PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Parma, te quiero ma non te Chievo!?!?

11 Dic 2018, 13:00 8 Commenti di

 

borsino chievo

(Mauro “Morosky” Moroni) – mauro moroni morosky 08 12 2018La gara è iniziata e, nel primo tempo, non mi ha certo fatto impazzire di gioia (con ritmo blando), tempo durante il quale il Parma ha calciato in porta solo due volte, dapprima con Biabiany e, qualche minuto dopo, con Barillà (servito al bacio da Scozzarella in piena area) che, di piattone sinistro, al volo, ha cercato un diagonale incrociato sul palo opposto, ma si è visto opporre una pregevole paratona di Sorrentino che ha salvato la propria porta così come nell’azione precedente!
Nel secondo tempo gli ospiti sono subito passati in vantaggio, un tiro sbagliato, un rimpallo ed un altro tiro che ha trovato sul palo alla sinistra di Sepe, tutto solo, Stepinsky, il quale non ha certo tribolato gran che a metterla dentro (a molti era sembrato fuorigioco, ma come ultimamente succede, “vatla thor in thal var”, ancora una volta ha deciso per il gol regolare!).
Sette minuti dopo, una magistrale punizione di Bruno Alves (con partenza a gambe divaricate, stile Ronaldo) ha fatto recapitare la sfera, terra aria, proprio all’incrocio alla destra di Sorrentino, una parabola telecomandata di una bellezza eccelsa.
Un clamoroso palo di Inglese avrebbe meritato sorte migliore ed ha lasciato invariato il punteggio finale, 1-1, anche se, il secondo tempo dei Crociati mi ha riconciliato con una gara che mi stava facendo preoccupare, sia per la prestazione che per il risultato finale.
Ottime le prove di Alves, Bastoni, il solito Barillà, Inglese e, udite udite, buona pure la prestazione di Sprocati che ha dato vivacità e concretezza all’attacco dei Ducali.

previsioni morosky dopo chievo

Era una gara da vincere, ma, considerando gli altri risultati, si è guadagnato un punto sulla zona salvezza in quanto, Frosinone, Bologna e Udinese hanno perso mentre, tutte le altre, hanno pareggiato: certo che confrontando i punti della prima (43) con quelli dell’ultima (03) si nota il profondo abisso ed il divario che c’è, così come il divario che c’è sulle immediate inseguitrici, + 8 sulla seconda e + 14 sulla terza: campionato di marziani!!????

Non credo sia una castroneria affermare che, altri 4/5 punti nelle rimanenti 4 gare, ci porterebbero alla sosta nel migliore dei modi, consentirebbero di rimodulare la rosa (ci penserà Daniele Faggiano) andando ad effettuare gli opportuni movimenti in & out per rinfrescare ulteriormente un organico che ha bisogno di una sistemata, un rappezzo qui, un inserimento là, un po’ di sfoltimento e via pedalare; sull’argomento, da parte mia, segnalo alcuni giocatori, non appariscenti, non dei fenomeni, ma che potrebbero essere molto funzionali per questo Parma:

Difensori: Vicari e Cionek (Spal), Zampano e  Ariaudo (Frosinone)

Centrocampisti: Poli (Bologna), Kurtic (Spal), Radovanovic (Chievo), De Paul e Fofana (Udinese), Rincon (Torino)

 Attaccanti: Kouame (Genoa), Giaccherini e Stepinsky (Chievo), Lazzari (Spal) : quest’ultimo lo so che è già un pezzo di mercato molto pregevole, che merita palcoscenici importanti, è giovane, forte, ha raggiunto la Nazionale e, cos’altro dire? Lasciatemi sognare, quelle ali veloci, guizzanti, a tutto campo, quelle di una volta, ala tornante, altro che esterno basso o esterno alto, ala tornante, tutta scatti, velocità e dribbling, da far diventare matti i terzini!

Le prossime gare *

16/12 >>>> Sampdoria

23/12 BOLOGNA

26/12 >>>> Fiorentina

29/12 ROMA

* I risultati del 15° turno, 7-8-9 dicembre *

1-0 Juventus-Inter (Venerdì 07/12 ore 20.30)
4-0 Napoli-Frosinone (Sabato 08/12 ore 15)
2-2 Cagliari-Roma (ore 18.00)
2-2 Lazio-Sampdoria (ore 20.30)
3-3 Sassuolo-Fiorentina (Domenica 09/12 ore 12.00)
2-1 Empoli-Bologna (ore 15.00)
1-1 Parma-Chievo
1-3 Udinese-Atalanta
1-1 Genoa-Spal (ore 18.00)
0-0 Milan-Torino (ore 20.30)

A parte le battute sarcastiche, pungenti ed ironiche, dopo 15 gare e, dopo aver già raggiunto la matematica salvezza, questa “grande Juve”  (bisogna saperlo ammettere) sta puntando decisamente alla zona Champions; 43 punti, 14 vittorie ed un pareggio contro il Genoa, unica squadra che, per ora , ha “mezzo fermato” i bianconeri, una marcia inarrestabile: brava, bella e pure fortunata in quanto, venerdì sera, ha vinto contro l’Inter, ma i milanesi meritavano un altro epilogo di gara, questo è il calcio, bravi, decisi, determinati, ma l’altra sera, pure un pizzico, aiutati dall’imponderabile, la solita Dea, doppiamente bendata, ma i meriti ci sono e, di conseguenza, i risultati confermano le prestazioni .

* Marcatori Paerma*

5 gol – Gervinho
4 gol – Inglese
2 gol – Bruno Alves
1 gol – Barillà, Dimarco, Rigoni, Siligardi, Ceravolo

* Situazione cartellini gialli *

4 Bruno Alves , Gagliolo ( in diffida )
3 Stulac, Iacoponi
2 Gobbi, Barillà, Biabiany, Rigoni
1 Dimarco, Siligardi, Sepe, Deiola, Inglese, Bastoni

**Barillà (5 ammonizioni, un turno di squalifica 04/11)

**Stulac (espulso, un turno di squalifica 10/11)

* G & G, tra gossip e goliardia *

  • morosky fidanzata cineseDalla Mapi.papi.giampi.Group in avanti, la vita del “comico.imprenditore. presidente” brianzolo, Giampietro Manenti, si è snodata nel mondo del calcio, del business internazionale e delle parsimoniose trattative lampo (1 euro) per l’acquisto di società calcistiche, con una serie infinita di “domani pago”, “ è in arrivo l’assegno”, “veicoliamo il denaro tramite la Banca Cinese Mhi Ngho Gnan Unyuan (da fer baler na scimmia), capitale a fondo perduto: per chi non lo sapesse, dopo aver trattato l’acquisto del Milan Calcio, prima che intervenisse il fondo d’investimento statunitense Elliott, ha rottamato la macchina ed ha aperto un bar (lui sempre in giacca e “lupetto d’ordinanza” con socio di maggioranza cinese) sulla Via Emilia in località San Prospero di Parma (a lato la signorina Giada Yong Yjiao Lizhana, prima cugina del nostro ex Presidente Jiang Jonh Lizhang, nonché mia fidanzata di rappresentanza e Direttrice della Associazione Cinese U.P.I. per l’Italia, già consorella dell’omonima Associazione di Via Ponte Caprazzucca, tutto questo per il piacere di Davide e dei “piocions supporters” , si scherza dai Direttore, qui, tra infortuni muscolari, sms galeotti,  infermeria intasata, rotture traumatiche, Var o miga Var, questa è la fregatura, e, a seguito di tutto ciò, ogni tanto mi viene da buttarla in burlesque, ciao pure a “Silvio”, corbezzoli, perdindirindina, scendiamo in campo e mi consenta!!!)
  • A seguito del terremoto sportivo falliment-finanziario del 2015, i due arcinoti Armatore & Ammiraglio, dopo le varie vicissitudini sportive, giudiziarie, ecc, ecc, si possono trovare oggi, in formato “dimagrito”, a fianco di “Jesus Crocifisso Miglietta”, a pochi kilometri da Gerusalemme, sul monte Golgota-Calvario, leggermente inchiodati, ognuno alla propria croce, mentre il Vangelo secondo Trapattoni continua a predicare sacrificio alle punte, difesa ad oltranza e grande catenaccio in tutte le zone del campo (fonte Beccalossi, Oriali, Altobelli) dei Giudei.
  • Club dei Singles Ci ha lasciato increduli, proprio la settimana scorsa, l’addio di Matteo Guazzo al celibato: l’ex una (un solo gol all’attivo) bomber piemontese, dopo le innumerevoli conquiste femminili (grand trombeur de femmes) è convolato (ma pure convocato) a giuste nozze con una graziosa signorina parmigiana, conosciuta proprio nel periodo in cui si è mangiato quel clamoroso gran “gollasso” del pareggio a Gubbio, partita valevole per lo scudetto di Serie C; auguri al bomber e alla sposa, piccoli bomberini cresceranno!?!?
  • Lettori-tifosi dispersi: ma che fine hanno fatto i miei “amici” lettori Bel Bomben, Luca il Lucano, Vecchia Nobiltà, Nobiltà Ducale, Alessio, Fabio d’la Gera, Il Cinese…?????? Tutti scomparsi da queste pagine scure, oserei dire nere? Nere di fumooooo, bianche d’amoreeee come cantavano i New Trolls in “Miniera”: abbiamo una squadra (stavo scrivendo in salute, ma non è il caso vista l’infermeria stracolma) neopromossa che sta cavalcando questo massimo campionato nel bel mezzo di una classifica e salvezza fattibile, tutto questo dopo il percorso vertiginoso che ci ha visto partire nel 2015 da Arzignano Chiampo; senza voler banalizzare né usare la solita retorica, inutile e stucchevole, questa squadra, questa società, meritano di essere seguite, amate e tenute in grande considerazione in quanto è stata effettuata la politica dei fatti (non pugnette), del “rumoroso” silenzio, nel senso di parlare poco e chiaro, ma le parole più belle sono state quelle pronunciate in campo: San Mauro Pascoli, Maggio 2016, Firenze, 17/06/2017, Picco di La Spezia, 18 Maggio 2018 nonché tutte le altre “silenziose parole” enunciate soprattutto nei momenti difficili, momenti nei quali, però, chi di dovere, ci ha sempre messo la faccia, in modo trasparente, concreto e deciso: mi riferisco ai Ferrari, Malmesi, Faggiano, Carra e cioè a quei dirigenti preposti a portare la voce della Società in conferenza stampa, senza tirarsi indietro, senza mezze figure, senza ombre né scheletri nell’armadio; in altre piazze si usano altri metodi, sistemi pesanti, sia a mezzo stampa connivente sia a mezzo bla bla bla, sia tramite social: mi riferisco a Palermo, Genoa rossoblu, Venezia al tempo di Perinetti, piazze e personaggi, dirigenti e/o presidenti che usano la politica del lamento, del complotto, del contenzioso, del seminare zizzannia, del gettare fango sugli altri, forse per cercare di toglierne un po’ di dosso a se stessi!!!

Sono arci convinto che, fin quando ci saranno i soci parmigiani all’interno di questa società, la medesima potrà sempre andare a testa alta, sia per quanto riguarda il percorso sportivo sia per la solidità del gruppo, dal punto di vista gestionale e finanziario: eravamo piccoli, ma siamo cresciuti in fretta, ricordiamoci sempre di quell’estate 2015, dai campi spelacchiati di Collecchio, da Arzignano a San Siro e proprio da quei campi incolti è rinata la società, è rinato il verde, è rinata la nuova favola del Parma.Calcio 1913, lasciatemi sognare, lasciatemi continuare a viverla, giorno dopo giorno, partita dopo partita, anche con gli infortuni, anche coi problemi, anche con le sconfitte ma, con la forza, la serietà ed il lavoro quotidiano, mattone dopo mattone ritorneremo grandi, forse non da competere per lo scudetto. ma sicuramente per toglierci ancora belle soddisfazioni sportive.

Cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

In Evidenza, News

Autore

Stadio Tardini

8 Commenti a “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Parma, te quiero ma non te Chievo!?!?”

  1. Luca says:

    De Paul sarebbe tantissima roba, ma figurati se l’Udinese lascia andare il suo giocatore migliore in piena lotta per la salvezza. Poi a noi serve più una punta che un trequartista.

  2. Lukfur says:

    Tutto dipende da quanti soldi la società metterà a disposizione di Big Daniele.
    In caso il piano B potrebbe prevedere I migliori degli acquisti di gennaio, Munari, Calaiò e Baraye….con partenza di Ceravolo, Ciciretti e qualcun altro…

  3. Douglas says:

    Bellísima artículo Mauro….
    Rico dei detagli…
    Unica cosa che no sono dacordo era la gran punizione di Alves…
    Era piú come Messi che cristina,,,
    Hai visto le due che ha fatto il Astro Argentino questo Sabato con Barcelona 🤔….,
    Tanti Saluti di España
    Strajé

  4. Morosky says:

    Io ho scritto che ha calciato con la rincorsa e la postura simil Ronaldo, di destro alla destra del portiere mentre Messi , di solito, calcia dalla parte opposta col piede sinistro…
    Solo questo

  5. Gabriele says:

    Era una partita da vincere ma non siamo stati brillanti come in altre occasioni, un punto guadagnato solo per il calendario ma sappiamo bene che sono 2 persi. Ali deludenti e tanta difficoltà a fare gioco nonostante scozzarella continui a dimostrare di poter fare bene anche in serie a. Se posso fare una critica costruttiva forse in questo tipo di partite contro squadre brave a chiudersi e ripartire (come noi) sarebbe piu utile schierare almeno un terzino che sappia spingere, magari gazzola con iacoponi e bastoni che si giocano il posto da centrale. Abbiamo un ottimo centravanti e bisogna trovare il modo di fargli arrivare qualche pallone giocabile

  6. morosky says:

    Sono d’accordo con te Gabriele ma, sia IACOPONI sia GAGLIOLO non sono particolarmente propensi a spingere e crossare di giustezza a centro area …ergo, giusto per fare un paragone ASSURDO, CANCELO E ALEX SANDRO sono un altra roba, ma pure Quadrado e De Sciglio…tanto per stare a Torino

  7. LucaB says:

    come si vede qui https://www.parma1913.com/partita_spec.php?c=sampdoria&t=parma sono molto più le volte che abbiamo perso (11) che vinto o pareggiato…

    con la scusa del gemellaggio ci fanno sempre la festa!

    Speriamo bene va…

  8. Douglas says:

    come vedo la situazione Io …
    gemellaggio e’ bello ….
    Pero Parma va di la per vincere ….. tre punti …
    all is fair in love and war …..
    Sto pensando di una partita di Champions adesso ..
    quello di Tottenham – Barcellona in Wembley ..
    Messi ha distruto …. Tottenham ….. e dopo il partito ..
    Ho visto Kane e Compania aplaudando …..
    It touched my heart …I must say ….. Fair Play ..
    It is the best …..
    but I am of sangue Mediterraneo ” calentito ‘…I want Parma to win ..nothing less
    Forsa Paerma
    Straje’