INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (4^ Puntata)

09 Gen 2018, 12:00 6 Commenti di

la distanzaLuca Tegoni, apprezzato autore di StadioTardini.it, la scorsa estate ha pubblicato in proprio (www.lulu.com) un romanzo corto “La Distanza”  che dal 6 Gennaio 2018, a puntate, ci accompagnerà ogni giorno, allo scoccare delle 12.

Il volume è acquistabile su amazon.it

Ecco la quarta puntata:

Stonata, come se fosse ubriaca, Nina ripeteva a voce bassa, solo per sentire la sua voce, per sapere di esistere oltre l’apparenza, un lamento di parole incoerenti.

:- Non c’è, non c’è, non c’è … Queste poche parole … una protesta, uno specchio ossidato. La lastra di vetro che separa tutto. Dov’è la nostra giustizia, dov’è la nostra fede laica, se esiste, se esiste … Santa, Santa !!! Perché ho paura della mia immagine riflessa ? Io non sono un trucco davanti allo specchio. Io sono Nina … una vedova che fugge? Forse sono già una donna che cammina, cammina, cammina.

Il suo malessere stava tramutando l’essere che era prima in un altro. Nina stava cambiando pelle e anima e tutto molto rapidamente. Volutamente, con un trauma, con un’azione che l’avrebbe aiutata a disfarsi della vecchia. Un processo iniziato dai sensi che il suo corpo doveva stimolare.

Nel suo leggero canto stava accarezzando la schiena nuda di un uomo. Uno sconosciuto.

:- Per raggiungere una meta, una città, un villaggio, un mercato la gente cammina. Africa. Ormai solo loro camminano. Come se la mia vita fosse … è una canzone che canto … oggi sono disturbata. Vorrei comprensione e forse, appena un poco di amore. Ma non dire che ti tocco. Non dire che il mio cammino è finito sul tuo corpo spogliato. Non dire che mi hai avuto per tutta la notte, tutto quel tempo … che noi pensiamo … che noi bianchi, che noi civili, che noi … che anche noi godiamo ogni tanto. Ti prego non ascoltare e dimentica tutto.

L’uomo stava quasi dormendo e ascoltava una voce calda e dura che cullava il suo riposo rilassato. Nina sarebbe andata via e lui avrebbe continuato a dormire. Sempre più profondamente.

Nina stava lasciando un passato dal quale non voleva rimanere imprigionata. La sua scelta, forse incosciente o piuttosto disperata, l’avrebbe portata lontano, distante da quei grattacieli a specchio, dove il suo profilo rimaneva muto, senza carattere, e il riflesso della sua personalità era un commento di sguardi vacui. Avrebbe cominciato un cammino per cui la stanchezza l’avrebbe fatta muovere in modo spontaneo, senza atteggiarsi. Si sarebbe mossa come poteva, come sapeva, come era lei. Si sarebbe mossa con i suoi sensi.

Senza dover dare risposte si stava allontanando, pur stordita dall’essersi spogliata davanti a se stessa e aver scoperto che si piaceva.

Il suo passo deciso la stava allontanando dai grattacieli e dai vetri, passava tra torri altissime e se le lasciava alle spalle senza malinconia ma con il desiderio di avere davanti a sé uno spazio infinito e nuovo.

News

Autore

Stadio Tardini

6 Commenti a “INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (4^ Puntata)”

  1. Luca says:

    La trama è coinvolgente e fa immaginare al lettore le scene descritte nel romanzo. Davvero bravo!

  2. VELENOSO says:

    Da Cruz basta c però squalifiche
    Se invece di 4 gli avessero dato 3 giornate avrebbe debuttato in casa col Novara.
    Il Novara aveva fatto ricorso?

    • lorenz says:

      Ma dove le leggi certe notizie? nell’ultima giornata è stato espulso e ha beccato due giornate, punto! Ma prima di dire certe cose (come quelle dette al momento del suo acquisto, e ci siamo capiti) non faresti meglio a inforrmarti per non fare brutte figure?

      SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA
      DA CRUZ Alessio Sergio (Novara): per comportamento non regolamentare in campo; già diffidato (Quinta sanzione), e per avere, al 40° del secondo tempo, all’atto dell’ammonizione, assunto un atteggiamento irrispettoso nei confronti dell’Arbitro.

  3. VELENOSO says:

    Lorenz nell’articolo di Stadiotardini.it in cui si dicevq che l’acquisto di Da Cruz era una controtendenza di Faggiano.il responsabile dell’articolo che si firmava”mercadante” scriveva che Da Cruz aveva preso 4 giornate di squalifica, due ancora davscontare ( così scriveva” per cui io sono stato con quello scritto indotto in errore ma,se nemmeno gli addetti al lavoro lo sapevano….
    Per questo informati bene

  4. Il Mercatante says:

    Io ho solo copiato incollato quanto scritto dall’autorevole Nicola Binda sulla Gazzetta dello Sport.

    E comunque il dispositivo della sentenza del giudice sportivo citato da Lorenz conferma le due giornate di squalifica da scontare con tanto di comportamento irrispettoso nei confronti dell’arbitro da parte di Cruz