DOPO IL VIAREGGIO, STORIE DI PORTIERI / DIETRO I GUANTI DI GEDEONE CARMIGNANI E ADORNI FIGLIO E PADRE…

28 Mar 2018, 23:00 1 Commento di

Luca Savarese(Luca Savarese) – Non siamo alle Iene, con le loro famigerate interviste doppie, ma questi due qua, iene delle porta o lo sono stati (Gedeone Carmignani) o si stanno preparando ad esserlo (Federico Adorni). Prima abbiamo sentito Gede, al quale abbiamo fatto alcune domande. Quindi, in rapida successione, abbiamo passato la palla, anzi i guanti, a Federico. Stesse domande. Senza che l’uno conoscesse le risposte dell’altro, ci stupisce una cosa: entrambi, alla voce pregio che riconoscono come loro, hanno risposto: la reattività. Tu chiamali, se vuoi, portieri. Poi, quando stavamo quasi per raggiungere gli spogliatoi, fuor di metafora, E concludere questo pezzo, Federico, ci ha confessato che anche suo papà Alessio, che fu estremo difensore della Berretti negli anni 80, forse stuzzicato dall’argomento, sarebbe stato disponibile ad una chiacchierata. Allora, senza indugio, abbiamo sorseggiato dei ricordi anche con lui. Tre epoche diverse, tre paia di guanti diversi, ma con le reti delle porte colorate di gialloblù crociato.

CARMIGNANI-CON-MAJO-A-SIVIGLIA.jpgPartiamo con le risposte di Pietro “Gedeone” Carmignani:

Un tuo pregio, tra i pali, che era particolare soprattutto a te?

La reattività, riuscivo ad essere molto reattivo tra i pali”.

Dove il tuo tallone d’Achille, dove riscontravi qualche difficoltà?

Non ne avevo uno in particolare, avevo tante piccole cosine da migliorare ma niente di molto evidente”.

carmignani-a-un-giorno-in-pretura_thumb.jpgCosa crea un buon portiere: istinto, talento e…

Personalità e le attitudini, che attraverso un allenamento vanno migliorate. Spesso è un’attitudine anche innata, Buffon credo sia un esemplare nato, nella maggior parte dei casi è un’attitudine quindi che va poi migliorata e coltivata, attraverso il tempo…”

Cosa ammiri di Adorni?

Mi piace. Per parare i rigori ci vuole molta concentrazione ed un forte atteggiamento psicologico, lui ce li ha e mi sembra molto determinato”.

adorni esulta dopo rigore parato a venezia e passaggio in semifinaleDa una porta all’altra, la palla passa adesso alle mani di Federico Adorni.

Siete usciti con l’Inter che ha da poco conquistato il trofeo, ma Federico, Milan e Venezia Primavera, ancora ti sognano la notte, ma non come sogno, ma come incubo…

Per fortuna si, abbiamo fatto un grande torneo. Quasi non ce lo aspettavamo, visto anche il campionato e come stava andando, siamo arrivati al Viareggio guardandoci in faccia dicendoci, tra di noi, che sarebbe stata una vetrina importante e dove era essenziale mettercela tutta, e così è stata. Abbiamo colto un risultato importante dopo il fallimento, poi è stata la quarta volta che il Parma accedeva alle semifinali, contro Milan e Venezia abbiamo fatto partite di grande sacrificio e poi ai rigori ho cercato di dare una mano alla squadra e mi è andata bene”.

adorni rigore 1 veneziaUn tuo pregio, tra i pali, che era particolare soprattutto a te?

Penso di essere un portiere abbastanza reattivo, pensando anche a tutte le parate fatte al Viareggio, sono tutte di istinto e reattività, penso sia quello il pregio che ho”.

Dove il tuo tallone d’Achille, dove riscontri qualche difficoltà?

Il gioco con i piedi, me lo dice anche il mister, al giorno d’oggi un portiere deve saper giocare coi piedi, perché diventa quasi un difensore aggiunto, ma rispetto all’inizio dell’anno, ho già fatto dei miglioramenti”.

majo io i rigori non li paro in allenamento, ma in partita li paro (adorni dopo milan parma)Cosa crea un buon portiere: istinto, talento e…

Bè innanzitutto deve sapere parare, è un requisito essenziale, se non sai fare quello non sei di grande utilità alla squadra, oltre a quello, ciò che distingue secondo me un portiere di dilettanti e Lega Pro e serie A o B è la disinvoltura coi piedi ed il coraggio nelle uscite alte”.

Era ovviamente di una generazione diversa rispetto alla tua. Ma cosa hai avuto modo di apprezzare di Gedeone Carmignani?

Dai ricordi che ne ha mio padre, che me ne parla sempre non bene, ma benone, direi che è stato importante per lui come un maestro sia a livello tecnico che umano”.

parma berretti adorni alessioE per finire, la palla passa ora ad Alessio Adorni (“senior”), che fu portiere della Berretti nella stagione 1982-83.

Cosa ricordi di quella Beretti del 1983 ?

Era un gruppo buono, con delle eccellenze. Come Stefano Pioli che conoscevo da quando avevamo iniziato a giocare, a 5 anni. Prese presto il volo per la prima squadra. Era un calcio diverso, ma eravamo un gruppo di amici: quando venne Carmignani iniziavamo a fare e a vivere cose ed esercizi mai fatti prima. Fu un pioniere in questo senso. Per intenderci, prima del suo avvento noi portieri ci allenava, tirando in porta, Bruno Mora, Gede introdusse un allenamento specifico per i portieri, che a quel livello pochi o nessuno faceva e questo, cambiò molte cose.”

berretti piacenza parmaChe portieri eri?

Stavo in porta, ma con molta meno esuberanza e personalità di Federico: ho fatto tutta la trafila sono andato anche in ritiro con la prima squadra e però non avevo quel qualcosa in più, anche se in un derby contro il Piacenza, in campionato, riuscii anche io a parare due rigori (come mostra la preziosa foto) in uno scenario un po’ strano perché, dopo il secondo rigore che parai, dietro la mia porta, uno spettatore ebbe un infarto, ma la partita non si sospese. Cosa oggi, davvero inconcepibile”.

Federico i guanti, quindi, li ha trovati in casa?

Guarda: a lui fino a 6 anni non interessava nulla. Poi i Mondiali del 2006 gli hanno fatto nascere qualcosa, io ho fatto ben poco, poi ho visto subito che aveva delle doti abbastanza interessanti e sta facendo un percorso importante. Più che di Federico, ci tengo a spendere due parole su Carmignani. Ho un piacevolissimo ricordo di mister Gedeone, era davvero una persona unica, anche nei momenti difficili sapeva sempre insegnare, fu ripeto il primo che ci faceva fare certe cose tecniche, poi in piazza è amato a Parma, m ricordo che ogni tanto lo accompagnavi in Vespa dal campo d’allenamento in città: si andava in due, senza casco… Lo saluto volentieri, perché è difficile trovare persone così, che nel rispetto dei ruoli e delle decisioni che prendeva, era di un’umanità bella e fuori dal comune”.

Voilà, tre portieri in una sola volta. No, non capita tutti i giorni… Anche questa una magia del Viareggio… Luca Savarese

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

ALESSIO ADORNI E I RIGORI (CLIP 2)

In Evidenza, News, Videogallery Amatoriale

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

1 commento a “DOPO IL VIAREGGIO, STORIE DI PORTIERI / DIETRO I GUANTI DI GEDEONE CARMIGNANI E ADORNI FIGLIO E PADRE…”

  1. Luca says:

    Forse abbiamo il primo vero talento in casa: Federico Adorni. Tra un 2/3 anni dovrebbe esordire in prima squadra dopo essersi fatto le ossa in prestito.