GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

iIntervista esclusiva di stadiotardini.com all’Assessore Bernini, sul settore disabili del Tardini: “Avremmo potuto e dovuto fare di più, ma faccio un appello ai benefattori privati che sponsorizzino box per proteggere i diversamente abili dalle intemperie”

(gmajo) – L’idea “G-HandIcap”, cioè la creazione di G BOX per i diversamente abili, proposta mesi fa da Settore Crociato e rilanciata da stadiotardini.com dopo l’intervista al tifoso in carrozzina Fabio Giarelli, raccoglie la solenne benedizione di Giovanni Paolo Bernini, assessore del Comune di Parma, responsabile della agenzia comunale per i disabili. In una lunga video intervista esclusiva a 360° che ci ha concesso, l’assessore ha ammesso le manchevolezze della municipalità (che avrebbe dovuto creare da tempo un parapetto per proteggere i diversamente abili dalle intemperie), ma ha fatto un preciso appello ai privati: “So che c’è un progetto molto innovativo di box che si stanno collocando all’interno dello Stadio: io faccio un appello ai privati, che sponsorizzano questi box, e agli ideatori di questa iniziativa, chiedendo di allargare questa opportunità ai nostri amici disabili venendo incontro alle loro esigenze giuste e legittime. Loro amano lo sport, seguono la nostra squadra e vogliono frequentare lo stadio Tardini. Credo che basterebbe davvero un segnale di questo tipo per iniziare il campionato di calcio in un modo ancor più appassionante. Se andasse a buon fine credo che ne saremmo tutti molto riconoscenti”. All’interno la trascrizione integrale della video intervista esclusiva di Gabriele Majo all’assessore Bernini

carfagna parma citta modello x disabiliAssessore Giovanni Paolo Bernini, nei giorni scorsi stadiotardini.com ha intervistato Fabio Giarelli, un disabile in carrozzina che frequenta lo stadio Tardini di Parma e con grande garbo ed educazione ha chiesto che si possa fare qualcosa per il settore disabili di quell’impianto che purtroppo non è certo da città modello, così come il Ministro Carfagna definì Parma due anni fa. Cosa si può fare per rendere questo settore più accogliente e degno di una città civile quale è Parma?
BERNINI 1“Indubbiamente il ministro Carfagna, ma direi tutti i visitatori che frequentano la nostra città si rendono conto che questa città ha fatto grandi passi avanti per l’accessibilità. Prova ne è che la Commissione Europea ha stabilito che Parma è la città più accessibile in Italia. Accessibile, ovviamente, in funzione alla disabilità. Certo di lavoro ne è stato fatto molto: sui mezzi di trasporto, l’impegno profuso nella costruzione di nuovi edifici, nei parchi pubblici. Cioè siamo molto attenti a disegnare una città, programmandola e costruendola, facendo 408px-Disability_symbols_svgnostra la cultura dell’ Universal Design, cioè una cultura che eviti la costruzione di barriere architettoniche, perché le barriere architettoniche sono veramente un ostacolo al godimento di una città per le persone disabili, ma lo sono anche per le persone anziane e per le persone che momentaneamente hanno problemi di mobilità, quindi lo facciamo in funzione di tutti. E con questa cultura abbiamo raggiunto degli ottimi risultati. Certo, si può sempre migliorare: lo stadio, indubbiamente, ha dei limiti, vorrei ricordare, però, che ci sono anche delle cose assolutamente positive. Innanzi tutto allo stadio Tardini di Parma, su ferma volontà della società Parma Calcio, i cittadini disabili, ma anche i loro pr-sampvignoaccompagnatori non pagano il biglietto: e questo non è un dato scontato, perché in altri stadi, in realtà, l’accompagnatore paga il biglietto regolarmente. E poi il fatto che siano stati collocati in una certa zona non è per una scelta ideologica: è che, giustamente, i Vigili del Fuoco avevano fatto rilevare che la precedente collocazione era assolutamente impropria e, purtroppo, pericolosa, in quanto c’era solo un ascensore. In questo momento la collocazione delle persone disabili all’interno dello stadio direi che ha pioggia in centrale estsicuramente dei lati positivi: innanzitutto il fatto che sono in prossimità del terreno di gioco; le toilette sono loro dedicate, le vie di fuga garantite; i mezzi di trasporto interni, grazie all’Assistenza Pubblica, garantiti; insomma c’è sicuramente tutta una serie di attenzioni e sensibilità poste, giustamente, nei loro confronti. Rimane, purtroppo – e lo riconosco anch’io – il mancato innalzamento della struttura, della barriera di vetro, che garantisce a loro, in caso di pioggia, una difesa maggiore. Su questo, sicuramente, avremmo potuto e avremmo dovuto fare di BERNINI 9più. L’assessorato competente so che aveva cercato di trovare le risorse per poter innalzare questo parapetto: probabilmente è mancata, non so se la volontà finale, ma comunque qualcosa è mancata. Possiamo recuperare? Io credo di sì. So, ad esempio, che c’è un progetto molto innovativo di box che si stanno collocando all’interno dello Stadio: io faccio un appello ai privati, che sponsorizzano questi box, e agli ideatori di questa iniziativa, chiedendo di allargare questa opportunità, anche in quel settore e in particolare ai nostri amici disabili. Credo che ne saremmo tutti molto riconoscenti”.
settore box per disabili 2 12 2010In effetti l’idea lanciata da Settore Crociato, che speriamo possa diventare un progetto, è proprio quella che gli imprenditori che acquistano i nuovi G LUX finanzino una copertura o meglio ancora dei box apposta per i diversamente abili. E mi pare di capire che questa proposta ha la sua benedizione…
“Assolutamente sì. Guardate che in questi anni, anch’io, personalmente, proprio nelle politiche a favore dei disabili ho avuto la fortuna – vogliamo chiamarla così? Comunque dicono che la fortuna non arriva mai da sola – e la BERNINI 10possibilità di utilizzare risorse provenienti da privati, da benefattori. Io ho fatto costruire la Casa nel Bosco, che è all’interno del Parco di Marano, luogo dove i bambini disabili e le loro famiglie frequentano i centri estivi: ecco, quella struttura – magnifica, tra l’altro; utilizzatissima; con un parco giochi, la sua piscina, etc. – è stata donata da un benefattore e noi l’abbiamo subito realizzata, in due mesi. E così altre strutture ed altre iniziative sono state realizzate grazie a donazioni. E allora faccio davvero mio l’appello, che anche lei sta rivolgendo casa del boscosostanzialmente, perché anche attraverso questo contributo si possa andare incontro alle esigenze – giuste, legittime – di tante persone disabili, che amano lo sport, che seguono la nostra squadra e vogliono frequentare lo stadio Tardini. Credo che basterebbe davvero un segnale di questo tipo per iniziare il campionato di calcio in un modo ancor più appassionante”.
BERNINI 15Sono giorni difficili per l’Amministrazione Comunale, ma ci può essere l’impegno – qualora, malauguratamente, non andasse a buon fine il nostro appello – per provvedere comunque in qualche modo a far sì che queste persone non siano più esposte alle intemperie, con tutte le conseguenze che possono derivarne per la loro salute?
“Questo, per me, è auspicabile, ma non dipende direttamente da me. Non voglio adesso scaricare le responsabilità su altri colleghi, chiaramente, però, sono anche SAM_1357cosciente di quelle che sono le mie responsabilità, ma in questo caso specifico non posso direttamente intervenire con risorse che sono improprie, utilizzandole per servizi a persone disabili e non per strutture, poi soprattutto all’interno di uno stadio. Dunque io sarei, davvero, per spingere sulla prima ipotesi, quella dei box e di una copertura, grazie anche all’intervento di tante donatori, di tanti privati che amano lo sport, che secondo me potrebbero sicuramente, se ascoltano il nostro messaggio, intervenire. In caso contrario, certamente anche attraverso l’impegno del collega assessore ai lavori pubblici, chiederò che questo parapetto venga innalzato, non credo per il 28 di agosto, ma sicuramente per l’inizio dell’autunno”.
fabio e upper class al tardiniDomenica scorsa eravamo in trasferta a Cogollo del Cengio, in provincia di Vicenza, ed è stato proprio lì che abbiamo intervistato il nostro amico Fabio Giarelli, sollevando il problema di cui abbiamo trattato: lì mi ha attratto, sotto ad un segnale di divieto di sosta, per un posto riservato agli invalidi, un cartello con su scritto: “Vuoi il mio posto, prendi il mio handicap”. Come valuta questo tipo di comunicazione? Può essere utile per far capire agli indisciplinati che i posti riservati ai disabili vanno lasciati ai disabili?
SAM_0965“Lo conosco quel cartello, e probabilmente conosco anche il Sindaco di quella cittadina. Sicuramente conosco quel cartello che tre anni fa volevo anch’io portare nella nostra città; poi mi hanno convinto che si poteva evitare, con una maggiore attenzione e anche una maggiore repressione da parte delle forze della Polizia Municipale, unitamente ad una serie di atti amministrativi che poi ho fatto. Però è sicuramente un segnale forte che invita ad avere educazione e rispetto per le persone disabili. Devo dire che è molto migliorata la situazione dell’occupazione di spazi in modo SAM_0964improprio da parte di persone che non hanno il diritto di farlo. Ma quello che soprattutto ho potuto fare è una cosa che poi è stata presa d’esempio da molte città italiane. Mi spiego meglio. Le persone disabili a Parma possono collocare le proprie autovetture ovviamente negli spazi a loro dedicati, ma nel momento in cui trovano occupato quello spazio, possono, sempre gratuitamente, collocare le proprie auto nel primo spazio blu, cioè quelli a pagamento, ma loro non pagano. Pensate: noi non abbiamo applicato una sentenza del Tribunale di Palermo, che invece sosteneva il contrario. Siamo stati un punto di riferimento a livello nazionale e molti comuni hanno chiesto a noi come abbiamo fatto per questa soluzione. L’abbiamo fatto sicuramente nell’interesse delle persone disabili che non devono continuamente circolare fino a che non trovano uno spazio a loro dedicato, ma soprattutto lo abbiamo fatto per evitare BERNINI 2maggiore inquinamento, perché se una macchina continua a girare in cerca di un posto continua ad inquinare l’atmosfera con un danno per tutti noi. Invece, nel primo posto blu, può parcheggiare gratuitamente. Un’altra cosa, che avete potuto leggere nelle ultime ore sui giornali locali: la persona disabile che passa sotto i varchi monitorati da telecamere – che magari non conoscendo le norme, si è dimenticata di far iscrivere la targa della propria autovettura nel famoso libro bianco del Comune di Parma, con i mezzi che possono accedere sotto i varchi del centro storico – la varchi berninimulta che si vedrà recapitare (parlo della persona disabile munita di un permesso regolare) verrà tolta, automaticamente, in autotutela, direttamente dal Corpo di Polizia Municipale, che scriverà alla Prefettura di Parma, affinché, appunto, venga archiviata la prima multa. Anche questo per evitare un ulteriore atto burocratico, sostanzialmente un ulteriore impegno da parte della persona disabile, nel momento in cui entra sotto i varchi. Ulteriore iniziativa, sempre in funzione della mobilità delle persone disabili: l’Associazione Nazionale Comuni Italiani ha scelto la città di Parma, insieme alla città di Verona, per sperimentare i nuovi permessi, BERNINI 13anche perché in Italia, in questo momento, ce ne sono di tutti i colori e di tutte le forme. Per cui noi sperimenteremo il nuovo distintivo che verrà applicato sopra l’autovettura, e sarà unico in tutta Italia, ma soprattutto ci sarà uno scambio di informazioni tra i data base delle varie città, al fine di garantire, ad esempio, a un cittadino disabile di Parma, di poter accedere a Verona, a Milano, a Roma sotto i varchi e non prendere le multe, perché se una persona è munita di un permesso è valido a Parma, come è valido a Verona, Milano o Roma, però dobbiamo evitare loro tutta una serie di burocrazie, di passaggi burocratici, che sono fatti di informazioni telefoniche o di vario tipo, col rischio di sbagliare e prendere appunto delle multe. A questo punto, siccome i data base si parleranno tra di loro, ci sarà uno scambio di informazioni e le persone potranno liberamente accedere nelle varie città italiane”.
bologna repubblica pass disabili x calciatoriQualche tempo fa a Bologna alcuni calciatori vennero pizzicati transitare in auto con permessi da invalidi: certo si è trattata di una situazione imbarazzante. Ma cosa può fare il mondo del calcio a favore dei diversamente validi?
Il mondo del calcio può fare molto. Io ho avuto un segnale fortissimo durante la Partita del Cuore, (foto sotto di Franco Saccò, Archimmagine) quando lo stadio Tardini davvero applaudiva in quel modo i propri fans, i propri leader, o cantanti e attori che fossero. Il mondo del calcio ha sicuramente un fascino che oggi non ha nemmeno la politica o altre forme di comunicazione. Il mondo del calcio può Archimmagine77-DSC_9190produrre sicuramente anche un benefico effetto sulla psicologia delle persone. Quindi invito davvero calciatori e dirigenti sportivi a diffondere la cultura dell’accoglienza, della civiltà e quindi della capacità di accogliere anche le persone diverse, o con difficoltà di ogni genere – con diversità di mobilità, di approccio fisico e mentale – possiamo farcela. Da parte nostra, come Comune di Parma, abbiamo fatto molto in questi anni, tutti ce lo riconoscono. Ce lo riconosce anche la parte politica nostra avversaria, che sono state fatte cose assolutamente utili, per le loro famiglie e per le persone disabili per vivere al meglio e BERNINI 22per cercare anche una propria autonomia il più possibile. E vogliamo continuare a lavorare in questo senso: proprio a Parma si può, secondo me, sperimentare un modo di convivenza tra persone, senza barriere. Sicuramente quelle fisiche, e lì dobbiamo pensarci noi ad abbatterle: è il Comune di Parma che deve fare delle scelte. Per esempio i progettisti che vengono scelti dal Comune di Parma devono attenersi all’abbattimento delle barriere architettoniche, ma soprattutto devono anche fare uno sforzo in più in quella logica dell’Universal Design, proprio per andare incontro a tutte le forme di mobilità e di accessibilità. Ma credo che bisogna fare anche uno sforzo culturale, per abbattere le barriere culturali, perché sono le peggiori: e credo che il mondo del calcio possa fare veramente molto per aiutarci in questo senso”.
(Giovanni Paolo Bernini, Assessore del Comune di Parma, responsabile Agenzia Disabili, 27.07.2011. Video intervista esclusiva e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI