IN ATTESA DELLA FINE DEL WHATSAPPGATE L’AVVOCATO CHIACCHIO SCONFIGGE PECORARO OTTENENDO IN APPELLO LA RIABILITAZIONE DI DE ZERBI. E IL FOGGIA DA -15 SALE A -8

20 Lug 2018, 10:00 17 Commenti di

il columnist luca russo(Luca Russo) – Il Foggia ripartirà dalla Serie B. La Corte Federale di appello della FIGC ha ridotto da 15 a 8 i punti di penalizzazione che i satanelli dovranno scontare nel prossimo campionato di B e ha inoltre annullato la squalifica di 3 mesi al tecnico De Zerbi. Il provvedimento, adottato in secondo grado di giudizio, modifica quello preso il 2 luglio, allorquando il Tribunale Federale Nazionale presieduto da Cesare Mastrocola aveva inflitto ai rossoneri 15 punti di penalizzazione in classifica da scontare nella stagione sportiva 2018/2019 e 3 mesi di squalifica all’allenatore De Zerbi per l’uso di fondi illeciti da parte del club nel biennio 2015-2017. Ricordiamo che lo scorso 15 maggio il Foggia e 37 soggetti tra dirigenti, tecnici e calciatori erano stati deferiti “per avere reimpiegato nell’attività gestionale e sportiva nel corso delle stagioni sportive 2015/2016 e 2016/2017 un importo monetario molto ingente, sia a mezzo di bonifici, sia a mezzo di denaro contante, proventi di attività illecite di avv chiacchio foto gaz parmaevasione e/o elusione fiscale, alcune delle quali integranti anche reato”. Lo sconto di pena lascia l’amaro in bocca al Procuratore Federale Pecoraro, il quale ai microfoni dell’Ansa ha dichiarato che “questa è una decisione insoddisfacente, è quasi un invito a utilizzare fondi neri”. Da registrare contemporaneamente il successo del “nostro” avvocato Chiacchio che è riuscito a cogliere l’assoluzione con formula piena del suo assistito, il neo mister del Sassuolo De Zerbi, che in primo grado aveva buscato quattro mesi, ora cancellati e pienamente con totale riabilitazione. Chiacchio è riuscito a centrare questo successopresentando le prove dei agamenti regolarizzati da parte del Foggia nel periodo in cui era sotto contratto con il club pugliese. Successo che potrebbe dar coraggio al Parma che attende con trepidazione le conclusioni del Tribunale Nazionale FIGC a seguito della pesantissima richiesta della Procura Federale a proposito del Whatsappgate (2 punti di penalizzazione nel campionato 2017/2018 e conseguente addio alla promozione in A o in subordine 6 punti di penalità da scontare nella massima serie 2018/2019). Son due le ragioni per cui il club ducale può abbozzare un mezzo sorriso di fronte allo sconto di pena riconosciuto ai satanelli. La prima è anche quella più evidente: negli ultimi anni le richieste della Procura Federale quasi mai sono state pienamente accolte dal Tribunale Nazionale FIGC, che anzi il più delle volte non solo non vi si è appiattito, ma le ha addirittura ribaltate e svuotate di fondamento ponendosi a favore dei soggetti che la Procura avrebbe voluto invece punire. Alla seconda ci si può arrivare per deduzione: se per aver usato fondi illeciti in due stagioni sportive il Foggia si è beccato appena 8 punti di penalizzazione, che potrebbero essere ulteriormente ridotti visto e considerato che i pugliesi sembrano intenzionati a ricorrere ad un altro grado di giudizio, e ricordando che ogni pena va proporzionata al reato commesso e che in casi ben più gravi di responsabilità oggettiva sono state irrogate penalizzazioni di al massimo uno o due punti, ci pare evidente che il Parma debba aspirare all’assoluzione con formula piena dato che non ha fatto niente e non è colpevole di niente. Il perché è presto detto: i messaggi Whatsapp di Calaiò vanno declassati a slealtà sportiva, il che permetterebbe comunque di punire in modo esemplare il calciatore (ma 4 anni restano uno sproposito! Masiello se l’è cavata con molto meno per calcioscommesse), però salvando il club e dando finalmente una spallata energica a quell’istituto obsoleto e ingiusto che risponde al nome di responsabilità oggettiva. In questa ottica, guai a veicolare da Parma il messaggio che pur di salvare la massima serie ci possa andar bene anche una penalizzazione di uno o due punti da scontare nel prossimo campionato. Si tratterebbe del più clamoroso degli autogol proprio nelle ore in cui il nostro destino sarà tratteggiato da una sentenza più politica che basata su una ricostruzione equa e puntuale dei fatti. Luca Russo

Columnist, In Evidenza, News

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

17 Commenti a “IN ATTESA DELLA FINE DEL WHATSAPPGATE L’AVVOCATO CHIACCHIO SCONFIGGE PECORARO OTTENENDO IN APPELLO LA RIABILITAZIONE DI DE ZERBI. E IL FOGGIA DA -15 SALE A -8”

  1. jdm says:

    ne sta vincendo troppe ,mi sto grattando

  2. LucaB says:

    potrei dire e chi CHIACCHIO se ne frega…

  3. Manuel parma says:

    Probabilità che arrivi oggi la sentenza??

  4. VELENOSO says:

    Guardando gli SMS di Calajo’ per un ” non” si rischia la penalizzazione.
    Mi spiego.
    Se Calajo’ avesse scritto invece di ” non” rompergli il cazzien avesse tralasciato quel “non” scrivendo rompetemi il cazzien, tutto sarebbe finito.
    Ma per un innocuo “non” ci vogliono.penalizzare?

  5. LucaB says:

    Ma allora per gli altri il TAS Funziona!!

    http://www.parmalive.com/ultim-ora/il-milan-torna-in-europa-il-tas-annulla-la-sanzione-della-uefa-140233

    Solo per noi applicano le leggi quindi…

    Adesso vediamo la sentenza se sono coerenti o no.

  6. albano says:

    se usciva ieri la notizia del Milan come da programma poi smentito entro stasera dovevamo esserci noi.
    probabile quindi domani.
    altrimenti alla rosa gli sballa il palinsesto…

    • Gabriele Majo says:

      Ma basta con questo stillicidio! A rischio una Benedetta Mazza!

      Tutti come dei polli a cadere nei giochini di raci poi essere contenti di una serie A penalizzata!

      Io non ci sto.

      Serie A e basta!

      E che esca oggi la sentenza lo scrivono da giorni tutti, sai Tu che notizia. Anche considerato che è stata battuta un’ora fa. Piuttosto sono già passate le 15.30 magari arriva lunedì!

      • lorenz says:

        Si vede benissimo che è un articolo scritto coi ritagli, le frattaglie e rimasticature dei giorni scorsi. Non ragioniam di lor ma guarda e passa…

    • Luca says:

      Notizia stravecchia. Abbi almeno la decenza di controllare le fonti. Poi devo capire perchè tu tifi per la B? Non credo tu sia tifoso del Parma http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

  7. VELENOSO says:

    Questo processo in cui è coinvolto il Parma sembra un processo di qualche secolo fa fatto dell’inquisizione.
    Le donne che ” non la davano” ai potenti di turno venivano considerate streghe e poi dopo tortura venivano bruciate vive.
    Noi simbolicamente “non la diamo” ai potenti di turno perché siamo seri e onesti e veniamo come quelle donne bruciati al rogo.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gif
    Non riesco a capire come molti si accontenterebbero anche di punto di penalizzazione.
    Ma diamine ragionate, anche con un.punto saremmo considerati una squadra che fa illeciti sportivi.
    Quando, tanto per fare un esempio in televisione qualche giornalista sportivo nel leggere la classifica direbbe sempre
    ” Parma con un punto di penalizzazione” e rimarrebbe come un marchio puzzolente.
    L’immagine del Parma sarebbe ogni volta che qualcuno leggesse la classifica, affossato perché tutti ci considerebbero manipolatori di risultati sportivi, una squadra che scorrettamente ha cercato tramite un suo giocatore di comperare la promozione perché anche con un solo punto di penalizzazione per l’opinione pubblica saremmo sempre colpevoli.
    Quindi un punto o sei punti di penalizzazione per ilPama sarebbe lo stesso, la salvezza oltretutto sarebbe una chimera.
    Saremmo considerati datti una società dalll’illecito sportivo facile.
    Ecco perché
    o
    ASSOLUZIONE ( MASSIMO SLEALTA’ SPORTIVA)
    o
    sconfitta di Chiacchio.

  8. jdm says:

    benedetta mazza non penso sia a rischio

  9. Pencroff says:

    Velenoso, sei fuori