIDI…”

20 Ago 2017, 10:00 19 Commenti di

marco ferrari foto alessandro filoramo wire studio(Luca Savarese) – Si sono concluse settimana scorsa le quattro puntate dedicate alle Estati Crociate. L’ultima, riguardava l’estate 1987, quando il Parma, effimero ma spumeggiante, di Zeman, riuscì nell’impresa di battere il Real Madrid. Partita amichevole ma vittoria per 2 a 1 che è rimasta negli annali e nei cuori di molti tifosi, e giustamente ricordata, nel preciso giorno del 30° anche dal sito internet ufficiale del club. La linea del tempo crociata. Anche chi era in campo il 18 agosto di trent’anni fa, ricorda perfettamente come andarono le cose: come Marco Ferrari, riminese classe 1966, portiere, che quella sera, era a difesa dei pali crociati…

Marco, nasci a Rimini, terra di mare ed ombrelloni, ma per te sin da piccolo, palloni e guanti?

Si esatto, anche se, non mi sono fatto mancare gli sport tipici di queste zone, come il basket, il baseball ed il nuoto, una formazione multisportiva quindi ma poi ha prevalso l’inclinazione per il calcio”.

Poi il Rimini decide di puntare su di te e ti fa esordire nel 1983?

Si, avevo fatto le ultime tre partite del campionato precedente di C con Sacchi allenatore, avevo diciannove anni, quelle furono la spia che qualcosa, di buono, poteva accadere. E così fu, disputai infatti la stagione successiva da titolare, sono rimasto al Rimini dal 1983 al 1986, quando mi prese il Parma”.

Dallo stadio Romeo Neri di Rimini all’Ennio Tardini di Parma. Cosa ricordi del tuo primo approccio a Parma?

Devo essere sincero, era la prima volta che mi spostavo da casa. Io allo stadio ci andavo in bicicletta a Rimini. Arrivare a Parma fu per me bello e mi sembrava tutto più grande, più amplificato. I giornalisti, la stampa, la tv erano tutte cose che da giovane calciatore, incontravo realmente per la prima volta”.

E arriviamo a quella notte, 18 agosto 1987, proprio venerdì si è celebrato il trentennale e al Tardini il Real Madrid viene matato per due reti a una. Segnano Turrini e Gambaro, ma le merengues di Michel, Hugo Sanchez, Butragueno, troveranno vita dura dalle parti di Marco Ferrari che sarà battuto solo una volta dal Buitre

Guarda ho ancora i brividi, fu una serata molto particolare. Il Real era molto forte all’epoca, assieme all’Ajax ed a poche altre realtà europee. Sono serate che ogni tanto il calcio riesce a regalarti. Noi venivamo da altre gare vissute bene. C’era la novità di Zeman e dei suoi metodi rivoluzionari, c’era un pubblico che ci trasportò. Loro presero l’appuntamento forse un po’ sotto gamba. Sportivamente sono cose che nella vita ti capitano poche volte. Sai, magari un calciatore affronta il Real tante volte e ne esce sempre scornato e sconfitto. Io l’ho affrontato una volta ed ho vinto. Fu una serata indimenticabile”

Hai avuto tra i tue allenatori due maestri come Sacchi e come Zeman, che ti faceva giocare quasi da libero…

Sono stati e sono due grandi maestri. Era un gioco troppo avanti per quel periodo. Avevano idee così futuristiche per i tempi che magari non venivano capiti perché le persone non erano mentalmente ancora pronte a quel tipo di calcio così ultra offensivo. Zeman a Parma pagò anche per questo, ma siccome allena ancora, ha, come ho sempre ritenuto, delle grandi doti. Ho avuto la fortuna di avere loro, poi ho avuto anche Oddo, più tardi. Ricordiamoci che si giocava quasi sempre a uomo. Però mi hanno dato una cultura zonista che ancora oggi, da preparatore, mi viene molto utile”.

Il Parma oggi è tornato in B. Venerdì farà il suo debutto in campionato al Tardini contro la Cremonese. Che idea ti sei fatto sulla squadra?

E’ stato importante tornare in B. Ora però questo campionato sarà molto tosto, come è la serie cadetta di per sé stessa e specie questa ricca di grandi piazze che vogliono far bene. Una preparazione atletica molto intensa e decisiva assieme a delle gambe forti e veloci, potranno fare, alla fine, la differenza. Poi i campionati sono tutti diversi, magari ti va tutto bene come la Spal lo scorso anno. Va sempre anche ad annate. Comunque il Parma sarà una squadra molto competitiva ed è sicuramente una candidata per stupire”. Luca Savarese (la foto di Marco Ferrari è di Alessandro Filoramo, Wire Studio)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

STORIA CROCIATA – TRENT’ANNI FA, AL TARDINI: PARMA-REAL MADRID 2-1 (da www.parmacalcio1913.com)

DOMENICALE / ESTATI CROCIATE di Luca Savarese: quarta puntata, 1987. Quando un piccolo saggio del primo Zeman fu di scena a Parma

AMARCORD (STRAORDINARIO): 18 AGOSTO 1987, QUANDO IL PARMA DI ZEMAN BATTE’ IL REAL MADRID

In Evidenza, News

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

19 Commenti a “DOMENICALE di Luca Savarese / A TU PER TU CON MARCO FERRARI, IL PORTIERE DI PARMA-REAL MADRID DI 30 ANNI FA: “RIPENSANDOCI HO ANCORA I BRIVIDI…””

  1. jdm says:

    ve che a savarese gli e’ tornato in mente ferrari ,ti ritorna in mente un angelo caduto in volo ,a me tutti gli anni che puntualmente ce la rimenano con l’anniversario di stacazzo di amichevole ahahaha

  2. morosky says:

    e che fastidi ad dala ? cot vala su per na brega ? curta o longa ?

    • jdm says:

      secondo me non hai capito uno sporting braga,ho detto a savrese che a me ferrari ritorna in mente puntualmente tutti gli anni in sto periodo che si parla di quell’amichevole

  3. THE ROCK says:

    Ho il nome del prossimo attaccante del Parma.
    Vediamo se lo indovinate.
    Ha giocato contro di noi nella finalissima di Lega Pro nell’Alessandria
    No. non è Ceravolo, non è Cisse’, non è Gilardino, non è Pepito ma e’
    Evacuo VOLUTO FOTISSIMAMENTE VOLUTO DAI CINESI.
    Viene da noi o meglio è già da noi a……parametro zero
    IN INVESTIMENTO CINESEhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cry.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cry.gif

  4. THE ROCK says:

    Gli abbonamenti sono fermi a 7000.
    Difficilmente arriveremo a 8.000
    Purtroppo si gioca al sabato e molti lavorano
    So di molti che preferiscono prendere il biglietto prima della partita se questa viene giocata alla domenica o al sabato sera.
    Ecco perche la serie A dobbiamo prendercela.
    Si gioca quasi sempre di domenica.
    L’Empoli ha capito tutto e spende.
    Noi non abbiamo capito niente e aspettiamo
    I SALDI DI FINE MERCATOP
    L’Empoli ha capito che A non ci si va con mezze cartucce.
    Caputo se NON AVESSIMO TERGIVERSATO sperando che il prezzo calasse ora sarebbe nostro invece così ABBIAMO RINFORZATO UNA DIRETTA CONCORRENTE ALLA SERIE A che ora con Caputo diventata iprendibile.
    A proposito sapete qualcosa di Crespo?
    Nessuno sa dire dove si trova
    Faremo presente il tutto a
    CHI L’HA VISTO

  5. VELENOSO says:

    Occhio alla Cremonese.
    Loro vengono a Parma per vincere.
    L’ho sentito su tele cremona.
    Hanno una squadra maestosa
    Vogliono la A.
    Occhio e poi ancora
    OCCHIO

  6. Luca_ says:

    Una delle poche squadre a potersi vantare di aver battuto il Real, se pur solo in amichevole :D

  7. Vekkia Nobiltà says:

    Grazie Real Baganza rifacci sognare alle tavolate estreme

  8. Davide says:

    I disastrosi risultati della campagna abbonamenti (inutile negarlo) sono figli delle cannelle raccontate dagli ex G7 pioccioni sommati al fatto che dei cinesi ancora non esiste nemmeno l’ombra. E qui si preannuncia un Baccaglini bis. Voglio vedere poi lo sponsor della nazionale di basket che cannelle ci viene a raccontare.

  9. jdm says:

    mi sono sempre chiesto come mai i vari chicchi princessi scrose’ simoniti e sottosviluppati vari

    non rispondano mai piccati alle tue affermazioni http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gif

  10. Rikman says:

    Se è disastrosa la campagna abbonamenti del Parma, chissà cosa dovranno dire le altre, visto che il Parma è dietro solo a Foggia e Cesena, per numero di abbonati. Pur di criticare basta qualsiasi pretesto, noi siamo sempre peggio degli altri. Non dico di esaltarci ma un minimo di obiettività non guasterebbe.

  11. jdm says:

    della serie se atene piange sparta non ride , girala come vuoi ma e’

    la peggiore come numeri degli ultimi 27 anni ,degli altri fottesega

    poi per il mio comune senso del pudore sono tanti lo stesso

    non ricordo quanti fossero in b col putinone di mamma’ spero almeno di superare quelli cosi’ sarebbe la seconda peggiore degli ultimi 27 anni

  12. Rikman says:

    Se la mettiamo in battute va tutto bene, ma razionalità racconta una storia diversa, le altre sono piazze con bacino non indifferente: Palermo, Bari, Salerno, Brescia e non ultima Venezia. Fare paragoni con 9 anni fa non regge, Ovviamente la crisi economica ha il suo peso, Già in lega pro erano leggermente meno della serie D. Che la società sperasse di arrivare a 10.000 ci credo poco, secondo me se arrivano dai 7.500 a 8.000 festeggiano.

    • jdm says:

      e io cosa ho scritto,poi se pensi che gesu’ sia morto dal freddo

      fai pure ,nulla ti osta

  13. Luca says:

    Che pena sentire crespo parlare sempre delle altre squadre…

  14. LucaB says:

    Abbiamo un vicepresidente inesistente ..
    Parla di Milan e Inter ma mai del Parma
    https://www.tuttomercatoweb.com/parma/?action=read&idnet=cGFybWFsaXZlLmNvbS0xMjc4ODk

    Sono passati due mesi e i Cinesi non si vedono ma Sportal dice di stare sereni…
    http://www.sportal.it/calcio/parma-desports-operazione-non-a-rischio.html

    Venerdi inizia il campionato e Caputo è andato..

    E per finire Ciccio Ghirardi sponsorizzerà il Brescia

    Comunque tranquilli va tutto bene!!

    • THE ROCH says:

      LucaB la B è nel tuo nome e nel tuo DNA.
      Presumo tifoso di seie B.
      Scommetto che non sei nemmeno abbonato
      anche se dirai che lo sei.
      Dire NO all’acquisto di Matri significa solo essere incompetenti e ODIARE il Parma