CARMINA PARMA, di Luca Savarese / IN GERVINHO VERITAS

23 Set 2018, 00:00 33 Commenti di

Luca Savarese Inter Parma(Luca Savarese) – Bambini di tutto il mondo che amate il pallone e al quale date ogni giorni calci e sogni guardate e riguardate stasera prima di dormire, domani appena vi svegliate, lunedì appena prima di entrare a scuola, il gol di Gervinho. Non occorre tifare Parma per vederlo, occorre essere innamorati di questo gioco, per mandarlo a memoria. Un gol così è vangelo e vademecum allo stesso tempo: lancia un messaggio, ti porta via con sé. Il Parma brinda ai primi tre punti stagionali davanti al proprio pubblico e lo fa nella maniera più spettacolare possibile. Finalmente i sigilli dei nuovi gemelli del gol crociato, Inglese e Gervinho, che avevano timbrato il cartellino anche all’esordio contro l’Udinese, il numero 45 ed alla terza contro la Juve, il numero 27, valgono adesso per centrare la posta piena. Dal missile aereo siglato da Federico Dimarco al Meazza, che valse sabato scorso il gervinho gol parma cagliariprimo successo alla progressione dionisiaca, via terra, di Gervais Lombe Yao Kouassi, sabato questo a crocifiggere il Cagliari al Tardini: mamma mia Parma che settimana da Dio ti sei regalato. Dal cielo alla terra, orbite e brividi. Non era facile rimanere concentrati dopo l’ottima prova a casa dell’Inter. Bravo mister D’Aversa ad incanalare la vittoria in terra dei bauscia nel modo più giusto possibile. Nessuna sbornia post Inter dunque ma testa bassa e pedalare, consapevole che certe imprese servono a poco se poi non vanno subito confermate ed irrobustite. Col Cagliari non cala la fame, anzi raddoppia. Eppure i sardi arrivavano dall’ottimo pari casalingo contro il Milan. L’aria buona della Scala del calcio evidentemente ha fatto benone al Parma che con quel gol improvviso targato Dimarco si è davvero tolto un peso. Inglese nel primo tempo dimostra di essere uno che la porta non solo la vede ma la centra. Se aveva lavorato per la squadra senza trovare i centri contro gervinho esulta gol parma cagliariJuve ed Inter, la mette dentro oggi. Il gol, fa capire al Parma che ha un sacco di potenzialità ed al Cagliari che sarà dura al cospetto di questa squadra. Joao Pedro e Farias, talenti degli isolani, sembrano soffrire di saudade e così non ne azzeccano una. Maran, che negli anni ha costruito il miracolo Catania e poi il Chievo dei miracoli, sa che il suo Cagliari è un cantiere ancora molto aperto. Se ne accorge anche Gervinho al minuto 47 quando decide nel suo cuore il santo viaggio. Appena prende la palla, sa già dove sarebbe andato a terminare la sua corsa. Appena prende la palla non le stacca un secondo di dosso il sorriso, come fanno quelli della sua terra, amici per la pelle della felicità. Appena prende la palla sente già che questa volta è tutta sua e niente e nessuno può portargliela via. Sembra Bolt, ricorda Weah,fa venire in mente Asprilla, altri tre baciati dalla dea velocità. E’ semplicemente sé stesso, un fenomeno che è arrivato a Parma con la vivacità infinita di un bambino. Un gol che per un attimo ha avuto anche il potere di risvegliare anche sacri cantori del pallone già trapassati come Brera e Galeano. Si, bambini di tutto il mondo, che avete come amico il pallone, guardatelo e riguardatelo questo gol. Si scrive leggerezza. Si legge gol pesantissimo. La 7 di Cristiano a Torino dicono che a Torino sia introvabile da tempo. Ma la 27 di questo ragazzo ivoriano che si diverte mentre gioca adesso a Parma e dintorni andrà ancora più a ruba. Luca Savarese

In Evidenza, News, Videogallery Amatoriale

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

33 Commenti a “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / IN GERVINHO VERITAS”

  1. Luca says:

    Una squadra solida ed attenta, con un mister che in panchina non smette mai di guidare la squadra. Ricordiamo un po’ Conte e le sue squadre.

  2. LG says:

    Mi sembra superfluo aggiungere elogi x la partita di ieri e per la prestazione dei ragazzi pressoché perfetta con alcune individualità da lode (Alves, Inglese e Gervi).
    Però spendo due parole per il mister che è cresciuto insieme alla squadra dando più pragmatismo e sapendo esaltare le doti delle individualità in rosa (guardate bene Gervinho non fa l’esterno puro ma gli ha cucito adosso un ruolo sartoriale).
    Restiamo con i piedi per terra ma devo dire che siamo davvero sulla buona strada.
    L’unico dispiacere è non vedere i commenti di chi sino ad oggi ha criticato ogni cosa in maniera pesante ed arrogante creando artificiose polemiche ed oggi neanche un po’ di autocritica.
    Sempre e solo forza Parma

    • Ciccio7 says:

      Torneranno fuori tranquillo…! Alla prima sconfitta tireranno fuori la testa dalla sabbia affermando che loro avevano già capito tutto dalla coppa Italia persa col pro Piacenza…

  3. VELENOSOl says:

    Oggi vi dico una cosa a
    cui nessuno ha mai pensato
    Se fosse arrivato
    CAPUTO mai avremmo preso
    INGLESE.
    Non so se mi spiego.
    E quindi domenica non
    fischiato macringraziamolo
    per a scelta fatta.
    Non per niente Fermano
    ha definito Inglese un
    giocatore che secondo lui vale
    85 MILIONI di EURO.

    FAGGIANO
    S.V S.

    SANTO
    VIVENTE
    SUBITO

  4. VELENOSOl says:

    Se non ci salviamo
    PRENDO I VOTI.
    Mi faccio prete.

  5. Pasquale says:

    La partita di ieri è stata giocata bene, contro una squadra fumosa. Per la salvezza c’è ancora molto da fare ma al momento va bene così. Farei turnover a Napoli per avere i migliori freschi per l ‘Empoli. Qua c’è gente che già fa voli pindarici ma spero che la squadra rimanga invece consapevole della reale dimensione e lotti su ogni palla.

  6. VELENOSOl says:

    Per la B vedo
    molto male
    CHIEVO
    FROSINONE
    e male
    L’ EMPOLI

    Ecco perché
    con l’EMPOLI
    sarà
    SPAREGGIO

  7. Pencroff39 says:

    Metot gli ociel

  8. Mr.Rom. says:

    In cina Gervinho è migliorato perchè ha imparato ad essere Leader.

  9. LucaB says:

    Dobbiamo fare un passo alla volta. L’obiettivo DEVE ESSERE SEMPRE LA SALVEZZA altrimenti andiamo a Napoli e ne prendiamo cosi tanti che a riprenderci ci mettiamo due mesi…
    Calma e gesso e avanti a testa bassa.

    • lorenz says:

      Hai ragione, infatti dopo 38 giorni che il mercato è chiuso abbiamo fatto zero acquisti di giocatori di serie A e gli altri solo svincolati e vecchi. E’ una vergogna! e D’aversa vattene, sei un allenatore da serie C. In seguito mi occuperò anche degli esperti finanziari, commercialisti col foglio rosa ed esperti di mercati internazionali a tempo perso, oltre ai vari profeti di sventura che da tre anni ci deliziano con le loro previsioni sempre azzecate.

  10. Pasquale says:

    In serie A ci sono stati molti casi di squadre partite bene e poi alla fine retrocesse ( faccio solo 2 esempi, dato che sicuro li ricordate.. Bologna , retrocesso nello spareggio con noi e Verona di Malesani, che aveva Mutu, Gila e Camoranesi). Piedi per terra. Già vedo gente festeggiare.

    • lorenz says:

      Io non vedo nessuno festeggiare, ma solo guardare le cose come vengono. Ho visto invece molti fare funerali anticipati il 31 di luglio sostenuti da teorie strampalate e da tanta ottusa presunzione.

  11. Pasquale says:

    Avete rotto facendo allusioni su teorie stampalate e “commercialisti con foglio rosa” . Se tu non capisci prima l’ italiano e poi di economia, torna a fare quello per cui vieni pagato, sempre se tu sappia fare qualcosa . Tu chi sei ?che fai nella vita ? Sei laureato in economia ? Lavori nel corporate finance? Oppure giochi a football manager e pensi di insegnare qualcosa? Io ho sempre detto che il Parma avrebbe potuto spendere max 15 milioni mentre voi sognavate Balotelli e guarda caso, ne sono stati spesi 13 di cui 5 per riscattare chi avevamo già. Anche mister e ds hanno parlato di budget limitato, quindi non dissi nulla di strano.

    • Pasquale says:

      *Strampalate

    • lorenz says:

      Ehi Ciccio stai calmino, hai la coda di paglia? Ti sei riconosciuto? Quello che faccio io nella vita sono fatti miei e non lo vado a sbandierare in giro come fai tu con quegli atteggiamenti da super esperto. Io ho l’umiltà di non andare ad insegnare il mestiere a chi lo fa rischiando la sua faccia e i suoi soldi. Capito il concetto? SUOI SOLDI. L’italiano lo capisco benissimo e infatti ho capito tutte le cazzate con cui hai appestato per tutta l’estate . Hai sparato sentenze tecniche finanziarie basate sul nulla, perché se non l’hai capito il calcio si basa spesso sul caso (conosci l’alea?) e molto spesso anche sul culo. Un rigore o un palo cambiano tutto alla faccia delle teorie finanziarie. Conosco gente laureata in economia che sa trovare a malapena la strada del cesso. Cerca di essere meno presuntuoso e saccente e vedrai che sarai preso meno di mira. Ti ho seguito spesso anche nei tuoi verbosi interventi nella pagina FB del Parma, stesse zuppe che scrivevi qui. Forse lavori nel corporate finance ma la cosa non ti ha impedito di emettere sentenze del cavolo e di fare pessime figure

      • Pasquale says:

        Baci e abbracci.

      • Pasquale says:

        Sentenze finanziarie basate sul nulla? No, sul fatturato. Avevo previsto un budget diverso? No, ho sempre parlato di max 15 milioni. ( spesi 13).Addirittura fui accusato di aver solo riportato ciò che aveva scritto parmatoday e quindi risposi che avevo riportato quel dato perché lo condividevo in base alla stima del fatturato fatto dalla società ( per fare un budget di mercato, uno dei dati principali ma non unico è il fatturato). Altra precisazione sbagliata da parte tua è il fatto che parliamo di soldi di altri , ebbene lo so, infatti ho più volte fatto la premessa, dicendo che con i loro soldi possono fare quello che vogliono ma non devono offendere l’intelligenza delle persone dicendo che investire ulteriormente avrebbe portato il Parma da dove è venuto, perché non è vero che quei soci non avrebbero potuto finanziare una decina di milioni in 8, giusto per prendere un’alternativa da serie A ad Inglese, un mediano, che siamo contati, ed un terzino destro titolare ( semmai con prestiti onerosi). Rispondere sempre allo stesso modo è diventato noioso. Baci e abbracci anche a te.

        • Gabriele Majo says:

          Per evidenti motivi vorrei stare fuori da queste diatribe, però vorrei ricordare al Singor Pasquale come nessuno dei soci di Nuovo Inizio si sia mai dichiarato pronto a fare l’ “imprenditore calcistico”, anzi, mi pare il contrario. E cioè tutti insieme iMagnifici 7 si erano uniti per la mission di ridare il calcio a Parma con la famosa ripartenza dal basso. Pian pianino ci hanno messo anche ben più risorse rispetto a quello che magari pensavano o che era stato programmato, per via dell’impellenza di uscire dai campionati dai bassi ricavi ed approdare in quello con i maggiori, mission per la quale non hanno badato a spese, creando, però, un certo disavanzo tra entrare ed uscite. L’attenzione, quindi, a questo aspetto è fondamentale dato che nessuno di loro, pur non andando in fallimento, voleva sputtanare quattrini dietro il pallone. La gestione, dunque, anche se prima magari non lo è stata, per gli addotti motivi (ovvero la scalata, e se non fosse riuscita sarebbe stato un bel danno…) ora deve necessariamente esserlo, con un attento controllo di gestione, per non ripercorrere strade a noi già note. E ora, appunto, lo si può fare grazie ai maggiori ricavi. Certo, però, le spese vanno pure di pari passo e quindi è corretto che non si sbrachi, anche se all’allenatore, magari, potrebbe far piacere avere Ronaldo e al direttore sportivo la capacità di spesa di una delle big. Ma la bravura di ognuno di loro è ancor più amplificata dalle difficoltà che possono incontrare, l’uno perché non ha Messi e l’altro perché non ha il deposito di Paperon de Paperoni in cui attingere. Il lavoro fatto, ad oggi, dà ragione senza se e senza ma alla proprietà, ai dirigenti e all’allenatore. Se alla fine sarà dimostrato, come è sempre stato negli ultimi tre anni, che hanno avuto ragione anche coi risultati sul campo, tanto di cappello. Ma siccome lei, Pasquale, dice che sono liberissimi di fare quello che vogliono con i loro soldi, non può pretendere che diventino imprenditori calcistici, nel senso che ci mettano di più, di tasca loro, rispetto al programmato. E se vogliamo un calcio migliore, sarebbe bene che iniziassimo per primi a non spronare, come era stato fatto con Ghirardi e Leonardi, i padroni a cacciare la pila senza cognizione.

          • Pasquale says:

            Ma forse non è chiaro, lo so benissimo che i soldi sono loro e fanno quello che vogliono. Ci sono molti miei post con tale premessa. Io ho criticato che si sia detto che il budget è quello che è perché si rischierebbe di fare la stessa fine di prima. Una cosa è la mancanza di forza , un’altra è la volontà. Non vogliono più metterci del loro, benissimo ma lo si dica invece di dire che lo si fa per necessità. Quel pizzico di volontà in più e Faggiano avrebbe potuto prendere qualche altro elemento di A al posto di chi va bene per una B ad alto livello. Ad oggi il lavoro svolto sul campo è ottimo ma comunque si dovrà lottare fino alla fine.

  12. Lupo says:

    Esimio direttore, visto che allora abbiamo qui un mega esperto di economia contabile sportiva, la invito caldamente ad aprire una nuova rubrica sul blog. ‘CONTI IN TASCA’ dove il nostro caro Pasquale (nome assolutamente di fantasia) in maniera assolutamente semplice e credibile (come lui del resto) ci illustrerà il bilancio delle squadre di A, B, C e forse anche di D.
    Pasquà non fare però quello del Parma però, che quello ormai l’hai sviscerato in tutti i frangenti (e avresti pure rotto ecco)…
    Ah comunque gentili utenti di questo blog lancio un appello a tutti: se vinciamo non tirate in ballo questi cornaccioni, visto che quando perderemo (e perderemo purtroppo) salteranno fuori come i porcini in questa stagione su al Ballano, e purtroppo fracasseranno i maroni su come loro saprebbero gestire molto meglio una squadra di serie A. Quindi ora godiamoci quello di buono che è stato fatto e lasciamoli bollire nel loro brodino… http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

    • Pasquale says:

      Avrei voluto risponderti in altro modo ma poi ho letto “economia contabile sportiva ” e niente, non vale la pena andare nel dettaglio. Chiedo scusa se ho introdotto concetti per te difficili, tali da disorientarti . Potrei pure parlarti di bilanci ma non ci capiresti nulla dato che non ci hai capito nulla quando li ho spiegati in maniera semplice. La sintesi è che ho sempre parlato di un budget di max 15 milioni mentre voi pensavate a Balotelli, partendo dal dato certo di fatturato di circa 50 milioni. Si è verificato? SI. Spesi 13 milioni. In 8 avrebbero potuto migliorare la rosa con ulteriori 10 milioni, creando patrimonio da valorizzare ? Direi di sì. Barilla e soci sarebbero falliti per questo? Inutile rispondere. Inoltre ho criticato lo staff medico ed atletico e pure questo è oggettivo dato che siamo la squadra con più infortunati da due anni. Critico a prescindere? No, ho fatto i complimenti dopo la sconfitta con la juve. Detto questo, saluti.

      • Lupo says:

        Suvvia non te la prenderai mica perché nessuno ti da credito???
        Visto il tono che metti nelle risposte che dai, e quello che hai scritto in questi anni non ti puoi proprio lamentare direi… E con tutto il rispetto (che devi sempre guadagnarti), il bilancio se proprio me lo volessi fare spiegare, chiederei lumi al bravissimo Luca Marotta, che già si è esposto su queste colonne in più occasioni cercando di chiarire concetti complessi in parole semplici. Di certo non verrei a cercare te…
        Vediamo se ora capisci tu il punto di vista di un’altra persona.
        In società avevano 15 milioni da spendere? Benissimo sono dell’idea che avrebbero fatto un buon lavoro anche con 10 centesimi… Di fatto questa dirigenza facendo squadra dalla D è tornata in A e si sono guadagnati credito e fiducia.
        Quindi è giusto lasciarli lavorare… Ma criticarli sempre e comunque non ti mette in bella luce… Per questo visto che alla prima sconfitta salterai fuori dicendo ‘ve l’avevo detto’ consiglio a tutti di lasciarti nel tuo brodo. Visto che continui a menarla con la storia che con una decina di milioni di euro
        Per tenderti un salvagente potresti andare a chiedere a un noto amministratore delegato di una famosa catena dii sale cinematografiche (tra l’altro presidente di una squadra di lega pro) di metterci i famosi 10 milioni che secondo te ci farebbero dormire sonni tranquilli. Arriverebbe con cinque anni di ritardo, ma almeno finalmente saremmo sicuri che la pila ce l’ha.

  13. Il Linguista says:

    Beh a me sembra di ricordare ( ma posso sbagliarmi) che la tua tesi fosse un po’ diversa: tu eri critico nei confronti del budget limitato messo a disposizione dal Parma e prendendo ad esempio altre squadre sostenevi che mettendo in conto i rischi della retrocessione un investimento così limitato fosse inspiegabile e controproducente; sei inoltre sempre stato molto critico nei confronti delle scelte tecniche in sé e nei confronti delle scelte comunicative della società nel “WhatsApp gate”, in quanto sostenevi che la linea mediatica di Zamparini sarebbe risultata vincente. Correggimi se sbaglio (fallo veramente, lo dico senza nessun tipo di sarcasmo o ironia) ma ti ricordo che tutti i tuoi commenti estivi sono recuperabili e “copiaincollabili”.

    • Pasquale says:

      Ti ripeto ancora una volta come la vedo: in 8 soci avrebbero potuto investire quel poco in più per completare l’organico con almeno un paio di elementi , per giocarsela senza rischiare e guarda caso, mister e ds hanno parlato entrambi di budget limitato. Il campionato è fatto di 38 partite quindi ci andrei piano a festeggiare. Per coerenza, ho fatto i complimenti anche dopo la juve, nonostante la sconfitta, quindi non attacco a prescindere. Sul caso sms, ribadisco che non ho condiviso la tesi dello stare zitti ma condivido quella del Frosinone che ha subito risposto con comunicati ufficiali a nome del presidente Stirpe.

      • Il Linguista says:

        Che non sia tempo di festeggiare lo sostiene anche il più ottimista dei tifosi, intanto però queste prime giornate hanno dimostrato che la squadra è stata costruita con una certa logica e che quanto meno non saremo il Benevento della situazione, cosa che tu a un certo punto davi per certa. In quanto al secondo punto il fatto che il Frosinone sia ancora invischiato fino al collo in problemi di giustizia sportiva la dice lunga…Il comunicato ufficiale poi lo ha fatto anche il Parma, ma al momento giusto. Chi si ricorda più oggi dei deliri di Zamparini?

        • Pasquale says:

          Che il Frosinone sia invischiato non c’entra con la comunizione, infatti Stirpe non ha risposto per alterare la sentenza ma per difendere l’immagine. La squadra ad oggi sta facendo bene, lo so è ne ho riconosciuto i meriti anche dopo la sconfitta con la juve , quindi non critico a prescindere. Pensatela come volete, io sono per la libertà di pensiero ma condivido quanto detto da mister e ds, ossia un budget limitato in virtù soprattutto della forza economica dei finanziatori. Sono soldi loro, certamente e ne fanno quello che vogliono. Se voi non la pensate come me, il mister o il ds, mi va bene lo stesso.

          • Il Linguista says:

            Dai Pasquale è inutile che stai qui a farci la supercazzola. Tu quest’estate hai legittimamente criticato l’operato della società un po’ su tutti i fronti. È un tuo diritto, ci mancherebbe e guai se non fosse così; su alcune cose ci hai visto male su altre è ancora da vedere ma speriamo che tu abbia torto anche lì. Il tuo tono un po’ da sapeientone ha fatto il resto per cui adesso non ti arrabbiare se la gente ti critica . Chi lo sa magare tra due settimane potrai dire ve l’avevo detto, ma sono convinto che anche tu speri aver fatto delle analisi un po’ troppo nefaste.

          • Pasquale says:

            Va beh, meglio non so spiegarmi. Baci e abbracci.

  14. Pencroff39 says:

    Pasquale, sei a livelli supponenziali elevati (non qualitativamente…).
    Metti giù quei libri lì di quando andavi al Cepu di ragionieria con il cui stile rivesti banalitá