LA FESTA DEL PARMA CLUB MARCO OSIO

Presente l’indimenticato Sindaco, oltre a Galloppa e un manipolo di giovani crociati, una cena per sostenere l’Ospedale del Bambino. Guarda la fotogallery

SAM_7812L’ultima volta che Lionello Gualerzi, infaticabile presidente del club Marco Osio (affiliato all’Associazione Parma Club Petitot), ci aveva chiamato era perché aveva organizzato una cena benefica con vendita di felpe – che andarono a ruba – con l’immagine dell’indimenticato fantasista, con ricavato a favore dell’Ospedale del Bambino. Quella sera era presente proprio il professor Giancarlo Izzi, direttore del Reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Parma. La finalità di questa sera era la medesima, dal momento che il ricavato della cena, a base di salumi nostrani e cacciagione, e delle altre iniziative ad essa collegate è stato interamente devoluto allo stesso istituto sanitario. Non solo: era presente anche Augusto Rossi, legale rappresentante della sezione AVIS di San Leonardo, che ha cercato di sensibilizzare al tema della donazione del sangue i calciatori crociati presenti (Daniele Galloppa, Rolf Feltscher, Zè Eduardo e Pereira, gli ultimi tre in sostituzione del preannunciato Nicola Pavarini, impossibilitato ad essere presente accompagnati dal Team Manager Alessandro Melli e dall’Addetto Stampa Roberto Rodio, oltre che dal responsabile del Centro Sportivo di Collecchio Danfio “Bianco” Bianchessi), sperando che qualcuno di essi possa raccogliere l’eredità di Marco Osio tra i primi a prestarsi per questa giusta causa. (gm)
All’interno la fotogallery della serata

SAM_7746SAM_7747

SAM_7748SAM_7749

SAM_7750SAM_7753

SAM_7754SAM_7758

SAM_7759SAM_7760

SAM_7761SAM_7763

SAM_7765SAM_7768

SAM_7767SAM_7751

SAM_7769SAM_7770

SAM_7771SAM_7777

SAM_7778SAM_7779

SAM_7780SAM_7781

SAM_7782SAM_7783

SAM_7784SAM_7785

SAM_7786SAM_7788

SAM_7772SAM_7776

SAM_7790SAM_7791

SAM_7789SAM_7792

SAM_7793SAM_7794

SAM_7795SAM_7799

SAM_7800SAM_7801

SAM_7802SAM_7803

SAM_7804SAM_7805

SAM_7806SAM_7807

SAM_7808SAM_7809

SAM_7810SAM_7815

SAM_7816SAM_7817

SAM_7818SAM_7819

SAM_7820SAM_7821

SAM_7822SAM_7823

SAM_7825SAM_7827

SAM_7828SAM_7829

SAM_7832SAM_7833

SAM_7836SAM_7837

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.