Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Parma-Salernitana, la settima-monca dal Salento

05 Ott 2017, 13:00 59 Commenti di

morosky copertino(Mauro “Morosky” Moroni) – Dal Ristorante “friggitoria” Isola del Sole 365, a Marina di Castro, collegato, su prenotazione, con Sky Salentomare, mi sono “gustato” (solo il primo tempo, si faceva per dire) la “settima”, appunto dallo “stivale” della Puglia: tralascio il menu (ostriche, cruditè, frutti di mare, lasagnette gamberi e zucchini, per non parlare di uno dei fritti misti migliori che io abbia mai assaggiato) e arrivo al dunque: il nostro Parma poche gioie e qualche problema ancora irrisolto.
* Risultato & prestazione squadra singoli *, 2-2, ancora 2 gol da palla inattiva, ancora Valerio “l’Imperatore” Di Cesare e Alessandro “Leggenda” Lucarelli, primo pareggio di una gara a tempi alterni: primo tempo dominato dal Parma, due gol dei difensori (i soliti noti) e una prestazione direi soddisfacente; all’inizio del secondo tempo (dominato dagli ospiti) il primo cambio dei campani, fuori un centrocampista (esce Della Rocca per Sprocati), rimodulata la squadra e, dopo dieci minuti, proprio il nuovo entrato accorcia le distanze con un gran tiro da fuori area; al 26° i Crociati restano in 10, espulsione per Di Cesare per fallo da ultimo uomo: sostituzioni da una parte e dall’altra, si arriva al 33° quando Iacoponi, in area, atterra Rodriguez, viene espulso e il seguente calcio di rigore viene trasformato da Vitale per il risultato finale di 2-2. Come sopra, primo tempo anche pimpante dei crociati, doppio vantaggio meritato, quasi nessun pericolo avverso poi, nel secondo tempo, partita diametralmente opposta, difficile, complicata, avversari molto ben disposti in campo, corsaioli e ordinati, pronti a chiudere tutti i varchi e ad accorciare sia sul portatore di palla sia le ipotetiche line di passaggio andando parecchie volte, in superiorità numerica, verso l’area dei nostri: colpe ed errori li lascio ai tifosi lettori, ognuno ha visto la gara e avrà tratto i propri rispettabili giudizi.

morosky le vie del santoDa parte mia potrei affermare che non si può prescindere da Baraye in fascia sinistra, è l’unico, per ora, che salta l’uomo e crea pericoli nel fianco delle difese avversarie mettendo spesso palloni pericolosi in area: di seguito bisognerà trovare il miglior assetto base di centrocampo, se gioca uno si acquista da un lato, se gioca l’altro si perde da un altro lato, necessita una quadratura importante che dia compattezza, qualità, corsa e solidità pertanto, oggi come oggi, bisogna trovare la quadra (Dezi Barillà Scavone?) ideale anche a seconda degli avversari che si avranno di fronte.
Frattali, quasi mai impegnato, sui gol direi nulla da fare; Iacoponi, solita gara, difende e spinge fino a metà campo, forse qualche amnesia di troppo; Di Cesare, sontuoso Imperatore, suo secondo gol di testa, una sbavatura molto pericolosa a metà 1°tempo, a seguire l’espulsione, ma buona prova globale; Lucarelli, un paio di sbavature pericolose, ma prova positiva, di tecnica ed esperienza; Scaglia, prova sufficiente di corsa ed attenzione, ma, io ritengo che egli debba contribuire di più alla manovra offensiva; Dezi, giocatore cresciuto notevolmente rispetto alle gare precedenti, finalmente, anche se non ancora al top, il giocatore che ci si aspettava; Scozzarella, alterna giocate tecnicamente pregevoli a un paio di passaggi errati, in disimpegno, da mani nei capelli, (Munari, dal 7° del secondo tempo in posizione centrale, il solito traccheggiante Gianni, spesso fuori dai ritmi e dai tempi di gioco); Scavone, solita prova di carattere, corsa e grinta, contributo positivo; Insigne e Di Gaudio: qui siamo alle note dolenti, negative, INsufficienza politica per questi due esterni brevilinei e “pistapocci”, corrono, si impegnano, lottano ma, stringi stringi, non incidono per nulla, (Mazzocchi dal 24° per Insigne), ( Gagliolo dal 33° per Di Gaudio); Calaiò, è diventato (forse non casualmente) il falso nueve: corre, si sbatte, lotta, difende e pressa, prova, come sempre generosa, e positiva, ma a noi serve il bomber, uomo da area, padrone degli ultimi 20 metri di campo, a suon di prestazioni e di gol, gol, gol!

* Gli altri risultati e la classifica dei piani alti *
0-0 Ascoli-Palermo
3-2 Avellino-Empoli
2-1 Brescia-Perugia
0-1 Carpi-Pescara
0-1 Cittadella-Virtus Entella
0-0 Frosinone-Cremonese
5-2 Pro Vercelli-Cesena
1-0 Spezia-Bari
2-3 Ternana-Venezia
2-2 Foggia-Novara
1-1 Ternana-Brescia ( recupero della 5^giornata )

14 Frosinone,
13 Perugia, Avellino, Palermo
11 Empoli, Carpi
10 Pescara, Cittadella, Brescia, Parma, Spezia, Venezia

morosky sudIo ricordo sempre le mie previsioni di inizio luglio: occhio al Pescara, il tanto deriso e bistrattato, “vecchio” Zeman, secondo me ha ancora molti colpi in canna, ci risentiremo tra qualche mese e, anche se non vi sembra simpatico, non rilascia interviste molto volentieri (lui lo fa solo per obbligo societario, ma sono sicuro che si esimerebbe molto volentieri dal dire cosa pensa), lui è di un altro pianeta, non deve mettersi a posto né giacca e cravatta né sistemarsi gli auricolari e poi, di bello, sia che vinca sia che perda ha sempre la medesima espressione, mimetica, indecifrabile, imperscrutabile però, anche lui, o piace o non piace: a me piace!
Se dopo l’anticipo, in parità, che sa tanto di due punti gettati alla Salernitana, scorrendo i risultati dei giorni successivi, certo, un po’ di rammarico per l’occasione perduta per accorciare notevolmente l’alta classifica c’è, ma tutto sommato abbiamo guadagnato un punto sulle capoliste: se considerate che, alla quinta giornata, dopo il trittico di sconfitte, eravamo a 7 punti dalla prima, ora siamo a 4: non vado oltre, prendo ciò che arriva, ma sinceramente sento che sta arrivando un nubifragio molto forte, c’è aria di grandine, di cielo nero ed ecco un assordante tuono…

Alcune piccole pillole, statistiche, della classifica: il Palermo è l’unica squadra imbattuta; Avellino, Perugia e Pescara sono coloro che hanno segnato di più, ben 15 gol; il Venezia è la squadra che ha incassato meno gol (4) seguita da Palermo, Carpi, Brescia e Cremonese con 5 reti subite.

* La prossima gara * Parto dal fatto che mancheranno Iacoponi e Di Cesare e questo mi duole parecchio, perché, al di la delle sbavature di venerdì sera, si sono sempre dimostrati atleti importanti ed affidabili: probabilmente avremo modo di rivedere in campo dal 1° minuto, sia Francisco Sierralta che Riccardo Gagliolo: quindi, domenica 8 ottobre p.v. saremo in Sicilia, in casa di quel Palermo (una delle 3 retrocesse) che ha tentato in tutti i modi (e io riconfermo, giustamente) di ottenere il rinvio della gara per il motivo legato al fatto che, gran parte dei suoi effettivi migliori (stranieri), sarà in giro per l’Europa con le rispettive nazionali: in Lega, le società stesse hanno votato e la decisione questa è stata, nessun rinvio!
E Zamparini ? Muto!

* Vacanze, Salento e.. .Copertino *
Vado con ordine, come già anticipato, 6 giorni di vacanza relax (sole, mare, pesce e “local vin blanc”): poi, ho avuto come un’illuminazione, pazza innocua, ma pazza idea, la visita al “Santuario-Castello” di Copertino: ho scoperto che Lui, qui, c’è solamente nato, ma non vi ha mai vissuto e infatti nessuno, citandone il nome, lo conosceva, ah questi calciofili leccesi che ignorano, che delusione, ma, ad ogni modo, io ci sono andato: una visita geografica, culturale, sportiva e pure goliardica, I like Copertino, mi piace!Il calore della panchina* La classifica “mediana-mediocre” ( seppure in piena zona playoff ), la difficolta nel creare azioni offensive, le troppe reti incassate e una quasi totale assenza di un idea di gioco corale mi fanno pensare molto negativo: questa è una squadra mezza malata, non vivace, non costante, non guerriera continuativamente, 7 partite, gli infortuni, gli atleti non tutti disponibili, tutte le giustificazioni che vogliamo ma, credo che, nel giro di un mese a questa parte ( io avevo scritto dopo la partita di Frosinone, 4 novembre ), se non miglioreranno gioco, risultati e performance, a mio avviso succederà qualcosa e il timone della panchina potrebbe cambiare: queste sono solo mie sensazioni ma, ormai conosco il calcio da troppo tempo, le parole, i sorrisi, le pacche sulle spalle ma, se non arrivano i risultati, in qualsiasi campionato, paga l’allenatore e qui mi sembra che ci siano tutti i presupposti, similari all’anno scorso, per far si che ciò avvenga: tutto questo sarebbe comunque un fallimento sportivo, calcistico ed economico ma, il calcio, nel calcio , funziona così, anche se non piace.

scultura douglass* Dulcis in fundo, Douglas Abdell * Di seguito le parole di Douglas che hanno accompagnato la mail inviatami con una foto della sua preziosa scultura che vi mostro al lato:

Carissimo Mauro,
Ti mando una foto della mia scultura in marmo di Carrara, così un giorno potrai usarla per corredare un tuo articolo in Stadiotardini.it
Sarà un grande onore per me.
Saluti
Douglas

Grazie tante amico Douglas, un’opera veramente bella e pregevole che merita una grande visibilità, spero che, iniziando da StadioTardini.it, possa avere ulteriore pubblicità anche al di fuori del mondo Crociato: Forza Parma Calcio 1913, Mauro.

(Per la cronaca: la scultura di Douglas è sulla scrivania di Majo nel suo nuovo ufficio al Settore Giovanile, assieme ad un’altra opera d’arte L’Ombra della Sera in bronzo del M° Spartaco Montagni di Volterra, ricordo della scorsa edizione del Torneo di Viareggio).

Dal divano, in soggiorno obbligato di casa mia, un caro saluto a tutti i bagolini lettori, cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

In Evidenza, News

Autore

Stadio Tardini

59 Commenti a “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Parma-Salernitana, la settima-monca dal Salento”

  1. albano says:

    notizia su Ceravolo?
    ci sarà in panchina per uno spezzone di gara o ancora non utilizzabile?
    Calaiò si sta sbattendo senza benefici e altri 90 minuti così aumenterebbero solo il grado di frustrazione che sicuramente ha.

  2. Lukfur says:

    Hai ragione, le panchine ufficiali di D’Aversa con il Parma sono 38. Grazie della correzione. È vero pure che la sostanza non cambia

  3. Lukfur says:

    Perchè conviene cambiare mister, investire su uno esperto e preparato per tentare il salto in A subito?
    1) sono ormai assodati i limiti tecnici e caratteriali di D’Aversa, inutile ripetere le stesse cose da mesi… con lui non si va lontano… massimo si naviga a metà classifica (i play off non li vediamo neache da lontano!!!)
    2) i costi di un nuovo mister verrebbero ripagati dai maggiori introiti disputando la A l’anno prossimo invece della B (ci si assesta in A, puntando alla salvezza, tanto con squadre tipo Verona, Benevento, Genoa, Crotone… basta veramente poco), meglio prendere 4 gol da juve inter e napoli in serie A che 3 dal Perugia in B
    3) l’anzianità della rosa…. alcuni giocatori quest’anno ancora possono dare un buon contributo, ma l’anno prossimo? pensate che Lucarelli (41 anni), Calaiò (36), Siligardi (30), Di Cesare (35), Munari (35), Iacoponi (31), Scaglia (32) , Scozzarella (30), Scavone (31), Barillà (30) possano fare meglio l’anno prossimo?
    Tutti questi over 30 avranno un anno in più, ma adesso giocano pure titolari. Significa che i giovani (in realtà i sostituti / alternative nel progetto tecnico di D’Aversa / Faggiano) non giocano o lo fanno poco. Pertanto l’anno prossimo la squadra sarà ancora da assestare, dovranno assimilare il nuovo gioco e si rischia un altro anno di transizione…. ed un altro anno di purgatorio
    4) gli stipendi alti di alcuni giocatori ed i pagherò di Faggiano. In A con i maggiori introiti sarà più facile ottemperare…
    5) a giugno 2018 smetteremo di pagare sia D’Aversa che Apolloni. … pertanto basta fare uno sforzetto solo fino a giugno… poi con i maggiori proventi della A si recupera

  4. morosky says:

    Purtroppo sono 2 settimane che non bazzico Collecchio, …so quello che si legge dal quotidiano locale : si sta allenando da 2 giorni col gruppo, io credo che, anche se venisse convocato, non giocherà a Palermo ( sempre da ciò che si legge sul vangelo secondo Piovani )
    ..
    ma credo proprio che il problema non sia Ceravolo, ben + grosso e + a monte….

  5. albano says:

    quoto purtroppo…

  6. CiFra says:

    Il problema non è Ceravolo, ma nemmeno Calaiò falso nove: se è costretto a giocare di sponda lontano dall’area avversaria non è colpa sua! Ha una certa età, non dimentichiamolo! Sono d’accordo sul fatto che Baraye in questo momento rappresenta per gli altri giocatori un appiglio cui dare la palla, visto che non appena ci attaccano andiamo in panico!!! Ceravolo non giocherà di certo a Palermo, ma quando sarà al massimo comunque il suo raggio d’azione sarà simile a quello che sta facendo Calaiò a causa del gioco larghissimo e inconcludente sulle ali che puntualmente finiscono per ritornare palla indietro e poi si cambia fascia (la tattica qual è? Aspettare che il terzino avversario svenga? Non male!!!!) Quanti cross sono arrivati per Calaiò in queste 7 partite? 0! E sarà lo stesso per Ceravolo!!!
    a Palermo così in campo: 4-3-1-2
    Frattali
    Mazzocchi, Lucarelli, Gagliolo, Scaglia
    Barillà, Corapi, Scavone
    Dezi
    Calaiò, Baraye
    P.S. Una squadra fatta da giocatori esperti significa voler puntare dritto alla A (passando dai playoff, forse), ma non ditemi che devono avere tempo….per cosa? Calaiò, Lucarelli, Gagliolo, Scavone, Scaglia, Iacoponi, Frattali, Siligardi, Di Cesare, Ceravolo, ecc.. hanno migliaia di presenze in B!!! Altrimenti si prendeva CERRI!!!!!!!!!!!

    • Lukfur says:

      Sono d’accordo…. Aver preso giocatori esperti, costosi significa ambire alla A già quest’anno. E con D’Aversa non è possibile… ESONERATO SUBITO

  7. Douglas says:

    Caro Mauro,
    Grazie per riprodurre imagene la mia scultura insieme con il tuo articulo…È come se avessi realizzato un sogno. Tu scrive …per me … analisi oggettive …sempre provo molto piacere nel leggere i tuoi articoli ed i tuoi commenti. Qui in Stadiotardini.it si leggono commenti di tutti i tipi, ognuno con un punto di vista proprio… prima non riuscivo a capire i commenti carichi di negatività …ma con il passar del tempo ho capito che il “comune denominatore” tra tutti noi è il puro amore per lo scudo del Parma. Io, come scultore, esprimo i miei sentimenti con la scultura, più che con le parole… Scultura che viene da Cassio Parmense … dov’è nato il mio nonno Giacomo Guernieri, era uno Scalplén che lavorava la pietra del Monte Cassio ed ha trasmesso a me il gene della scultura.
    P.S.: Voglio approfittare di questa occasione per trasmettere la mia riconoscenza per il grande lavoro che svolge Gabriele Majo con i suoi articoli pubblicati qui su Stadiotardini.it per il Settore Giovanile.
    Forza Parma Sempre,

  8. Gabriele says:

    Al di là del fatto che sarebbe interessante capire quale mister esperto, ne possiamo cambiare anche 2 o 3 di allenatori ma La Rosa è da playoff. Cambiamo anche modulo magari 352 che è L unica alternativa fattibile ma poi ci ripeteremo che siamonsenza mediano e attaccante. Invece di buttare sempre dei soldi per dirigenti allenatori e over 30 magari sarebbe il caso di fare un progetto vero e proprio.
    Con la salernitana è stata una comica Moroni è stato generoso, a cominciare da Lucarelli che ha causato L espulsione del compagno per far la giocata elegante, questo è lo specchio dello spogliatoio e dell atteggiamento, leviamo lo smoking e mettiamo la tuta. La salernitana ha tutti i meriti ma altro che cambi ci siamo mangiati 2 volte il 3-0 con 2 attaccanti segnai solo i difensori su calcio da fermo dai su altro che serie a

  9. morosky says:

    Formazione anti-Palermo, siculi assolutamente da non sottovalutare, mancheranno dei loro 7/8 nazionali ma schiereranno, comunque, una formazione attrezzata e solida poi, giocano in casa e, in quello stadio farà molto caldo , in tutti i sensi !!

    A me piacerebbe che il mister schierasse questa formazione:

    FRATTALI
    MAZZOCCHI LUCARELLI GAGLIOLO SCAGLIA
    DEZI CORAPI SCAVONE BARILLA’
    BARAYE CALAIO’

    centrocampo molto ben composto, centimetri, peso, forza, corsa, tanta grinta e pure buona qualità….
    due esterni difensivi che, volendo, possono spingere in fascia…
    ..
    Baraye in zona Calaiò…senza lasciarlo solo in mezzo a 3 difensori ….

    Purtroppo il mister continuerà con le sue idee, i suoi schemi, il suo gioco largo sulle fasce ( ma non è una questione di uomini, sono tutte scelte avallate dallo stesso)..
    anche mettendo Pinco o togliendo Pallino non cambierà nulla ..
    se non si arriva nei pressi delle aree avversarie ..con palla giocata a terra ( così fan tutti ..!! )
    AS TRIBULA A FER GOL ….E AS TRIBULARA’ SEMPAR …
    ..
    non dico nemmeno + sperema ben ..
    il count down è già partito …

    • Lukfur says:

      La smetterei con Mazzocchi terzino!!!!!! è perverso come Baraye a centrocampo con Apolloni.
      Le sue doti sono corsa ed è uno dei pochi in grado di saltare l’uomo. Posizione naturale esterno DX di attacco, al massimo mezz’ala.
      Lo vedo meglio in un 3-5-2

      Frattali
      Sierralta Gagliolo Lucarelli
      Mazzocchi Corapi (Dezi) Scavone Scaglia (Germoni)
      Baraye (Di Gaudio) Calaiò (Ceravolo)

      La rosa è buona, fatta di giocatori esperi e giocatori giovani. Serve solo un mister esperto e preparato per la A diretta … E PER LA STORIA!!!!!

  10. Luca says:

    Perchè non sottolineamo che uscito Scozzarella si è spenta la luce? Comunque si Moro, anche a me questo Parma ricorda quello della prima parte della scorsa stagione. Agonizzante e che andava avanti per inerzia.

  11. luca says:

    Mauro cosa intendi per aria di grandine e cielo nero?

    • morosky says:

      Maltempo non solo meteo…
      clima da brutta stagione….ancora un autunno pioviginoso, foriero di mutamenti del tempo …temperature in rialzo…..brutto tempo, governo ladro …

  12. Lukfur says:

    Personalmente la pianterei di perdere tempo in formazioni anche più consone ed opportune. Tanto il mister è sclerotizzato sul suo 4-3-3 e dal li non si schioda.
    Errare umanum est, perseverare diabolicus.
    Pertanto, caro Moroni, proporrei una altro gioco… dal momento che non credo durerà ancora molto (prevedo e spero fino ai primi di novembre).
    Infatti se il closing si farà nei tempi previsti (fine ottobre) ci pernerà Crespo a mandare via D’Aversa, diversamente, se questo saltasse o dovesse ritardare considerevolmente, toccherà a Carra prendere la fatidica decisione….
    Divertiamoci pertanto a pensare chi potrebbe essere il nuovo allenatore, colui da cui ripartire con un progetto serio .
    Il progetto Parma 1913 infatti soffre ancora di un peccato originale, provocato dal tanto osannato Scala.
    All’inizio infatti i progetti di Ferrari erano diversi, a cominciare dal mister, un certo Tesser, che bene sta facendo a Cremona.
    Purtroppo poi fu convinto da Scala a prendere Apolloni e Minotti, e sappiamo tutti come è andata….
    Si è provato a porre rimedio con il ribaltone di circa un anno fa, ma aggiungere un errore ad un errore già commesso non serve…
    Ripartiamo pertanto da un mister ed un DS seri e preparati.
    Come allenatore proporrei Ancelotti Donadoni o Guidolin, in seconda battuta Ballarrdini.
    Cosmi o Iachini sono mediocri e da squadre di serie B, a noi serve uno che non solo ci porti in serie A, ma li ci faccia anche crescere e che dia una personalità ed una identita alla squadra.
    Avrei pure una idea, perversa se volete…. Nel caso non si volesse cambiare mister, tanto lo paghiamo ugualmente, proviamo a vedere che combina Apolloni con questa squadra… sono convinto che in ogni caso farà meglio di D’Aversa (con buona pace del Faggiano ….)

    • lorenz says:

      A volte penso che qualcuno lo faccia apposta… Quindi dovremmo prendere Donadoni che sta allenando il Bologna in A e quindi verrebbe a Parma in B di corsa e senza pensarci un attimo, e Ancelotti che guadagna 12 milioni senza fare niente al Bayern sarebbe felicissimo di allenare in B in italia…Mah!

    • morosky says:

      Non è una perdita di tempo, da parte mia piace parecchio l’idea di pensare a nuove soluzioni, riadattate al momento ed al problem solving, ben sapendo che la formazione, l’impostazione e le decisioni appartengono alle persone preposte: il nostro è, appunto, solo un gioco.

      Il tuo toto allenatore NON STA NE’ IN CIELO NE’ IN TERRA:

      TESSER è l’allenatore della Cremonese da qualche anno;
      DONADONI l’allenatore del Bologna da un paio d anni;
      BALLARDINI, non migliorerebbe la situazione;
      GUIDOLIN è sotto contratto ma, PERSONALMENTE RITENGO CHE NON VERREBBE ( se non a cifre improponibili per la piazza )
      ANCELLOTTI, a parte l’ingaggio ( era tra gli 8 ed i 10 milioni all’anno ), dopo essersi costruito una degna carriera, dopo aver vinto in Italia, Inghilterra, Spagna , Francia e Germania , alla guida delle migliori formazioni europee, gran condottiero e conoscitore di calcio, secondo te viene a Parma, in Serie B, con tutto il suo staff di collaboratori ???
      Mi sembra che si stia sognando molto coi nomi e le ipotesi proposte ….( dapprima bisognerebbe verificare la loro eventuale fattibilità..non credi ? )
      ..
      l’ultima, quella di Apolloni, mi sembra ad di fuori del comune senso del pudore..

      Su COSMI E IACHINI non mi pronuncio perché…
      io ho un nome caldo caldo , sarebbe un top per esperienza, grinta, capacità e mestiere, un condottiero : è libero da impegni ma sarà disponibile e, a quale prezzo ??

      ciao Lukfur

      p.s. nemmeno a me piace terzino Pasquale Mazzocchi ma, con D’Aversa, o gioca li o non trova spazio ( se ricordi, lo hanno confermato ma, nel reparto difensori esterni dx , poi lui può essere adattabile ma , nell’atro ruolo è chiuso da troppi compagni ..)

      • albano says:

        chi è Mazzarri o Reja ??
        io vedrei bene Reja. allenatore esperto, grintoso ma composto.
        con lui si che si può sperare nella A.

      • Lukfur says:

        Il celebre economista John Ruskin di Eva che è meglio spendere di più per qualcosa che veramente ti serve piuttosto che spendere meno ma rischiare di non avere ciò di cui hai bisogno. In poche parole. … Chi spende di più. .. spende di meno…. Co fessi che mi stai incuriosendo…. un grande libero???? Mi vengono in mente solo Ancelotti e Guidolin …. Prandelli?
        Donadoni sarebbe un’idea ma per il prossimo anno (ora è a Bologna dove sta facendo benissino)

  13. giorgio massari says:

    Intanto ben tornato Mauro, si sentiva la tua mancanza su questo blob,
    perchè non dici a tutti che c’è la guerra nello spogliatoio?
    il mister e le sue cervellotiche scelte, e i giocatori contro, i più rappresentati del gruppo?
    Ma dov’è la società?
    Per quanto riguarda Ceravolo, perchè lo si è acquistato per una cifra così folle? Ma le visite mediche sono state fatte? Non si prende un giocatore rotto, vuol dire essere nel pallone o no? Guarda la Juve cosa ha fatto con quel giocatore della Samp, già ma loro hanno dirigenti all’altezza.
    E qui tiriamo in ballo il direttore o no?
    Perchè le TV locali non sono obbiettive con la verità?
    Siamo stanchi di balle e di comizi, è l’ora di tirare fuori tutti, le parti più intime che abbiamo.
    Come diceva Bartali l’è tutto da rifare, via i dirigenti e l’allenatore.

    • morosky says:

      Ciao Giorgio,
      grazie ma, non sono mai andato via ( solo in vacanza qualche giorno ma sempre seguendo il sito giorno per giorno )

      Per dire che c’è la guerra nello spogliatoio servono due condizioni:
      una, che veramente esista ( io non credo e , comunque, non ne ho avuto il minimo sentore ) e due, ovviamente, esserne a conoscenza: per quello che so io non ho avuto né avvisaglie né news da Collecchio ( sono 15 giorni che non frequento ).
      Per quanto riguarda la SOCIETA’ penso che non si muoverà nessuna foglia da nessuna pianta fino a quando non verrà effettuata l’operazione di chiusura cessione azioni: quindi parliamo da fine ottobre in avanti !!
      Capitolo CERAVOLO, il tutto sembra incredibile ma, è successo, pure qui non conosco i fatti veri e la società non ha pubblicizzato, ovviamente, la questione: errori ??? problemi ???
      visite mediche ??? il guaio concreto è l’indisponibilità dell’atleta da oltre un mese anche se, devo dire, a Perugia era disponibile, è sceso pure in campo e, posso pensare, ad una ricaduta di un problema precedente !!
      Le tv locali, così come i quotidiani, hanno le informazioni dai comunicati stampa della società: le notizie NON POSSONO INVENTARSELE, possono, potrebbero solamente IMBASTIRE DELLE IPOTESI, SOGGETTIVE od OGGETTIVE che siano ma, su cosa ?
      su come gioca la squadra, come i singoli, insomma le prestazioni del campo che tutti vedono, chi + chi meno
      ..è tutto da parte mia
      ciao
      Mauro

  14. Davide says:

    Intanto Perinetti molla Tacopina per andare da Preziosi…è come uno che lascia Jack lo Squartatore per andare da Hannibal Lecter. Questa cmq è una buona notizia. Significa che il money in laguna scarseggia e scarseggerà ancora di più a medio termine. In prospettiva una avversaria in meno (sperando ovvio che i cinesi non siano iscritti all’UPI di Shangai).

    • morosky says:

      E quindi chi ghà guadagnè Davide ?….Venezia, Genova, Perinetti o nison di tri ?
      No money in laguna ? e da nuetar ?
      in prospettiva, Venezia nostra avversaria per cosa ?
      salvezza ? metà classifica ? play station ? play off ? subbuteo o bigliarden ?

      … i nostar cines ?? adesa a vagh a fer na ricerca alla Trade & Business Bedroom ed Pechino ( praticamente la nostra Camera di Commercio locale ) e ti so dire di che lana vanno vestiti..
      ….
      10 minuti dopo ..
      ….
      Eccomi Davide, allora tutto a posto: la visura camerale, una splendida suite super accessoriata, parla del Presidente
      ( persona fisica ) come il secondo dirigente sportivo + ricco del paese : li non hanno l’UPI ( unione piocioni industriali ) ma un organo federale statale, legato al solo melcato estelo ( se no ig tajen el man ) che si chiama CLEANyouryuan, uno stluttulato sistema che consente di tlans-veicolale denalochenonsilavava velso paladisi fiscali lontani ( squadle di calcio, centli massaggi, catene di listolazione, melcati ghiaia e via d’azeglio, ola pule standa ): a breve un grande evento storico ( dopo Milano, Roma e Forlì-Cesena ), Parma sarà la quarta provincia italiana ad essere gemellata con Pechino e, finalmente, una nostra delegazione del Comune di Parma partirà alla volta della Grande Muraglia, vai Pizza….!!!
      ..
      di + non ho saputo

      • albano says:

        Moro ci dici chi è in odore di panchina Parma.
        sopra ti ho fatto un paio di nomi. sono attendibili?

        • morosky says:

          Preferisco tenermi la cosa stretta visto che è solo una voce,
          ad ogni modo, nessuno dei due…

          Mazzarri mi pare alleni in Inghilterra e Eddy Reja non penso che possa essere un profilo adeguato oltre al fatto di avere ormai oltre 70 anni ..!

          Io non sono mai d’accordo sul cambio di allenatore in corsa ( insuccesso per errata valutazione societaria ) ma, purtroppo, sia l’anno scorso che oggi come oggi, se non cambia gioco, qualità e quantità…anche con 2 vittorie…non si andrebbe da nessuna parte…
          moro

          • jdm says:

            la castagnata la facciamo lo stesso

          • Alessio says:

            Morosky, tu non sei un lettore qualsiasi, tu sei un articolista del sito, per cui evita di amplificare le voci, se sono solo voci, come dici, o se sai qualcosa, e sei sicuro, e hai le prove, dillo…
            http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  15. jdm says:

    non penso visto che si sono gia’ comprati l’upi di parma ,a breve apertura stabilimento di spaghetti di riso a Nanchino

  16. Douglas says:

    La Soluzione ” Calcio Giocato ” vediamo Domenica alle 3 …..
    dopo …Passiamo al ponte e ci sentiamo ..
    Un Gran Abbraccio i Tifosi di Parma
    Forza Parma

  17. Domenico says:

    Quello che conta è se i cinesi vogliono spendere.
    Per ora aghè gnanca un bor da fèr balèr na scimmia.

    • jdm says:

      di certo ci hanno messo 3 milioni in conto capitale ,la capitale pero’ e’ pechino

      • morosky says:

        Allora Assio,
        mi a son pront, tra do smani a vena szo al me amig da Scuran,al porta el castagni ed Campora : ti dit chi sran bele maduri ? vers al 20..25 dal mesz ??
        mi im pieszen beli rostidi e po passedi in tla querta na bela meszora bondanta a star beli cheldi e fnir ben la cotura : dopo, par mi, sag fus un novello primitivo in anticipo….mi a sris a post….par tutta la sira !

  18. pencroff says:

    lè, adesa c’me faral Davide sensa Perinetti?

  19. Lukfur says:

    Fra gli allenatori liberi: Ancelotti, Guidolin, De Zerbi, Colantuono, Mazzarri, De Canio, Ballardini, Zaccheroni……

  20. morosky says:

    Ragazzi ma stiamo scherzando ?
    Siamo in Serie B, non siamo + il Parma che fu: le coppe sono state portate al Museo ma, questo è un altro Parma e, PER FORTUNA, un altra società che, COI FALLIMENTI DEI FALLITI , non è nemmneno lontanamente parente ; questa nuova società, fresca di due promozioni consecutive, per quanto stimata e in ascesa, non ha l’appeal e la forza economica per ingaggiare calibri di allenatori come alcuni dei big citati: voliamo basso, lasciamo Carletto in ferie superpagate, il Don a ciclopedalare sul Mortirolo e i vari commentatori televisivi alle loro telecronache di supporto..!!

    • Lukfur says:

      Se in A vuoi andare… Un allenatore da A devi pigliare…. E secondo mercato lo devi pagare.
      Credi che D’Aversa lavori gratis????? Lo paghiamo pure per vedere certi spettacoli orripilanti? ???
      Se la società non vuole spendere, ma non credo sia così, allora teniamoci questo mister ma non lamentiamoci più se le partite fanno schifo, il gioco non c’è e nemmeno i risultati. Accontentiamoci di un campionato mediocre, se ci va bene a metà classifica.
      Ma non credo andrà così. …

  21. Marco says:

    buonasera Mauro ho letto su Wikipedia che il congresso dura solitamente cinque o dieci giorni,visto che il primo giorno è il 18 come fanno a pensare di farcela per fine ottobre?

    • morosky says:

      Buon giorno Marco,
      beh, esposto come hai scritto tu…18+10…28 ….credo che abbiano tutto il tempo per arrivare in Italia ..
      se atti e documenti sono pronti…in attesa di sola formalizzazione .. a fine mese si dovrebbe concludere…. o no ??
      vedrai che, una volta sbrigate le loro “beghe interne” ( direi molto più importanti ed impegnative del business Parma ) arriveranno e …”closeranno”…

  22. morosky says:

    Cambio formazione anti Palermo ( fra parentesi , Trajkovski ha appena pareggiato per la Macedonia )

    ……………………FRATTALI …………………..
    SIERRALTA LUCARELLI GAGLIOLO SCAGLIA
    …….DEZI SCOZZARELLA SCAVONE ……..
    ……..SILIGARDI CALAIO’ BARAYE ………

    questo passa lo convento ..!!

    • LG says:

      Penso che sia quasi giusta, forse le uniche variazioni potrebbero essere Sierralta in mezzo al posto di Lucarelli ed a destra spazio a Mazzocchi. Per il resto questo passa il convento, concordo, a centrocampo ed in attacco queste sono le soluzioni migliori al momento, anche se spero in un ingresso di Ceravolo a partita in corso in modo da farlo giocare insieme a Calaiò in attacco, facendo una specie di 4-4-2 mascherato.
      Sempre e solo forza Parma

      • Douglas says:

        Ottimo evaluzione LG ….. Mi piace un ” chance ” per Mazzocchi …. por lo minimo 25 minuti ….sempre mi piace los jugadores que tiene regate y desborde …questo ragazzo ha bisogna di minuti ….
        Tema 4 – 4 -2 va bene tambien…Io personalmente prefiro per questa organica un 3 – 5- 2 ….
        Ma …insomma depende il Mister …
        Perche ” Cuando hay Padrón no manda marinero ”
        P.S. anche 25 minuti per Ciccio …magari

        • Douglas says:

          Ceravolo …mama mia …. che entra ,,,questo Clasico 9 e mette dentro il gol de la vittoria ….. Io personalmente …che succede cosí ….. quedo mas feliz ” que un cerdo en un charco ” happier than a pig in shit …
          Forza Parma

      • morosky says:

        Vedrai che giocherà coi 3 centrali, uno dei quali schierato esterno ( a destra sarebbe Sierralta, a sinistra sarebbe Gagliolo ) ; in base a come li disporrà sarebbe questa la linea :

        Mazzocchi SIERRALTA LUCARELLI GAGLIOLO
        SIERRALTA LUCARELLI GAGLIOLO Scaglia ,
        io propendo per la seconda ipotesi !!
        Se entrasse CERAVOLO sarei contento per lui ma, significherebbe pure, probabilmente, che saremmo in svantaggio e la cosa non mi sfagiola molto..!!

        • morosky says:

          La scelta dei 3 centrali, in luogo di avere sugli esterni sia Mazzocchi sia Scaglia in contemporanea, ha una sua logica: in caso di infortunio o di necessità tecnica basterebbe un solo spostamento
          ( continuando a giocare a 4 mantenendo sempre, comunque, almeno due centrali in campo )…
          quindi, la partenza difensiva solita con possibilità di sostituire uno dei 3 anche con giocatore non obbligatoriamente pari ruolo.giusto ??

        • Douglas says:

          Ciao Mauro …..
          Parlando di giocare Ceravolo é proprio interasante …..pero in cambio di entrare quando la scuadra é in dificoltá …Perche no como Titolare ….di ensenare forza del la scuadra …e se Lui fa quelche gol ” La Puta ostia ” di bueno …. cosi é arrivato il Parma …..
          se posso fare un anologia ….il Gran Bataglia de Cannae ….quando il Genio Annibale ha vinto la battaglia con i Romani con su ategiamento frontale incontro il monstro esercito Romano …. ha encoralado i Romani con la meta di soldati e ha fatto carne picado del esercito Romano …
          Forza Parma Etrusco

  23. tommasone says:

    Penso anche io che Baraye è imprescindibile sulla sinistra in questo momento.
    Per l’allenatore non vedo perchè cambiare ora. Con i giocatori che abbiamo la posizione in classifica è corretta. Lasciamolo tranquillo poi valuteremo più avanti. Il mercato estivo è stato buono in parte. Delusioni tutte in avanti. Ceravolo perchè rotto. Siligardi non pervenuto. Di guadio potevano tenerselo. Il resto non male

  24. tommasone says:

    Basta battute sui Cinesi. Non hanno comprato il Parma perchè innamorati del calcio o altro.
    Perché conveniva loro questo investimento. Penso anche io che i risultati buoni o meno non gli freghino molto. Speriamo solo che investano e la dirigenza spinga.

    • jdm says:

      a “conveniva questo investimento” ho capito molto sulla capacita’ cognitive dei miei interlocutori

  25. tommasone says:

    Certo che se baraye, fosse un filo meno grezzo e altri crescessero un po , il ragazzo potrebbe trascinare il parma a un balzo in avanti.

    Forse in questa squadra è il talento maggiore.
    In virtù di questo pensate che un anno fa Apolloni lo teneva in panca.
    Tra l’altro Gigi è un grande uomo di calcio

  26. tommasone says:

    Finalmente torna Gagliolo tra i titolari, sperando che vi resti.

  27. tommasone says:

    Mi chiedo come fa un tifoso, anche solo sperare, che Ancelotti possa venire ad allenare il Parma??????
    Basterebbe avere il costo del suo ingaggio, come bugget di un anno calcistico al Parma per salire diretti in A.

  28. jdm says:

    Moro ,pensiamo al pescara che e’ meglio

  29. morosky says:

    Beh, il Pescara è la squadra che godo di + nel panorama cadetto..
    ogni azione d’attacco che fanno è un azione da gol..
    giocano in verticale facendo dei tagli pazzeschi ..
    poi, ogni azione d’attacco loro, subiscono azioni in contropiede…un calcio d’altri tempi, come quando eravamo ragazzi…tutti avanti e chi se vist se vist..
    a me diverte….creano e fanno gioco …

  30. Nico says:

    Il sistema tattico in questo caso non c’entra. Il 4 3 3 funziona, eccome, però in altre realtà e lo sappiamo. Se ben applicati tutti i sistemi di gioco sono validi.
    Noi usiamo praticamente solo una combinazione: Scaglia/Baraye (o chi per loro) che è solo UNA combinazione fra le tante che si potrebbero usare. Sfruttiamo solo la catena di sinistra.

    Giochiamo troppo larghi, scappiamo indietro in caso di transizione negativa, non adottiamo marcature preventive, i difensori non aggrediscono il portatore di palla, il pressing è praticamente inesistente, ci difendiamo troppo bassi, la manovra di attacco parte dentro la nostra metà campo senza coinvolgere i costruttori del gioco

    Questa non è una cosa strana, ma è un modello di gioco che sta dentro la testa del mister. Non so se i giocatori sono bravi o no, con questo modello di gioco di D’Aversa è difficile valutarli. Come diceva qualcuno troverebbe difficoltà, paradosalmente, anche Messi.

    In queste prime partite il nostro gioco è così prevedibile e scontato che qualsiasi allenatore avversario nel secondo tempo legge la situazione e vi pone rimedio, facendoci sembrare degli imbranati. Non per niente nella classifica dei primi tempi abbiamo 11 punti e in quella dei secondi tempi ne abbiamo 4. Non credo che sia un caso o colpa della forma atletica, sempre tirata in ballo quando non si sa più cosa dire. insieme a non meglio precisati problemi psicologoci.
    Il flusso del nostro gioco è praticamente comandato dai passaggi dei difensori che sono chiamati ad impostare dimenticando che stiamo spegnendo alcune individualità di centrocampo che secondo me hanno valore ma non nel parma sotto questa guida.

    D’Aversa può cambiare sistema tattico, ma la sostanza secondo me non cambia, riproporrebbe il suo modello di gioco che in sintesi è una “breve” eppur lentissima costruzione da parte della difesa per un “immediato” tentativo di attacco diretto alla rete avversaria sempre sullo stesso versante (sinistro). Attacco velletario, prevedibile e controproducente perchè se si perde il possesso scappiamo subito indietro regalando campo agli avversari con le conseguenze che conosciamo. Si può cambiare tutto, schemi, uomini, ma la sostanza rimarrebbe la stessa: questo è lo “stile” D’Aversa.

    • morosky says:

      Bene ..allora non va bene così….
      …IL SISTEMA DI GIOCO E’ BUONO ?
      o sono gli uomini o è l’allenatore ….mi pare che la risposta sia nel tuo ottimo commento..

      se a Houston abbiamo un problema ….BISOGNA ALMENO CERCARE DI RISOLVERLO ….in un modo o nell’altro ma….
      il problema SADDA’ SISTEMA’

  31. Pencroff says:

    Se vó al tira in bal Ancellotti vol dir cle fora c’me un balcó. E parchè alora no Conte?
    A gvol vó che al bocà i carcagn ai zsugador e che agli atachis a l’omet sin tiron miga fora il budelli.
    E che abbia un costo adeguato al Parma di oggi, su là.
    Ancelot…alora mì a pos penser d’ander a magner la pizza con Monica Bellucci al bodghè. E cla pega le, compres i profiterol e al nosè

    • Lukfur says:

      Ma ci vuoi andare in serie A e vedere un buon gioco, oppure preferisci galleggiare squallidamente e mediocremente a metà classifica in serie B? Visto che ti piace la seconda…. Non ti lamentare del gioco di D’Aversa e godi degli spettacoli che offre. … critichi a sproposito…. Come fai a salire in A se ti accontenti di un allenatore mediocre? ????? Mah roba da botte piena e moglie ubriaca…. SVEGLIAAAAAA

  32. Nico says:

    ciao Moroni
    Abbiamo esempi anche in serie B, che al momento, più misera di così non avevo mai visto, abbiamo esempi dicevo di squadre che applicano il 4 3 3 e lo fanno certo meglio di noi anche con interpreti inferiori. Cmq se D’Aversa non lo cambia, il SUO personale 433, un motivo lo avrà. Intendo dire che D’Aversa ha una sua idea di come giocare. E insiste su questo, ecco perchè credo che non cambierebbe nulla cambiando gli interpreti (e lo abbiamo visto) e nemmeno lo schema tattico. Credo che non abbia in mente altro o almeno che non voglia fare altro. Di esperienza ne ha davvero pochina per cui si sta scontrando, suo malgrado, con la realtà, cioè che “tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare”

    Non si può pensare poi che tutti i giocatori non siano all’altezza quando ovunque troviamo estimatori di molti dei nostri, praticamente tutti (saranno, questi estimatori, con competenze nel “ramo”, solo dei cretini?)

    Spero che D’Aversa mi smentisca e che cerchi di adattare il sistema tattico ai giocatori e non viceversa. Spesso nelle categorie inferiori, ma anche in serie A, il bravo allenatore è quello che trae il meglio da quello che ha perchè non tutti hanno a disposizione tutti i giocatori che vorrebbero avere.

    Lo dico dalla primavera dell’anno passato che la barca va sì coi rematori, ma importantissimo è il CAPO-voga che li fa andare in sincrono, scandisce le pagaiate, tiene la rotta ecc.. capito? Qui, paradossalmente, si arriva addirittura a prendersela con gli spettatori/tifosi che non remano. ihihih

    Non ho mai però infierito contro D’Aversa per partito preso, continuando anzi a dargli la scusante dell’inesperienza, però ci tenevo a rilevarne le mancanze: come a dire che i nodi prima o poi sarebbero venuti al pettine.

    Ora, dopo altre partite, di progresso tecnico-tattico non ne vedo, anzi, e non oso quasi dirlo, vedo addirittura dei passi indietro, e sono alquanto preoccupato. Cambiarlo sarebbe giusto, ma temo che arrivi l’amico di qualche amico che venga di nuovo a farsi la sua esperienza qui da noi. Anche se per far meglio secondo me ci vuol poco. Cambiarlo? E chi lo cambia? Siamo in un limbo, anche mettendosi nei panni di UNO che deve venire qui… non so..
    ma c’è qualcuno a Houston?

    Sta di fatto che per fortuna in classifica siamo ancora lì e cmq qualche goals su azione e con un attaccante lo faremo, statisticamente ormai ci sta, ma i problemi resteranno.