GALLOPPA E LA SUA “NON INTERVISTA” AL TRIO ROSAVIOLA

Il centrocampista, durante la conferenza odierna, ha sfiorato il tema delle sue dichiarazioni riportate da fiorentinanews.com, confermando, però, il retroscena da loro svelato sulla sua mancata tournèe con la Fiorentina di un anno fa

daniela galloppa(gmajo) – Solo al termine della conferenza stampa di oggi, mercoledì 11 maggio 2011, che lo vedeva protagonista al tavolo della saletta del Centro Sportivo di Collecchio, Daniele Galloppa ha in qualche modo spiegato il curioso caso che lo aveva visto protagonista la settimana scorsa di una intervista fantasma riportata da fiorentinanews.com – poi rimossa dal portale dopo alcune ore di esposizione – e ripresa da alcuni organi di informazione parmigiani, tra cui noi di www.stadiotardini.com. Come avevamo raccontato sabato scorso, nell’articolo dal titolo “Nuovo scoop delle croniste rosaviola: Galloppa” il centrocampista, si sarebbe intrattenuto a chiacchierare con le tre inviate, che si sarebbero qualificate come tali, con tanto di località di provenienza, (e già artefici poco prima di una esclusiva con Amauri, quella in cui l’attaccante si dichiarava pronto a mettersi dietro a un tavolo per trattare un decurtamento del suo ingaggio), ma alla vista del micro-registratore avrebbe interrotto l’eloquio iniziato, salvo poi continuare lo stesso off the record. Frutto di quel colloquio che il giocatore credeva riservato fu un pezzo del sito fiorentino dal titolo: “Tornerei volentieri in Toscana… a giocare con Cerci. E quel retroscena…” Già quel retroscenaContinua all’interno (anche con la trascrizione integrale della conferenza stampa di oggi di Daniele Galloppa)

SAM_2100Quel retroscena (cioè la sua partecipazione ad una tournèe con la Fiorentina, cui si oppose il Parma), dicevo, è, a mio modesto, avviso la discriminante per capire quanto di fantasia potevano averci messo le tre discole in trasferta nello spifferare sul web gli altri reconditi (si fa per dire) pensieri di Galloppa. A mia specifica domanda (“Questo aneddoto corrisponde al vero, oppure è pura invenzione?”) l’azzurro oggi ha così risposto: Corrisponde al vero, ma si erano sentiti solo tra le società e poi era morta lì perché io non sono andato, perché la Società, giustamente, nuovo scoop trionon mi ha mandato, perché non era opportuno nemmeno secondo me. Quindi c’era stato qualcosa, ma come era nata era morta in un giorno. Poi, da lì, come al solito l’hanno montata, l’hanno caricata, anche rispetto all’intervista che hanno fatto uscire, però niente di che…” Poco prima Galloppa aveva sfiorato il tema della sua “non intervista” rispondendo ad una domanda sul suo futuro formulata da Jonathan Belletti: “Io sono sempre in fiorentinanewscom galloppacomproprietà con il Siena, ma ho parlato con il Direttore e dovrei essere riscattato a breve dal Parma, quindi divento tutto del Parma. Poi sono venute fuori tante di quelle voci, anche in settimana, in cui io avrei detto che andrei di corsa alla Fiorentina, intervista che non ho mai fatto, quindi, sinceramente, ci sono rimasto un po’ male. Poi, per fortuna, è stata tolta immediatamente, perché abbiamo fatto di tutto per toglierla. Io, onestamente, d’accordo daniele galloppa fiorentinanewscomcon la Società, anche come ha detto il direttore ieri, faccio parte della causa e ci tengo a rimanere, perché qui sto bene e mi trovo bene con il gruppo, coi ragazzi. Abbiamo fatto due anni comunque importanti: l’anno scorso soprattutto per me, quindi io vorrei essere riscattato tutto dal Parma e poi continuare a vivere qui”. Ho evidenziato in neretto i passaggi principali: che ricapitolo, Galloppa è in comproprietà col Siena, a breve sarà riscattato dal Parma, almeno così gli avrebbe detto Leonardi, lui vuole rimanere al Parma e continuare a vivere qui. Però il retroscena svelato dalle tre girls è stato confermato da Galloppa… Direi che si possa evitare di aggiungere altro. Segue tutta la trascrizione della conferenza stampa odierna. Buona lettura (Gabriele Majo)



SAM_2644Alberto Rugolotto (Stadio-Corriere dello Sport) – Rispetto ad una settimana fa, ora che siete salvi, quanta tensione in meno c’è alla ripresa degli allenamenti? Siete più scarichi?

“Sicuramente raggiungere matematicamente l’obiettivo ti leva un bel po’ di tensioni, anche se dopo le tre vittorie che avevamo fatto, comunque, sapevamo che la salvezza era ad un passo, quindi un po’ di tensione era già andata via; però, quando è matematico come adesso, cambia l’umore, cambia tutto perché siamo più sereni, avendo raggiunto finalmente l’obiettivo”.
SAM_2668Alberto Rugolotto (Stadio-Corriere dello Sport) – Considerando quella che è stata tutta l’annata, inizio incluso, il gruppo si sente di festeggiare la salvezza? E se sì in che misura?

“Ci sentiamo di festeggiarla e anche tanto, perché le chiacchiere stanno a zero e i campionati sulla carta non sono mai stati fatti: lo dimostra la Samp che ha fatto il preliminare di Champions e rischia ancora di retrocedere. Il calcio non si fa a parole, ma coi fatti, e purtroppo noi abbiamo fatto tanta fatica, a dispetto di tanti discorsi in cui si diceva che eravamo belli e che eravamo forti e che sarebbe stato tutto facile. Però non è mai così, e quindi, a maggior ragione per questo, dopo un inizio così negativo, bisogna festeggiarla e anche alla grande una salvezza così”.
SAM_2652Paolo Grossi (Gazzetta di Parma) – Vorrei che tu mi parlassi un po’ delle tue sensazioni nell’arco dell’annata, rispetto a quello che è successo. Nel senso di come hai reagito all’infortunio di agosto, se il ritorno in campo è stato nei tempi che prevedevi e poi, dal ritorno in campo, a questo punto che cosa hai provato, essendo che hai giocato sicuramente meno di quanto ci si aspettasse…

“Sicuramente dopo l’infortunio ad Agosto la reazione è stata subito positiva, perché mi SAM_2641sono detto: vabbè, succede: si riparte. Quindi ho cercato di ragionare subito in una maniera positiva. Poi c’è stato il rientro abbastanza presto, perché dopo tre mesi mi allenavo con la squadra: cosa che mi aveva fatto tornare il sorriso. Il momento più difficile è stato quello, perché, vorresti dare, vorresti fare, ma non ci arrivi né fisicamente, né con le gambe, quindi fai molta fatica. Poi, il fatto che non navigassimo in belle acque, non mi ha aiutato sicuramente, perché avrei potuto essere gestito in un’altra maniera, magari avrei potuto mettere più minuti sulle gambe, cosa che poi non è avvenuta per altri ovvi motivi primari. Questo non mi ha aiutato e di conseguenza siamo arrivati ad oggi continuando a tentennare, senza mai trovare una condizione. E questo un po’ l’ho sofferto, personalmente, perché volevo anch’io giocare di più o rientrare prima in forma, però quando ti trovi lì in classifica non puoi rischiare giocatori che non sono al top”.
SAM_2649Paolo Grossi (Gazzetta di Parma) – Quando ti hanno detto che eri pronto e che potevi giocare, dentro di te avevi ancora qualche remora, tipo nei contrasti o nei cambi di direzione?

“Remore non ne avevo, però mi rendevo conto che non ero sicuramente il giocatore di prima: non riuscivo sia a livello nervoso che di gambe ad essere il giocatore che ero prima dell’infortunio. Poi, non ho mai avuto paura, né voglia di tirarmi indietro in un contrasto: questo non ce l’ho mai avuta, sinceramente mi rendevo conto in campo che quando ci volevo arrivare non ci arrivavo, e quindi capivo che qualcosa non era ancora al massimo…”
SAM_2642Paolo Grossi (Gazzetta di Parma) – Hai ammesso, con grande onestà, che la situazione di classifica ti aveva penalizzato: ma a questo punto il problema salvezza è risolto, quindi potresti dire la tua in queste ultime due partite…

“Speriamo, perché, comunque, uno si allena per quello… Poi domenica sarà una bella partita, è l’ultima in casa contro una squadra che lotta per qualcosa, quindi ci tengo a giocarla. Poi sarà il mister a decidere, ovviamente, ma, per quanto mi riguarda, bisogna giocarla ancor di più con la testa, perché poi la figuraccia è dietro l’angolo: dopo non aver giocato per tanto ed incontri una squadra che comunque ancora lotta per obiettivi forti potresti incappare in una giornataccia. Però io mi alleno bene e spero di giocare”.
SAM_2655Jonathan Belletti (Radio Bruno) – Il Parma non ha più niente da chiedere a questo campionato, però adesso c’è una partita assai sentita dalla piazza, quella con la Juventus. Ieri Colomba ha detto che può essere un allenamento per la testa, cioè per tenere alta la concentrazione e poi per poter festeggiare…

“Sicuramente, sicuramente… Sarà una partita difficilissima, non sarà assolutamente una passeggiata, anzi… Noi ci teniamo a far bene, ripeto, perché è l’ultima in casa, e perché comunque abbiamo raggiunto l’obiettivo e perché incontriamo una grande squadra. Dall’altra parte incontriamo una squadra viva, che SAM_2653avrà voglia di vincere, giustamente, e di raggiungere l’obiettivo: quindi per noi sarà una partita difficilissima, penso soprattutto a livello mentale, perché interiormente dovremmo avere meno motivazioni di loro, però dobbiamo essere bravi a stare sul pezzo e a cercare di chiudere bene contro una grande squadra”.
Jonathan Belletti (Radio Bruno) – Tra due domeniche finisce il campionato ed iniziano le vacanze, periodo in cui fioccano le voci di mercato. Tu cosa farai?

“Io sono sempre in comproprietà con il Siena, ma ho parlato con il Direttore e dovrei essere SAM_2659riscattato a breve dal Parma, quindi divento tutto del Parma. Poi sono venute fuori tante di quelle voci, anche in settimana, in cui io avrei detto che andrei di corsa alla Fiorentina, intervista che non ho mai fatto, quindi, sinceramente, ci sono rimasto un po’ male. Poi, per fortuna, è stata tolta immediatamente, perché abbiamo fatto di tutto per toglierla. Io, onestamente, d’accordo con la Società, anche come ha detto il direttore ieri, faccio parte della causa e ci tengo a rimanere, perché qui sto bene e mi trovo bene con il gruppo, coi ragazzi. Abbiamo fatto due anni comunque importanti: l’anno scorso soprattutto per me, quindi io vorrei essere riscattato tutto dal Parma e poi continuare a vivere qui”.
SAM_2661Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Nell’intervista un po’ rubacchiata che hai citato poc’anzi, facevano riferimento alla Toscana in senso più ampio, non soltanto alla Fiorentina. E sempre lì era emerso un retroscena un po’ curioso e cioè che tu avresti dovuto partecipare lo scorso anno ad una tournèe con la Fiorentina. Questo aneddoto corrisponde al vero, oppure è puro frutto di fantasia?

“Corrisponde al vero, ma si erano sentiti solo tra le società e poi era morta lì perché io non sono andato, perché la Società, giustamente, non mi ha mandato, perché non era opportuno nemmeno secondo me. Quindi c’era stato qualcosa, ma come era nata era morta in un giorno. Poi, da lì, come al solito l’hanno montata, l’hanno caricata, anche rispetto all’intervista che hanno fatto uscire, però niente di che…”
Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Torniamo al SAM_2658passato: era proprio con la Juventus che avevi fatto il tuo debutto in panchina dopo l’operazione? Quella avrebbe dovuto essere la partita della svolta: vorrei conoscere le tue sensazioni su quello che era stato il tuo ritorno e su quella che era stata la più grande impresa del Parma di quest’anno fino alle tre vittorie consecutive con Colomba alla guida, che vi hanno fatto salvare…

“Erano state belle sensazioni, perché ero tornato in una partita così, con la squadra che aveva fatto una grande partita finita 4-1 a Torino, meglio di così non poteva andare. Però, SAM_2656alla fine, invece di essere stato un punto a favore è stato un punto a sfavore, perché poi l’abbiamo pagata psicologicamente, perché c’erano sempre i presupposti di inizio anno che tornavano fuori, quelli secondo cui noi eravamo una grande squadra che aveva vinto 4-1 a Torino. Tornando fuori tutti questi discorsi qua, noi li abbiamo assorbiti, pensando di essere tornati in una partita belli e poi in serie A le paghi tutte ed è giusto che sia così, perché a questi livelli deve essere così: se sbagli a livello nervoso, a livello mentale, noi che siamo il Parma perdiamo con tutti, c’è poco da dire. Quindi, quando poi abbiamo rimesso la testa dentro la cesta in questa situazione – poi c’è stato anche un cambio di allenatore, che vuoi o non vuoi una svolta te la dà a livello nervoso per forza – siamo riusciti a venirne fuori”.
(Conferenza stampa di Daniele Galloppa al Centro Sportivo di Collecchio dell’11.05.2011. Registrazione audio e trascrizione di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “GALLOPPA E LA SUA “NON INTERVISTA” AL TRIO ROSAVIOLA

  • 13 Maggio 2011 in 18:30
    Permalink

    Sono spariti degli articoli oppure ho le traveggole?

    Comunque vorrei fare una constatazione: da una settimana ci è stata negata, per la prima volta nella storia, la licenza UEFA. In questi sette giorni né Ghirardi, né Leonardi ci hanno fatto sapere le motivazioni. Qualcosa è trapelato in via del tutto ufficiosa riguardo a "problemi dello stadio", ma il Tardini non è cambiato in nulla rispetto ad un anno fa, quando la licenza venne regolarmente concessa. Lei ne sa di più?

    Arcobaleno78

  • 13 Maggio 2011 in 22:14
    Permalink

    Gentile Arcobaleno78, non avevi le traveggole: tutti i contributi caricati nella giornata del 12 maggio purtroppo erano spariti a causa di un grave disservizio della piattaforma blogger che ci ospita e che aveva impedito a milioni persone sul pianeta di compilare il proprio diario sul web per gran parte della giornata di ieri e di oggi come ho spiegato in un post inserito pochi minuti fa. Pian pianino cerchiamo di tornare alla normalità.
    Sulla faccenda del mancato raggiungimento della Licenza Uefa da parte del Parma FC non ho, al momento, notizie più fresche di quelle da Te citate, riprese dalla Gazzetta di Parma. Vige, infatti, il massimo riserbo. Se riuscirò a sapere qualcosa in più dedicherò un servizio alla questione. A memoria ricordo solo una volta, qualche anno fa, che al Parma non venne data in prima istanza, per problemi ai bagni non conformi, se non sbaglio, situazione che poi venne sistemata con l'ottenimento della certificazione. E poi solo nell'annata della B mi pare – per scelta – non avessero provveduto a mettere insieme tutte le molteplici informazioni richieste dall'organismo internazionale. Certo il mancato ottenimento di quest'anno non è un bel segnale: ricordo, infatti, che negli anni passati era un vanto, perché si trattava di concreta testimonianza del perfetto andamento del club, davvero passato ai raggi X. Saluti Gmajo

  • 19 Maggio 2011 in 00:55
    Permalink

    Gentile Arcobaleno 78 della questione mancata Licenza Uefa Ghirardi ha parlato sulla Gazzetta di Parma, come immagino avrai potuto leggere in una intervista di Pacciani. La ricostruzione ufficiale di Ghirardi collima perfettamente con la versione ufficiosa che avevo raccolto da altre fonti informate sui fatti: in pratica è stato deciso di risparmiare la somma necessaria per la sostituzioen dei seggiolini, prevista dall'apposito protocollo, rinunziando volontariamente (non è un obbligo) alla certificazione. L'argomento è trattato in conclusione al post dal titolo L'imprenditore nel pallone. Saluti Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI