MISTER ROBERTO D’AVERSA E’ IL GIALLOBLU’ D’ORO, LA PREMIAZIONE IERI SERA DURANTE IL GIALLOBLU’ D’ORO DEL CCPC (VIDEO E FOTO)

14
27

Mister Roberto d’Aversa è il Gialloblù d’Oro 2019: la premiazione è avvenuta ieri sera, Martedì 10 Dicembre 2019, in occasione del Natale Gialloblù del Centro di Coordinamento Parma Clubs, alla presenza di tutti i presidenti dei club affiliati al CCPC, guidati da Angelo Manfredini, e della proprietà dirigenza, squadra al completo (eccetto Gervinho e Karamoh), rappresentanti delle Giovanili e Femminili, dipendenti e collaboratori del Parma Calcio 1913.

Angelo Manfredini, presidente del CCPC, ha introdotto il solenne momento con queste parole: “C’è uno slogan a noi molto caro che è “Come Noi nessuno Mai”: e quello che ha fatto lui ha a Parma in questi anni è proprio come nessuno mai: quindi avete già capito di chi si tratta: Roberto D’Aversa”.

Il premiato, applauditissimo, è stato poi intervistato dal presentatore della serata Gian Luca Zurlini.

I fatti dicono: primo anno promozione dalla C alla B con la splendida finale vinta contro l’Alessandria a Firenze; l’anno dopo, in Serie B, sofferta quanto mai, ma poi all’ultima giornata, quando già si pensava di prepararsi per i play off è arrivata l’impresa di Spezia con la promozione diretta in Serie A, il terzo anno, serie A da matricola, con tanti giocatori esordienti o poca esperienza in A con salvezza garantita alla penultima giornata con festa in casa con la Fiorentina e adesso la squadra che andrà a giocarsela col Napoli a pari punti con loro al settimo posto in classifica…

“Innanzitutto vorrei ringraziare tutti i componenti del Centro di Coordinamento, questo premio mi rende orgoglioso e quindi ringrazio tutti quanti voi. Credo che questo premio vada condiviso prima di tutto con la Società che tre anni fa ha avuto il coraggio di investire su un allenatore giovane, inesperto ed emergente; quindi i ringraziamenti vanno a Società, proprietà, direttore sportivo e a tutte le persone che lavorano al mio fianco, il team manager, Alessandro Lucarelli,tutte le persone che sono in sede, magazzino, massaggiatori, tutte persone che sono importantissime per arrivare a raggiungere un obiettivo. E poi anche lo staff perché credo che tutto quello che si è fatto è merito anche loro e per finire gli interpreti principali che sono i giocatori, perché credo che in tutti questi anni ho avuto la fortuna di allenare dei grandi giocatori e soprattutto dei grandi uomini, in tutte le categorie e quindi ringrazio tutti quanti. E poi questo è un premio a tutta la città perché il nostro è un club importante, con dei trascorsi importanti e prima ancora di tutti noi chi ha creduto di più in questa rinascita è stata la città stessa che ha sempre presentato numeri fantastici anche in categorie inferiori. Mi auguro che questo non sia un punto di arrivo, ma di partenza, ma ribadisco il concetto che tutto quello che si è fatto in questi tre anni è merito di tutti”.

VIDEO DA PARMA PRESS 24

FOTOGALLERY DAL SITO UFFICIALE WWW.PARMACALCIO1913.COM

Natale-Gialloblù-5 Natale-Gialloblù-4 Natale-Gialloblù-3 Natale-Gialloblù-2 Natale-Gialloblù-1 Natale-Gialloblù-7 Natale-Gialloblù-6

14 Commenti

  1. Mai premio fu più meritato. Onore al merito a un grandissimo che solo il popolino nella sua accezione più negativa (perchè al POPOLINO che si contrappone a industrialini/otti/oni, dottoroni, avvocatoni, divise, notai e professorini appartengo anch’io) non comprende appieno. Uno che ha ottenuto una promozione diretta in A e si è salvato con Ceravolo e Ciciretti. Chapeau

  2. Cmq leggere l’articoletto su Stadio di Paolo Grossi che fa il paio poi con quello sul foglio confindustriale locale ti manda in depressione. Se propini Paolo Grossi a uno che ha avuto una giornata storta c’è il rischio di trovarlo sui binari di un treno.

  3. Non si può giocare in serie A e oltretutto a Napoli con un centrocampo di secode linee formato da Hernani Barilla’ e Brugman.
    Tre riserve a inizio campionato. tre mestieranti e nulla più infatti i titolari dovevano essere KUCKA SCOZZARELLA e GRASSI il quale però è come CICIROTTO sempre rotto.
    Se fossi in D’Aversa con la società a gennaio se le cose dovessero andare in un certo modo ricalcando l’ultimo mercato di gennaio alzerei la voce
    Non si possono avere in serie A
    ROSE ALL’OSSO.come abbiamo noi quest’anno
    Non può D’Aversa fare miracoli su miracoli in ogni partita ormai
    IN MODO INDUSTRIALE.
    Se fossi in D’Aversa è avessi Siligardi che è in forma strepitosa, metterei KULUSEVSKY ( sempre però che sia motivato) a centrocampo visto che lui può giocare in tutti i ruoli e metterei all’attacco Siligardi con Cornelius e Gervinho ma SILIGARDI
    è in CASTIGO DIETRO LA LAVAGNA per essere voluto rimanere al Parma avendo firmato lui e la società un contratto e allora con un centrocampo senza i tre titolari e con Siligardi fuori rosa per aver dimostrato il sull’amore e il suo attaccamento per il Parma, presumo che con un cetrocampo cosi a “Napule ” saranno
    c_ _ _ _ i amari, MOLTO AMARI

  4. Sarò ripetitivo ma devo ridire una cosa
    e per questo vi prego di scusarmi per
    questa ripetizione ma’questo mio
    dubbio ve lo devo nuovamente dire
    Non è per caso che quel Kuluvesky che è
    stato il peggiore in campo sia col Milan e sia
    con la Sampdoria non era lui ma.un
    anonimo giocatore di serie C
    truccato dal cast di trucco e parrucco dai
    truccatori della trasmissione TALE E QUALE SHOW
    mentre il vero Kulusevsky, D’Aversa ha preferito
    non farlo giocare per paura che s’infortunasse?
    Non poteva essere lui e giocare così male
    dopo aver fatto prestazioni AL BACIO.
    Se così non fosse. questa trasformazione
    da Dottor Jekyll a Mister Hide non mi convince
    per niente ma son certo che non era,lui.
    Per me con Milan e Sampdoria non ha
    giocato lui ma UNO TRUCCATO DA LUI.
    Spero venga fatta un’inchiesta dalla
    Federazione.

  5. Purtroppo già tutte quelle faccine sceme che si vedono nei “commenti recenti” squalificano il sito, dando un’immagine un po’ stupidotta e da social “di noialtri”. Il tutto con la bonaria complicità di un articolista dello stesso sito. E questo lo ritengo grave.

  6. Vele attenzione :… i limiti stanno già passando … lascia stare Kulu … stai già iniziando a ripetere la stessa cosa che hai fatto con Inglese … Hai dovuto ascoltare l’avvertimento di Mauro .. Ti avverto ….

  7. Senti Pencroff, TU MI HAI ROTTO LE SCATOLE …punto ..

    Io scrivo articoli, NON INFLUENZO NESSUNO ..e non sono complice di nessun lettore: mi piacciono coloro che si espongono ed hanno delle cose da dire, a volte ripetitive, spesso molto interessanti, a volte un pò meno !!

    VIVI E LASCIA VIVERE ….
    leggi, commenta ma NON ROMPERE TROPPO….

    ..io accetto e leggo tutti, IL SITO NON E’ MIO,
    è gestito da un Direttore, GABRIELE MAJO,

    niente di personale ma, QUANDO MI SENTO TIRATO IN CAUSA, TIRO FUORI LE UNGHIE e, NON PORGO L’ALTRA GUANCIA ….a nisson …cavolo

  8. Non leggo nessuna minaccia nelle mie righe..

    ..dico solo di non tirarmi in causa quando non è il caso ..

    ….. non sono nè complice nè protettore …

    OGNUNO DI NOI,

    tutti coloro che scrivono,

    SONO RESPONSABILI DI CIO’ CHE DICONO ….

    e non sono certo io il giudice che decide chi o cosa debbono scrivere …

    QUINDI, scrivi pure ciò che vuoi ma NON TIRARMI IN BALLO in situazioni in cui non c’entro …

    moro

Comments are closed.