CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / Esclusi i presenti siamo sempre i più forti…

10 Lug 2018, 00:00 26 Commenti di

gianni barone(Gianni Barone) – Osservando le vicende del calciomercato e la lista dei convocati per il ritiro pre campionato del PARMA, verrebbe da fare qualche considerazione del tipo: ma che senso ha iniziare una preparazione (fuori sede) con 25 giocatori, di cui solo 10 circa saranno presenti al  via del prossimo campionato? Non sarebbe stato meglio iniziare a Collecchio con gran parte dei giocatori in partenza e partire successivamente con una rosa più ben definita in modo da sfruttare il ritiro, fuori sede, in maniera più proficua? Qualcuno mi potrebbe rispondere: ma fatti gli affari tuoi, il ritiro è un rito, le amichevoli con i dilettanti delle valle, pure, quindi va bene così, peraltro è stato pianificato in termini di date e location ben prima che emergessero gli altri problemi che ben sappiamo e di cui avremmo volentieri fatto a meno e comunque lo staff ha bisogno di far lavorare e di lavorare, quindi nessuno ci può far niente se dal mercato arriveranno i nuovi quando i Crociati saranno già scesi a valle e se più della metà di quelli impegnati in Val Venosta fra un po’ partiranno e prato allo stelvio ritironon faranno più parte del nuovo PARMA con altri club che ringrazieranno per la preparazione. Ma, cari miei, così fan tutte, le squadre, le date sono queste, non si scappa, il mercato deve avere, giocoforza i suoi tempi, le trattative sono lunghe e, talvolta, laboriose ed intricate, al punto che prima di arrivare al volto definito e definitivo della squadra, dovremmo attendere ancora parecchio tempo, fino a ridosso dell’inizio del campionato, nel frattempo i vari Matino, Saporetti, Simonetti, Golfo, Galuppini, Giorno prenderanno il posto di quelli che saranno i veri volti nuovi del prossimo Parma. Ci saranno anche altre partenze, oltre  a quelle già scontate, relative a Vacca, Nardi e soprattutto MAZZOCCHI, il quale va a Perugia – notizia ufficializzata in serata con tanto di ringraziamenti per chi come nessuno Mai ha fatto tre promozioni in stecca dalla D alla A – con una valutazione (pare 300 mila lire, pardon euro, secondo i siti mazzocchi songspecializzati) che francamente lascia un po’ perplessi, visto quello che si sente in giro, sempre in tema di valutazioni, di altri calciatori, di altre squadre, che lo scorso anno giovano in B. Tipo La Gumina, del Palermo, ceduto all’Empoli per 9 milioni, il quale Empoli sta valutando il suo centrocampista Krunic, addirittura 7 milioni. Non prendo in considerazione la valutazione di Cerri (10 milioni), che qui a PARMA è sempre stato venerato (ciro) da stampa e tifoseria, però, francamente, davanti a queste cifre, altro che considerazioni da fare, c’è da restare più che perplessi, più che stupiti… Anche perché, se è cosi come dicunt, Mazzocchi va via per quella cifra sì modesta che è stata pubblicata, vien da chiedersi chi è che fa queste valutazioni? Oppure è mai possibile che non si riesca a stabilire, con parametri più oggettivi, il valore vero di un calciatore, in un mercato dove fanno tutto procuratori o intermediari? Questo è un discorso che vale ad ogni livello sia per i campioni, o presunti tali, e sia per i giocatori normali, vi sono cifre sproporzionate, sia in eccesso che in difetto, in effetti passare dai 9 milioni La Gumina ai 300 mila di Mazzocchi, mi sembra vi sia una sproporzione enorme, non vi pare, anche se si parla di giocatori dalle caratteristiche e dai ruoli diversi, pur in presenza di elementi che hanno quasi la stessa età, hanno disputato grosso modo, in B, le stesse partite da titolare (kron psss..). Io spero comunque che abbiano capito male i mercatologi che l’han sparatata… Poi, però, se andiamo a vedere le quotazioni, dei vari giocatori, su di Morosky da cruzun sito specializzato, tipo il tedesco Transfermarkt (tenuto perfino in considerazione dalla Procura di Parma per le valutazioni di giocatori prima di sferrare avvisi di garanzia dopo il crac del Parma FC), scopriamo che MAZZOCCHI è valutato il doppio cioè 600 mila (dodici mesi fa dicevano 1 milione, ma possibile si sia così svalutato?), e che fra tutti i giocatori del PARMA, attuali, solo in 5 superano il milione, e cioè Dezi e Ceravolo (2 milioni), Di Gaudio(1 milione 800 mila), Da Cruz (1 milione 500 mila), il neo acquisto Stulac (1 milione 400 mila) e Gagliolo (1 milione 200 mila), tutti gli altri sono sotto con punte di 900 mila di Siligardi e 800 mila di BARAYE, per proseguire con i 600 mila di Iacoponi e Scavone e i 500 mila di Barillà, Scozzarella e Vacca, che non è stato convocato, un po’ perché squalificato per la vicenda stipendi in nero di Foggia, un po’ perché in procinto di passare ad altra squadra in B. Degli attuali convocati in procinto di essere ceduti segnaliamo la valutazione di 400 mila del portiere Frattali e di Scaglia la stessa di Calaiò, il cui destino pare non essere, ancora, delineato, e di Gazzola, ben al di sotto è il valore (200 mila) di Di Cesare, non presente motivi fisici, ma richiesto dal Verona, e di MUNARI, infortunato, ma probabile confermato. Si diceva della lista dei 25 convocati che subirà, nel corso delle settimane, una vigorosa sforbiciata: al momento vi sono due portieri, Dini e Frattali, che andranno sicuramene via, al loro posto arriva Sepe, dal Napoli, appena annunziato, come primo e un secondo, probabile Agazzi, dall’Ascoli; per la difesa, tre ceravolo pescara parmacaselle vuote per affiancare i confermati Gazzola, Gagliolo, Iacoponi e DIMARCO già presente in ritiro, anche se ancora da ufficializzare. Si attendono Bruno Alves (salvo ripensamenti e buone uscite da intascare), Sierralta, e un altro centrale, se parte Di Cesare. Centrocampo quasi a posto, manca solo un interno. Mentre l’attacco , per essendo presenti ben 9 elementi, sembra in alto mare, dove (pardon Don Macchi e anche Don Marchi) il solo Ceravolo sembra l’unico sicuro di rimanere, mentre gli altri presenti, quasi tutti se ne andranno, visto che le richieste per i vari Di Gaudio, Da Cruz, Baraye e Siligardi, non mancano. E allora, esclusi i presenti, chi verrà, oltre allo stra annunciato, non ancora confermato, non molto apprezzato dalla tifoseria Biabiany, cavallo di super ritorno? Al momento non è dato sapere, dovremmo convivere con le presenze biabiany-100.jpgin campo di chi sarà assente. Quindi il detto “esclusi i  presenti siamo sempre più forti”, varrà davvero? Fino a quando? E’ un’estate difficile e continuerà ad essere un mercato difficile, non bisogna farsi illusioni, per vedere il vero volto, ed il vero valore della squadra occorrerà attendere ancora, diversi, giorni, diversi! Come sono lontani i tempi in cui si chiudeva il calcio mercato, all’hotel Gallia, prima, e all’Hotel Hilton, dopo, e i giornali annunciavano le rose complete, quasi definitive, delle squadre di A pronte a partire per il ritiro, quello vero, pre campionato. Ora purtroppo non è così, accontentiamoci delle cronache dalla Val Venosta, con i gol, dei vari Frediani, Galuppini, Golfo, prossime punte di diamante di chissà quale Rocca Cannuccia di turno. In ogni caso esclusi i presenti, saremo, di sicuro sempre i più forti, o almeno, si spera, che sia così. O no ?  Lo sapremo, intanto, per un anno, non essere favoriti ed obbligati per forza a vincere sempre, potrebbe dare serenità ed essere, anche, un vantaggio; una volta tanto, le pressioni forti, lasciamole agli altri, a quelli che comprano LA GUMINA (La Gumina chi?), CERRI KRUNIC, a prezzi esorbitanti, se ne accorgeranno, ne siamo certi… Gianni Barone

In Evidenza, News

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

26 Commenti a “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / Esclusi i presenti siamo sempre i più forti…”

  1. Demo says:

    La cessione di mazzocchi a titolo definitivo lascia più che perplessi! Era l unico su cui si poteva fare una bella plusvalenza in futuro. .quindi perché non cederlo in prestito? Non penso che il Parma abbia bisogno di soldi da dover monetizzare subito..quindi mi piacerebbe una spiegazione da Faggiano.
    Aggiungo che Frattali a parer mio rimane, che come centrali giocherei con gagliolo e Iacoponi (riserve sierralta e Bruno alves) mentre serve un tx dx che si giochi il posto con gazzola e un tx sx che se lo giochi con Dimarco. A centrocampo prenderei Rigoni (svincolato ) mentre in avanti terrei oltre che Ceravolo anche Di Gaudio e Da Cruz.

    • artemio says:

      giorno, matino… sembrano dei saluti… io non ho mai capito queste operazioni, né ai tempi di leonardi né ora a quelli di fagiano

      Non so se sia vero dei 300.000 euro che aveva sctitto parmalive ma mi paiono davvero poco. Figa: avevamo speso 300.000 euro per 3 mesi di ciciretti in prestito e noi diamo mazzocchi per 300.000 euro?

      Non è sbagliato il ragionamento di Demo: un prestito avrebbe forse favorito una pluvalenza successivam ma se cone scrive baroni dall’anno scorso si è deprezzato forse non è stato sbagliato cederlo definitivamente, ma sono i 300.000 che non capisco. Speriamo si sia sbagliato parmalive

    • morosky says:

      Ciao Demo buongiorno: innanzitutto sei il Demo dei Danè ??
      occhiali barba ..quello della FIRM ??
      in tutti i casi , chiunque tu sia, BENVENUTO su queste pagine ..

      In parte condivido e replico quanto segue:

      MAZZOCCHI non è da Serie A e nemmeno da B, mi dispiace dirlo ma, SENZA CUORE, come disse Faggiano, bisogna fare delle scelte: tratterebbesi dello stesso tipo di errore che feci io il primo anno ..innamorarsi dei giocatori non va bene, loro arrivano, passano e vanno….stima, affetto, rispetto ma …no amicizie…poi sarebbero dolorose …

      soprattutto per chi scrive e chi deve dare un proprio parere spassionato, super partes e al di fuori dei legami…

      FRATTALI vorrei che restasse ..non mi dispiace…da dodicesimo , seppure Serie A ..è affidabile …

      BRUNO ALVES non credo che farà la riserva…anche se, come te , ho GRANDE STIMA CALCISTICA E NON SOLO sia di Simone che di Riccardo, 2 GUERRIERI ..ma, in Serie A, al primo mezzo errore ti castigano di brutto ..

      arriverà un altro centrale difensivo oltre a Bruno Alves

      ok per i due esterni difensivi

      ok per due centrocampisti 2 ( Rigoni non male )
      ma serve un altro tosto e codigno …CIGARINI non male

      ok per CERAVOLO DA CRUZ ( uno dei due tra SILIGARDI e DI GAUDIO ..secondo me rimane )

      di CALAIO’ ..ha ancora un anno di contratto e, a parte gli sms, come seconde linee ….secondo me va bene

      POI …CHIARAMENTE …UNA PUNTA DI GRIDO..
      io godo QUAGLIARELLA ….vecchio o no….chilu’ l’è bon
      e si fa ancora rispettare …SIA IN AREA che dalle parti della medesima ..

      ciao
      moro

      • Demo says:

        Notizie sull’uscita dei calendari? Penso sia importante visto il processo nostro e del Chievo..

      • Douglas says:

        Ciao Mauro ..
        podarse que Quagliarella sara per Noi ultime giorni del mercato ..
        Sappiamo bene che Grande Faggiano fa un bel calciomercato per Parma e quelcosa speciale …
        Io credo …perche sono positivo ….sempre
        come ho detto tutto la stagione pasato che Parma va in A ..
        ” Read my lips ” …now I will it say again ..
        Do not worry believe in Parma …
        Parma e’ speciale …
        Parma e’ magico …

        • Douglas says:

          Plan B …
          se no arrival Quaglia….
          Penso Io otro concetto …
          Pinamonte …sembra gran futuro …anche goleador …insieme con Ceravolo 9 puro … maggiore ,che ensegna Pinamonte ..
          ” Equilibrio ‘ en primer linea

      • lorenz says:

        Ma veramente qualcuno si immaginava Mazzocchi in serie A? Io ricordo che quando veniva utilizzato in serie C e soprattutto in serie B veniva criticato e anche D’aversa che lo faceva giocare. Sinceramente parlando, non sa difendere, in attacco è un po’ un pasticcione, non crossa quasi mai e sbaglia 8 drigling su 10. Le sue presenze dell’anno scorso erano dovute principalmente alla mancanza di un’alternativa valida, arrivato Gazzola praticamente non ha più giocato.

  2. Ludovico il Moro says:

    Basta guardare la rosa dell’Empoli per capire
    se siamo i più forti.

  3. Davide says:

    Ad oggi siamo la squadra peggiore. Ma di gran lunga. Così come siamo oggi non si lotta per la salvezza, ma ci si propone come squadra simpatia stile Benevento anno scorso e Pescara due anni fa, squadre da 11/12 sconfitte consecutive. La Spal e il Cagliari sono nettamente più forti, lo stesso Frosinone partiva già da una base migliore e sta acquistando elementi di qualità.
    Ora al di là di scemenze e discorsi inutili di passi lunghi o corti, bagget, slogan di abbonarsi e amenità varie la domanda è solo una. Si vuole seriamente mantenere la categoria o tutto il percorso e la fatica fatta erano finalizzati al paracadute?

    • Anna Fanerani says:

      Davide,
      volevo complimentarmi con lei, mi ha proprio colpito lo sa?
      In un marasma mediatico fatto di innumerevoli proposte on line, è facile dire sempre le stesse cose trite e ritrite, usare le stesse espressioni dette e ridette, ed anche le testate più seguite, a ben guardare, sono quello dove il lavoro di approfondimento lascia spesso il tempo che trova, a vantaggio di un cumulo di informazioni trangugiate e mal presentate. Lei va invece con coraggio in un’altra direzione, e questo sentiero alternativo cattura, anche per la delicatezza, con il quale viene tracciato.
      Nel leggerla ci si diverte imparando.

      Ossequi
      Anna

  4. Stadio Tardini says:

    Un giudizio obiettivo sulla squadra potrà essere formulato al termine della campagna, non ora che è solo all’inizio: però pensare che il Parma intenda programmare una retrocessione (per via del paracadute) è scemenza allo stato puro.

    Qualche tempo fa in un commento scrivemmo che non sarebbe un dramma una evetuale retrocessione in B alla fine della stagione, appunto perché ci sarebbe la ciambella di salvataggio del paracadute: il ragionamento, però, era da intendere nel senso che sarebbe meno drammatica una retrocessione alla fine rispetto a che venga decretata adesso dal Giudcie, visto che verrebbero a mancare i previsti ricavi della serie A, che stimiamo in 40 milioni circa (oltre al paracadute stesso).

    Ma questa elementare considerazione non significava affermare che il Parma vorrebbe retrocedere per intascare il paracadute, bensì tranquillizzare chi è preoccupato per i ritardi sul mercato (quel commento, infatti, era in risposta a chi sottolineava come le note vicende giudiziarie stiano interferendo nel processo di costruzione della squadra).

  5. Gabriele says:

    Non avevo ancora letto e l’avevo scritto nei commenti dei saluti a mazzocchi, per me è una cessione insensata, se poi pensiamo al ricavato siamo alle comiche (a suo tempo scaglia sarà costato il doppio tanto per fare un paragone). Noi strapaghiamo gli acquisti e po svendiamo, senza contare giorno lescano matino e tutti quei ragazzi che, con tutto il rispetto, non servono a nulla e portano solo costi.
    E’ giusto fare il bilancio alla fine sulla squadra in costruzione ma finora non si capisce cosa stia facendo faggiano, che parli lui quando presentano gli acquisti, sperando che qualcuno gli faccia le domande..

  6. Demo says:

    Tutto dicono che spal Empoli e Frosinone stanno facendo già un gran mercato! Ma dove? Sportiello se non lo voleva nessuno ci sarà un motivo.. la Spal? Fares valoti.. ma perfavore… e penso che anche il Chievo,come noi,è in attesa del processo per poi iniziare davvero la campagna acquisti. L Empoli da via donnarumma per la gumina. .bha..

    • Alessio says:

      Il Parma non penso sia in attesa dell’esito del processo: le lungaggini e le difficoltà sul mercato sono fisiologiche visto che sono più gli altri a diffidare che non la società a temere.
      Non farei paragoni con il Chievo: il motivo per cui – col Cesena – è finito alla sbarra è un po’ più serio dei cazzein e dei pippein…
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  7. Siberianhusky says:

    Ormai una società di Serie A è costretta ad avere due squadre a libro paga….quella che fa il campionato e quella composta dai giocatori che si mandano a giocare nelle serie inferiori.
    Qualcuno di questi si spera arrivi ad un livello tale da poter fare parte della rosa della prima squadra, gli altri possono essere pedine di scambio per operazioni futuribili con le società dove sono stati collocati.
    Quanto a Mazzocchi penso che sarebbe stato meglio tenerlo per poi prendere una decisione alla fine della prossima stagione, una decina di presenze in Serie A avrebbe consentito di incassare molto di più

  8. albano says:

    Ma basta con questa caccia al Faggiano. Lasciamolo lavorare e poi si potrà giudicare.

    • artemio says:

      di che caccia al fagiano vai cianciando?
      non è grande grosso e vaccinato per sopportare quel che scrivono sul blog?

      • Rikman says:

        Faggiano è grande e grosso, si può criticare, come si è sempre fatto, anche a sproposito, comunque ha sempre centrato gli obiettivi. Se la società gli ha rinnovato la fiducia, evidentemente si fida del suo operato, se va bene a chi caccia il danaro ( quello vero, non le figurine), va benissimo anche a me.
        D’altra parte, i risultati sono quello che contano e le chiacchiere stanno a zero, checchè se ne dica.
        Forza Parma

  9. Il Linguista says:

    Ragazzi però mettiamoci d’accordo: se si prendono giocatori giovani alla Stulac o alla Dimarco si dice che stiamo facendo un mercato di m. perché giovani e inadeguati alla serie A, se diamo via Mazzocchi, al quale tutti siamo affezionati ma che già in B aveva già fatto mooooolta fatica quando chiamato in causa , sembra che stiamo vendendo Roberto Carlos…un po’ di pazienza ed equilibrio…

    • Gabriele says:

      No figurati non roberto carlos, ci si domanda solo perchè Svenderlo, era uno dei pochi giovani di proprietà ed in tanti si aspettavano che andasse in prestito in serie b, dove magari, giocando con piu continuità e forse in altro ruolo potrebbe dimostrare di valere piu di quanto visto sinora.
      Stulac è un buon acquisto e un operazione intelligente, dimarco ho già molti piu dubbi, vedremo alla fine per ora piu che altro abbiamo svuotato le cantine di inter e napoli speriamo di non tornare anche dagli amici di benevento e novara

  10. Pasquale says:

    Sono d’accordo sulla cessione di Mazzocchi dato che per me andava in difficoltà anche in B. Per il resto, è vero che il mercato è rallentato dalla buffonata del deferimento ma è anche vero che il budget quello è. 50 milioni di fatturato presuppongo un divisione in questo modo: max il 60% in ingaggi lordi, quindi max 30 milioni. Il resto sono costi vari, come i prestiti onerosi, costi per il resto del personale, bonus, commissioni etc. E poi c’è la voce degli ammortamenti dei cartellini, in aggiunta agli ammortamenti esistenti. Al tutto si aggiunge il player trading, che non credo abbia un forte impatto quest’anno. L’unico modo per incrementare i ricavi e le possibilità di salvezza sarebbe una sponsorizzazione dei soci, stile Mapei, che passa al Sassuolo 26 milioni l’anno (Squinzi è uno di quello che i soldi ce li mette) . Tra cinesi ed italiani, se volessero sponsorizzare con le loro aziende per un totale di 30 milioni diviso 8, a seconda delle possibilità, pure sarebbe un passo avanti , che garantirebbe un budget da metà classifica.

  11. Luca says:

    Si valutano i giocatori in partenza e magari poi alla fine si tengono. I ritiri servono a questo.

    • Il Linguista says:

      Credo che D’Aversa abbia già avuto abbastanza tempo per valutare Mazzocchi… due anni mi sembrano sufficienti…

  12. Gian Marco says:

    Chi capisce di calcio giocato e chi soprattutto ci ha giocato , Mazzocchi e’ arrivato alla fine della fiera col Parma.(grazie di tutto pero’)
    È un po meglio di Germoni, altro terzino fluidificante inguardabile dopo appena 2 apparizioni, fu rifilato a Perugia in fretta e furia.
    Vedremo chi avrà ragione , il Parma od il Perugia? Ah…Germoni anche li ha visto solo la panca…(proprietaria la Lazio….)
    Il mercato degli altri? Finora poca roba, sono convintissimo che appena parte davvero il nostro mercato arriveranno i giocatori da A , giovani o meno che sia e …giocheremo per la permanenza…ovvio !!!!! Siamo il PARMA .