PIU’ FORTI DELLA SAMP E DEL “SOLITO” RIGORE

Arriva il primo successo Crociato in trasferta del girone di ritorno. Doria portafortuna di Marino che si gioca la riconferma
SAM_8347GENOVA – Povera Sampdoria: punita dall’unica conclusione nello specchio dei Crociati, tornati dopo lunga assenza al successo (mancava dalla gara interna con il Catania) nonostante abbia finito in dieci per via della “solita” espulsione (stavolta Dzemaili, in zona Cesarini), e pur avendo subito il decimo rigore contro stagionale (perpetuando il proprio record) che l’ex Maccarone (subito dopo sostituito da Cavasin) ha pensato bene di spedire alle stelle, neppure dieci minuti dopo che – nel momento migliore blucerchiato – Zaccardo aveva segnato, grazie al servizio al bacio di Candreva, quello che sarebbe diventato il gol partita. Come volevasi dimostrare quando in settimana a strepitare è una Cenerentola al cospetto di un’altra Cenerentola è vana la speranza di ottenere il positivo effluvio della compensazione arbitrale. Anzi, se possibile ti mettono i bastoni contro, se risulti antipatico. Non credo che il signor Valeri volesse infierire quando ha indicato il dischetto per quello che è parso un rigore piuttosto generoso a vantaggio dei derelitti padroni di casa per via di un fallo di mano di… Volta, che secondo lui indossava quella maglia Crociata che finora ha solo sfiorata… Continua all’interno

SAM_8348Una volta tanto, però, Eupalla ha pensato di sorridere al Parma e di mettere un po’ a posto le cose, dal momento che, per lo meno numericamente, sui penalty risulta essere piuttosto vessato: chissà che polverina magica avrà fatto cadere sul dischetto poi zappato da Maccarone: palla in braccio ai Fedelissimi (che, con uno striscione, hanno ringraziato di tutto i Boys per l’11 Novembre scorso) ed improperi anche dai Tito Cucchiaroni No Tessera, schierati nel rettilineo Nord di Marassi (a lato del doppio settore a castello occupato dai gemelli parmigiani, al livello SAM_8253superiore i tesserati, a quello inferiore gli obiettori): emozionante la coreografia con i colori “comuni” che faceva bella mostra di sé a sublimare ancora una volta i 20 anni di amicizia delle due tifoserie. In campo si direbbe un po’ meno delle due squadre, dal momento che non sono mancati “mischioni” a fatica sedati dall’incerto fischietto proveniente dalla sezione AIA di Roma. Del resto la posta in palio era vitale: considerati i risultati che stavano maturando, forse, un pareggio non sarebbe stato neppure disprezzabile da entrambe le compagini – e Marino, alla vigilia, SAM_8073lo aveva fatto capire – ma in questo momento i genovesi sono in un punto più acuto della malattia rispetto agli emiliani e non è un caso se sono stati loro, alla fine, a rimetterci le penne. Tutte le altre in coda hanno segnato il passo: nella zona alta della lotta per non finire all’inferno importanti i successi dei ducali e del Chievo, che ha beneficiato oggi del “jolly” Bari, così come conterà di fare altrettanto il Parma dopo la sosta del campionato, alla ripresa, quando ospiterà i galletti. Il sorpasso a domicilio ha inguaiato i blucerchiati, che, al di là dell’harakiri societario per le cessioni SAM_8084eccellenti di Pazzini e Cassano (strano che la Confconsumatori non abbia proposto una richiesta di rimborso degli abbonamenti, perché un conto è una stagione lirica con in cartellone due tenori di fama mondiale, ma se poi sul palco salgono due sostituti più limitati…) sembrano soffrire della stessa sindrome depressiva più volte mostrata dai Crociati, con gli stessi limiti (poche conclusioni, poco aggressivi, spesso in ritardo sulla palla) costati tanti punti ai nostri, che stanno proseguendo il cammino della convalescenza. A fine gara Marino ha SAM_8433ricordato che, fino al match con la Sampdoria all’andata il Parma aveva fatto otto punti, peggio nel ritorno, sette. Ma come all’andata, a sorpresa, aveva dato il meglio di sé nella seconda parte, l’auspicio è che possa accadere altrettanto nel secondo troncone del girone di ritorno. Riuscisse ad inanellare un filotto di risultati utili consecutivi (quelli decisivi per la salvezza sembrerebbero essere quelli “programmati” – ma attenzione le partite sono sempre tutte da giocare, anche quelle con l’esito che pare più scontato – delle prossime gare con Bari e Bologna) potrebbe addirittura SAM_8397puntare ad un rinnovo del contratto fino a questo punto non solo improbabile, ma improponibile. L’AD Leonardi potrebbe poi spiegare che non è che ci sia tanto di meglio in circolazione, allo stesso rapporto qualità/prezzo. Ma è prematuro parlarne ora che, come spesso dicono gli addetti ai lavori, non “abbiamo ancora fatto nulla”. Certo esiste l’opzione Gasperini,sia pure un po’ fuori budget, ma potrebbe darsi che la nuova linea possa essere quella di puntare su un tecnico di fascia alta, per evitare troppi patemi. Comunque sia il benefico effetto dell’odierna SAM_8401vittoria, grazie alla pausa, durerà un paio di settimane, anche se forse sarebbe stato meglio, considerato il calendario, battere il chiodo fin che è caldo. Ma la prospettiva di poter lavorare più sereni e lontani dalle solite tensioni dovrebbe facilitare le cose, al di là della prevista penuria di uomini, per via delle consuete squalifiche che penalizzeranno la squadra. Poco male: anche perché i rincalzi meritano chance, specie chi, come Pisano oggi, è stato una piacevole sorpresa. In luogo dello squalificato Alessandro Lucarelli il tecnico lo ha preferito al graduato Paci, e lui lo SAM_8224ha ripagato con una prestazione senza sbavature difensive, ma anzi impreziosita pure con un pericoloso spunto in attacco. Marino ha spiegato che lo aveva visto bene a Roma in quel ruolo lì (alias centrale di sinistra della confermata difesa a 3, nonostante sulla Gazzetta di Parma di stamani Paolo Grossi avesse auspicato la restaurazione della difesa a quattro, per meglio adeguarsi all’assetto offensivo dei padroni di casa) e che quindi meritava una riconferma, considerate anche le sue caratteristiche. Il rientrante Paletta ha giostrato in mezzo, l’altro “marcatore” (scusate SAM_8137il termine un po’ impreciso e retrò) era, sulla destra, Zaccardo, alias il match winner (sigillo numero 3. L’ultimo, altrettanto di pregevole fattura, come ha ricordato lui stesso in mix zone, era stato a Cesena). Il trio era a protezione di Mirante, guadagnatosi la pagnotta con un intervento salva-risultato su bolide del “solito” Dessena. A centrocampo i cursori erano Valiani e Gobbi (di cui si ricorda una pericolosa conclusione), in mezzo Morrone e Dzemaili. Di “raccordo” all’unica punta Amauri (rientrante dopo l’accidente col Chievo, e rimasto dentro per tutta la tenzone) SAM_8209Giovinco e Palladino. Quest’ultimo uscito verso la metà del primo tempo (dentro l’assist man di giornata Candreva), così come poco prima nella Sampdoria aveva dovuto gettare la spugna Guberti rilevato da Macheda. Il mister, spiegando le sue scelte, si è soffermato anche sull’attacco ricordando che nel ruolo di mezze punte sono in tre (Giovinco, Palladino e Candreva, nell’ordine di oggi) per due posti, così come vertice più alto del triangolo, avendo potuto recuperarlo, ha schierato volentieri Amauri, pur non sapendo per quanti minuti avrebbe potuto resistere. I cugini benefattori (6 punti in due match) si sono sacrificati per la nostra salvezza (e i loro problemi, ora, non sono pochi…): adesso si tratta di dare continuità al dono ricevuto, preparando al meglio la gara con il Bari, perché la vittoria è tutt’altro che scontata. Potrebbe essere questo il leit motiv su cui ragionare… Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI