CARMINA PARMA, di Luca Savarese / PALEARI FA IL SUPERMAN, MA IL PARMA, SEBBENE NON PIENO, COGLIE UN ALTRO RISULTATO UTILE

14 Apr 2018, 02:00 32 Commenti di

Luca Savarese(Luca Savarese) – Cittadella, per il Parma, non sarà mai un avversario come gli altri. Proprio contro i veneti infatti, il 16 maggio del 2009, non qui al Tardini, ma al Tombolato, i crociati festeggiarono l’ultima loro promozione in serie A. E proprio la massima serie, attraverso il secondo posto, treno diretto per la categoria superiore, i ragazzi di D’aversa hanno messo nel mirino, dopo le ultime gare convincenti ed esplosive. Dall’altra parte la formazione di Venturato, per gran parte della stagione lì, fissa, nelle zone alte, deve ritrovarsi dopo il patatrac di Terni. La voglia di sogni contro il desiderio di rialzarsi.

Sfida tra i due Roberto. D’Aversa e Venturato. Roberto. Nome che si dava spesso ai tempi della seconda guerra mondiale, indicando le iniziali di Roma-Berlino-Tokio. Nessuna esterofilia invece questa sera ai nastri di partenza per due squadre, che si presentano sul prato dell’Ennio, definito da Dotto in radiocronaca, un po’ gibboso. tutte italiane. E mente che torna al Piacenza tutto italiano targato Gigi Cagni degli anni novanta. Ma, bando alle nostalgie, perché il presente dice di due squadre che, a sette giornate dal termine, hanno energie e desideri per scrivere storie importanti. In mezzo al campo Manuel Iori, metronomo esperto, misura giocate e nel contempo bada al sodo. Calaiò, quando può, uncina palle e manda idee in profondità. I veneti però sono scafati e ben disposti in campo, poi la trasferta, è il loro regno: lontano dal Tombolato hanno infatti totalizzato 30 punti. Sono bravi a coprire in campo con densità e premura e mister Venturato, peripatetico dentro la sua area tecnica, offre indicazioni con un jeans ed un giubbottino stile Guardiola. L’altro Roberto, D’Aversa, nel suo gessato, si sbraccia perché vede che i veneti corrono a tutta birra. Minimo denominatore là davanti: una grande mancanza di concretezza. Il Parma soffre un sacco sulla mancina dove Pelagatti avanza spesso e volentieri. Mancina debole anche per i veneti che si perdono sovente Di Gaudio, che col suo sprint, vuole spaccare la partita.

Insigne prova a prendere la strada giusta in avvio di ripresa, incursione per vie centrali, tiro che si spegne sopra l’incrocio dei pali. La gara però mantiene viva la sua ruvidità. Iacoponi ed Arrighini danno vita ad un duello da cavalleria rusticana, come del resto in mezzo al campo la FRATTALI PARMA CITTADELLAclava si fa preferire al fioretto. Lavoro matto e disperatissimo per il signor Aureliano di Bologna. Al 68’D’Aversa gioca la carta Ciceretti che rileva Insigne. Ma, dalle parti di Paleari, in maglia arancione ma che sembra blu e rosso come superman perché le prende tutte, non si passa. Ne sa qualcosa Di Gaudio che prima di lasciar posto a Baraye spara di destro ma trova la pronta risposta del portiere classe 1992. Nato a Giussano come il famoso Alberto da Giussano, leggendario protagonista nel XII secolo della battaglia di Legnano. Anche Paleari si chiama Alberto e la sua battaglia non è di Legnano, ma di Parma e si snoda sul prato del Tardini, dove toglie dalla brace ogni cottura di cibo, alias di gol crociata. Come l’ultima punizione siglata Emanuele Calaiò. Quando non si riesce a vincere, è importante anche saper non perdere. Luca Savarese

In Evidenza, News

Autore

Stadio Tardini

32 Commenti a “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / PALEARI FA IL SUPERMAN, MA IL PARMA, SEBBENE NON PIENO, COGLIE UN ALTRO RISULTATO UTILE”

  1. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Vincendo, saremmo stati per una sola notte
    anche se con una partita in più in
    SERIE A
    Non lo abbiamo fatto e allora.
    COME POSSIAMO PRETENDERE DI
    ANDARE IN SERIE A PER UNA STAGIONE
    SE NEMMENO RIUSCIAMO A FARLO
    PER UNA SOLA NOTTE?
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  2. RISPETTO says:

    Questo campionato e’ un film già visto, arriveremo quinto o sesti e nello scontro diretto usciremo al primo turno… obbiettivamente non possiamo andare in serie A senza un centrocampo, con insigne, vacca, Lucarelli, Ciciretti che in quattro non fanno un giocatore… non abbiamo ritmo, non abbiamo gioco, alla prima squadra un po’ organizzata non capiamo mai i tempi della partita. Oggi andremo a -4 e lunedì -7 perché sono convinto che perderemo anche ad Ascoli…..

    • morosky says:

      No, mi permetto la facoltà del DISSENSO:

      mal che vada arriveremo 3° o 4°, ma proprio MAL CHE VADA …e, in tutti i casi, non abbiamo ancora perso nessuna posizione utile per tentare al 2° piazzamento, utile per la promozione diretta .

      Della gara non sono contento,

      di alcuni singoli nemmeno,

      del MISTER non parlo ..

      di CICIRETTI posso dire che non è ancora in condizione per giocare ..

      di INSIGNE confermo il pista pocci..fino a dimostrazione contraria

      della prestazione di VACCA, personalmente non ho nulla da obiettare, ha giocato, ha corso, recuperato molti palloni, lottato e profuso tanta generosità….non è PIRLO, non è DE ROSSIe nemmeno STROOTMAN…è solo Antonio junior Vacca,
      concreto, preciso, razionale, gioca semplice senza strafare ..

      di LUCARELLI dico che ha, si, sbagliato 2..3 interventi, rischiando ( è stato pure ammonito e, per questo, è in diffida, insieme ad altri 7 ) ma ha fatto la solita discreta partita uscendo spesso dalla propria area palla al piede aprendo ed impostando il gioco …

      IL PROBLEMA E’ CHE ABBIAMO TROVATO UNA SQUADRA CHIUSA… una sorta di 4.4.2 ben disposto in campo…con due punte diverse ( avete presente SKURAWY ed AGUILERA, uno piccolo e uno alto e grosso …abili e pronti a tante diverse soluzioni )..

      a proposito, classe ’82, IL 36 ENNE Manuel Iori, numero 4 e capitano, oltre 550 partite da professionista, tante come i palloni che avrà giocato ieri sera, interdizione, possesso e rilancio ..ora appoggio ora apertura sulle fasce…
      il classico giocatore di categoria che si propone, che entra nel vivo del gioco, che si smarca sempre per ricevere, andare in appoggio e supportare qualsiasi momento dell azione
      ..QUESTI SONO I GIOCATORI, DI CATEGORIA, CHE PIACCIONO A ME …

      • rispetto says:

        Mauro, se basta Iori per farci sembrare una squadra di amatori, pensi che meritiamo la serie A…. io credo che il mercato di gennaio sia stato deleterio e che con meno nomi di grido è più gente con i ciglioni, oggi forse avremmo avuto delle possibilità…

      • JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

        Te l’avevo detto che sarebbe finita in parità
        Il vero problema di questo Parma è
        IL PREPARATORE ATTLETICO
        Sotto l’era Tanzi nessun infortunio muscolare
        con questo invece una,Waterloo.
        Tutti dicono.
        Per i play off avremo
        CERAVOLO in piena forma
        SCOZZARELLA in piena forma
        CICIRETTI in piena forma
        DA CRUZ in piena forma
        Forse sarà anche vero ma scommetti che giocatori che giocano ora e che sono essenziali, non potranno fare i play off perché avranno problemi muscolari?
        Diimenticavo l’anno scorso non ero a Pinzolo, ero al mare due anni fa invece c’ero.
        Quest’anno si rimane in B.
        Te lo dice uno che vede nel futuro quello che voi umani, tu compreso, vecchio pirata di laghetto di montagna, non potresti mai vedere.

  3. Siberianhusky says:

    La squadra ha giocato con impegno contro un avversario per niente facile. Le occasioni per segnare sono state diverse, ma non c’è stata la freddezza sotto porta che serviva. Si deve solo guardare avanti

  4. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Tutti i giocatori più rappresentativi in una
    squadra di calcio hanno il loro nomignolo
    Ceravolo è detto LA BELVA
    Calajo’ LARCIERE e così via.
    Volevo sapere se CICIRETTI non ha ancora
    un nomignolo che lo rappresenti.
    Se non lo ha, io ne avrei uno per lui.
    IL CLOWN ( IL buffone)
    perché presentarsi in campo
    con dei mutandoni anni 30 di
    quattro o cinque taglie superiori
    alla propria è semplicemente
    UN VERO ATTO CIRCENSE.
    Una presa per il culo per i tifosi
    che vogliono vedere un giocatore
    giocare e non una caricatura
    demenziale dello stesso.
    Ma chi lo manda in campo non
    lo controlla prima?
    Uno puo’ entrare anche in mutandoni?
    Sembra di si visto che
    il CLOWN ieri lo ha fatto.
    Presto entrerà in costume da bagno?

  5. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Mi sembra che questo Paleari sia molto bravo
    È lui che ha salvato il risultato.
    Un pensierino per il prossio anno
    glielo potremmo pure fare o no?

  6. Spinoza says:

    Penso anche che il Tardini esploderà e il centro sportivo di Collecchio s’incendiera e quindi tutte sconfitte fino a fine stagione con relativo fallimento a vita(come meriterebbero certi pseudo tifosi da tastiera e non). Il loro portiere migliore in campo che ha evitato la sconfitta del Cittadella. Il problema principale ora sono i troppi infortuni. Rispetto al posto del cuore hai due bidoni dell’immondizia!!!!!

    • RIspetto says:

      Tu invece i bidoni li hai davanti agli occhi, se speri diandare in A con questa squadra vuol dire che sei in malafede…. possiamo arrivare ai play off ma non siamo strutturati per vincerli, è tutto l’anno che non giochiamo a calcio e non meritiamo di salire,a differenza tua io sono coerente…

      • jdm says:

        secondo me ce li ha infilati nel colon e non se ne accorge

      • JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

        Dopo i risultati di oggi tutto e ‘ stato resettato
        È come se ieri non avesse giocato nessuno.
        Ora però i miracoli non si ripetono.
        Bisogna andare a vincere nell’ inferno di Ascoli
        e almeno per una. notte saremo in A.

  7. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Ho capito perché ieri il CLOWN
    aveva quei mutandoni che gli
    cadevano fino alle caviglie.
    Lo ha detto in conferenza.
    IL CLOWN voleva con quei mutandoni
    alla FANTOZZI fare un tributo
    all’ indimenticabile
    PAOLO VILLAGGIO

  8. Luca says:

    Logico che non avrebbero perso di nuovo 5-1. Sono venuti a Parma a vendere cara la pelle.
    Pazienza, un pari che non è la fine del mondo.

  9. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Inutile tergiversare.
    In serie A non ci si va.
    Ieri era il solito Parma
    Senza organizzazione
    Senza gioco
    Senza caytiveria
    Senza cinismo
    con i soliti DiGaudio e
    Insigne a far solo da comparse
    come da prassi consolidata nel tempo.
    Centrocampo da Lega pro
    Il solito attacco sprecone.
    Mancava Siligardi e ieri la
    sua assenza si è fatta sentire.
    Aveva l’influenza ma scusate,
    i calciatori a novembre
    non fanno il vaccino?
    Lo volete sapere qual’è il male
    del Parma oltre al preparatoHey Guglielmo mg eğgggjggjggjgjggggjre atletico gj
    che per me quest’ anno ha sbagliato
    TUTTO QUELLO CHE C’ERA DA SBAGLIARE ?
    Il male del Parma è che con le grandi
    SIAMO UMILI
    mentre con le piccole siamo
    ALTEZZOSI.
    È nel nostro DNA.
    Ad Ascoli per vincere o per
    svegliarsi dal sogno

  10. Rikman says:

    Avessimo giocato così tutte le partite a quest’ora saremmo in lotta con L’Empoli per il primo posto. La squadra ieri pur non essendo brillantissima (leggiamo i nomi degli infortunati), ha creato almeno cinque occasioni nitide da goal, il loro portiere ha parato con i piedi con i gomiti ed anche con le orecchie. Abbiamo incontrato una squadra ben organizzata. ieri era una di quelle partite che se anche giochi 2 giorni, la palla non entra.
    Teniamoci i playoff ed a fine stagione tireremo le somme.
    Come già detto in precedenti commenti, qualcuno dovrà giustificare i troppi infortuni muscolari.
    Forza Parma

  11. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Se ieri i DUE FUOCHI FATUI venivano
    sostituiti con Frediani e Mazzocchi
    ( che può benissimo giocare all’ala )
    son più che certo che Frediani eMazzocchi
    avrebbero senz’altro fatto meglio dei due
    FUOCHI.

  12. Pencroff says:

    Fallo da espulsione sul congiuntivo.
    E poi pontifica sull’italiano…. ma va’

  13. Gian Marco says:

    ….E vaiiii….tutti pareggiano e giocano male a parte un Po il Frosinone…CI SIAMO ANKE NOI DAVVERO…
    Mai disperarsi in B contano anche i pareggi…
    Ora 17 punti in 7 partite ….
    Se anche andiamo ai play per come giocano gli altri ce la facciamo lo stesso !

  14. Benni says:

    Palermo e Frosinone hanno pareggiato se vincevamo ieri eravamo secondi

  15. JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

    Don Luca, cambiare idea è sinonimo d’itelligenza.
    Questo padre non gliel’ ha mai detto nessuno?
    Attualmente poi non sono VELENOSO ma
    JE SUIS LE BOMBER CALAJO’
    Sa leggere Don Luca o è analfaneta ?

    • Gaio1974 says:

      Agh sema lu… si vince tutti fenomeni, si pareggia tutti brocchi.

      Abbiamo giocato una partita così così contro un buon avversario, non per niente hanno 51punti e il miglior rendimento esterno della B. E quel portiere là merita un “bravo”, almeno 3 miracoli li ha fatti. E inoltre ricordo che non si può vincere sempre, vedi Frosinone e Palermo oggi che devono mangiarsi gli zebedei ben più di noi (entrambe raggiunte al 93°).

      Volendo essere pignoli considero i cambi un po’ tardivi e un errore insistere con insigne che ha ampiamente dimostrato la sua inadeguatezza alla categoria, in Novembre ha solo azzeccato 3 o 4 partite, ma è francamente pietoso.
      Sarò onesto: ho riconosciuto che le ultime prestazioni sono state buone, ma a me sto Mister continua a non convincere.

      Da tifoso spero nella promozione, diretta o no che importa, da spettatore sono scettico: troppi troppi troppi infortuni.
      Una roba da matti, non ricordo a memoria una situazione simile. Dopo ogni partita almeno due rotti, così non si va da nessuna parte perchè dai e dai la corda la sè strasà.

      Ad Ascoli mi sa che saremo 11 in campo (quali? chi?) e 3 o 4 in panca, poi se vogliono mi ci metto anche io ma a fare numero, come negli amatori.

      • JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

        Col Cittadella, in panchina c’era gia’un primavera.
        Visto che la primavera non arriva, ci pensiamo noi.
        Tra un poco la nostra panca sarà piena di
        PRIMAVERE
        Il nostro preparatore atletico ha assassinato in modo seriale il Parma.
        Ogni settimana minimo un delitto
        Non è per caso che questo preparatore atletico sia nativo di Reggio o zone limitrofe?
        Se così fosse, si spiegherebbero tante cose…….

      • tommasone says:

        Insigne non lo vedo così gramo. I numeri li ha. Corsa pure manca un poco di precisione

        • Gaio1974 says:

          No Tommasone non concordo. Guarda bene le sue partite, non ne fa una mezza giusta, il tiro di Foggia è stato un caso.
          E’ gramo.
          Magari farà un altro gol e tutti a dire “visto che era bravo?” ma in campo è inutile, se non dannoso. Perde palloni continuamente.
          Gioca perchè si chiama Insigne, non escludo che con il Napoli ci sia un accordo scritto per fargli fare almeno X minuti.

    • Gaio1974 says:

      Vò o c’letor at sì sempòr tì. E la lù, Luca, al ghà ragiò.

      Par ti o jen di fenomeni o na manga ed balord, at se sèmpor tut ti… non erano miseri gramoni che erano venuti a svernare a Parma? (parole tue di un mesetto fa)

      Io son coerente: sto mister non mi convince, nè per il gioco nè per le scelte che fa durante la partita, ma le ultime partite hanno detto che qualche miglioramento c’è, vediamo se è solo passeggero e torniamo a essere la squadra senza cuore e gioco di qualche tempo fa (dato che nessuno può contestare) o se effettivamente abbiamo trovato la quadra e siamo in rampa di lancio verso l’impresa… che non si dice per scaramanzia.

      • JE SUIS LE BOMBER CALAJO' says:

        Hai vergogna parlarmi in italiano?
        Gaio 1974 si vede di si
        Io cambio parere spesso e ne sono orgoglioso
        e lo farò sempre anzi lo farò sempre di più .
        Tu segui il gregge con la candela da morto in mano.
        Non sai cosa dire perché sei anonimo spento scontato e noioso come è Don Luca ma lui per lo meno è un padre, è un sacerdote ma tu chi sei?
        Te lo dico io.
        UNA NULLITÀ.

  16. Gaio1974 says:

    E tolà su dolsa, non sei in grado nemmeno di capire che scherzo e che i permalosoni come te sono ideali in quei contesti qua.
    E il dialetto è la mia lingua madre, remember!!!

  17. Gaio1974 says:

    E sono ORGOGLIOSO di parlarti in dialetto.
    Se non lo sai imparalo.