CARMINA PARMA, di Luca Savarese / UNA DOLCE PASQUETTA CON I TRE CANNOLI DI CALAIO’, PALERMITANO AL VETRIOLO SOTTO LA PORTA DEI PALERMITANI (VIDEO AMATORIALI)

03 Apr 2018, 10:00 9 Commenti di

Luca Savarese(Luca Savarese) – Pic-nic di Pasquetta rispettato pienamente. Diversa la forma: al Tardini va in scena in serata, dolce e sostanzioso il contenuto: tre dolci siciliani confezionati da un siculo. Si,con tre cannoli freschi di un palermitano doc come Calaiò il Parma batte un Palermo che dopo aver regalato il primo tempo ai crociati, nel secondo tempo accende un fuocherello di reazione: due gol ma non basta per l’incendio della rimonta. Invece, le fiammelle del Parma d’alta classifica crescono: ora la squadra e’ a meno 5 dalla terza piazza occupata dal Frosinone, prossimo avversario dei crociati sabato pomeriggio al Tardini. Il Cristo risorto dei gialloblù Crociati non lo ha dipinto Piero della Francesca, ma ci ha pensato lui, l’Arciere, tre pennelli, e sotto a dipingere la Pasquetta più dolce: tratto deciso per la prima gemna, affresco all’angolino per il secondo centro, di rigore, e carezza sulla tela di un secondo tempo appena cominciato per griffare la tripletta personale. Arciere al tempo stesso pasticcere e artista, ma soprattutto, goleador, letale. Fa tutto col mancino, il suo grilletto da bracconiere, il suo calamaio da poeta. Lui palermitano che inchioda i palermitani con i quali non ha mai giocato. A gennaio era vicinissimo per tornare a casa. E’ rimasto a Parma. Quanto e’ importante non cedere i propri pezzi da novanta che poi ci mettono un attimo e una sera a farla venire, agli altri, la paura. A suon di gol. Applauso allo stile di Tedino nell’intervista, a caldo, a Sky. Quando affronta il Parma c’e’ sempre qualcosa che non e’ chiarissimo, come lo scorso anno quando guidava il Pordenone. Lui questa sera commenta gli episodi, ma senza alcun livore tipico di questi frangenti e poi si complimenta col suo Palermo, in grado, di portare a termine e con due gol una gara che lo vedeva sotto per tre a zero. Certi allenatori prima che dal gioco, li riconosci dal modo. A proposito di gioco. Quello crociato e’ stato davvero fluido nel primo tempo, con Iacoponi e Gagliolo dietro a tappare tutte le falle e con un Dezi, abile e calaiò parma palermoveloce cerniera tra le terre di mezzo ed il regno dell’arciere. E proprio un tocco del talentino abruzzese smarca l’arciere per la sua terza segnatura. Una delle poche cose belle del Parma formato ripresa. I rosanero sanno che il secondo tempo e’ il loro unico fortino a disposizione per cambiare l’esito, sin li catastrofico, della battaglia. Allora avanzano, allora inseriscono La Gumina (che magari non avrebbe sfigurato dall’inizio), allora vanno all’assalto. Se si considera il tabellino della seconda parte di gara i ragazzi di Tedino hanno vinto per 2 a 1. Se al contrario si legge solo lo score della prima parte, il Parma l’ha vinta 2 a 0. Per fortuna pero’ il computo delle gare e’ totale. Come totale, questa volta, e’ stata l’epifania, pasquale, dell’arciere. Pasticciere scelto della dolce pasquetta crociata, artista deciso del dipinto risorgivo. Palermitano, al vetriolo, sotto la porta dei palermitani. Luca Savarese

VIDEO AMATORIALI DAGLI SPALTI DI CHIARA BERGAMASCHI

PARMA-PALERMO 2-0, 39′ GOL DI CALAIO’ (RIG.)

COREOGRAFIA CURVA NORD MATTEO BAGNARESI

TUTTA LA SQUADRA CON LUCARELLI SOTTO LA CURVA NORD MATTEO BAGNARESI

Carmina Parma, In Evidenza, News, Videogallery Amatoriale

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

9 Commenti a “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / UNA DOLCE PASQUETTA CON I TRE CANNOLI DI CALAIO’, PALERMITANO AL VETRIOLO SOTTO LA PORTA DEI PALERMITANI (VIDEO AMATORIALI)”

  1. VELENOSO says:

    Questo Calajo’ è la
    VERA BELVA D.O.C.& G.
    Diffidate dalle imitazioni…..

  2. Ludovico il Moro says:

    Partita stratosferica.

    L’ Arciere un grande!!!

    L’unica pecca il capitano…..i due goal presi a causa sua.

    Gli voglio bene ma ha bisogno di riposo assoluto.

  3. Basta. says:

    Caro Sig. Lucarelli non sarebbe il caso di fare il capitano in panchina? Rigore, per me, netto ( forse due), colpe sul 1′ e 2′ gol. Forza capitano se vuoi veramente bene al Parma, come hai sempre dimostrato, cerca di capire che non sempre le gambe seguono ciò che la testa vuole. Comunque Forza ragazzi ripetetevi con il Frosinone. Calaiò santo subito (al momento INSOSTITUIBILE). FORZA PARMA c’è la dobbiamo fare!!!!!!.

    • Tio says:

      La penso esattamente come te.
      E’ da 2 mesi che Lucarelli fa dei danni, la maggior parte dei gol subiti in questo periodo è colpa sua.
      Ieri, malgrado la vittoria, la sua prestazione è stata da 4.
      Temo che se non avrà acciacchi lo vedremo sempre titolare a scapito di Di Cesare che ha dimostrato di essergli una spanna superiore. http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_unsure.gif

  4. VELENOSO says:

    Lucarelli ha la mia,stima ma fa ormai troppi errori.
    L’età gli sta presentando il conto.
    Di solito i rigori che becchiamo sono opera sua.
    Ha bisogno di riposo e poi una partita.intera contro squadre che corrono come dannati è forse teoppo per lui.
    Ad ogni modo
    GRAZIE CAPITANO IMMENSO
    Grazie mio capitano.
    Ora deve fare nello spogliatoio
    quello che D’Aversa molte volte non ha saputo fare.
    MOTIVARE LA SQUADRA COTRO LE PICCOLE
    e in campo lasci fare ad altri..
    Deve subentrare solo quanfo gli altri
    sono stanchi, verso fine partita.

  5. lukfur says:

    Sono chiare ormai I seguenti fatti:
    1) la rosa è da promozione diretta
    2) Lucarelli è ormai sempre in ritardo, ieri ha responsabilità sul gol e su un rigore non dato (evidente purtroppo)
    3) le giocate dei singoli ci portano in alto
    4) se avessimo un mister preparato e qualificato saremmo anche Avanti all’Empoli…

    • Siberianhusky says:

      Ieri sera si è visto che il Parma ha il potenziale per affrontare alla pari le squadre ai vertici della classifica.
      Giocatori e tecnico hanno ancora la possibilità di centrare l’obiettivo della promozione diretta, che sembrava ormai sfumato.
      Perché come si sia riusciti a perdere già 10 partite, quasi sempre con prestazioni abuliche…in particolare con squadre decisamente di livello tecnico inferiore, sembra impossibile.

  6. Luca says:

    Se solo potessimo vedere l’arciere insieme alla belva sarebbero faville. Che coppia per la B! Ma intanto mi accontento di una super prestazione e della tripletta di Calaiò http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  7. paolo conti says:

    D’Aversa è un lusso per questa categoria.
    Con qualsiasi altro allenatore delle altre squadre che stanno giocando il nostro stesso campionato, considerando tutti gli infortuni capitati alla nostra rosa che non gli hanno mai permesso di far giocare almeno 2/3 volte la stessa formazione, avremmo come minimo dai 6 agli 8 punti in meno.
    Ha fatto dei miracoli. Andate a vedere come allena e come tiene in tiro tutti i giocatori facendo loro capire che non guarda in faccia a nessuno e tutti possono essere titolari la domenica.
    Teniamocelo stretto, e la Società ha fatto bene in tempi non sospetti a prolungargli il contratto.