IL COLUMNIST / IL VERTICE DI SHANGHAI E LA NECESSITA’ DI PUNTELLARE LA ROSA CON POCHI, MA MIRATI INTERVENTI DI CARATTERE MIGLIORATIVO

01 Dic 2017, 01:00 8 Commenti di

il-columnist-luca-russo.jpg(Luca Russo) – In un articolo di qualche giorno fa, a proposito del momento attraversato dai Crociati, ho scritto che “se io guardo la classifica, vedo un Parma molto più che ben messo, considerando che siam reduci da una doppia promozione e che appena ventiquattro mesi fa abitavamo nel sottoscala del calcio italiano (Dilettanti). La vetta, occupata in solitaria dal Bari, dista tre lunghezze; l’altra piazza che garantisce la promozione diretta in A, sulla quale adesso staziona il Palermo, è a due punti. E noi? Siamo terzi in compagnia del Frosinone, ma soprattutto davanti a diverse squadre che a questo punto del torneo difficilmente avremmo immaginato alle nostre spalle”. Poi, a margine dello stesso pezzo e in risposta al commento di un nostro lettore, ho ricordato alla piazza di non dimenticarsi che “il Parma è pur sempre una neopromossa. E in quanto tale non ci si può aspettare che gli riesca tutto al primo anno di B”. Ribaditi questi due concetti, che io ritengo indispensabili per valutare con lucidità ed shangai faggianoequilibrio ciò che ha prodotto la formazione gialloblù nelle prime battute della stagione in corso, pur riconoscendo la bontà e l’eccellente fattura del lavoro fin qui svolto da D’Aversa i suoi ragazzi, e convinto come sono che tutto sia perfettibile o perlomeno migliorabile, accolgo con estrema soddisfazione la notizia del summit che ha avuto luogo a Shangai tra i vertici del Parma. La riunione, alla quale hanno partecipato Jiang Lizhang, neopresidente del Parma, Marco Ferrari e Daniele Faggiano, è servita a capire come si può rendere ancor più affidabile il già abbastanza solido equipaggio Crociato, il tutto naturalmente con vista sull’imminente mercato di gennaio. Considerate le prestazioni non esattamente convincenti di Dezi e Siligardi, ovvero dei due che in teoria avrebbero dovuto spostare i nostri equilibri, e la gravità dell’infortunio occorso a Ceravolo, nonché lo stop che ha costretto ai box Calaiò, è emersa in maniera dirompente la necessità di rinforzare la rosa a disposizione di D’Aversa con almeno un centrocampista e una punta. Perché se è vero, come è evidente anche al più scettico dei tifosi, che i gialloblù finora hanno avuto un rendimento ben al di sopra di ciò che era lecito immaginarsi alla vigilia della stagione, è ipotizzabile che, al lume dei limiti che hanno palesato in certi frangenti, non abbiano nelle proprie corde la lizhang faggianocapacità di sopravvivere al ritmo, per la verità sino ad oggi nemmeno così incalzante, di Palermo ed Empoli, due squadre assemblate col chiaro obiettivo di centrare la promozione, fossero anche obbligate ad attraversare le pericolose strettoie dei playoff. Da qui la necessità di puntellare la rosa gialloblù con pochi interventi, ma mirati e di carattere migliorativo. Fuor di metafora: a mio modo di vedere non si spenderanno soldi per il gusto di assecondare i desiderata dei tifosi né verranno presi giocatori solo per fare numero. Al contrario, saranno ingaggiati calciatori funzionali alle nostre esigenze e ai nostri obiettivi stagionali. In questa ottica, il rinnovo del contratto (in scadenza a giugno) che da più parti si sostiene sia stata proposta al diesse Faggiano proprio in occasione del vertice a tre di Shangai, non potrebbe che essere una gran bella notizia, ma da qui a che la stessa sia anche vera manca la notula d’annunzio, o almeno qualche straccio di virgolettato verbale ufficiale di qualcuno dei protagonisti, al di là delle intuizioni più o meno felici o più o meno superficiali di noi osservatori esterni, ché non si sa mai che Faggiano non si sia sobbarcato la lunga traversata intercontinentale per motivi differenti rispetto alla sua posizione contrattuale. In ogni caso io penso (Lizhang non saprei) che se Faggiano  è stato così bravo a fare di una neopromossa una squadra che non soffre di vertigini, non ho dubbi che lo sarà anche nel perfezionarla. E nel prendere il sogno di un’intera città e consegnare a D’Aversa e alla sua ciurma l’occasione di trasformarlo in realtà. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL COLUMNIST / IL CONFINE TRA STAGIONE DA INCORNICIARE O INTERLOCUTORIA E’ TRACCIATO DAGLI SCONTRI DIRETTI. CHE IL PARMA DEVE CERCARE DI FAR PROPRI…

Columnist, In Evidenza, News

Autore

Stadio Tardini

8 Commenti a “IL COLUMNIST / IL VERTICE DI SHANGHAI E LA NECESSITA’ DI PUNTELLARE LA ROSA CON POCHI, MA MIRATI INTERVENTI DI CARATTERE MIGLIORATIVO”

  1. VELENOSO says:

    Io penso che Dezi Siligardi e Di Gaudio non abbiano reso secondo le aspettative.
    Sono le tre delusioni del mercato estivo.
    Tutti e tre largamente insufficienti.
    Si dice che Dezi sia un campione ma non può far vedere il suo talento perché gioca fuori ruolo.
    Facciamolo giocare,allora nel ruolo a lui piu consono e poi vediamo se le sue orripilanti prestazioni sono dovute a questo o a un modulo che proprio non riesce a digerire o se invece s’è improvvisamente imbrocchito.
    Non sono accettabili prestazioni come i 3 dell’Ave Maria stanno facendo ogni domenica.
    Siligardi invece gioca nel suo ruolo ma è veramente inguardabile.
    Dicono che nel Verona era bravo ma allora anche lui si è imbrocchito?
    Di Gaudio invece è un giocatore da squadra che non mira né a play off né a play aut.
    E un mestierante anonimo e a Carpi ha toccato il fondo.
    Se fosso in D’Aversa aggiungerei un centrocampista in piu e toglierei l’inutile Di Gaudio visto che non abbiamo in quel ruolo sostituti all’altezza giocando all’attacco con il duo INBA Insigne e Baraye
    Diamo una chance anche a Corapi se la merita
    Son certo che con un attaccante in meno ma con un centrocampista in più segneremmo più gol.

  2. VELENOSO says:

    Al mwrcato invernale abbiamo bisogno di due cose.
    Un centravanti che colpisca di testa per poter così sfruttare i cross e un ala che prenda il posto di SILIGARDI e DI GAUDIO.
    Solo due acquisti ma VALIDI.
    Inutile prendere 5 o 6 giocatori buonini.
    DUE SOLI MA BUONISSIMI e possibilmente……giovani.http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  3. Douglas says:

    In 27:54 ore ….Calcio Giocato …….
    Forza Parma
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  4. Luca says:

    Cedere Di Gaudio? Non segnerà mai, ma davanti è sempre pericoloso.

  5. albano says:

    condivido il Luca. non è un bomber ma si muove e crea. a me non è dispiaciuto fino ad oggi. forse è una cosa di testa e se si sblocca 5-7 goal da qui a fine stagione può farli.
    Dezi non è ancora decifrabile. non si è adattato e questo è fuori discussione. ma non lo credo scarso.
    Siligardi totalmente negativo. pare svogliato e a fine carriera. questo lo reputo il vero acquisto sbagliato. spero di essere smentito dal diretto interessato il prima possibile.

  6. Benni says:

    Cedere siligardi e prendere uno tra matri, coda e Iemmello

  7. jdm says:

    prendere pesenti

  8. Pencroff says:

    Mo andig vuetor a Siangai no? Co fiv ancorá chí?

Commenta o rispondi (ricorda il numero di verifica)

http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif 
http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_scratch.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif 
http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_rose.gif 
http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_smile.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_whistle3.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yes.gif 
http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cry.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_mail.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_sad.gif 
http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_unsure.gif  http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wink.gif