GHIRARDI ALLA DS: “NON MI VANNO GIU’ I TRE TURNI DI SQUALIFICA A GALLOPPA”

Il Pres spiega: “Solo dopo il ricorso il giudice guarda le immagini: così potrà rendersi conto che si era trattato di un fallo di gioco e non di una reazione”
SAM_8490(gmajo) – Prosegue la campagna di comunicazione del Parma tesa a far sapere, in ambito nazionale, quanto le vessazioni (arbitrali) subite possano aver influito sul rendimento in campionato della squadra. Squadra, va ricordato, che ha pure delle proprie responsabilità, del resto come chi l’ha guida, e prima ancora chi l’ha allestita e chi ha impresso la propria solenne benedizione all’operato dei suoi sottoposti, ovverosia il presidente Tommaso Ghirardi, il quale ieri, è apparso sui teleschermi della Domenica Sportiva con sedute alle spalle la mamma Gabriella Pasotti, e la fidanzata Francesca, che l’avevano accompagnato nel salotto sportivo di Rai Due. Per il Pres è stata l’occasione di ricordare che ieri, anche se alla fine è andata bene, il Parma aveva comunque subito il decimo rigore contro, e per l’ennesima volta era stato cacciato dal campo un proprio calciatore. Ma va da sé che quando sei ospite di un media nazionale prima di poter arrivare a spiegare le tue difficili condizioni di Cenerentola (e si fa l’una…) devi stare lì a sorbirti la celebrazione di tutte le Genoveffe del caso, pronunciando in rigidi tempi televisivi la tua opinione anche su argomenti che ti importano fino lì… (Continua all’interno)
SAM_8488Tornato in treno da Genova che erano già le 23.30 solo attorno a quell’ora ho potuto mettermi alla visione del programma che fu di Massimo De Luca (la cui conduzione equilibrata e non gridata ben calzava su una emittente del servizio pubblico; personalmente non mi convince affatto il nuovo corso). In collegamento con Mazzarri dal San Paolo si stava parlando delle possibilità tricolori o perlomeno di partecipazione Champions del Napoli (promossa al rango di Genoveffa proprio una settimana prima da Tommaso), che nel posticipo poco prima aveva battuto il Cagliari 2-1. Ogni tanto, confesso che non ne ho capito il motivo, Civoli, Collovati, Zazzaroni e SAM_8491compagnia cantante parlavano di querele, specie a proposito del futuro di allenatori et similaria. Si vede che questo tipo di azione legale va di moda anche da quelle parti, o anche da quelle parti se ne straparla, ma tant’è… Il primo intervento che ho udito di Ghirardi (chiedo scusa se per caso ne ha fatti anche prima, ma non mi pare, pur sbirciando i contenuti della sintesi pubblicata nottetempo dal sito fcparma.com, cui vanno sinceri complimenti almeno per la tempestività, essendo on line il sunto con foto, a pochi minuti dalla conclusione della trasmissione, paola ferrarianche se, come si suol dire, la gatta che ha fretta fa i gattini ciechi, e sul web esistono implacabili censori dei refusi. Io ho preferito rimandare ad oggi, un po’ per stanchezza dopo la trasferta, un po’ per chiosare con la dovuta calma) era a proposito della Genoveffa Inter. Coinvolto nella discussione dalla padrona di casa Paola Ferrari, che ha ricordato che il Parma, nel girone di ritorno, deve ancora incrociare i nerazzurri, il Ghiro ha affermato: “Spero, quando li affronteremo, che avremo qualche punto in più rispetto ad oggi. E’ sempre difficile fare risultato con l’Inter, però sono convinto che sarà una battaglia fino alla fine. Sono molto contento anche per il presidente Moratti, che ho il piacere di conoscere, che è una persona squisita, che merita tutti quei bei momenti che sta vivendo in questi anni dopo tanti anni sofferti. Perciò è una bella storia, di famiglia, legata a un nome importante come è l’Inter”.
SAM_8460Il successivo intervento era a proposito del Milan, in particolare della stella Cassano, che ultimamente sembra brillare un po’ meno rispetto a quando era arrivato in rossonero. “E’ un leader – ha sentenziato Ghirardianche se alle volte ha fatto fatica, in passato, anche alla Roma, dove c’erano grandi campioni e può trovare qualche difficoltà adesso nel Milan. E’ chiaro che questi talenti debbano essere considerati tali da tutto l’ambiente. Loro hanno bisogno di essere protagonisti”. Ivan Zazzaroni gli ha quindi chiesto se per caso avesse fatto un pensierino su Cassano, quando si era SAM_8486capito che avrebbe lasciato la Sampdoria, o se lo aveva subito considerato un giocatore inarrivabile. Tom gli ha risposto così: “E’ un giocatore che piacerebbe averlo a tutte le squadre. Noi non ci abbiamo pensato perché in quel ruolo siamo coperti, perché noi abbiamo puntato su Giovinco, facendo un’operazione anche molto onerosa per noi. E in più ero convinto che se fosse andato via dalla Sampdoria, era solo per andare in un club di questo livello (quello del Milan, nda), perché lui alla Samp si trovava bene, era un leader, la famiglia di Garrone lo adorava, e poi si è rotto il giochino.”
SAM_8465“E poi si è rotta anche la Samdporia…”, ha sancito Zazzaroni
“La Sampdoria –ha affermato Ghirardi è in difficoltà, però io credo che abbia una forza che hanno in pochi, cioè una solidità societaria rara nel calcio italiano, perché ha una solidità paragonabile a Milan ed Inter. Perciò bisogna dargli tranquillità, lasciar costruire il gruppo inserendo in quello storico qualche giovane come stanno facendo, e poi è una piazza che non può lottare per la Champions League. Se ce la fa un anno è già buono…” Intervento di Paola Ferrari: “Quella di oggi, per voi, è stata una grande vittoria…”.
SAM_8489Risposta di Ghirardi: “Sì quello sicuro…”.
Nuovo argomento di discussione col presidente del Parma è Amauri. “Sono contento di tenerlo: è un lusso per noi perché ha uno stipendio elevatissimo, giocatore che mi sono reso conto che è un grande campione: sono allibito che giochi nel Parma, con tutto il rispetto per il Parma, è un giocatore che ha delle qualità fisiche, che ha qualità tecniche”. Forse l’aggettivazione non è il massimo, ma tant’è. Interviene Bagni: “Era a zero gol, ma come è arrivato da voi si è sbloccato come d’incanto…” Aggiunge la Ferrari: “E’ rinato”. Ghiro concorda: “Da noi è rinato, ha fatto tre gol, ne ha fatti fare almeno un paio, è stato fuori una domenica e mezzo, e l’abbiamo sentita la differenza. Oggi ha fatto una partita strepitosa”. Nello studio ferve il dibattito. Osserva Collovati: “Questo è il paradosso del calcio: un attaccante dovrebbe avere più facilità a fare gol nella Juve che non nel Parma, perché nella Juve hai più opportunità, più occasioni…”.
SAM_8484Da qualche tempo a questa parte Ghirardi è tornato a godersi una delle soddisfazioni che il suo attuale costoso hobby gli concede, la possibilità di avere visibilità televisiva alla quale nell’ultimo anno aveva un po’ volontariamente rinunziato lasciando i riflettori pressoché completamente a Pietro Leonardi, del quale spesso si accontentava di interpretare il ruolo di riserva, come portavoce delle istanze crociate, tant’è che le sue rare apparizioni mediatiche pubbliche erano spesso in coincidenza con le vacanze del Plenipotenziario (vedesi il famoso 10 agosto, SAM_8485quando Ghirardi pronunziò l’ormai celebre frase “Quest’anno non ci basta vincere. Vogliamo vincere giocando al calcio”) o sue eventuali sue giornate di inibizione (a questo proposito facciamo una doverosa – e non richiesta – errata corrige, dal momento che prestando fede ad una fonte autorevole, cioè il quotidiano locale, che parlava di un provvedimento inibitorio di due settimane per Leonardi ci siamo fidati a scriverlo anche noi, senza verificare, salvo poi accorgerci dell’errore vedendo ieri il dirigente regolarmente in panchina. Il vecchio maestro Bellè predicava SAM_8492esattezza, esattezza, esattezza…), adesso, invece, con il modulo d’attacco a due punte, il Pres è tornato ad essere titolare inamovibile della comunicazione crociata­. Ma come si suol dire onori ed oneri: ieri all’onore di essere nei gloriosi studi Rai di Corso Sempione a Milano, accompagnato dalle sue donne più care, si è sommato l’onere di dover sentire parlare di Guidolin, il quale, alla guida della sorprendente Udinese, sta vincendo e convincendo. Anche per la bontà del gioco, pure ieri sera ritenuto, dal parterre, il migliore dell’intera serie A. Sull’ostico argomento lo accompagna Paola SAM_8465Ferrari, che ricorda (con assieme a significative immagini di repertorio dal Tardini che scorrono sul maxischermo) i trascorsi Crociati del Don. Il Ghiro, inizialmente, la prende con filosofia, e fa buon viso a cattivo gioco: “Sì è stato con noi due stagioni. Sono contento per lui, perché voleva tornare ad Udine, voleva tornare nella sua terra, io l’ho accontentato perché questo è un dato di fatto. Sicuramente ho dei ricordi molto positivi, ho un rapporto ottimo: non nego che alle volte anche ci sentiamo, sono contento per lui e per la famiglia Pozzo, che fanno parte della storia del ivan zazzaronicalcio”. Ma perde un po’ di aplomb quando Zazzaroni butta lì un “Avete fatto uno scambio di allenatori…”. Tommaso sbotta: “No, no, questa è una diceria che ha portato molta negatività su Marino, purtroppo…” Interviene Marco Civoli, che certifica: “E lei lo ha sempre difeso…”. ( Ovviamente Marino). Ghirardi riprende: “Sì, l’ho difeso, perché è giusto difendere le scelte che si fanno. E siccome erano scelte che avevo fatto io, le porto avanti. Però non mi è mai piaciuto che si sia pensato a questo scambio di allenatori. Guidolin, e dico purtroppo, perché con noi aveva fatto bene, aveva ancora un anno di contratto con noi, e mi ha chiesto di poter andare a Udine, perché era il suo sogno, voleva tornare vicino a casa, e io l’ho accontentato senza chiedere buone uscite, SAM_8487pagandogli lo stesso il premio, e senza chiedere niente all’Udinese. Questa è la verità. Io gli ho fatto un regalo, perché lui mi aveva fatto dei bei regali in questi due anni”. Applausi dello studio a chiudere la discussione. Ghirardi ha definito la sua vulgata la verità, ed essendo un uomo d’onore come non credergli? Tuttavia io ritengo, magari sbagliandomi, che Guidolin abbia riscoperto il suo amore per Udine dopo (e non prima) che aveva capito di non essere altrettanto apprezzato dove era. Ma non dalla piazza (che pure lo portava su un palmo di mano, salvo SAM_8466rinnegarlo prima che il gallo cantasse tre volte, sul finale della scorsa stagione, per poi rimpiangerlo quest’anno, guardando con invidia cosa sta facendo nella nuova destinazione) quanto proprio dai suoi datori di lavoro. Questa, ovviamente, è una idea che mi sono fatto io considerando un po’ di date e un po’ di esternazioni, in tempi non sospetti, dello stesso Guidolin e degli altri protagonisti della vicenda. Ma siccome lo stesso allenatore – in cambio del regalo presidenziale di scioglierlo, senza penali, con un anno di anticipo dal suo legame con il Parma FC, come spiegazione del divorzio ha accettato pienamente la linea societaria – è inutile che io stia qui ad aggiungere altro…
SAM_8443A proposito di allenatori: alla DS ieri sera asserivano che la colpa di Edi Reja, coach della Lazio, è quella di aver perso troppi derby con la Roma. In questo frangente Ghirardi ha dato il meglio di sé, con una sagace battuta di quelle che gli avevano fatto bucare il piccolo schermo fin dalle sue prime apparizioni: “Se vai in Europa guadagni 20-25 milioni, se vai in B ne perdi 35-40, se perdi il derby non perdi nulla…” Parole sagge, dice la Ferrari, prima di ribadire: “La vittoria di oggi vuol dire un bel passo avanti per la salvezza e quindi è proprio una vittoria importante”. Così Ghirardi, quando SAM_8444ormai mezzanotte era passata da un pezzo: “Quella di oggi è stata una vittoria importantissima: avevamo bisogno di una vittoria, perché era qualche domenica che stavamo facendo bene e non riuscivamo a raccogliere risultati. Sono contento per l’allenatore e sono contento per i ragazzi e sono contento anche per me e per Leonardi. Però assolutamente non abbiamo fatto nulla: questo non dobbiamo dimenticarlo, e il campionato è ancora lungo, e noi dobbiamo essere ambiziosi. Noi partivamo da una stagione, quella scorsa, in cui eravamo arrivati SAM_8459ad un punto (in realtà i punti in meno erano 3, nda) dalla Europa League, dietro la Juventus, e quest’anno non ci immaginavamo di giocare per la salvezza. Fortunatamente, quattro o cinque domeniche fa, ci siamo resi conto che il nostro campionato era questo ed abbiamo iniziato a giocare come si deve giocare in questa posizione di classifica: essere molto concreti, fare una battaglia, una battaglia sportiva, lottare dal primo all’ultimo minuto e raccogliere quello che viene. Oggi siamo stati molto bravi: non voglio dire fortunati, perché abbiamo ricevuto il decimo rigore, eppure SAM_8479abbiamo vinto lo stesso, andiamo avanti e non ci lamentiamo…” Lo interrompe, provocandolo, Marco Civoli, ex telecronista azzurro di Germania 2006: “Mi perdoni, faccio l’avvocato del diavolo: dieci rigori significa anche che gli avversari entrano in area…” Il Ghiro, incassa, e rilancia e si arriva al tema che abbiamo scelto come titolo: “Sì, sì. Ma allora dico un altro dato. Noi è la sesta partita di fila (in realtà come scritto sul sito sociale è la settima volta stagionale, la quarta di fila, nda) che vengono espulsi dei nostri giocatori. La vera amarezza che ho, e non parlo più di contestazioni SAM_8476arbitrali, è per la squalifica di Galloppa per tre giornate. Quella proprio non mi va giù, perché è un fallo di gioco puro, senza cattiveria, ed è stato paragonato al fallo di reazione di Ibrahimovic…”. Irrompe Zazzaroni che chiede: Avete fatto ricorso? – Tommaso risponde: “Sì, abbiamo fatto ricorso e sono convinto che verrà ridotta. Mi voglio esporre, perché per me c’è stato un abbaglio da parte dell’arbitro…” La Ferrari lo interrompe : “Lei dice che c’è stato un giudizio assolutamente sbagliato?”. Al che Ghirardi si fa “divulgativo”: “Il problema è che anche queste cose non si sanno. Il giudice SAM_8482sportivo decide sulla base del referto che gli viene dato, su quello che viene scritto dal referto arbitrale. Poi, lui, magari molte volte non vede neanche l’episodio, perché gliene arrivano talmente tanti…” Fulvio Collovati obietta: “Mi rifiuto di credere che non l’abbia visto questo episodio”. Ghirardi cerca di proseguire: “Io sono convinto, siccome che c’è stato il ricorso, che lo debba vedere. Se uno lo vede…” Interviene Gianni Ippoliti, che si dimostra il più informato dello studio (!) e sancisce: Ha ragione il presidente. Lo vedono solo quando c’è il ricorso”. Collovati non si dà SAM_8469per vinto: “Ma non è che ti danno una o più domeniche senza vedere l’episodio…” Ippoliti completa la spiegazione: “La prima è una decisione solo sul referto dell’arbitro, poi dopo, quando, c’è il ricorso allora le vede. Se poi, per sua cultura, le guarda anche prima…”. Tommaso conclude: “E’ un procedimento che mi hanno spiegato in Lega. Io ho chiesto due anni fa alla Lega e la Lega mi ha dato questa spiegazione. Quando poi si fa il ricorso, giustamente, il giudice sportivo analizza e poi molte volte riduce le squalifiche, perché vede le immagini e con discrezione valuta ed analizza quello che è successo”. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI