EX FILA 12, ABBONATI DELUSI SCRIVONO ALLA GAZZA

Il quotidiano ospita alcune lettere di tifosi sfrattati dalla fila fantasma

lettere al direttore(gmajo) – La protesta degli abbonati della cancellata fila 12 TCE è approdata sulle pagine della Gazzetta di Parma. Oggi il quotidiano locale ospita una lettera vergata dal tifoso Luigi Bertolini, scritta il 27 luglio scorso, dal significativo titolo “Arrabbiato con il Parma”. “Se mi avessero avvisato al momento della prelazione avremmo potuto spostare tutti i cinque i posti in modo da essere vicini oppure avremmo potuto cercare un’altra soluzione di gradimento”. Il problema è che al momento della prelazione probabilmente non lo sapevano neppure in Società, dal momento che la estinzione della fila 12 pare esserne successiva per sopraggiunti motivi di sicurezza strutturale degli erigendi nuovi G LUX. Però, al momento della riparazione, (il sistema scelto della chiamata telefonica privata anziché una comunicazione pubblica mi  lascia piuttosto perplesso) la soluzione trovata avrebbe dovuto accontentare in toto il cliente, il quale, anziché lamentarsi dopo sulla stampa avrebbe dovuto esigere, come suo diritto, l’assegnazione di cinque posti vicini magari anche in un settore diverso, allo stesso prezzo, oppure recedere subito dagli abbonamenti sottoscritti, anziché minacciare di farlo la prossima stagione. Accorata anche la missiva di Marco Masetti, peraltro collaboratore del giornale diretto da Molossi, pubblicata il 28 luglio scorso. All’interno la trascrizione delle due lettere


SAM_1355Arrabbiato con il Parma
Signor direttore,
il primo giorno della campagna abbonamenti alle partite del Parma 2011-2012 io, mio genero e tre nipoti (7-10 anni) abbiamo esercitato la prelazione confermando i posti dello scorso anno che si trovavano tre sulla fila 10 e due sulla fila immediatamente superiore e distanti tra di loro non più di un metro.
Due giorni fa, dato che lo scorso anno avevo lasciato il numero di cellulare al momento della sottoscrizione della tessera del tifoso, SAM_1354sono stato contattato dal Parma Fc che mi comunicava lo «sfratto» per motivi strutturali dai due posti della fila 12 e mi invitava a presentarmi per l’assegnazione di due nuovi posti tra quelli disponibili. Sono finito con un nipote alla fila 9, sette o otto posti lontano dagli altri e per di più con una transenna nel mezzo.
Se mi avessero avvisato al momento della prelazione avremmo potuto spostare tutti i cinque i posti in modo da essere vicini oppure avremmo potuto cercare un’altra soluzione di gradimento. Invece in questo modo se uno dei due adulti ha un impedimento e non può SAM_1359recarsi allo stadio anche uno o due dei ragazzi devono guardare la partita in TV.
Parliamo sempre di disorganizzazione delle strutture pubbliche ma quanto esposto non ha niente da invidiare ad esse e non me lo sarei mai aspettato da una società come Parma Fc con tanto di staff tecnico-organizzativo.
Considerato come sono stato trattato (ma penso di parlare anche a nome di molti altri «sfrattati») e con l’arrabbiatura e la delusione che mi pervadono, penso che il prossimo anno difficilmente rinnoveremo  cinque abbonamenti
Luigi Bertolini
Parma, 27 luglio
(lettera pubblicata dalla Gazzetta di Parma domenica 31.07.2011)

masettiTardini, che succede in Tribuna Est?
Egregio direttore,
oltre ad essere un collaboratore della pagina sportiva del suo quotidiano, sono anche un abbonato del Parma da almeno quarant’anni. Ebbene, dopo essermi guadagnato nel tempo un invidiabile posto in Tribuna Est, negli ultimi quattro anni ho dovuto peregrinare di fila in fila, sempre peggiorando la situazione e mai per mia scelta.
La vicenda di quest’anno, però, è veramente da narrare. Al primo giorno d’apertura, con una stoica fila di due ore, già questo non fu un felice preludio, rinnovai l’abbonamento ottenendo conferma del posto centrale in Fila 12, poi, me ne partii per le vacanze. Nella giornata di ieri, 25 luglio, ricevevo una telefonata dal Parma Calcio che mi invitava a passare con urgenza dagli uffici perché non era più possibile assegnarmi il posto avuto. Sceso dalla montagna, oggi pomeriggio sono stato informato che l’intera Fila 12 era stata soppressa, quindi mi venivano proposti alcuni posti sparsi per la Tribuna Est che, per vari motivi, erano ancora una volta nettamente peggiorativi dell’anno precedente. Mi sono recato di persona sulle gradinate a verificare le nuove proposte e lì, sono rimasto veramente di stucco: un cantiere in SAM_0228corso per istallare strane gabbie metalliche che, in futuro, dovrebbero ospitare pubblicità, ma già da oggi, tolgono nettamente la visuale a molti ignari tifosi che già hanno rinnovato l’abbonamento. La prima riflessione è stata per loro. Se le strutture attuali non verranno modificate, infatti, non è difficile immaginare il malcontento diffuso degli occupanti di diverse file della parte superiore della Est, quando al posto della linea laterale e di alcune fasi di gara, vedranno questi reticoli ferrei. La cronaca della prima giornata di calendario potrebbe essere imperniata più sulla probabile contestazione che sul risultato sportivo.
SAM_1228Da parte mia, abbandonata quella giungla di metalli, mi sono rifugiato in Fila 10, meno centrale di prima e più esposto alla pioggia, pazienza, se questo è quanto passa il convento dopo tanti anni d’affetto… Certo, se mi avessero almeno informato del problema già al primo giorno, anziché dirmi che tutto era o.k., avrei almeno potuto scegliere un’alternativa migliore, che così è andata a favore di altri, magari meno solerti. Degli occupanti della Fila 12 che ne sarà? Ne ho incontrati alcuni durante l’ispezione alla gradinata. Loro l’abbonamento non lo hanno ancora sottoscritto e, SAM_1211arrabbiatissimi, dopo decenni di partecipazione, mi hanno confessato che se ne staranno a casa e forse organizzeranno un’apposita contestazione, pazienza anche per loro, tanto si è capito chiaramente che non sono più i paganti a fare gola, quanto sponsor e Tv. Un’ultima chicca di questa annata, mi consenta, parte proprio dalla pubblicità del Parma che compare assai spesso sul suo quotidiano. Agli over 65, è riportato, sconto del 50%, e neppure un asterisco al fianco a far sorgere un dubbio. Ebbene, mi sono SAM_0229presentato al rinnovo dell’abbonamento con sessantacinque anni e mezzo e mi è stato risposto che ero ancora troppo giovane! Ne avrei beneficiato l’anno prossimo. Così seguirò il campionato anche con sessantasei anni sul groppone, ma lo sconto per gli over 65 meglio dimenticarlo.
Considerazione finale: se questi sono i trattamenti speciali per riavvicinare i tifosi allo stadio, comprendo ancora meglio il perché del calo delle presenze. Per le prossime partite del Parma, buona televisione a tutti.

Marco Masetti
Parma, 26 luglio
(lettera pubblicata dalla Gazzetta di Parma giovedì 28.07.2011)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “EX FILA 12, ABBONATI DELUSI SCRIVONO ALLA GAZZA

  • 2 Agosto 2011 in 18:53
    Permalink

    Ciao Gabriele, ho letto sia sulla Gazzetta che sul tuo sito, le lamentele (peraltro giustificatissime) di alcuni abbonati ex fila 12, il cui trattamento (come del resto era gia' capitato anche a noi) e' stato a dir poco intollerante. Volevo porti 2 quesiti: secondo te i vertici della societa' Parma calcio sono al corrente di tutto cio' che sta accadendo (e non solo fila 12 ma anche curva sud e diversamente abili)? Noi semplici tifosi, nelle nostre possibilita' possiamo fare qualche cosa o dobbiamo sempre rivolgerci ai nostri amici boys o settore crociato? Gradirei da parte tua un commento sincero e costruttivo sulla situazione venutasi a creare, perche' IL PARMA SIAMO NOI!!!
    Grazie a presto

    Stefano

  • 2 Agosto 2011 in 19:23
    Permalink

    Ciao Stefano, un celebre aforisma recita che "il pesce puzza dalla testa": sicché quando qualcosa non quaglia indubbiamente le responsabilità ce le hanno anche (io direi prima di tutto) chi staziona ai vertici della Piramide, cioè il Faraone e i suoi più stretti collaboratori. A questo principio generale non deroga, a mio avviso, il nostro caro Parma. Io non so se Ghirardi e Leonardi siano stati messi al corrente dei casi ex fila 12 o Curva Sud, né tantomeno i riferimenti temporali, cioè se lo sapevano prima che potessero deflagrare o se ne siano venuti a conoscenza a posteriori, cioè quando sono uscite sulla Gazzetta le due lettere (peraltro preceduta da stadiotardini.com, che opportunamente aveva trattato il caso proprio dopo aver recepito la tua denunzia). La sensazione che mi ero fatto quando lavoravo all'interno del club era che il Pres se ne stesse sull'alto della sua nuvola come Giove e di lì inviasse i suoi strali. Prima della conferenza stampa di presentazione della campagna abbonamenti l'avevo visto confrontarsi velocemente con Perrone – mentre erano già seduti al tavolo – e questi, in due secondi, gli ha riassunto i punti salienti (almeno questo è il déjà vu che ho avuto). Tommaso, poi, è stato bravo (visto i compiacenti titoloni sui giornali che sono seguiti sulla convenienza dell'abbonamento, peraltro ritoccato per i vecchi del 5% e per i nuovi di un ulteriore 15%) a mostrare i lati positivi: io, però, avrei anche utilizzato trasparenza nel comunicare le essenziali informazioni di servizio vedi quelle per la Curva Sud, che avrebbero evitato non poche lamentele. E la conferenza stampa l'ha condotta Ghirardi in persona. La fila 12, invece, è stato un incidente di percorso: inizialmente non avrebbe dovuto essere eliminata per gli erigendi g lux, ma anche in questo caso, a mio avviso, si è fatto poco per evitare le polemiche, che comunque ci sarebbero state, però, senza una adeguata trasparenza, le stesse non potevano che essere amplificate. Sui diversamente abili è meglio stendere un velo pietoso, anche perché non si tratta di una ristrutturazione strutturale che comporta esborsi notevoli come cambiare i seggiolini di un intero stadio, per cui si poteva evitare la vergogna di due anni (o forse più) di intemperie sulla testa di queste persone. Ma anche in questo caso ha prevalso una logica di budget oltre alla considerazione che avrebbe dovuto provvedere il Comune, proprietario dell'impianto. Poi, dopo una opportuna campagna di sensibilizzazione, si cerca di correre ai ripari, anche per evitare (ulteriori) danni di immagine: anche in questo caso, però, si poteva prevenire con una più spiccata sensibilità. Grazie Ciao Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI