PARMA SUMMER CAMP AL TARDINI, AL VIA LA 2^ SETTIMANA (VIDEO). INTERVISTA AL COORDINATORE DI PARMA FOOTBALL ACADEMY PERRONE

24 Giu 2019, 23:00 64 Commenti di

parma football academy 2^ settimana 1^ giornata 24 06 2019

(www.parmacalcio1913.com) Divertirsi giocando ed imparando negli stessi ambienti dei campioni Crociati: è partita oggi, Lunedì 24 Giugno 2019 l’indimenticabile esperienza per 148 bambini e ragazzi tra i 5 e 14 anni iscritti alla 2^ Settimana del Parma Summer Camp, organizzato da Parma Football Academy, che hanno potuto cimentarsi col pallone sul manto verde del Tardini, cambiandosi negli stessi spogliatoi utilizzati dai propri beniamini. Oltre all’attività sul campo, sotto la guida di un team di istruttori qualificati ed affiatati ci sono momenti ludico-formativi, intrattenimento ed interessanti laboratori educativi, anche in lingua inglese grazie alla partnership stretta con My English School. Al via, dunque, una settimana indimenticabile in totale benessere e sicurezza, che si concluderà, venerdì 28 Giugno 2018, con una grande sorpresa: il triangolare benefico denominato “Un goal per Giocamico” che vedrà sfidarsi lo staff dei Mister di Parma Football Academy, gli Amici de La Cultura si fa Sport – con alcune vedette del mondo della musica e dello spettacolo – e le Vecchie Glorie del Parma.

Per presentare la 2^ Settimana del Parma Summer Camp dello Stadio Tardini, Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa & Comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913 ha intervistato il Coordinatore di Parma Football Academy Pierluigi Perrone.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE GIOVANILE

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL NUOVO CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

INTERVISTA AL COORDINATORE DI PARMA FOOTBALLA CADEMY PIERLUIGI PERRONE

di Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa & Comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913

PARMA SUMMER CAMP 2019 ALLO STADIO ENNIO TARDINI

IL BRIEFING CONCLUSIVO DELLA 1^ GIORNATA DELLA 2^ SETTIMANA

News, Videogallery Amatoriale

Autore

Stadio Tardini

64 Commenti a “PARMA SUMMER CAMP AL TARDINI, AL VIA LA 2^ SETTIMANA (VIDEO). INTERVISTA AL COORDINATORE DI PARMA FOOTBALL ACADEMY PERRONE”

  1. Luca says:

    Devo dire che quest’anno sono rimasto un po’ deluso in quanto all’iscrizione non era specificato che su 5 giorni di camp, 3 erano ai campi dell’audace….. credo che non sia corretto….

  2. Parma Football Academy says:

    Gentile Signor Luca,
    Ci dispiace per il suo disappunto ma ci teniamo a precisare che l’informazione sullo svolgimento delle attività presso il Parco Ferrari e’ presente sul nostro sito nel “programma generale” del camp, nella stessa pagina dove si effettua l’iscrizione. Inoltre è stato specificato anche durante la conferenza stampa di presentazione dei nostri camp estivi.
    Per qualsiasi altra informazione siamo a completa disposizione.
    Cordiali saluti
    Parma Football Academy

  3. Luca says:

    Allora se mi dice che è stato specificato chiedo scusa, io ho fatto l’iscrizione pensando che il camp si svolgesse come lo scorso anno.. Rimane il fatto che un camp fatto dal PARMA CALCIO visto anche il costo dell’iscrizione utilizzi le attrezzature del PARMA CALCIO e non dell’AUDACE. Nessun problema, il prossimo anno starò più attento ai dettagli. Cordiali saluti.

  4. Luca says:

    Buon divertimento ragazzi! Ricordatevi che il calcio è prima di tutto questo http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  5. VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

    Spendiamo 2 milioni per Ciano e
    non vogliamo spenderne 3.5 per
    BALOTELLI?
    Io no capire
    Io no capire

    • STEFANO says:

      piu’ che altro c’è scritto su p.live che il parma versa 5 milioni di euro per adorante e su trasfermarkt ha un valore di 125.000 euro. Non mi sembra un’operazione molto vantaggiosa anche se conosciiamo bene le plusvalenze dell’Inter ( esempio Crisetig 14 milioni)

      • Se ciao says:

        Se, e sottolineo se è vero che lo hanno pagato 5 milioni sarà un prezzo congruo, i giovani di valore costano cari ed è logico che un minimo di azzardo c’è sempre, nei giovani alcuni aspetti dello sviluppo sono per forza di cosa imponderabili, ma è così che funziona, spesso si pretende di comprare giovani da far crescere e rivendere per sostenersi come se fosse un gioco matematico, nello spendere per i giovani un minimo d’azzardo c’è sempre ma per lo meno indica che si cerca di creare una struttura in prospettiva e non solo una prima squadra raffazzonata per affrontare un campionato, poi dietro ci saranno anche altre cose di relazione con l’inter immagino, magari l’Inter ha bisogno di fare plusvalenze e ci aggiungono dei prestiti secchi.

  6. Davide says:

    Ma Ceravolo, Dezi e Stulac quando si levano gentilmente dai maroni?????

    • Moderatore says:

      sarebbe bello se tutti esprimessero la propria opinione, rispettando comunque gli atleti, i professionisti, le persone che ci hanno accompagnato in questi anni.

  7. morosky says:

    Basta dirlo…scrivendolo con ironia..

    finesse, tipo tour pral kulovic in the middle of chapette…
    c’est plus facil
    n’est pas ?

  8. morosky says:

    tutto e tutti col PUNTO INTERROGATIVO MA …credo che parecchie trattative siano già in dirittura d’arrivo. DICIAMO CHE …tra lunedì e mercoledì prox ….MI ASPETTO 7/8 NOMINATIVI …PRONTI A FIRMARE UFFICIALMENTE ………

    ………………Previsioni BOZZA NUOVA FORMAZIONE ?????

    …………………………………….SEPE
    ……………..LAURINI bruno alves SKRTL BENITO
    …… iacoponi DERMAKU MINELLI GRAVILLON gagliolo

    ………………………….GRASSI …BRUGMAN kucka
    ………………ROG ….KANOUTE’ stulac ..barillà

    ………………………….CIANO …..bomber…….. GERVINHO
    …………………………KARAMOH UNDER 21 OUNAS

  9. VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

    Ho sentito dire che arrivera’
    Balotelli solo se
    andrà via Gervinho.
    Dai via una certezza per
    prendere un’incognita.???????
    A me sta bene Balotelli
    ma solo se rimane Gervinho
    altrimenti
    RAUS ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    ⚡ ⚡ ⚡ ⚡

  10. Davide says:

    Ma il Pizza il primo cittadino è d’accordo se viene Benito?

  11. Davide says:

    Secondo me ha paura che poi si affacci al balcone sopra i portici del Grano e gli rubi il mestiere costringendolo a tornare a riparare i pc.

  12. Ciccio7 says:

    Io Balotelli lo prenderei subito! Se capisce che può fare un anno per rilanciarsi in ottica nazionale…magari con uno stipendio più basso rispetto ai suoi standard…magari l’anno dopo il suo valore si di cartellino che di stipendio potrebbe raddoppiare facendo felici giocatore e club. Tutti le perplessità sul carattere e sull’armonia dello spogliatoio sono tutte cavolate! Ed è comunque un rischio che sarei disposto a correre!

  13. Douglas says:

    Tridente Fortissimo :
    Gervinho – Super Mario – Ounas ( Karamoh + Ciano )
    Straje’

  14. VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

    L”importante è non dar via GervInho.
    Ho sentito che i turchi lo vogliono per 7 milioni.
    Se cosi’ fosse sarebbe UNA DEMENZA.
    Sarebbe, questa l’offerta irrinunciabile
    a cui non si potrebbe rinunciare?
    Ma fatemi il piacere ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    La società aveva detto che lo avrebbe
    ceduto solo su offerta irrinunciabile.
    ma questa è un’offerta non certamente
    irrinunciabile sono prezzi di saldo e di
    SOTTOCOSTO.

  15. Nathan says:

    Viene dato per fatto un giovane primavera inter per 5-6 milioni ( le plusvalenze interiste, quelle belle). Con un budget limitato, bisogna prendere almeno 7 giocatori e si spende per questo ragazzino? Va bene tanto cediamo Gervinho e ci prendiamo in prestito karacomesikiama dall’inter. Grassi già in prestito e se viene Ounas sarà in prestito . Speriamo che nessuno voglia kucka.

  16. Davide says:

    Concordo in pieno. I giocatori si dividono in grami e buoni e lui sicuramente è fra i buoni. Il resto sono cannelle e a chi non va bene che si tenesse Ceravolo e Schiappa. Poi là Sassi all’UPI ci ha detto che l’ecsport va bene e che le tomacche e i bussolotti si vendono come il pane quindi rilanciamo un pó

  17. Davide says:

    I 6 milioni ai Cing Ciang ricchi dell’Inter per fargli fare la plusvalenza entro il 30 giugno per una primavera sono un abominio. Siamo qui a contare i centesimi e facciamo fare una plusvalenza ai ricchi Cing Ciang per una primavera bruciando una bella fetta di bagget? Faggianata pura. E poi stiamo a piocionare per le punte

  18. Davide says:

    Ha pure il crociato rotto ma qui siamo nei pazzi regalare 1/4 del bagget all’Inter per aiutarli nelle plusvalenze.

  19. Gabriele Majo says:

    Caro Davide Tu sei di una presunzione estrema quasi come la Tua ignoranza (per lo meno dei fatti).
    Posto che Parmalive non è il Vangelo, del resto come le altre testate, in quanto le Sacre Scritture sono solo le cosiddette “notule di annunzio”, Adorante, qualora dovesse tornare, non sarà l’unica operazione che il Parma concluderà con l’Inter con la quale ci sono diversi capitoli aperti che potrebbero portare a reciproche soddisfacenti plusvalenze e nel caso arrivasse Adorante si tratterebbe del ritorno a casa di un prodotto del Settore Giovanile crociato.
    La Tua crassa ignoranza ti porta a sproloquiare anche di budget senza sapere manco di cosa stai parlando non conoscendo la reale natura e quantità del medesimo. Non perdi l’occasione per fare passare gli altri per coglioni, non Ti viene mai il sospetto che potresti esserlo Tu con rispetto parlando?

    • Nathan says:

      Mi permetta : in una logica di plusvalenze “convenienti” funziona come ha detto Lei, ossia scambio di giocatori con valutazioni uguali , quindi plusvalenze a conto economico ( ma anche più ammortamenti per qualche anno) e compensazione finanziaria. Il punto è: se diamo anche noi un primavera a quelle cifre , ok. Se diamo uno dei pochissimi buoni , tipo Gervinho o Kucka, allora è una manovra disastrosa. In ultimo, le sanzioni al Chievo per le plusvalenze con il Cesena non hanno insegnato nulla.

      • Demo says:

        Il corriere della sera parla di brazao che andrà all inter per 6.5..quindi addirittura ci guadagniamo prendendo Adorante e magari Karamoh.
        Faggiano è un professionista. Noi no.

        • Gabriele Majo says:

          Vedi, bingo…

          Posto che fin che non sono ufficiali le operazioni per me non esistono (prendono vita solo con l’atto di nascita denominato “notula di annunzio”) però qualora il Parma dovesse cedere all’Inter Brazao, ricavandone una ricca plusvalenza, e contestualmente acquistare dai nerazzurri Adorante, consentendola a loro, il mosaico assumerebbe maggiori tessere rispetto a quello parziale delle prime indiscrezioni dei siti specializzati di ieri.

          Purtroppo viviamo in un’era in cui chiunque può scrivere a caldo qualcosa – senza spiegare di cosa si tratta davvero – ognuno interpreta senza avere in mano gli argomenti giusti per farlo e si creano corto circuiti…

    • Demo says:

      Majo concordo con la sua analisi, ma se fosse vero sarebbero spesi 5 mln per Adorante ( e sicuramente karamoh brazao dimarco e bastoni potrebbero essere compresi con varie formule) ma nn ricordo bene chi ha speso i soldi per Brazao.. Noi o l Inter?

    • DavideO says:

      Il problema è criticare leggendo una notizia che non si sa se sia vera o meno.
      Non si sanno i giocatori coinvolti nell’operazione, non si sa effettivamente quanti soldi saranno investiti e oltretutto si dice che 1/4 del budget è speso quando nessuno ha mai detto ufficialmente quale sia il budget e a cosa sia riferito.
      Anche perchè anche fossero 5 milioni ma magari pagati in 5 anni, il budget sarebbe ridotto di un solo milione più la parte di stipendio.
      Criticare o discutere è più che legittimo, ma almeno bisogna avere le informazioni a disposizione per capire la situazione.

  20. VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

    Davide è un coglionè?
    E allora lo sono anch’io perché la penso come lui.
    Ma questo ADORANTE è il nuovo….. Messi
    o molto più realisticamente il nuovo…..SCHIAPPACASSE ?
    Se fosse il nuovo Messi l’Inter stai certo non te lo darebbe, se fosse il nuovo Schiappacasse….. CHAPEAU INTER

    • Siberianhusky says:

      Rileggi quanto ha scritto sopra Maio, è molto chiaro.
      Tra Parma e Inter ci sono operazioni di mercato in corso che verranno definite in modo da risultare vantaggiose per entrambe le società sotto il profilo economico e contabile.

  21. Ludovico il Moro says:

    Senta Direttore…..

    Lo sa persino mio zio che ha 90 anni che si parla esclusivamente

    di PRESTITI…..i prestiti non fanno PLUSAVELENZE….

    Direttore si rilassi….e vada un po’ in vacanza. Ne ha bisogno.

    • Gabriele Majo says:

      Ludovico il Moro, come d’abitudine, utilizza impropriamente questo spazio per gettar fango sulla società: giochino che conosce perfino sua nonna che ha 90 anni.

      Io credo che quello che è stato costruito in questi anni dal “nuovo” Parma sia abbastanza evidente e sotto gli occhi di tutti, incluso di chi come Lodovico prova piacere nello sputtanare gli altri.

      Detto questo: anche Nostro Signore per fare il mondo ci ha messo 7 giorni, e, come direbbe il Lucifero di Guccini, lo ha fatto anche un po’ mela essendo la Terra schiacciata sui Poli, dunque per fare le cose serve il giusto tempo, senza essere oltremodo pretenziosi. Al Parma sanno benissimo che il prossimo step è cercare di sfruttare al meglio il “player trading” (detto in volgare, vendere giocatori per creare plusvalenze) cosa finora impossibile da farsi per la filosofia dapprima inseguita per essere “come noi nessuno mai” (più prosaicamente per raggiungere l’apice dei ricavi con la serie A) e poi lo scorso anno anche per problematiche imprevedibili sorte. Ora cercando di indovinare in un modo scientifico su quali calciatori investire, parte una nuova mission. Ma le cose van fatte con calma perché la gattina che ha fretta fa i gattini ciechi.
      Comunque stiamo parlando di imprenditori importanti, non certo dei babalani o degli sconosciuti, che sanno il fatto loro.
      I prestiti? Ricordiamoci che non esiste più la compartecipazione: di qui il proliferare di prestiti, magari con il riscatto e controscatto che di fatto sostituiscono le vecchie comproprietà. Pel percorso di crescita di cui si diceva prima è assolutamente normale che ci debbano essere ancora calciatori che arrivano in prestito, tentando di fare i primi acquisti di proprietà che possano generare futuri introiti.
      Sono molto rilassato, guardi, perché se non lo fossi la manderei a prendere un po’ di AFA…

  22. Gabriele says:

    In questi anni il parma si è distinto, tra le altre cose, per avere numeri reali e non farlocchi

  23. LG says:

    Direttore Majo lei ha troppa pazienza io l’avrei finita da tempo… gente che straparla senza sapere le cose e spesso con lucida malafede.
    Sempre e solo forza Parma

    • Gabriele Majo says:

      Io continuo ad averne perché comunque sia credo – in ossequio all’art 21 della Costituzione – nella libertà di espressione. Anche dei coglioni. Qualcuno ha qui ricordato la radio radicale degli anni 70 e per certi versi è vero. Però la componente positiva del gruppo dovrebbe valere sulle singole individualità negative che infestano questo spazio sfruttando il fatto che per forza di cose non possa essere presente, vigile e soprattutto dialogante come prima.
      Credo che i social (inclusa la parte negativa del nostro spazio commenti) rappresentino l’aspetto peggiore della democrazia, mentre la corretta comunicazione dovrebbe esser rappresentata da una qualificata oligarchia.
      Detto questo: penso che chiunque di buon senso possa o debba saper valutare nel mare magnum cosa si possa salvare. Anche se purtroppo in internet le corbellerie si moltiplicano e riproducono con celerità e fertilità impressionanti e dunque ci si costruiscono false verità putative che forse sarebbe meglio chiamare col proprio nome, ovvero falsità. Propalate da professionisti o anche sguaiati dilettanti o amatori della mala informazione sputtannante…

      • lorenz says:

        Si Majo, sono stato io a definire questo spazio come la radio radicale degli anni 70, anche se ho sbagliato a scrivere ed era primi anni 80. Noto con amarezza che purtroppo siamo su un piano inclinato e la “qualità” degli interventi, nella media, è in continuo peggioramento. Da un po’ di tempo evito accuratamente di intervenire e di commentare per non litigare in continuazione con le menti pensanti qui presenti. Leggere certe affermazioni e giudizi lascia veramente sconcertati e dubito fortemente che tutto rientri nel rispetto dell’art. 21. Mafiosi, pioccioni, ruttatori montanari, inviti maleducati verso di lei, insulti alla società ed epiteti ai giocatori che, bene o male, ci hanno salvato dalla b, tutto questo è libertà di espressione? Ho molti dubbi e, su questo sarà d’accordo con me, non vedo orizzonti rosei, basta aspettare le prime ufficialità di mercato.

        • Gabriele Majo says:

          No no, erano gli anni 70, ricordo perfettamente. Poteva essere il 76 o 77 non di più… Ma al di là di questo, credo, che sia sbagliato abdicare al proprio diritto di scrittura lasciando spazio ad altri. Quindi non è colpa solo della mia eccessiva bontà o pazienza se lo spazio commenti brulica di scritti contrari alla pubblica decenza…

      • VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

        Sì rilassi direttore. 💕
        e vada in un bosco al fresco con qualche bella gnocca ma sia più ironico, una dote che lei non ha assolutamente.
        Le donne amano le persone ironiche se lo ricordi sempre quando nel dubbio ha frustrazioni e nonvsapendo con chi prendersela prende me come capro espiatorio cestinandomi ormai in modo inustriale.
        Faccia quello che le dico e non se ne pentira’ 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕
        Vada in un bosco con una bella gnocca e faccia quello chiunque uomo deve fare. si isoli almeno per un paio d’ore dal mondo effimero del calcio.

        • Gabriele Majo says:

          Della mia fiorente vita sociale non sono solito vantarmi in questo spazio, a differenza di chi fa stragi di cuori nei conventi.

          Ribadisco che di cestinature di suoi dispacci – sempre poche rispetto a quelle che meriterebbe – non sono l’unico autore, anzi, forse sono anche troppo tollerante come giustamente qualcuno mi rimprovera.

          Capisco la sua attività trollesca, però sugli argomenti seri inviterei ad avere altro approccio. Nel nostro piccolo cerchiamo di fare opera di divulgazione, ma se poi tutto si getta in vacca non ci sarà mai quella anelata crescita consapevole del lettore, che è poi il core business di questa modesta attività editoriale a perdere.

          • VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

            Majo guardi che ultimamente è solo ironia senza la minima offesa verso nessuno.
            IRONIA ALLO STATO PURO 😁 😁 😁 😁
            Anche su cose che lei reputa serie bisogna prendere tutto con ironia e filosofia.
            Il calcio è solo un gioco
            La vita è breve e chi non è ironico, della vita non ha capito proprio un bel niente.
            Oggi ci siamo domani chissà.
            Tante cestinatura fatte nei mesi passate le ho capite ma queste ultime proprio no.
            Erano belle facevano
            ridere 😁 😁 😁 😁 😁
            Non bisogna cestinare per partito preso ma cestinare solo chi offende altrimenti inutile sbandierare che uno è democratico se poi quelle sono solo.parole e nei fatti non si applica la libertà di pensiero
            Vada nel bosco con una gnocca buon Majo ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ dia retta a me è vedrà che…………mi cestinera’ di meno.
            Un caro saluto buon Maio

          • Gabriele Majo says:

            Tolta che la sua non è ironia, ribadisco che su certi temi non mi va che si utilizzi questo strumento per propalare cavolate

            Già è difficile far capire le cose, se poi si fa casino è peggio ancora. e nascono dubbi su cui altri si divertono a sguazzare

          • Douglas says:

            Vedo ..Io che molte commenti …che se puede incontrare qui sono …puro ” Click Bit ” e anche che sta lavorando in cucina facendo ” Brodo ” …pero come ho detto varie volte che per fare anole’ ..c’e’ bisogna di un Brodo di alta qualità ..
            Viva la liberta’ di expresione ..
            Cordialmente ,
            Straje’

      • lorenz says:

        ITALIA Di Daniele Ongaro

        24 aprile 2018,
        Bestemmie, inni al Duce e dichiarazioni d’amore: l’estate di Radio Parolaccia
        Per 35 giorni, nel 1986, Radio Radicale cominciò a trasmettere senza censura i messaggi lasciati in segreteria dai suoi ascoltatori.

        Nel 1986 i discorsi “da bar” non hanno diritto di cittadinanza. Non entrano nel dibattito pubblico e nei talk show, ma restano confinati al bancone, tutt’al più allo stadio. I Mauro da Mantova e i Donato da Varese non sono ancora le star del programma di punta della radio della Confindustria, e i media dell’epoca non danno spazio alle loro opinioni perché sembrano deliranti, e poi perché dire certe cose non sta bene.
        Ma all’improvviso un fiume di parolacce e bestemmie inizia a diffondersi nelle case degli italiani. È una lunga sequenza di insulti ai “terroni”, ai “froci” e agli ebrei, di inni al Duce e a Satana, che esce dalla radio e incolla all’ascolto migliaia di persone divertite, scandalizzate, inorridite. Quella radio è Radio Radicale, storica emittente di partito tuttora in onda, e questa è la storia dell’estate di Radio Parolaccia.

        “C’era stato un ritardo nel rinnovo della convenzione con il Ministero delle poste, e l’emittente rischiava quindi di chiudere,” mi racconta Giancarlo Loquenzi, oggi conduttore di Zapping su Radio Uno e all’epoca giovane direttore di Radio Radicale, “e così si decise di sospendere tutte le trasmissioni il 30 giugno del 1986 e di aprire i microfoni agli ascoltatori che chiamavano per dare la propria solidarietà, lasciando un messaggio in segreteria telefonica.”

        Radio Radicale era nata nel 1976, in piena fioritura delle radio libere, e sin dagli inizi aveva scelto di fare da megafono alle istituzioni, trasmettendo le sedute del parlamento e i congressi di tutti i partiti. I primi a rispondere all’appello e a lasciare messaggi in segreteria contro la chiusura della radio sono i militanti e simpatizzanti radicali, e il tono è sempre lo stesso: senza di voi la democrazia è in pericolo, in bocca al lupo, tenete duro. Ogni tanto però insieme alle chiamate di sostegno arrivano anche messaggi di insulti o scherzi telefonici che i redattori incaricati di vagliare le chiamate escludono dalla messa in onda.

    • Gabriele Majo says:

      Ecco, appunto, la malafede – parecchio palese – è la cosa più fastidiosa. Pazienza l’ignoranza. Ma anche su questa si dovrebbe lavorare….

  24. FORZA PARMA says:

    Ludovico il Moro e Davide: due interventi ignoranti, proprio tecnicamente: non sapete. E presuntuosi, anche qui inteso tecnicamente, e non c’è bisogno di spiegare il perchè

  25. Davide says:

    Carissimo il Chievo di Vagnato e il Frosinone di Pinamonti sono già a pregustare le sfide con Trapani e Juve Stabia. Personalmente sono contrario a operazioni di questo tipo, i giovani buoni te li fai in casa non li strapaghi, strapago e anche di più uno che mi da garanzie. A maggior ragione se come nel caso in esame l’operazione è fatta CHIARAMENTE per aiutare l’Inter nella chiusura del bilancio al 30/09. Nel pacchetto sarebbe compreso il PRESTITO di Karamoh altra scommessa per altro in prestito.Aggiungo anche che Faggiano in questo tipo di operazione non ne becca una vedi Schiappa, Diakitè, Brazao & C. Poi esaltati pure per Adorante, ognuno ha i suoi gusti siamo in democrazia. Così come continuo a ritenere che finchè non cedi certi profili non puoi migliorare ma lo stesso D’Aversa dice oggi le stesse cose…La fola degli atleti che hanno contribuito lasciamola li mi risulta che siano stati retribuiti regolarmente quindi anche li sarebbe ora di fare un salto in avanti.

  26. Davide says:

    Anche sulla fola Atalanta ognuno è libero di pensarla come crede, se qualcuno gode così si può andare a vedere qualche partita in più o farsi un bicchiere col Bocia buon per lui. Sulla civiltà dei bergamaschi chiedere di là dall’Enza prima di scandalizzarsi se vengono definiti “ruttatori”. Questa è ignoranza negare la realtà.

    • Gabriele Majo says:

      Sulla fola Atalanta ognuno è libeo di esprimere – CON CONTINENZA – il proprio pensiero, evitando esagerazioni che finiscono per essere istigazioni all’odio.

      Orbene: c’è chi si lamenta perché ancora non è stato rifatto lo stadio con la copertura delle Curve: ipotizziamo che prima o poi questa pratica possa andare in porto, ma non pesa che ci potremo trovare nelle stesse condizioni dell’Atalanta di oggi? E se fosse un domani la tifoseria orobica ad essere così ostile a noi come lei a loro?

      • Se ciao says:

        Io capisco che ci sono motivi di possibile futura reciprocità ed anche di legittimo interesse economico della società, la quale ovviamente e giustamente coglie le occasioni dove si può incassare, lei ha per caso idea se esiste un piano in qualche forma per tutelare i murales, baracchino e le cose sensibili in nord? E’ possibile che in nord possano entrare tifoserie tipo genoani/reggiani, juventini o altre che sono ostili ai nostri simboli? E’ una cosa che la società considera la protezione di quei simboli?

        La ringrazio anticipatamente.

        • Gabriele Majo says:

          Io non credo che si tratti di una occasione di business per incassare qualcosa, quanto di relazioni con altro club della stessa Lega, appunto con un minimo di lungimiranza pensando che prima o poi ci si possa trovare nella medesima necessità. Una sorta di do ut des nel tempo.

          La Società – in considerazione che diversi in gioventù l’han frequentata – sono molto sensibili alla Curva Nord e ai suoi tesori: non sono al corrente, tuttavia, di piani speciali per preservarli, ma sono abbastanza certo che verrà fatto di tutto per non trovarsi in situazioni incresciose. In ogni caso la Curva Nord immagino sia appannaggio della tifoseria “di casa” sicché saranno proprio gli Orobici ad occuparla, e non mi pare ci siano stati problemi in passato con la nostra tifoseria, anzi credo ci sia un reciproco rispetto.

          • Se ciao says:

            Il fatto di incassare non lo dicevo in tono denigratorio, le tifoserie di Parma ed Atalanta non sono in particolari cattivi rapporti, è vero. Io non terrei la linea “La responsabilità è personale del singolo tifoso atalantino se succede qualcosa e sono brave persone per cui non sono verosimili eventuali problemi, perchè se alla prima domenica vengono sfregiati da 4 ragazzini-cani sciolti dei murales o sbordacciano con i loro simboli, chi frequenta la nord rivolgerà la responsabilità alla società che li ha fatti entrare, io penso sia così, ma magari sono paranoico ed è un’assurdità ridicola che possa succedere qualcosa e qualsiasi persona assennata pensa che questo non succederà mai e se anche succedesse è colpa degli Atalantini. Personalmente (e so che non conto nulla) auspico che la società si prenda direttamente la responsabilità dell’integrità dei murales e del resto e non che deleghi la responsabilità a 4.000 persone tra cui magari minorenni ubriachi e gente indipendente su cui nessuno può avere il controllo.

  27. Ludovico il Moro says:

    Il 2 giugno se non erro è la festa della Repubblica,
    in realtà a Parma si festeggia il 9 settembre con
    la Repubblica Democratica Popolare di Corea (nord).

    VIGE IL PENSIERO UNICO.

    Direttore…oramai lo hanno capito tutti…..FINALMENTE…..

    • Gabriele Majo says:

      Pensiero unico sta cippa. E per fortuna che tutti lo hanno capito

      • Gabriele Majo says:

        La critica intelligente e non faziosa sarebbe la benvenuta. Non per lodarmi da solo o per fare l’autoreferenziale, ma qualcosa di simile a quello che facevo io qualche anno fa non darebbe certo fastidio a nessuno. Ma queste imitazioni di infimo livello han fiaccato le balle anche a me. Peraltro: prima dove eravate, quando io ero il nemico del Parma?!!?! Pensiero unico, mo mama… Avercene dei “pensieri”… Nel vero senso della parola, però!

  28. Sono io says:

    Caro direttore Majo. Io non scrivo mai ma leggo sempre. Però questa democratica libertà di permettere veramente a chiunque di scrivere e commentare inutilmente e fuori luogo comincia davvero a fiaccare. Mi piacerebbe poter leggere commenti intelligenti e conoscere notizie interessanti. Come era al tempo dei Corrados e Piazza e l’unica voce chiara, autentica ed illuminante era la Sua e di questo spazio virtuale. Potrebbe per favore limitare gli interventi a sproposito? Altrimenti mi vedrei costretto con dispiacere a seguire altri lidi. Grazie

    • Gabriele Majo says:

      Trovandone di altri lidi…

      Il problema fondamentalmente è uno: questo spazio a suo tempo era curato no stop dal sottoscritto, che poteva permettersi di rintuzzare ogni corbelleria altrui attraverso argomentazioni esplicitate sia negli articoli che nello spazio commenti. Notoriamente, ora, rispetto ad allora, svolgo un altro tipo di lavoro che mi impedisce per svariati motivi di esser altrettanto presente e di disquisire su vari argomenti. Intervengo una tantum talora, per cercare di mettere un po’ d’ordine quando necessario, talora penso che si possa anche concludere l’esperienza, visto certe triste punte raggiunte, ma poi alla fine non me la sono (ancora) sentita di staccare la spina. Anzi, ho cercato di rilanciare per quel che possibile richiamando qualche firma autorevole (tra poco leggerete qualcosa, un gradito ritorno) e “scritturandone” una nuova come Robert Giannino. Il resto dovrebbe farlo l’intelligenza del lettore. Anche di chi come Lei, non ha l’abitudine di intervenire direttamente…

  29. Gabriele says:

    Al di là che col passare delle ore l’operazione sembra concretizzarsi come da indiscrezioni di ieri, io non sono d’accordo con i più nel senso che ci può stare la critica a questo tipo di operazione perchè fare mercato player trading etc è una cosa diversa.
    Sempre sbagliato generalizzare e a qualcuno non va mai bene niente però non tutti sono soci del circolo di lettura per cui ci possono stare anche espressioni atecniche o colorite, un forum è anche questo

    • Gabriele Majo says:

      Sì, ma infatti siamo abbastanza di larghe vedute, tant’è che in tanti mi accusate di non avere la necessaria severità: però quando decido di intervenire in prima persona per chiarire dei punti è per evitare derive disinformative, che poi c’è sempre chi ci sguazza… Come dicevo l’ignoranza è tollerata, la malafede no. Per cercare di emancipare il lettore dall’ignoranza talora proponiamo delle opere di divulgazione, magari più pallose di un commento caustico di davide o di velenoso, ma che spero lascino in chi interessa qualche elemento in più della mera chiacchiera da bar

  30. Ludovico il Moro says:

    Direttore i suoi commenti di allora erano
    UNICI E INDIPENDENTI,
    ora alè la solita fola ad loca…..

    • Gabriele Majo says:

      Non è del tutto vero. Nel senso che quando decido di scrivere qualcosa qui lo scrivo – esattamente come allora – come Gabriele Majo, mettendoci la mia faccia e assumendomene come sempre con orgoglio la paternità dei contenuti.
      Del resto ora al Parma mi occupo di comunicazione a livello giovanile e femminile, non certo aziendale o di prima squadra, sicché non c’è neppure il dubbio che stia facendo comunicazione aziendale sotto mentite spoglie.

  31. STEFANO says:

    Ogni tifoso italiano è allo stesso tempo direttore sportivo, allenatore e giornalista. Il calcio italiano vive di plusvalenze cartacee con cui si mettono a posto i bilanci al 30.06 e dal giorno 01.07 le medesime società si trovano con stipendi nuovi da pagare e calciatori da piazzare ( con ammortamenti alti e probabili minus valenze da scontare nelle stagioni successive), pagando, nelle serie minori. Le plusvalenze cartacee sono alla base della pesca a strascico di qualche anno fa e hanno contribuito in modo determinante alla fine del secondo parma in 10 anni. Il terzo parma ci si augura e anzi si è sicuri, possa fare meglio . Il DS del Parma non è certo tenuto a divulgare urbi et orbi le strategie ed a informare sul mandato ricevuto. Non entro nel merito brazao, adorante, karamoh o chissà chi altro. E’ strano in tre anni aver acquisito ( pagando o no, non lo so) calciatori di serie D e serie C che non portano nulla alla causa, è strano prestarli ad alcune società ( casertana potenza e trapani le più gettonate) che in alcuni casi vengono messe in mora generando probabilmente costi ulteriori in capo al Parma titolare in prima istanza del relativo contratto, è difficile da comprendere come mai le professioni calcistiche vengano esercitate da persone che tutta sta cultura finanziaria o economica non l’hanno. Diversamente non fallirebbero varie società ogni anno, altre non verserebbero in situazione comatosa e altre non dovrebbero fare alchimie contabili che solo una giustizia sportiva asservita alla società calcistica, non retrocede in serie minori.

  32. stefano says:

    questa e’ una buona notizia che evidenzia una proprieta’ attenta e non con l’anello al naso. prevenire o stoppare e’ meglio che curare

  33. Pencroff says:

    Intervento illuminante quello del rag. Stefano. Chi vuol capire capisca, chi vuole continuare ad essere infantile seppur saccente continui. Poi siamo tutti esperti e sappiamo tutto, però…