LUCARELLI: “STASERA SI E’ RASENTATO IL RIDICOLO NON DANDOCI IL RIGORE. AVERE 39 PUNTI NON SIGNIFICA ESSERE GLI SCEMI DEL VILLAGGIO”

09 Lug 2020, 00:30 7 Commenti di

lucarelli roma parma

(www.parmacalcio1913.com) – Intervenuto ai microfoni di DAZN, il club manager del Parma Alessandro Lucarelli commenta così al termine della sfida contro la Roma: “Credo che questa sera si sia rasentato il ridicolo: non dare un rigore come quello di stasera dopo che tre giorni fa ci è stato concesso contro un rigore su Darmian che non c’era. Questa sera l’arbitro è stato richiamato al VAR per dare il rigore e lui non lo ha dato, parlo dell’episodio del braccio di Mancini. Siamo stati ancora una volta penalizzati dalle scelte arbitrali, nelle ultime partite è successo così. Sta andando avanti questa cosa, abbiamo cercato fino ad oggi di non fare polemica per collaborare, per stemperare, per dare una mano, ma dopo questa sera basta: non perché abbiamo 39 punti allora significa che siamo gli scemi del villaggio. Vogliamo giocarci fino alla fine il nostro campionato e non accettiamo più questo tipo di errori“.

Dietrologia? No, analizziamo gli episodi: andiamo a vedere il rigore che ci è stato concesso contro a Verona per il fallo di Bruno Alves su Di Carmine, andiamo a vedere il rigore concesso contro domenica scorsa per il fallo di mano di Darmian, poi questa sera non ci viene concesso un rigore come questo. Bisogna capire un attimo la difficoltà che c’è nella classe arbitrale, perché secondo me il VAR era stato intromesso per dare una mano ma in questo momento ha solamente messo in confusione l’arbitro. Al di là di noi, che ultimamente siamo particolarmente danneggiati, in ogni partita su tutti i campi vediamo dei rigori dati o non dati che danno l’idea che c’è veramente una grande confusione“.

Sicuramente abbiamo commesso degli errori questa sera ma la voglia della squadra era quella di fare risultato. E’ normale che quando c’è grande equilibrio, gli episodi cambiano le gare: in queste ultime gare ci sono un po’ venuti contro, anche questa sera, per via di scelte abbastanza discutibili. I ragazzi è normale che siano nervosi perché questa è una storia che si ripete da 5-6 partite. Fino ad ora siamo sempre stati zitti ma non possiamo continuare a fare finta di niente: serve che ci sia attenzione da parte degli arbitri ma non solo, in generale. Abbiamo 39 punti ma se ne avessimo 28-29 e avessimo un campionato ancora da conquistare, magari questa sera sarebbero fioccate tante squalifiche. Il fatto che abbiamo una classifica relativamente tranquilla non deve farci passare per coloro che accettano sempre tutto e in silenzio“.

In Evidenza, News

Autore

Stadio Tardini

7 Commenti a “LUCARELLI: “STASERA SI E’ RASENTATO IL RIDICOLO NON DANDOCI IL RIGORE. AVERE 39 PUNTI NON SIGNIFICA ESSERE GLI SCEMI DEL VILLAGGIO””

  1. Luca says:

    Vede, domani subito telefonata in Federazione per far radiare Fabbri. Lo esigiamo per una questione di rispetto e di dignità.

  2. Velenoso il valore aggiunto del sito fin dal lontano 2012. says:

    Bravo Lucarelli.
    Finalmente la società ha capito.
    Finalmente il nostro capitano ha alzato la voce.
    Chapeau
    Meglio tardi che mai.
    La squadra ad ogni modo senza
    la verve di Kulusevsky. la velocità
    di Gervinho l’appannamento di
    Cornelius e il sempre rotto Inglese,
    è da retrocessione
    Il prossimo anno senza
    Gervinho ( quello prima del Covid
    non ovviamente questo che fa vomitare)
    e Kulusevsky sarà retrocessione
    quasi certa o in alternativa se ci si
    vuole salvare,
    mezza,squadra è da cambiare.
    Fa anche rima.

  3. Domenico says:

    Caro Capitano, comoda dare la colpa all’arbitro.
    Se si hanno dei brocchi in prima squadra è solo colpa della proprietà che ha dato in mano il tutto ad un incompetente,
    colui che in questo momento se quanto meno avesse un minimo di dignità farebbe le valige.
    Colui che stipula contratti solo con determinate squadre,
    chissà come mai….e molto onerosi.
    Mi chiedo a fine agosto come salderemo tutti sti contratti.
    Una marea di calciatori, balordi e a fine carrirera, solo per far contento Tizio e Caio? Faresti bella figura andartene.
    Abbiamo già vissuto questa situazione in passato e vorremmo francamente non riviverla di nuovo. Grazie.

  4. Velenoso il valore aggiunto del sito fin dal lontano 2012. says:

    Un tiro a tempo scaduto
    Tutto qui.
    Questo è il Parma attuale.
    UNA VERGOGNA DI SQUADRA.
    UN INSULTO AI TIFOSI.
    Se avessimo pareggiato
    grazie a quel rigore
    sacrosanto ma non dato
    da un arbitro mediocre
    AVREMMO RUBATO.
    I giocatori sembrano
    diventati dei brocchi.
    Se togliamo Sepe non
    c’e un giocatore sopra la
    sufficienza.
    Uno peggio dell’altro.
    Trovare il migliore dopo Sepe
    è impresa titanica.
    TUTTI DA VOMITO.
    Barilla’ non sembra un
    giocatore di B ma di LEGA PRO.
    Cosa gli è successo?
    Vincere in serie A ora è
    UNA CHIMERA.
    Speriamo che la salvezza sia
    a 38 punti perché con questa
    SQUADRACCIA di Lega Pro
    dubito che da qui a fine
    campionato si possa,fare un
    misero punto.
    Il girone di ritorno è
    MOLTO MOLTO PEGGIO
    del girone di ritorno dello
    scorso anno quando si pensava
    che un girone peggio di cosi non lo
    si sarebbe più rivisto a Parma.
    Dipendesse da me, escluso SEPE
    venderei tutta la squadra manquesti
    giocatori che si credono di essere di
    serie A chi li vuole se non in serie B?
    È questo il problema.
    D’Aversa con questi brocchi ha
    fatto un miracolo.
    Con giocatori non di categoria,
    sta lottando fino all’ultima
    giornata per non
    retrocedere anche se non
    si sa se c’è la farà.
    Questo Parma fa piangere.

  5. Nathan says:

    Io resto sempre dell’ opinione che D’Aversa resterà al Parma fino a quando non sarà lui a voler andare via o non arriverà un nuovo proprietario. Fondamentale alla società interessa mantenere la categoria per non svalutare il patrimonio, in attesa di un nuovo azionista e D’Aversa viene visto come uno in grado di garantire il minimo. Io manderei via lui e lo staff atletico e venderei tutti quelli che mi permetterebbero di far plusvalenze. Prenderei un allenatore con idee propositive e farei una squadra di giovani, max 25 anni, con un titolare esperto per reparto .

    Sul fronte cessione società si muove qualcosa?

  6. Simone T. says:

    Purtroppo, arbitro a parte, senza fare 1 tiro in porta in 90 minuti. è difficile portare a casa punti. Difesa imbarazzante, attacco con le chiappe già in ammollo in qualche località balneare…poi certo, l’arbitro ci mette del suo, ma se noi non ci mettiamo del nostro non ne usciremo mai…così non va assolutamente

  7. Suplex says:

    Capitano diamo una svegliata ai ragazzi, io non ci pensavo ad un pareggio o vittoria a Roma la davo già per persa.
    Ora anche per la prossima sono negativo dopo l’orribile dimostrazione di ieri sera.
    Come l’anno scorso si soffre a fine campionato, sarà così anche l’anno prossimo….