IL COLUMNIST di Luca Russo / LE STATISTICHE CI DICONO CHE A TORINO QUALCHE CARTA DA GIOCARCI CE L’ABBIAMO

18 Gen 2020, 00:00 21 Commenti di

luca russo 06 01 2020(Luca Russo) – Da quando abbiamo raggiunto il livello più alto del calcio italiano, la sfida tra Juventus e Parma, oltre che diventare rapidamente un classico del Bel Paese, con lo scudetto che specialmente negli anni novanta non di rado assumeva i connotati di oggetto del contendere, spesso è stata finale di coppa. Tre quelle di Coppa Italia: due le vittorie di marca Crociata, una per i bianconeri; due di Supercoppa Italiana, in entrambi i casi conquistata dalla Vecchia Signora; e una di Coppa Uefa, articolata sul doppio confronto, che ci vide trionfare al Meazza dopo l’1-0 dell’andata, disputata al Tardini, e l’1-1 del ritorno, giocato appunto a Milano. Domenica sera a Torino, fischio di inizio alle ore 20.45, non ci sarà in ballo né lo scudetto né una delle coppe sopra elencate, ma punti pesanti in ottica campionato. Ne servirebbero tre agli uomini di Sarri per tenere a bada l’Inter di Conte. Punti che risulterebbero utili pure per la truppa di D’Aversa, perché sbancando lo Juventus Stadium o uscendone con un pareggio farebbe un ulteriore passo verso il traguardo stagionale, che è e resterà la salvezza, al di là delle ambizioni da cui potremmo essere tentati guardando la classifica. I bianconeri sono reduci da quattro vittorie consecutive, l’ultimo passo falso risale al 3-1 contro la Lazio di inizio dicembre. I Ducali arrivano al confronto in terra piemontese con un ruolino di marcia altrettanto promettente: nello stesso arco di tempo hanno messo insieme tre vittorie, di cui due ottenute in esterna ai danni di Sampdoria e Napoli, un pareggio e la brutta batosta di Bergamo. Detto che tra noi e loro c’è un abisso in termini di qualità e di profondità della rosa, e mi sembra superfluo sottolinearlo, e aggiunto che a Torino si va a punti solo se fai la partita perfetta e la Juventus non è esattamente in giornata, qualche carta da Screenshot_20200118-065449giocarci ce l’abbiamo. Le statistiche della formazione di Sarri, in tal senso, ci aiutano a capire in che modo possiamo limitarla e colpirla. Cristiano Ronaldo e compagni nel girone d’andata hanno tirato 228 volte, trovato lo specchio della porta in 135 occasioni e la rete in 37. In termini percentuali ciò significa che, rispetto alle conclusioni totali, hanno inquadrato la porta nel 60% dei casi, e che, in relazione a quelle che l’hanno centrata, sono andati a bersaglio nel 30% dei casi, il 10% sul dato complessivo. In soldoni: per evitare che i bianconeri segnino, bisogna tenerli sotto i 10 tiri. Facile a dirsi, chissà quanto a farsi. Ancor più interessante è il timing delle reti siglate e incassate dalla Vecchia Signora. Il 25% circa dei gol fatti Madama li ha realizzati nel quarto d’ora finale, il 50% circa di quelli presi li ha subiti nella parte centrale di primo e secondo tempo, il che significa che per uscire dallo Juventus Stadium con un risultato positivo, occorrerà approfittare delle sue “pause di riflessione” a metà frazione e restare sul pezzo fino al triplice fischio. Insomma, qualche spiraglio per farcela c’è. Proviamoci. Luca Russo

Columnist, In Evidenza, News

Autore

The author didnt add any Information to his profile yet

21 Commenti a “IL COLUMNIST di Luca Russo / LE STATISTICHE CI DICONO CHE A TORINO QUALCHE CARTA DA GIOCARCI CE L’ABBIAMO”

  1. Lele says:

    Si Russo come l’Atalanta. Certo. Speréma…

  2. Pencroff says:

    Le statistiche dicono che se si fa un gol in più dei Gobbi si potrebbe anche anche vincere, toh cosa ti dico

  3. Davide says:

    Notizia bomba e fatto eccezionale e unico. Out Grassi e Gervinho. Ma che strano come è potuto succedere?
    Faggiano servono giocatori!!!!Come te lo deve dire il Mister in cinese?Ancora e sempre la solita fola della gente rotta che dó bali!!!!!

  4. Simone. T says:

    E c’è gente che voleva fare 5 partire in 14 giorni…

  5. Davide says:

    È la stessa gente che non ha ancora capito che se non si allunga La Rosa si fa la fine dello scorso anno. E le scelte del Mister di mercoledì erano OBBLIGATE dal lazzaretto

    • VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

      Ma Davide io non farei nuovi acquisti.
      Siamo a posto così.
      Possiamo prelevare giocatori che mancano
      dalla nostra squadra dei pulcini…..
      A parte gli scherzi se dobbiamo prendere
      giocatori riserve delle riserve che se
      schierati in campo fanno maledire chi
      li ha acquistati e schierati in campo
      beh meglio allora rimanere come siamo
      e ” bruciare” qualcuno della squadra primavera.
      O si prendono giocatori che nel Parma possono
      fare ASSOLUTAMENTE i titolari oppure
      di mezze seghe non neabbiamo
      ASSOLUTAMENTE bisogno.

  6. Davide says:

    E prepariamoci perché Inglese si rifermerà nulla di che ma acciacchetti vari che dipenderanno dal precedente infortunio è così via. Gervinho che per noi è Ronaldo farà come lo scorso anno nel girone di ritorno ovvero ne giocherà circa la metà.

  7. VELENOSO 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈😈 😈 😈 😈 says:

    Davide scrivi che Gervinho
    nel girone di ritorno giocherà
    metà delle partite.?
    Magari
    Sei troppo ottimista Davide.

  8. Luca says:

    In ragione di questo, forse è stato giusto fare turnover in Coppa Italia, no?

  9. albano says:

    Inglese quando acquistato dicevo fragile per noi e che sarebbe stato fuori metà campionato. una persona del forum di cui mi dispiace non ricordare il nome, mi rispose che con il Chievo aveva fatto quasi tutte le partite (questo effettivamente vero) , per l’ intensità di lavoro che deve fare il ns centroavanti come richiede D’ Aversa (pure migliorato lui nel mentre) io al tempo ritenevo tale giocatore non idoneo. non scarso capiamoci, ma poco utile al modo di interpretare le partite da parte del mister.
    x Gervinho comincia ad avere anche un età quindi normale la cosa.
    comunque fiducia. domani saranno circa zero gradi a Torino e quindi partita brutta, lenta che dobbiamo cercare di addormentare quindi:
    Hernani in regia, poi Kuko e Kurtic-
    Sprocati da subito (anche se spero parta entro gennaio)
    Cornelius davanti per poi fare staffetta visto che 90 minuti non li ha nemmeno lui.
    forza ragazzi!

  10. Davide says:

    Anche oggi giustamente il Mister ha evidenziato la rosa corta gli infortuni e la urgente necessità di dargli delle alternative. Faggiano cosa fa?Sta replicando in modo sinistro lo scorso anno.

  11. Morosky says:

    A…briscola ….???? Si abbiamo il 2 di spade e il 4 di bastoni…ma c è sotto DENARI

  12. Davide says:

    Ma da quello che ha detto il Mister c’è uno sano?

  13. Benni says:

    Domani se ne prendono 3

  14. Davide says:

    Sembra che il Brescia si disponibile a cedere Matri.

  15. rico says:

    IL MURO DEL PIANTO E’ SERVITO!!!
    Ma se eravamo al posto della spal o del brescia cosa succedeva su queste pagine???!
    ..ma godetevi questo bel Parma e state sereni!!!

    D’AVERSA incomincia a piacermi..in conferenza stampa a ricordato che a Parma abbiamo la memoria corta.Grande mister..quando ci vuole ci vuole!!
    AVANTI CROCIATI E CHI NON SALTA UN BIANCONERO EH EH EH!!
    A Torino col toro l’anno scorso i boys non sono entrati ed abbiamo vinto..a napoli idem..stasera mancheranno(ahimè)..non c’è il due senza il tre?!?!
    43 EURO PER UN SETTORE OSPITI E’ VERAMENTE IMMORALE.RISPETTO PER I BOYS.

  16. Pencroff says:

    Ragas, Benni l’è un gufo tremend!
    Second mi al porta sfiga, a forsa ed dai e dai