DUE PAROLE SU ANTONELLI E PALOSCHI…

Il nostro commiato ai due giovani calciatori ceduti al Genoa
antonelli e paloschi sulla vespetta di bortoluzziGrido di Battaglia mi ha scritto per chiedere cosa penso delle cessioni (a suo modo di vedere affrettate) di Paloschi ed Antonelli: “Non crede che così si siano persi due giocatori più giovani e due elementi fondamentali del tanto decantato gruppo sin dai tempi della serie B? Glielo chiedo anche perché seguendo il suo sito mi è parso di capire che Lei stesso sia affezionato ai due ragazzi…” Grido di Battaglia mi ha preceduto, perché in effetti avevo in animo di fare qualche considerazione su questa operazione di mercato sin da quando era stata paventata ed avevo verificato essere veritiera: sicché anziché rispondergli nello spazio commenti dedico alla questione il presente articolo. Come giustamente il lettore ha notato sono piuttosto affezionato a Paloschi e ad Antonelli: lo stesso Alberto ha ricordato, nel volume a mia cura “Parma in A”, dato alle stampe dalla Società in collaborazione con Mup, che fui io ad accoglierlo la prima volta quando il Milan se ne privò (di una metà) mandandolo da noi…
(Continua all’interno)

CopertinaParmainASu quel libro, del quale era il primo protagonista in copertina, Paloschi ebbe la bontà di inserirmi nel suo album di ricordi della promozione: Majo, la cui faccia è stata la prima che ho visto appena arrivato Parma e al quale rispondo sempre “Etciù” quando arriva a Collecchio e dice “salute!”, ed i servizi fotografici da lui organizzati nei quali sembra di essere sul set di Scherzi a Parte.” Il riferimento era al servizio che gli aveva dedicato pochi giorni prima Sport Week, a cura del fotografo parmigiano Edoardo Fornaciari, con scatti effettuati in Piazza Duomo con pose impossibili (no, non dell’atleta, bensì del ghigner). Sempre su “Parma in A” Antonelli, invece, scrisse così: La sincera, stretta amicizia nata tra noi giovani credo sia stata il valore aggiunto… Per questo spirito di amicizia una volta Paloschi stava per combinarla grossa: a Livorno, dopo il suo gol, siccome mi aveva promesso di correre da me per abbracciarmi in panchina , backstage_paloschi_duomosi è trovato invece quasi sotto la Curva avversaria: evidentemente la bussola non gli funziona tanto bene quando segna…” Per poi concludere così la sua pagina: Tutti sognano di approdare ad un club di prima fascia e questo vale anche per me: ma adesso ho bisogno di crescere dal punto di vista professionale e Parma è la piazza ideale per me e per qualsiasi altro giovane che debba farsi le ossa. Capito Paloschi?” Le ossa, alla fine, se le sono fatte entrambi, ed insieme, stessa destinazione, (e questo, almeno, è il lato bello della questione) se ne sono andati da Parma, anche se non precisamente in un grande club, con tutto il rispetto che si deve al Genoa, che è la squadra più antica d’Italia, ma certo non al livello delle tre formazioni metropolitane dalle strisce verticali (Antonelli sei mesi fa avrebbe potuto passare all’Inter, ma fu il presidente Ghirardi in persona a volerlo trattenere). E qui alla mente mi tornano altri due mariga“gemelli”, cresciuti nel Parma e poi venduti (con evidente scopo di fare cassa, per pagarsi le ristrettezze dell’inferno della serie B) durante la gestione Ghirardi, non alle grandissime come si pensava, bensì a squadre di fasce inferiori: Cigarini e Dessena. Pecunia non olet. E un’altra similitudine che si può fare – anche se in questo caso la meta finale era appunto una grande – è con il trasferimento Mariga di un anno fa: evidentemente alla fine dell’anno solare, tempo di bilanci, appare più evidente che non in estate, quanto è necessario monetizzare al fine che non sia sempre la proprietà (con ricapitalizzazioni ed aumenti di capitale) a “smenarci” per tenere i conti in ordine. Come lo scorso anno servivano circa 10 milioni di euro, poi più o meno realizzati con la vendita del centrocampista keniota all’Inter, altrettanti ne servirebbero quest’anno: e la transazione economica con il Genoa ne dovrebbe averne portati circa 8 in cassa. A fronte di questa impellente esigenza vengono in sottordine le Paloschiconsiderazioni di carattere tecnico: rispetto ad un anno fa, però, oggi il Parma non naviga in condizioni di classifica “ottimali”, per cui prima di depotenziare la rosa è bene prestare attenzione. Sarà stato anche un caso, ma dodici mesi fa il periodo di flessione coincise con un mercato invernale che oggettivamente vide la squadra impoverita (per lo meno sul piano quantitativo a centrocampo, anche se soprattutto Valiani, ma pure Jimenez si fecero assai apprezzare pur dovendosi disimpegnare fuori ruolo),tuttavia IMG00357sKYaNTONELLIc’erano i tanti punti raccolti prima a dare tranquillità. Dote che quest’anno non c’è… I due nuovi arrivati, Modesto e Palladino, sono più “anziani” rispetto ad Antonelli e Paloschi: difficilmente un domani il Parma potrà realizzare una plusvalenza economica con la loro cessione; al contrario Preziosi, che pure adesso non si è risparmiato, dai due giovanotti appena arrivati potrebbe ricavare denari in più, dopo un’ulteriore valorizzazione. Insomma il Genoa non ha lesinato e ha fatto un investimento tecnico- economico. Il Parma ha soprattutto monetizzato, anche se oggi abbiamo ascoltato l’allenatore Marino sposare ed avallare in pieno l’operazione anche dal punto di vista tecnico. Si dirà che Paloschi non img_706115PaloschiSlidegiocava da circa un anno (per via del reiterarsi degli infortuni). Sì, ma anche Palladino non è che abbia giocato molto di più… Si dirà che negli ultimi 2 mesi (volendo esagerare) Antonelli ha saltato qualche gara, eppure era entrato (a mio avviso un po’ in anticipo) nel giro della Nazionale. Modesto assieme a Mesto qualche anno fa fece, sugli out, la fortuna della Reggina dei miracoli, che si salvò nonostante una forte penalizzazione: se dovesse rendere antonelli lucacome il Valiani di un anno fa sarebbe un ottimo acquisto. In questo contesto non inserisco Toni Calvo, un po’ perché non ho molti elementi di giudizio, ed un po’ perché andrei fuori tema, dal momento che il lettore mi chiedeva un giudizio sulla cessione di Antonelli e Paloschi. Caro Grido di Battaglia, di questi tempi ritengo che non ci si debba affezionare ai calciatori, perché, ad onta della parola “progetto” della quale spesso si abusa, in realtà nel calcio moderno si vive alla giornata, perché da nessuna parte si accetta tranquillamente di perdere delle partite (o dei punti) durante la fase di costruzione di una nuova era. Parma non fa eccezione, perché, sia pure con i consueti metodi garbati, al profeta del bel calcio Marino ha già presentato il conto. Però io credo che al di là degli alibi che spesso vengono ricercati, lui paghi anche le modalità del suo arrivo che hanno destato non poche marino conferenza stampa di ripresaperplessità e l’eredità pesante che ha raccolto. Visto che qualcosa non ha funzionato nella prima parte di stagione – che ha scontentato prima di tutto il Presidente, che non lo ha certo nascosto, ma anche la piazza – ora Leonardi sta cercando di correre ai ripari con operazioni che possano – nelle intenzioni – migliorare l’insieme e nello stesso tempo non penalizzare il portafoglio. Da nostalgico o da romantico mi piacerebbe che la stessa squadra durasse almeno un campionato intero (se non addirittura per più stagioni), ed invece dobbiamo abituarci all’idea Resize of 01paloschimfche oggi uno è un nostro beniamino e domani (o tra un mese) è un nostro avversario. Altro che Paloschi nuovo Barbuti… (La reminiscenza è sempre dal volume Parma in A: a proposito se a qualcuno interessasse ne abbiamo ancora disponibile qualche copia, per info scrivete a stadiotardini@stadiotardini.com ). Navigando sui forum, ed ascoltando un po’ di tifosi dal vivo, ho notato, frequente, questa curiosità: “Ma come, Ghirardi e Preziosi non avevano litigato? Eppure fanno affari insieme…” PaloschiSe è per quello anche con Andrea Berta, ex Ds crociato e del Carpenedolo, ed attuale uomo mercato del Genoa, Tommaso non ha più feeling (anzi, il contrario). Pare che il deus ex machina della complessa operazione sia stato il procuratore Tullio Tinti, che avrebbe imbastito la tela, snellendo il lavoro poi rifinito da Pietro Leonardi per il Parma e dal Ds del Genoa Stefano Capozucca. (gabriele majo)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “DUE PAROLE SU ANTONELLI E PALOSCHI…

  • 30 Dicembre 2010 in 19:34
    Permalink

    Ringrazio il sig. Majo per avermi risposto, addirittura dedicando un post alla questione che avevo posto… bell'articolo, con cui del resto mi trovo sostanzialmente d'accordo.
    Grazie e Buon 2011!

  • 30 Dicembre 2010 in 20:11
    Permalink

    Ricambio l'auspicio, e grazie a Lei per avermi offerto l'opportunità di parlare di quei due "ragazzacci", sperando di non doverli troppo rimpiangere… Gm

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI