LA RESURREZIONE DI LAZZARO BOJINOV, L’ULTIMO MIRACOLO DI SAN COLOMBA, analisi di Gabriele Majo

Al Sant’Elia si perfeziona la ricostruzione dalle macerie del Salvatore.

bojinov giovinco(gmajo) – Scusate il ritardo. Con cui pubblichiamo questo pezzo, dite voi? Se volete anche per quello. Ma mi riferivo, più che altro, all’ultimo miracolo di San Colomba, che avevamo auspicato sabato 7 maggio scorso e che si è realizzato, o meglio perfezionato, soltanto ieri, domenica 22 maggio a Cagliari: la Resurrezione di Lazzaro Bojinov, autore della ultima rete stagionale crociata (sua era stato anche la prima al 1’ del pt di Parma-Brescia, e quella valsa il primo salvataggio di Marino in Parma-Samp dell’andata) nella gara pareggiata (1-1) con i rossoblù, che si sono avvalsi, come marcatore per pareggiare i conti, della reincarnazione (calcistica) di Comunardo Niccolai, al secolo Rolf Feltscher, che di testa ha deviato nella propria porta un pallone precedentemente colpito di testa da Astori. Il 7 maggio scorso, alla vigilia di Bologna-Parma, a salvezza virtualmente già ottenuta, avevamo posto come ultimo obiettivo stagionale il rilancio dell’attaccante bulgaro, consci dell’importanza di rivalorizzare questo patrimonio della società: Dopo una serie di prove poco più che incoraggianti, ieri, finalmente, il suo gol liberazione (dedicato al figlioletto) al culmine di una prestazione all’altezza della situazione. Continua all’interno

Majo2Nella stagione in cui la bella favola è stata solo nel lieto fine, non poteva mancare la riabilitazione – dopo quella collettiva – anche del singolo Valeri Bojinov, comunemente ritenuto la principale delusione in questo campionato bipolare del Parma. In effetti il generoso presidente Ghirardi non aveva lesinato sforzi economici, la scorsa estate, pur di confermarlo, al termine di un campionato, in cui, pur con impieghi tra spizzichi e bocconi, era risultato determinante con i suoi pesantissimi gol. E’ evidente che se avesse avuto dinnanzi la sfera di cristallo il nostro, e Leonardi, avrebbero tenuto in saccoccia quei denari, evitando di riscattarlo. Ma datosi che la sfera di cristallo non ce l’avevano non possiamo certo ora imputargli colpe per un acquisto che tutti quanti, in quei tempi, avevamo sottoscritto senza se e senza ma. A mio avviso – l’ho ripetuto fino alla noia da prima guidolin di natale uefa comancora che il delitto si perpetrasse – la magagna principale era stato il divorzio – evitabile – da Guidolin, una certezza, per inseguire la chimera del calcio propositivo. Ieri sera, pareggiando con la capolista, la sua Udinese (foto Uefa.com) ha guadagnato l’accesso al preliminare di Champions: stamani la Gazzetta dello Sport, ma anche ieri sera le varie trasmissioni in radio e tv, hanno sancito che il suo è stato il più bel calcio della ghirardi 10 08 2010 non ci basta vincere vogliamo vincere giocando al calcioserie A. E dire che qui non bastava vincere, si voleva vincere giocando al calcio. Il lieto fine o the happy end – non va dimenticato – come una nemesi è arrivato – o è stato mandato dalla clemente Eupalla – solo quando si è tornati sui propri passi, trovando (più che scegliendo) un allenatore che avesse nel suo bagaglio buon senso,  lucidità, maturità, semplicità, esperienza e serietà, tutte doti di cui c’era una sete tremenda…

Tante volte ci era scappato il paragone tra questa stagione e quella maledetta del 2007-08, culminata con la retrocessione: via via nel colomba papa teleducato 18 04 2011cammino, invece, questa tutto sommato fortunata edizione avrebbe assunto sempre più i contorni di quella precedente, la 2006-07, cioè quella del miracoloso salvataggio ad opera di Ranieri. E Giuseppe Rossi. La proporzione Colomba sta a Ranieri come Amauri sta a Peppino l’abbiamo letta perfino sul quotidiano locale, anche nella lunga intervista concessa a Pep dal Pres Ghirardi, il quale, per motivi scaramantici, ha preferito bloccare le similitudini ad un certo punto. Egli, infatti, era ben memore della topica fatta nel post Ranieri con la scelta al risparmio di Tonino Di Carlo e i Muslimovic Zsuoi occhi della tigre… Un terzo elemento di similitudini potrebbe essere proprio quello della inaspettate resurrezioni: oggi quella di Bojinov, allora quella di Muslimovic. Era un mio vezzo, in quei tempi, a categoria mantenuta, ripetere che il vero miracolo di Ranieri non era stato tanto salvare quel Parma, quanto aver trasformato l’evanescente attaccante bosniaco (nella foto di repertorio), oggi al Paok Salonicco, nel vero valore aggiunto di quella formazione. E c’era riuscito grazie alle ripetizioni personalizzate che il suo vice – Damiano – gli impartiva nella stanzina dei pc al Centro Sportivo di Collecchio.

Certo, ieri, non dico che quel gol lì lo avrei segnato anch’io (sono un terzinaccio, neppure una Mezzala, figuriamoci un bomber implacabile…) però sarebbe stato un vero delitto vanificare il servizio al goll bojinovbacio confezionato da “Leo” Giovinco (Psycolomba ha ripetuto l’accostamento tra l’ex Formica e Messi perfino dinnanzi ai ragazzini della Parma Football School nella conferenza stampa di sabato). Come opportunamente ha ricordato ieri il tecnico, nella prossima stagione si riparte tutti da zero: ma si spera anche in qualche punto fermo. Giovinco dovrebbe essere uno di questi, anche se non basta il riscatto della metà del cartellino per garantirci da un eventuale prelievo forzoso di chi detiene l’altro mezzo e vanta un potere d’acquisto indubbiamente migliore. Crespo ed Amauri li rivedremo (forse) solo alla Partita del Cuore (30 maggio,ore 20.30 Stadio Tardini: dimostriamo a Ruggeri che siamo i più generosi della Via Emilia, anche se ci credo poco…): l’attaccante argentino, nei giorni scorsi, ha pranzato con Ghirardi e Leonardi – come ci ha informato puntualmente lo specialista della materia Sandro Crespo Ruggeri Partita Cuore Presentazione stadiotardini comPiovani – ma non è detto che ci sia già stata la fumata bianca. Il dilemma tra cuore (facciamolo continuare a giocare) e ragione (ormai è vecchio e malandato, facciamolo smettere) deve essere ancora risolto. Anche se è pure una questione di portafoglio, come avevo esplicato in un post nei giorni scorsi (un dirigente guadagna infinitamente di meno rispetto a un calciatore). Si spera sempre in un compromesso. Sperare non costa nulla: anche che Amauri faccia una scelta di cuore (riconoscenza, restare nel club dove si è ritrovato, come gli abbiamo suggerito proprio Amauri firma bandiera crociatanoi di stadiotardini.com) più che di portafoglio (andare altrove a guadagnare di più, ma giocare di meno), ma sinceramente mi pare una ipotesi un po’ campata per aria, e non so, sotto il profilo strettamente comunicazionale, quanto sia conveniente lasciare qualche speranza ai tifosi se poi la stessa dovrà andare delusa. Questa stagione dovrebbe averci insegnato che stupire è meglio di illudere. Non a caso ha già iniziato a girare il solito refrain, “prossimo obiettivo ancora la salvezza”, ma se hai in organico certi giocatori diventa difficile crederti. Bojinov, a mio avviso, dovrebbe boni e bojinovrimanere, – inutile svenderlo adesso –  e offrire quel contributo non dato quest’anno, quando, a mio avviso, si era seduto un po’ troppo sugli allori, a inizio stagione, ritenendo di essere un titolare inamovibile, dopo che era partito Guidolin, il quale sembrava non gli andasse molto a genio perché lo utilizzava col contagocce. Alla fine credo si sia ricreduto sul Placido Don, il quale era stato in grado di gestirlo nel migliore dei modi, rendendolo determinante. Il contrario di quello che è stato quest’anno. Nel parco attaccanti del Parma ahinoi, nessuno è arrivato in doppia cifra, e palladino con giovane supporter del parmaquesto è un punto su cui riflettere, se si considera che altri hanno bomber che nella doppia cifra iniziale sfiorano il 3, o hanno il 2 – figura anche Raffaele Palladino, del quale non si parla parecchio, datosi che da un po’ è fuori per infortunio, ma che quelle poche volte che ha giocato ha dato il suo contributo alla causa. Non so quanto possa rientrare nei piani di Colomba, il quale non l’ha mai potuto utilizzare. Sarebbe bello, poi, conoscere il futuro dei desaparecido spagnoli (Marques e Calvo). Immagino, però, che pur dovesse arrivare la conferma per la gran parte della cooperativa colombad’attacco, il Parma cercherà un alter ego di Amauri da appaiare a Giovinco. Sempre ammesso che il semplice 4 4 2 Colombiano venga considerato un sistema di gioco sufficientemente propositivo anche per iniziare una stagione e non solo per raddrizzarla. Ascoltando Pronto chi Parma? ieri sera ho sentito una ascoltatrice avanzare gli stessi dubbi che qualche tempo fa avevamo sollevato pure noi di stadiotardini.com, ricordando quanto avvenne dieci anni prima ad Ulivieri confermato alla guida del Parma, dopo aver brillantemente pilotato la squadra – luca buccirilevata a stagione in corso – ai preliminari di Champions, ma poi esonerato dopo pochi mesi. Io credo che, per gli indubbi meriti acquisiti sul campo, Colomba non lo si possa discutere: o per lo meno eviterei che si facessero sterili valutazioni sulla presunta semplicità del 4 4 2, come mi è capitato di ascoltare da giornalisti ben introdotti nel sistema. Piuttosto mi adopererei per trovare qualche valido elemento – di provata fede crociata – da introdurre nello staff tecnico (oltre la conferma di Luca Bucci), un po’ più giovane rispetto agli attuali collaboratori del mister.

ghirardi dopo parma juve 15 05 2011I conti si fanno alla fine, dice Ghirardi. Ebbene, alla fine il Parma con i suoi 46 punti è al 12° posto in classifica (o 11° a pari merito con Chievo e Catania) e davanti al Cagliari (45). Rispetto al cammino di questi ultimi, non vorrei bestemmiare, ma preferisco di gran lunga la nostra tormentata stagione: almeno c’è stato del sugo fino a ieri, o alla settimana scorsa. Staccare la spina come loro, raggiungendo l’obiettivo con tre mesi di anticipo, è di una noia pazzesca e provoca travasi di bile nei tifosi, che immagino non abbiano gradito il finale schifoso cui hanno assistito. Lo stesso grandolfo_francesco_R400_22mag11discorso – ma con molte più attenuanti, considerate le proibitive condizioni in cui si sono trovati e la conseguente penalizzazione per demeriti amministrativi – vale per il Bologna di Malesani: perdere in casa 4-0 con l’ultima in classifica all’ultima giornata è davvero una vergogna che va ad offuscare tutto quanto di buono era stato fatto prima (E prendere questo Francesco Grandolfo, 18enne di Castellana, cresciuto nel settore giovanile del Bari, che ha bagnato con una sonante tripletta il suo esordio?). E non mi riferisco certo agli ultimi 45-60 giorni, in cui – marino ghirardi leonardiche sia un problema di maglia? – avevano accusato la stessa sindrome del Cagliari. Rispetto a Chievo e Catania il Parma poteva vantare un organico decisamente superiore (con conseguente monte ingaggi): il piazzamento raggiunto, dunque, vale una sufficienza (quella sì), ma assai stiracchiata, perché per arrivarci è stato necessario rivedere completamente il progetto iniziale, miseramente fallito. Con quanto investito il Parma avrebbe dovuto non solo scavalcare questi compagni di viaggio, ma trovarsi appaiato a Genoa e Fiorentina a quota 51. Uno in meno dei 52 miracolo dello scorso anno, due in meno dei 53 che in televisione erano stati indicati come raggiungibili… Perché è vero che in questo pazzo mondo decadente del pallone è facile passare dalle stelle della Champions alle stalle della retrocessione (vedi la Samp), ma è anche vero che pure tra le Cenerentole esiste una gerarchia di valori e l’organico del Parma è più da Genoveffa rispetto a quello di Lecce e Cesena(Gabriele Majo)

 

Le foto da Cagliari sono tratte dalla Gazzetta di Parma

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “LA RESURREZIONE DI LAZZARO BOJINOV, L’ULTIMO MIRACOLO DI SAN COLOMBA, analisi di Gabriele Majo

  • 23 Maggio 2011 in 18:06
    Permalink

    Mi permetta questa uscita fuori tema ( se il tema e' Bojinov), ma parlando di miracoli, o di possibili tali……che grande cosa sarebbe dal prossimo campionato avere come top sponsor la Barilla!!
    a buon intenditor ,poche parole….
    ED

  • 23 Maggio 2011 in 21:31
    Permalink

    condivido in pieno.
    e con un "détournement linguistique"……..CALCIO BARILLA per tutti
    elvis

  • 23 Maggio 2011 in 22:17
    Permalink

    Gentili ED ed Elvis, ricordate cosa dovrebbe avere insegnato questa stagione alla Società? Meglio stupire che deludere. Nel vostro caso perfezionerei in meglio stupirsi che illudersi. Penso di poter escludere categoricamente un coinvolgimento in Società della Barilla, sia come main sponsor, sia come eventuale socio. Due stagioni fa, per capirsi dopo la promozione, i fratelli mi risulta che ne avessero parlato tra loro, ma era prevalsa la tesi contraria. Anche perché il loro timore sembrava potesse essere quello di essere tirati per la giacchetta con un coinvolgimento maggiore in caso di eventuale defezione di Ghirardi. Da allora ad oggi non mi pare di aver scorto nell'aria segnali di cambiamento in questo senso. Immagino che proseguirà il rapporto con Navigare, e di questi tempi c'è da tenersi stretti chi generosamente sovvenziona con regolarità. Non penso che – nonostante le frequenti lamentazioni di Ghirardi in questo senso – possa scaturire qualche socio parmigiano propenso a versare come il buon Marco Ferrari (neppure gratificato con la carica di Vice Presidente) un tot di quattrini a fondo perduto in una società di calcio, senza aver un minimo ritorno di visibilità, e il Pres in questo senso è piuttosto ingombrante, dal momento che continuerebbe lui ad essere la guida del club. Ergo difficilmente troverà compagni di viaggio. Bnotte Gmajo

  • 24 Maggio 2011 in 10:10
    Permalink

    D'accordo….continueremo a "Navigare" a vista in acque territoriali, vicino alla costa, con pochi "nodi" nel motore…..ma se……buona giornata Direttore.ED

  • 24 Maggio 2011 in 10:32
    Permalink

    Ricambio la buona giornata, caro ED. Sull'interessamento di Barilla sono assai scettico. Ma anche su quello di altri imprenditori locali di livello inferiore. Vedremo, piuttosto, se ci saranno ulteriori innesti non indigeni nella compagine societaria, avendo dichiarato Ghirardi che ne ha parlato con qualcuno. Del resto immagino che anche la quota di Banca Monte possa a breve passare di mano (non penso che Intesa San Paolo intenda perseguire la linea di Guareschi) e questo potrebbe comportare anche la rivisitazione delle varie aperture di credito, così come la sostituzione di Medeghini, a suo tempo, non era stata – mi pare di capire – come Ghirardi avrebbe auspicato. Diciamo, infatti, che ora lui, grosso modo, assieme alla famiglia e ai suoi amici (Penocchio) controlla l'80% del club e non il 40% come programmato all'inizio del suo investimento. Il fulmine a ciel sereno di Medeghini (il cielo in realtà era sereno fino lì) ha comportato, infatti, un maggiore coinvolgimento di Ghirardi & C. che non era certo stato preventivato. Ma credo sia difficile trovare un socio che voglia prendersi il 40% senza – di fatto – poter contare più di tanto nella gestione. Anche se mi pare di capire che l'ideale per l'attuale proprietario, sarebbe trovare più soci di minoranza (con quote del 5% circa) che non uno quasi paritario. Almeno, queste sono le mie impressioni. Poi, ovviamente, potrei anche sbagliarmi…

    Saluti Gm

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI