4 domande a Settore Crociato Parma

1. Siete favorevoli o contrari allo stadio di proprietà delle società di calcio?
Innanzitutto, grazie per averci interpellato chiedendoci il nostro pensiero, seppur Settore Crociato, teniamo a sottolinearlo ancora una volta (non fa mai male ricordarlo), non sia un gruppo organizzato della tifoseria del Parma Calcio. Come principio siamo contrari agli stadi di proprietà, in particolare per realtà medio-piccole come la nostra. Il Parma Calcio, oltretutto, avendo un contratto di gestione dello stadio ‘Ennio Tardini’ fino al 2031 con il Comune di Parma, proprietario dell’immobile, crediamo abbia ampie possibilità di muoversi creandovi all’interno attività da cui trarre risorse. Insomma, a livello locale, parmigiano, non pensiamo ci sia un’urgente esigenza del nostro ‘club’ di diventare ‘padrone dello stadio’.

2. Lo stadio di proprietà per essere competitivi?
Riteniamo giusto che le società di calcio traggano risorse, per finanziarsi, non solo dai capitali dei loro proprietari, dai diritti televisivi, dagli abbonamenti o, per quello che incide sui bilanci, dalla vendita dei singoli titoli di ingresso alle partite. E’ comprensibile che si attinga da altre nuove fonti. Se queste saranno individuate in nuove attività commerciali all’interno dello stadio, auspichiamo non sfocino nella mera speculazione, siano ancorate alle tradizioni di ‘club’ e città, siano aggregative per la Comunità della tifoseria. Un sistema in cui i sostenitori, non spremuti, ma coinvolti con partecipazione e passione, si sentano davvero, con piccoli contributi, proprietari non più solo ideali del sodalizio sportivo di loro riferimento. Una configurazione che non necessariamente deve discendere dallo stadio di proprietà. Anzi, dovrebbe prescinderne. Se, invece, così non fosse, se i poteri politici e del calcio introdurranno questa condizione (la privatizzazione degli impianti per il calcio), reputiamo che la legge debba imporre una rigida regolamentazione, con vincoli che tutelino i tifosi e il tifo popolare, limitando l’azione affaristica dei ‘club’, affinché non si scada nello sfruttamento commerciale fine a se stesso delle strutture, circoscrivendosi all’essenzialità della sopravvivenza e del miglioramento competitivo delle società sportive. Quando, quattro anni fa, indicammo il modello tedesco, oggi proposto anche da alcuni dirigenti e da qualche amministratore, come esempio da osservare ed, eventualmente, imitare ci riferivamo all’atteggiamento che si è tenuto e alla filosofia a cui ci si è ispirati, in Germania, nei confronti dei tifosi, quando si è trattato di ristrutturare gli stadi o di costruirne nuovi. Sono stati a tutti gli effetti comunitari, facendoli partecipare, anche a livello istituzionale, nella fase di elaborazione e di progettazione, chiedendo loro consigli e suggerimenti, accettandoli, come per esempio la possibilità di stare in piedi e non seduti nelle Curve, nei settori più popolari, quelli dove il tifo è maggiore e più caloroso, o come e dove poter attaccare senza problemi bandiere e striscioni

3. Ancora si discute sulla possibilità di dislocare il Tardini in periferia voi che dite?
Siamo da sempre contrari allo spostamento dello stadio ‘Ennio Tardini’. Siamo stati i primi in assoluto, già sei anni fa, a denunciarne le velleità di trasloco da parte di alcuni amministratori e imprenditori parmigiani, monitorando l’evoluzione delle loro intenzioni, a scopo informativo, a servizio della Comunità Crociata. Secondo noi la sua centralità urbana è la principale peculiarità che lo caratterizza in riferimento anche alle due maggiori problematiche sollevate da chi lo vuole dislocare, riguardanti il traffico (un impianto a ridosso della tangenziale, per esempio, provoca code in fase di afflusso e deflusso del pubblico, molto più congestionanti la viabilità di una struttura da raggiungere con bus navetta collegati a parcheggi situati in ogni porta della città o in bicicletta) e la sicurezza, il giorno della partita, nel Quartiere Cittadella, la quale dipende molto da come la si organizza. Anzi, a proposito, crediamo che la presenza del ‘Tardini’ qualifichi questa zona della città e la salvaguardi dal degrado urbano di altre aree cittadine addirittura anche più centrali. Se avversiamo un trasferimento in periferia del nostro stadio, siamo, però, favorevoli a una sua ristrutturazione secondo i principi prima indicati in merito ad attività che producano, con spirito comunitario, risorse per il ‘club’, come potrebbe essere, per esempio, pure la generazione e la vendita di energia pulita attraverso l’installazione di un impianto fotovoltaico, riservando particolare attenzione a spazi aggregativi, al Museo del Parma Calcio costruito dai ricordi e dalle emozioni della sua gente.

4. Dulcis in fundo, la tessera del tifoso
Consideriamo la tessera del tifoso, concepita come strumento per combattere la violenza negli stadi, inutile e superflua, perché, per arginare e annullare questo fenomeno, basterebbe una corretta applicazione della legge da parte delle autorità preposte. Non riteniamo sia lesiva per la tutela della privacy, considerato come i dati personali dei sostenitori di una squadra di calcio e, più in generale, di ogni cittadino, siano già conosciuti in determinati circuiti istituzionali. Non crediamo sia giusto escluderla a chi ha già scontato provvedimenti restrittivi per aver commesso, in un passato remoto o recente, ‘reati da stadio’. La contesteremo, tenendo presente come, non essendo un vero e proprio gruppo organizzato della tifoseria, si abbia poca voce in capitolo, qualora sia anche realmente vincolata e assoggettata, obbligatoriamente, alla sottoscrizione di una carta di credito o a un esercizio speculativo nei confronti dei tifosi.

Grazie a Settore Crociato per la disponibilità

SETTORE CROCIATO:
Abbandonata da anni l’identità propriamente ultras, in parte già con la rinuncia all’originaria denominazione di Potere Crociato e con la sua conseguente trasformazione, Settore Crociato non è un gruppo organizzato di tifosi del Parma Calcio in quanto tale, come la comune definizione intende.

Settore Crociato, a differenza di un recente passato in Curva Nord, non si ritrova, in occasione delle partite casalinghe del Parma Calcio, unito e compatto, in un luogo specifico dello stadio ‘Ennio Tardini’.
Settore Crociato non organizza, sistematicamente, con una struttura a disposizione della tifoseria, trasferte al seguito della Maglia, pur partecipandovi, con alcuni suoi componenti, in molte occasioni.
Settore Crociato è costituito da sostenitori del Parma Calcio, nati e cresciuti nella Nord (sui cui gradoni certuni di loro ancora oggi si appassionano), i quali supportano le gesta della squadra, nella circostanza delle sue gare interne, indistintamente, da ogni comparto dell’impianto sportivo di piazzale Risorgimento, secondo la volontà, le abitudini e le necessità di ciascuno.
Non siamo in tantissimi, ma ci auguriamo di incontrare altri tifosi che abbiano la voglia di condividere le nostre idee.
Siamo persone le quali amano Maglia e Bandiera Crociate al punto da non volerne disperdere la loro storia, cominciata nel 1913, allestendo iniziative allo scopo.
Come la celebrazione, ogni anno, in dicembre, del Compleanno della compagine per il gioco del pallone che porta il nome della nostra città, coinvolgendo il ‘club’, le istituzioni, tutta la Comunità, ma anche, se possibile, predisponendo proposte esclusivamente rivolte alle giovani generazioni.
Convinti che, come quando si muove un’altalena, più si spinge indietro, maggiormente ci si protrae in avanti. Ricordando il passato, vivendo il presente, per sperare nel futuro.
In questo contesto si inserisce il nostro impegno, dopo averne lanciato l’idea, per la realizzazione, collettiva, partecipata e cooperativa, del progetto del Museo del Parma Calcio costruito dalle emozioni e dai ricordi della sua gente.
Settore Crociato è anche titolare di questo sito Internet, il quale porta il proprio nome.
Pur essendo redatto con l’animo e la passione del tifoso, questo strumento ha, volutamente, un taglio giornalistico (non è escluso che in un prossimo avvenire venga registrato legalmente come testata) e di servizio, interessandosi delle vicende del Parma Calcio e del suo ambiente (non strettamente, per scelta, di quelle di natura tecnica).
Con l’intenzione di approfondire, guidati da spirito costruttivo, cercando di mantenere sobrietà per stile e forma, notizie e aspetti che dagli organi d’informazione istituzionali vengono spesso trattati in superficie.

Note: Intervista esclusiva per http://www.stadiotardini.com/
Descrizione di Settore Crociato tratta interamente dal link: http://www.settorecrociatoparma.it/chi_siamo_1%20-%20Copia.htm

Stadio Tardini

Stadio Tardini

14 pensieri riguardo “4 domande a Settore Crociato Parma

  • 18 Maggio 2010 in 06:15
    Permalink

    Daccordo sulla tessera

  • 18 Maggio 2010 in 06:44
    Permalink

    Sicuramente una posizione giusta in tutte le prospettive.
    Domanda a Settore: Tutti i vostri hanno una linea come qui descritta? o Pallini ad esempio no?
    senza polemiche
    Forza Crociati!!

  • 18 Maggio 2010 in 09:18
    Permalink

    Va bene, meglio tardi che mai!
    Vi proponete a fare inizziative come bandiera crociata, con sucesso. Questo è bello e genuino. Certo che siente un gruppo quindi! e come tale non c'era nulla di male lasciare le vostra opinione sulla Tessera.
    Crociato 81 Fidenza

  • 18 Maggio 2010 in 10:08
    Permalink

    Comincio ad avere dei dubbi sul effettivo danno che porterebbe la Carta del Tifoso. Se non fosse che l'hanno legata ad una carta di credito sarei favorevole.
    Emiry

  • 18 Maggio 2010 in 17:07
    Permalink

    Come mai in un blog monotematico sul tardini chiedete della tessera?
    Fazio So

  • 18 Maggio 2010 in 17:23
    Permalink

    Anche io mi sono posto la stessa domanda. Cosa c'entra la tessera in un blog monotematico su due direttive uniche: no al dislocamento e no alla privatizzazione del Tardini. Comunque le risposte di Settore Crociato sono oneste, senza pregiudizi e strumentalizzazioni. Anche io avrei risposto così.

    Bano

  • 18 Maggio 2010 in 21:06
    Permalink

    par mi le na tota pral cul!

  • 18 Maggio 2010 in 21:34
    Permalink

    Si la domanda a proposito della tessera sta nel questionario leggermente “fuori”. Ma quando lo composto assieme a Stefano F. abbiamo creduto che una relazione tessera-stadio ci potesse stare. Rispetto ad ogni scelta qualcuno non la farà e avrà lo stadio “quasi” vietato. Non è poi tanto distante il mondo del tifo e lo stadio stesso. Ogni modo le domande sono state fatte e girate ad ogni componente del tifo nostrano. Non è corretto cambiarle strada facendo per non alterare un confronto corretto di chi ci risponde. Come ci hanno gentilmente “cagato” i Boys Parma 1977 anche Settore Crociato ha ritenuto utile l’intervento e di questo ringraziamo. Riconosciamo l’errore e terremo le vostre critiche per migliorare. Grazie

  • 18 Maggio 2010 in 22:04
    Permalink

    Le buone:
    Il blog è ben fatto e non orbita nella logica della contrapposizione che regna nei ripetitivi forum.
    ….Le cattive;
    Bene che lo avete riportato a blog perche da aggregatore di notizie faceva pena.
    La domanda “Dulcis in fundo” mi sembra una falsa messa li appositamente per pepare. Non rientra nel contesto e mi sembra una idea filo-ultras … chi mi vuol capire….
    Tomas

  • 19 Maggio 2010 in 08:22
    Permalink

    Privatizzazione no, ma gestione dell'impianto si. Con tutti gli oneri e guadagni. Per non far pesare a tutti i cittadini il costo esagerato dell'ordine pubblico.

  • 19 Maggio 2010 in 09:43
    Permalink

    alora, i biglietti sono nominali ok? gli abbonamenti si fanno alle persone fisiche… che altre informazioni gli servono a questi qua?
    e poi la carta di credito per cosa? e l'istituto bancario lo scegle il tifoso o loro? adesso rispondetemi

  • 19 Maggio 2010 in 10:34
    Permalink

    Vi ho chiamato e ripeto anche qui;
    la domanda della tessera è stata faziosa e poco utile nei topic dedicati allo stadio.
    Polemica chiusa per lasciare spazio, come giusto che sia, ai commenti per gli interventi dei Boys e di Settore
    ciao

    Fazio So

  • 19 Maggio 2010 in 17:10
    Permalink

    Domanda: Quali vincoli ci sono con i proprietari del terreno( i Tardini), cioè è ancora valida la clausola che in quella zona ci deve stare un impianto sportivo?

  • 29 Maggio 2010 in 12:39
    Permalink

    Non ci sono più soldi ne per spostarlo ne per restauri…tranquilli!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI