venerdì, Maggio 24, 2024

GALLOPPA TRA SENTENZA E MERCATO

Venerdì il responso della CGF, intanto il suo agente parla di futuro. E a Sky Zaccardo dice che spera in un tram Champions e l’Highlander Crespo che non vuole smettere
galloppa espulsione(gmajo) – Il sito ufficiale fcparma.com ha dato oggi notizia che si discuterà venerdì 25 marzo 2011 dinnanzi la Corte di Giustizia Federale a Roma il ricorso avverso le tre giornate di squalifica (di cui una già scontata domenica scorsa a Marassi) inflitte al centrocampista Daniele Galloppa dopo l’espulsione in Parma-Napoli per uno scomposto fallo su Hamsik. La tesi difensiva, già anticipata l’altra sera alla Domenica Sportiva dal Presidente Ghirardi, probabilmente verterà sulla derubricazione da condotta violenta (tale è stata considerata sulla base del referto arbitrale) a normale fallo di gioco, così come viene definito nella news sul sito. Il giudice di II grado potrebbe valutare anche immagini televisive prodotte per scagionare il giocatore, che in effetti (vedi foto) non sembra averci messo cattiveria e che subito dopo l’intervento ha chiesto scusa all’avversario, sincerandosi delle sue condizioni. Continua all’interno

post partita parma napoli su skyCerto le infuocate dichiarazioni del post partita, in cui veniva messa in relazione l’entrata da arti marziali di Galloppa con l’ “ingiustizia” subita dal Parma per colpa del giocatore del Napoli, autore del contestato gol in fuorigioco che avrebbe modificato l’inerzia della partita, se prese in considerazione, potrebbero non aiutare il raggiungimento dello sconto desiderato. Nel caso di Paci l’ufficio legale del Parma, guidato dall’Avv. Silvia Serena, era riuscito ad ottenere la riduzione di ben due delle quattro giornate inizialmente comminate: il precedente è certo di ottimo auspicio, ma la fattispecie diverse e poi ogni causa (come ogni partita…) è diversa dall’altra. In bocca al lupo…
galloppa sportalNel frattempo, a proposito di Galloppa, è di oggi una intervista esclusiva del suo agente Davide Torchia al portale Sportal.it: “Sta rientrando piano piano, se avesse giocato normalmente adesso molto probabilmente sarebbe a Coverciano ad allenarsi con la Nazionale. E’ vero, l’anno scorso a marzo già si parlava molto di mercato riguardo il mio assistito, ma stavolta sia per la situazione dei ducali che per l’infortunio di Daniele il discorso è sospeso, i tempi si sono allungati. Ma un’annata sfortunata spiazza solo chi non sa di daniele galloppacalcio: se una bella ragazza prende il raffreddore, quando le passa non si è certo trasformata in un mostro, così accade ad un giocatore promettente e di talento…”. Cresciuto nelle giovanili della Roma, Galloppa – scrive sportal.it – è spesso accostato al club giallorosso, anche se il procuratore non dà la priorità ai capitolini: “Si parla sempre di un interessamento della Roma, ma io non ho ricevuto nessuna chiamata. Quando è andato via da Trigoria non lo ha fatto pensando che presto sarebbe tornato, anche se i rapporti con la società sono rimasti buoni. Se dovesse cercarlo la Lazio? Il ragazzo è giovane ed è disposto a parlare con tutti per poi fare le sue valutazioni”.
cristian zaccardoParlando ancora di futuro, oggi, ai microfoni di Sky che ha dedicato uno speciale al Parma FC dal Centro Sportivo di Collecchio Cristian Zaccardo, prossimo alla trentina, non ha nascosto il suo desiderio di poter giocare in Champions League, competizione che manca al suo ricco e pregiato curriculum (è anche Campione del Mondo). Ma Zaccardo sa bene che prima del futuro esiste il presente: la questione, quindi, sarà esaminata a fine stagione assieme alla Società (qualora, ovviamente, dovessero arrivare offerte). “Per ora conto solo la salvezza del Parma”. Anche l’Highlander Crespo, nonostante la veneranda età, pensa al futuro: al microfono di Michele Gallerani non ha nascosto la voglia di continuare ancora. Col Parma. Anche se non mancano le richieste…
Pietro LeonardiSulla satellitare anche il Leonardi-pensiero. Non poteva mancare la questione arbitrale: Le mie parole dopo la gara con il Napoli non erano propedeutiche alla gara successiva, ma servivano a far sentire la voce grossa della società per rispetto della gente e della proprietà. La riprova è stata l’episodio sfortunato del rigore contro, ma va bene così.” Certo, va bene così, perché il Parma ha vinto: qualora non ce l’avesse fatta avremmo visto un altro film. O meglio, rivisto un altro film. O risentito. Le Cenerentole quando alzano la testa non raccolgono gli stessi risultati delle Genoveffe: la voce grossa, dunque,sarà anche per rispetto della (nostra) gente e della proprietà, ma può essere un boomerang, vedesi la stessa circostanza ricordata dallo stesso dirigente (il rigore pro Samp fischiato da Valeri, il quarto uomo di Parma-Napoli, curiosa designazione). Sulla conferma di Marino, Leonardi ha fatto i complimenti a Ghirardi per la decisione in controtendenza: “Non si può addossare la colpa solo a una persona, leonardi pietrosoprattutto se si è consapevoli della professionalità da parte di chi lavora. Io ho dato i miei consigli al Presidente, ma lui è stato molto bravo perché ha ragionato con la testa e non con la pancia.” Definizione, quest’ultima, già spesa in altre occasioni (ad esempio alla festa del Parma Club  Jolly Bar Traversetolo di martedì 1° Marzo 2011) dal Plenipotenziario che ha fatto scuola, dal momento che ieri sera a Calcio & Calcio perfino il quotato giornalista della Gazzetta dello Sport Andrea Schianchi l’ha utilizzata (“Non bisogna ragionare con la pancia…”). Queste altre parole dell’Amministratore Delegato: “È tornato il sereno: ora possiamo respirare è vero, ma dobbiamo ancora raggiungere il nostro obiettivo. A Genova abbiamo conquistato tre punti d’oro in uno scontro diretto a tutti gli effetti. Siamo orgogliosi si di aver raggiunto questa vittoria ma non dobbiamo trastullarci perché non abbiamo fatto ancora nulla: mancano otto punti. Ci auguriamo che i risultati arrivino alla fine. E’ impossibile stilare tabelle. Abbiamo fatto tre punti importanti ma la partita più difficile sarà proprio gallerani_manfredini_sky_fcparmacomcontro il Bari: dovremo prepararla con la stessa intensità e con più cattiveria agonistica. Dobbiamo vivere alla settimana e raccogliere gli otto punti restanti che possono dare tranquillità alla nostra società dopo una stagione esageratamente sfortunata”. In “Cielo” anche i messaggi, neppure troppo subliminali, del presidente del CCPC Angelo Manfredini:Siamo tutti uniti e vogliamo questa salvezza, nonostante gli ostacoli che si stanno presentando e siamo convinti che rimanendo vicini alla squadra, al mister e alla società, nonostante qualcuno ci stia mettendo i bastoni fra le ruote, taglieremo al più presto questo traguardo”. Gabriele Majo
(Fonti: le dichiarazioni di Leonardi e Manfredini a Sky sono tratte dalla trascrizione di fcparma.com ; quelle di Crespo e Zaccardo sintetizzate da Tv Parma. L’agente di Galloppa ha parlato con sportal.it)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

2 pensieri riguardo “GALLOPPA TRA SENTENZA E MERCATO

  • andate a lavorare che è meglio

  • Gabriele Majo

    Chi? E poi, cortesemente, si firmi
    Saluti Gmajo

I commenti sono chiusi.