IL RITORNO DEL FENICIO, OVVERO UMANESIMO DI UN ARTISTA, DOUGLAS ABDELL, ORGOGLIOSO DI ESSERE UN TIFOSO DEL PARMA

12 Mag 2018, 00:00 5 Commenti di

douglas 1(Luca Tegoni) – La parola tradotta in materia, le vocali e le consonanti in pietre e metallo, forme di linee ed insiemi di punti, la parola, che è di per sé verità, viene pronunciata dalle radici culturali da cui Douglas si forma, si educa e si cimenta attraverso il racconto artistico della sua esperienza umana. Un percorso lungo che parte dai tempi in cui si combatteva nel “Mare Nostrum”, nei tempi in cui le conquiste non solo erano militari ma soprattutto commerciali, dove gli scontri divenivano confronti. Così il Fenicio Douglas Abdell, attraverso la sua sperimentazione artistica, ritorna nel luogo dell’approdo di quei viaggi, nell’Andalusia di Cadice. Il museo di Cadice organizza una sua importante mostra retrospettiva mettendo in risalto gli aspetti antropologici e sociali della sua opera.

Opera che è ben presente nelle parole di Achille Bonito che, in più di un’occasione, lo descrive tributandogli una originalissima capacità narrativa sebbene fatta con scalpelli e martelli.

E allora, Douglas, per meglio descrivere le proprie opere costruisce un linguaggio e non cessa di parlare nella quotidianità con tutti gli idiomi che dall’infanzia ad oggi lo hanno formato e lo hanno guidato.

Sfaexa-Kryad

Sphae Kryad kaasfa bYPsa

Kaas kloosa sa faxa dacs.

Sooo phae sa baankae.

Baankae pleepka plea basPhi,

baankae pleepla Plea basPhi.

Krvas t kryoos , kryaed,

nassoo I naaskyae.

Alsie,alsia,alssioos,

Nassa, Aekyad,aekyados,aekyaeza.

Zae Zaeas , Zae Zaeas,

Aekyadas Aekyadis

Sraefaex sraenx aenk.

(dalla raccolta Kryad Poems di Douglas Abdell pubblicato da Chelsea Press Incorporated, USA, 1978)

scultura douglass

douglas 2Lamenta l’impossibilità di parlare in Pramzan, lingua dei nonni da parte di madre, etrusca di Cassio Parmense, e si consola tra le righe di StadioTardini.it per non perdere il ricordo di quel lessico familiare, intimo e amorevole e per condividere la passione per il Parma Calcio e per il calcio.

Lingua che serve per comunicare la testimonianza di un mondo antico che Douglas scopre, nelle sue opere, ogni giorno per trovare radici, conoscenza e bellezza.

“Si hay un escultor Fenicio ese soy yo”, afferma Douglas, non per praticare la distanza dell’artista dal mondo ma per avvicinare lo sconosciuto a tutti, per condividere la bellezza che ha trovato nella memoria più recondita della sua discendenza con l’umanità, per essere l’esempio che in ognuna delle nostre radici si può celebrare la bellezza.


El Retorno del Fenicio, Museo di Cadice, Spagna, dal 26 Aprile 2018 al 10 Giugno 2018

In Evidenza, News, Videogallery Amatoriale

Autore

Stadio Tardini

5 Commenti a “IL RITORNO DEL FENICIO, OVVERO UMANESIMO DI UN ARTISTA, DOUGLAS ABDELL, ORGOGLIOSO DI ESSERE UN TIFOSO DEL PARMA”

  1. Luca says:

    Il nostro utente Douglas? Un grande! :D Grandissimo!

  2. Gian Marco says:

    Hi Doug hope to meet u one day!
    Spero di conoscerti un giorno
    Ciao FORZA PARMA!

  3. Rikman says:

    Complimenti Douglas! Grandissimo

    • Douglas says:

      Grazie Rikman ,
      Me alegro que Te gusta mi trabajo ….
      La Verdad que Luca Tegoni ha escrito un buon texto …estoy agradecido a Luca Tegoni y Stadiotardini per publicar el texto .
      That way all my friends here can know more about my work . Come Scultore la piú importante é far vedere il lavoro … Cosí …posso comunicare meglio .
      Un Saludo
      Forza Parma