CERAVOLO A WWW.PARMACALCIO1913.COM: “E’ NECESSARIO ESSERE A CONOSCENZA DEI FATTI PRIMA DI SBATTERE I MOSTRI IN PRIMA PAGINA”

21 Giu 2018, 15:00 12 Commenti di

(www.parmacalcio1913.com) – Il calciatore crociato Fabio Ceravolo, in riferimento alle notizie apparse sui giornali nelle ultime settimane, ha voluto rilasciare attraverso il sito ufficiale del Parma una dichiarazione, che riportiamo integralmente:

“Sono rimasto in silenzio a lungo ma mi sembra il momento di dire qualcosa. Nelle ultime due settimane ho visto il mio nome accostato ad una serie di accuse che hanno infangato me, la società di cui faccio parte e tutti i miei compagni. È stata dura non poter spiegare pubblicamente di essere completamente estraneo a quelle accuse, come poi attestato da chi di dovere. È stata dura soprattutto per me stesso, per la mia famiglia, per chi mi vuole bene e per tutti i tifosi del Parma che erano costretti a leggere titoloni sui giornali senza alcun rispetto per la mia persona o per l’indagine che era in corso. Ho ricevuto insulti di ogni tipo da parte di tifosi di altre squadre, ho dovuto sopportare cattiverie gratuite, mi sono addirittura visto deferito dai media senza condizionali per alcune ore quando in realtà non era vero. L’opinione pubblica mi ha puntato il dito contro quando in realtà sapevo che nè io (com’è stato accertato) nè la mia società o il mio compagno Emanuele Calaiò (e sono sicuro che verrà accertato da chi di dovere) avessimo fatto assolutamente nulla per meritarlo. Sono sempre dell’idea che sia necessario essere a conoscenza dei fatti prima di sbattere sotto ai riflettori qualcuno con accuse come quelle, e per questo, anche se forse è una mera illusione, mi auguro di ricevere delle scuse. Ma quello che mi preme di più è esprimere tutta la mia vicinanza verso il Parma Calcio e verso il mio compagno Emanuele Calaiò: sono sicuro che tutto si risolverà, e verrà dimostrato che questa società e questa tifoseria non possono perdere la Serie A per un pippein o un, scusate il termine, cazzein“.

In Evidenza, News

Autore

Stadio Tardini

12 Commenti a “CERAVOLO A WWW.PARMACALCIO1913.COM: “E’ NECESSARIO ESSERE A CONOSCENZA DEI FATTI PRIMA DI SBATTERE I MOSTRI IN PRIMA PAGINA””

  1. Simone T. says:

    Caro Ceravolo. Purtroppo è un calcio che non è malato, è moribondo…Le persone che lo governano non sanno cosa fare e gli avvoltoi antisportivi sono sempre alla finestra, in attesa di inserirsi come controparte in processi altrui per raggiungere i propri obiettivi, non essendo stati in grado di raggiungerli in campo. Tutto ciò fa veramente schifo ed è di una tristezza infinita e sinceramente questo mondo comincia a farmi veramente vomitare.

    • VELENOSO says:

      Simone guarda che il calcio come asserisci tu non è malato e nemmeno moribondo, è morto.
      Ceravolo ha ragione e nel mio piccolo gli chiedo scusa per aver dubitato di lui spronato dai titoli diffamatori di giornali sportivi e non che lo dipingeva come un delinquente incallito.
      Purtroppo molta gente che è nel mondo del calcio è
      MARCIA DENTRO
      Al posto del cuore non ha nemmeno un Bidone dell’ immondizia, come diceva Buffone, non ha nemmeno quello.
      Non faccio nomi
      I NOMI LI SANNO TUTTI.

  2. Luca il lucano says:

    Mai più comprerò o leggerò Gaxzetta dello sport. Fatelo anche voi! Ora più che mai Forza Parma . Nessuno ci toglierà niente, ne sono certo.

  3. BEL BOMBE' says:

    Denuniciali per diffamazione a mezzo stampa! http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

  4. VELENOSO says:

    Morosky non rispondi
    al mio precedente articolo?
    Non fare il PIPEIN.
    Fatti sentire Moroskein.

    • morosky says:

      Io non ho nulla da dire, io leggo e ascolto tutti, soprattutto gli esperti in materia:
      vedasi l’articolo dell’ Avv. Malvisi con esaurienti “spiegazioni personali” dettate dalla conoscenza della materia e non dai sentito dire..

      …IO HO SEMPRE PENSATO POSITIVO…
      DA UN MSG SEMISERIO NON POSSONO PRODURRE NULLA + CHE TANTE RISATE…E, QUALSIASI ARRINGA DIFENSIVA VENGA POSTA IN ATTO, SMONTERA’ QUESTO “cazzo di caso” creato solamente dalla SPAZZATURA di certe testate, anzi, capocciate GIORNALISTICHE …chi deve intendere intenda..
      e, dove possibile, PONGA RIPARO ALLO SCEMPIO MEDIATICO CREATO ANCORA PRIMA CHE USCISSE LA PAROLA FINE ALLE INDAGINI DELLA PROCURA.
      cavolo
      moro

      • jdm says:

        veramente sto casino e’ stato causato da due denunce in procura federale ed ad un conseguente atto dovuto di un gip ,mi spiego meglio se il denunciante e’ andato in procura asserendo che il messaggio per lui era tale da poter compromettere la prestazione sportiva nella partita siamo praticamente spacciati,se in sede dibattimentale corregge il tiro siamo mezzi spacciati,se ritratta la sfanghiamo

  5. Gian Marco says:

    Mi fa piacere enormemente e ho sempre sperato non c’entrassi nulla .(però ragazzi….lasciate stare i social poco salutari….dialogate magari solo coi vostri tifosi….magari su stadiotardini….)
    Ti volevo al centro del nostro attacco perché sposi il mio modello ideale di centravanti : UNA BELVA !
    Ora quando ne uscirà il Parma intero, Mi auguro che la tua rabbia e voglia di rivalsa ti faccia pure sbavare!!!!
    Ciao !

  6. Ludovico il Moro says:

    Puvrèt….

  7. Gian Marco says:

    Puvre’t ? …puoi spiegare a chi e perché?
    Grazie

  8. Luca says:

    Io partirei con le querele. In Italia non paga essere onesti e calmi. E tu cara Belva, eri stato condannato ancora prima del mancato deferimento.

  9. Pietro says:

    Tante scuse a Ceravolo e chiedere danni a Calaiò. Così le faccine le fa a casa sua.