FATTI MANDARE DA TANZI E CRAGNOTTI A PRENDERE IL LATTE E I PELATI… E QUELL’ASADO ARGENTINO…

20 Ott 2018, 00:00 8 Commenti di

Luca Savarese Inter Parma(Luca Savarese) – Parma e Lazio, negli Anni Novanta, erano marchi di fabbriche e fabbriche di marchi: Parmalat e Cirio. Fiumi di latte e conserve infinite di sugo scorrevano tra le valli di quel Parma e di quella Lazio.Di Calisti Tanzi e Sergio Cragnotti. Tavolate piene, energie giuste, anche così entrarono presto nel novero delle Sette Sorelle, al quale già danzavano Milan, Inter, Juve, Roma e Fiorentina. L’Italia doveva stare attenta a quelle due: Coppa Italia 98 alla Lazio, coppa Italia 99 al Parma, Supercoppa 99 al Parma. Ma pure l’Europa era avvisata: Coppa Coppe, ultima edizione 99, alla Lazio, Coppa Uefa dello stesso anno al Parma. Supercoppa Europea, di un 99 ebbro, alla Lazio. Poi, forse per aver mangiato più piatti di pasta al pomodoro, i biancocelesti centrarono anche lo scudetto, l’anno dopo, nel 2000. Tricolore, che troppo inseguito, aveva forse finito per far come deprezzare la comunque nobile campagna europeista Crociata. Ma, si sa, il latte prima o poi finisce. I pomodori prima o poi si seccano. Ma anche l’asado che quegli anni si cucinava nei barbecue di Parma e Lazio, non era niente male. Carne argentina, gauchos di prima qualità. Come Roberto Nestor Sensini da Arroyo Seco, tesi al Parma, antitesi alla Lazio e sintesi al Parma. Sempre con la cicca in bocca. Matias Jesus Almeyda scelse invece prima il campidoglio (dove proprio contro ilTANZI E CRAGNOTTI Parma al Tardini, realizzò un gol da paura, botta convinta da metà campo dritta a morire nella porta crociata) e poi il ducato. Pezzi pregiati, acquolina in bocca: Juan Sebastian Veron, prima sontuoso suggeritore del Parma di Malesani e poi artista armato di grazia nella Lazio di Eriksson. E dopo la carne via col dolce. Dulcis in fundo Hernan Crespo. Sulla via Emilia imparò, grazie alle cure ancelottiane, a diventare bomber, incidendo per sempre il suo nome sulla storia parmense. Sulla via Appia andò a continuare a segnare. Latte, salsa, asado e dolce. Come era ricco una volta il menù di Parma-Lazio. Masterchef, lo avrebbe vinto ad occhi chiusi. Luca Savarese

Carmina Parma, In Evidenza, News

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

8 Commenti a “FATTI MANDARE DA TANZI E CRAGNOTTI A PRENDERE IL LATTE E I PELATI… E QUELL’ASADO ARGENTINO…”

  1. Luca says:

    Gervinho si è allenato con il gruppo. Ottima notizia il suo recupero per domenica. Ovviamente è da rischiare solo in caso di necessità.

  2. Douglas says:

    Complienti …. bel articulo
    Grande Parma …ieri oggi e domani ..
    Lavoro speziale di Parma = Stupire a tutti
    Avanti Parma .
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  3. VELENOSOl says:

    Come mai quando si parla d’infortunati, sia CICIRETTI e sia BiIABIANY, non vengono mai menzionati come se questi giocatori infortunati non rientrerebbero più nel progetto tecnico del Parma in quanto a gennaio ritorneranno da dove sono venuti in quanto perennemente rotti?

    • Douglas says:

      Tranquillo Velo ….
      Confirar in le mie parole …come ho detto tante volte ..
      esempio Sepe … please believe in Parma Calcio 1913 ..
      Dal alto pasando del D’AversA i giocatori ..
      vediamo che fa il Mister …
      Lui fa il meglio per Parma …Ciciretti insidia Siligardi per una maglia da titolare, mentre Biabiany potrebbe essere utilizzato a gara in corso magari in luogo di Di Gaudio.
      Ciao Velo

  4. VELENOSOl says:

    Ciao Douglas
    Sei molto simpatico

  5. Douglas says:

    Velo Oggi finalmente Calcio Giocato …
    Cosi’ tutti le domande che tutti noi abbiamo in nostre teste sono soluzionato ..
    Te dico oggi un bel 2 a 0 …goles di Inglese e Ciciretti …
    Cosi’ posso mangiare un bel piatto dI ” Buccatini a la Carbonara ” come se fanno in Trastevere …
    Forsa Paerma