OGGI A LEVICO TV PARMA COMMEMORA EZIO VENTURI, IL CAMERAMEN DEI RITIRI

Il telecronista Carlo Chiesa e l’operatore Walter Perotti, il regista di Bar Sport, assisteranno alla deposizione di un mazzo di fiori

levico_ezio(gmajo) – Levico è stata l’ultima tappa del tour dei ritiri del cameraman gentiluomo Ezio Venturi, (foto di Jonathan Belletti) scomparso lunedì 10 gennaio 2011. Pochi mesi prima, attorno al 20 luglio 2010, realizzai una intervista telefonica con lui, allora pubblicata da Settore Crociato, e poi riproposta da stadiotardini.com a poche ore dalla sua scomparsa: una conversazione simpatica, brillante, toccante, specie perché, pur non parlandone, ero perfettamente conscio che di lì a breve la malattia non l’avrebbe perdonato. Credo fosse la prima volta che Ezio Venturi si aprisse pubblicamente parlando della sua passione – lui che certo non era un tifoso sfegatato – per i ritiri del Parma, che per 20 anni ha seguito in maniera professionale ed impeccabile. Il giorno del suo funerale venni contatto da una signora che aveva assistito all’intervista e con le lacrime agli occhi mi ringraziò. Oggi, l’uomo dei ritiri, sarà giustamente commemorato prima del fischio d’inizio di Parma-US Levico Terme (promozione), prima amichevole stagionale 2011-12 dei crociati al campo sportivo di Via Lido, con un mazzo di fiori alla presenza dei due inviati di Tv Parma che stanno raggiungendo il ritiro, il telecronista Carlo Chiesa e l’operatore Walter Perotti (regista di Bar Sport). Con il pieno accordo e collaborazione del club (la capo-ufficio stampa Maria Luisa Rancati, pur non conoscendo Ezio ebbe modo di commemorarlo nell’editoriale scritto a fine stagione per il magazine societario) dovrebbe essere Capitan Morrone a deporlo. All’interno la trascrizione della nostra intervista a Ezio Venturi un anno fa, e il link per riascoltarla
martedì 11 gennaio 2011

postheadericon ADDIO CAMERAMEN GENTILUOMO

02:37 |
In diretta al “suo” Bar Sport la ferale notizia della scomparsa di Ezio Venturi, l’operatore dei ritiri
levico_ezioCombinazione in quello studio ieri sera, anzi poche ore fa, dal momento che la trasmissione non è terminata da molto, c’ero anch’io. Mi trovavo lì, a Tv Parma, invitato da Giuseppe Milano e Monica Bertini, per celebrare, a Bar Sport, il 35° anniversario della prima radiocronaca diretta di Gian Carlo Ceci, alla presenza del “rivale” di sempre Giuseppe “Pino” Colombi. Cose terrene, nelle quali a noi terzi piace marciare mettendo, non per cattiveria, ma per puro divertimento, un po’ l’uno contro l’altro, pur sapendo che entrambi, Ceci e Colombi, hanno avuto indubbi meriti sulla crescita e sullo sviluppo delle allora radio libere, da pionieri quali erano. Ma a richiamarci a tutt’altra meno piacevole realtà è la ferale notizia piombata nello studio verso la fine della trasmissione: è morto Ezio Venturi.
(continua all’interno)

levico_ezio2La voglia di battagliare – Sono stato io il primo! No io di calcio ne capisco più di te! – tipico del teatrino tv del lunedì sera scema immediatamente nei protagonisti e Giuseppe Milano cambia in corsa la scaletta che a fine programma prevedeva una gara di quiz nella quale avrebbero dovuto fronteggiarsi i due veterani radiofonici. Saputo della scomparsa della “Zia” preferisce chiudere, magari con qualche secondo di anticipo, la trasmissione senza ulteriori “divertenti” appendici.
La commozione, soprattutto tra i tecnici che con Ezio Venturi hanno lavorato gomito a gomito, è altissima, ma anche tra i giornalisti. Ceci ricorda – avrebbe voluto dirlo in diretta, ma non ha fatto in tempo – che fu proprio lui lo a portarlo a Tv Parma, di cui sarebbe nel tempo diventato un collaboratore fisso. Non si occupava di calcio, Ezio, ma forse proprio perché introdotto da Giancarlo iniziò ad appassionarsi soprattutto a quel particolarissimo periodo, per le squadre di calcio, che è la preparazione estiva. Da vent’anni a questa parte, magari sacrificando le vacanze, ed alle volte mettendoci economicamente pure del suo, aveva scelto di seguire tutti i ritiri del Parma, documentando con le sue immagini training, sedute, interviste, curiosità, insomma tutto ciò che accadeva in altura. I suoi preziosi filmati, poi, sarebbero arrivati in qualche modo a Parma, grazie a staffette o del personale del Parma FC o della Gazzetta, magari degli stessi tifosi, persone tutte che hanno apprezzato in questi anni la sua gentilezza, la familiarità e la riservatezza.
I ricordi più piacevoli che mi legano a lui sono relativi all’estate 2005 quando il Parma fece la preparazione a Sestola: il mio primo ritiro, diciamo così “completo” in organico alla Società. Alla sera ci ritrovavamo spesso – lui, il preparatore atletico Vincenzo Pincolini, Marco, un ragazzo tuttofare del posto ed io – in enoteca per bere un bicchiere di quello buono (ma buono per davvero) in compagnia, o passeggiando per le strade del paese, magari filosofeggiando sulle mille questioni della vita.
Due estati fa gli viene diagnosticata una grave malattia: lui non la nasconde parlando con i colleghi, con gli amici ed anche con i semplici conoscenti: “Come sto? Beh ho un tumore, ma a parte quello sto bene”, rispose una volta, lasciando di ghiaccio un fotografo, ignaro della sua vicenda personale. Ma Ezio non si è mai pianto addosso e fino all’ultimo ha combattuto consapevolmente contro l’avversario imbattibile, che stasera ha segnato, imparabile, il gol decisivo.
A luglio mi concesse il privilegio di registrare una intervista con lui, nella quale parlammo di questa sua specialità: essere da 20 anni l’operatore Tv dei ritiri del Parma. La pubblicò Settore Crociato. Oggi, noi, vogliamo riproporre, in sua memoria, quella chiacchierata. Cia oZia. Ci mancherai. Gabriele Majo
Ai genitori e ai famigliari le nostre sentite condoglianze
Clicca qui per riascoltare l’intervista di Gabriele Majo ad Ezio Venturi (20 luglio 2010)

TRASCRIZIONE INTEGRALE DELLA INTERVISTA DI GABRIELE MAJO AD EZIO VENTURI
levico_ezio1Mentre effettuiamo la registrazione di questa conversazione, su Tv Parma stanno scorrendo le immagini della prima uscita con il Levico. Immagini firmate dalla monocamera di Ezio Venturi.
Quello di Levico è il tuo ventesimo ritiro, o ne abbiamo perso qualcuno?
"No, io li ho fatti tutti i ritiri, da Folgaria a Morgex La Salle, passando per Sestola e Vigo: praticamente li ho fatti tutti, così come ho fatto tutte le partite amichevoli durante il precampionato".
Poi durante la stagione? Vai in letargo?
"Io mi occupo di altre cose, durante la stagione, non mi occupo di calcio, ma di altri argomenti, sempre per Tv Parma, naturalmente".
Come è nata questa tua passione per i ritiri, visto che non ne perdi uno?
"E’ nata per caso, direi, forse, come premio estivo: mi sono offerto per fare questi ritiri, arrivando il giorno prima, così potevo registrare le immagini del pullman mentre arrivava, fino all’ultimo giorno. E’ nata così, per caso, poi mi è piaciuta la situazione, ed abbiamo continuato, praticamente, per 20 anni".

Una tradizione che si consolida grazie anche alla direzione e alla redazione sportiva di Tv Parma?

"Ovviamente devo ringraziare tutti i direttori, in particolare Andrea Gavazzoli che mi ha dato fiducia anche quest’anno. Probabilmente le mie riprese lo soddisfano. Un grazie anche aGiuseppe Milano, che tutti i giorni mi sprona, mi dice: dammi le immagini, dimmi chi c’è e chi non c’è. Siamo in stretto contatto telefonico con la redazione. E poi man mano tutti gli anni ci sono i vari telecronisti. L’ultimo è Carlo Chiesa, con tutti sono in ottima sintonia: ci troviamo molto bene, insomma".
La tua è una presenza educata e discreta: in questi anni hai avuto modo di fare tante registrazioni molto utili per quei tifosi che non possono venire in ritiro a vedere direttamente all’opera i propri beniamini. Insomma effettui un servizio molto utile per la Comunità locale.
"Spero di sì. La cosa importante è che io uso sempre la massima educazione. Quando c’èMonguidi o quando c’è Rodio chiedo sempre il permesso di entrare in campo, se posso riprendere. Oggi, ad esempio, ho fatto delle riprese in palestra ed ovviamente ho chiesto il permesso. Poi mi dicono sempre di sì, non ci sono problemi. Vorrei ricordare, per esempio, i primi anni a Folgaria, quando c’era Nevio Scala, allora non c’erano tutti questi controlli, e allora cosa facevo io? Mi presentavo al mattino del primo giorno del ritiro e dicevo signor Nevio, io dovrei entrare in campo, dovrei fare delle riprese, e lui mi rispondeva: "Guardi, con questa educazione lei può entrare, fa tutte le riprese che vuole, eventualmente prenderà qualche pallonata …" Infatti, di pallonate, ne ho prese parecchie, specie quando mi mettevo dietro la porta".
Tante pallonate e anche tanta pioggia?
"Tanta pioggia, certo, anche perché in ritiro spesso i campi sono scoperti, a parte quest’anno a Levico. Devo ringraziare veramente tutti i miei vecchietti, tra virgolette, che mi tengono sotto l’ombrello, ovviamente per evitare non che mi bagni io, quanto la telecamera. Vorrei ricordare Mora, Pepino, Umberto con sua moglie Isa; vorrei ringraziare Guido ed Ivana, Carlo, ad esempio, che a turno mi hanno sempre tenuto sotto i loro ombrelli per non bagnare la telecamera e per filmare tutta la partita, ovviamente. I miei vecchietti, come li chiamo io, sono anche adesso qui intorno e brontolano perché li chiamo così, come potete sentire in sottofondo. I miei tecnici sono molto professionali".
Ti abbiamo disturbato a tavola?
"No, sono qui nel viale principale di Levico, molto bello, al fresco; c’è qualche nuvola in giro, però, si sta molto bene, direi. Ottima accoglienza, specialmente nell’albergo dove sono, veramente il titolare ha fatto in modo che avessi un ufficio apposta per trasmettere le interviste e le immagini a Tv Parma. Ecco, vorrei ricordare … è una cosa molto importante … che dall’anno scorso abbiamo la possibilità di trasmettere via computer le interviste e le immagini: non è come una volta che si dava la cassetta al primo che andava a Parma. Eravamo quasi a livelli di piccione viaggiatore. Invece dall’anno scorso mi sono impegnato ad imparare a montare con il computer ed inviare giornalmente i servizi, praticamente in leggera differita. Una importante evoluzione tecnica di Tv Parma".
Una simil-diretta molto apprezzata anche dai tifosi, perché dà quel senso di freschezza e genuinità: trasmette proprio la sensazione di essere lì, anche se i tempi eroici ed epici di quando si mandavano le cassette a Parma con il piccione viaggiatore di turno, rimangono indimenticabili?
"Sono tempi ormai lontani, però. Questa evoluzione tecnologica è stata molto importante".
Partendo proprio dagli albori, come ti sei trovato in questi anni in ritiro con il Parma, già dai tempi di Nevio Scala?
"Molto bene, sia quando c’era Nevio Scala, sia con gli addetti stampa, sia con l’organizzazione: non ho mai avuto problemi. Ho sempre potuto riprendere quello che volevo, senza problemi.  Ecco: con i giocatori io mi comporto molto professionalmente, do del lei. Il tifoso Ezio Venturi è rimasto a casa. Qui c’è Ezio Venturi con la telecamera, che da del lei ai giocatori, e non ha mai avuto problemi. Io filmo e basta. Non sto a chiedere autografi o magliette: sono professionale e basta".
Qualche aneddoto di queste lunghe annate? O se ne hai qualcuno fresco di quest’anno?
"Mah … Di aneddoti ce ne sono tanti. Calcisticamente parlando, tutto si è svolto normalmente, quindi particolari aneddoti non ne ho. Certo ho conosciuto grandi personaggi:Cannavaro, Buffon, tanti altri, Il giapponese Nakata. Extracalcio, invece, ricordo la compagnia dei giornalisti della Gazzetta di Parma, per esempio, utilissimi; anzi, li ringrazio per le domande che fanno e che poi io registro. Poi le mangiate con Piovani: delle cose molto goliardiche, direi. Poi, una volta, una situazione molto bella, anche se forse non va molto a nostro favore: eravamo a Morgex La Salle io e Zurlini e, scendendo da Courmayeur, pur non avendo bevuto, ci eravamo persi il Monte Bianco. Ci siamo fermati dicendo: guarda che è lì, no guarda che è là, il fatto è che era coperto da una montagna che aveva coperto il Monte Bianco!!!".
Questi giorni a Levico stanno passando con la stessa spensieratezza?
“Sì, c’è sempre molta gioia tra i tifosi, che parlano con i giocatori; danno loro addirittura consigli su come battere le rimesse laterali come sta facendo una supertifosa che è qui adesso. C’è molta felicità direi!!!".
Intervista di Gabriele Majo – Le foto da Levico sono di Jonathan Belletti

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “OGGI A LEVICO TV PARMA COMMEMORA EZIO VENTURI, IL CAMERAMEN DEI RITIRI

  • 17 Luglio 2011 in 11:14
    Permalink

    Grazie Gabriele per il ricordo!
    Giuseppe Milano

  • 18 Luglio 2011 in 13:27
    Permalink

    Ezio Venturi grandissimo appassionato dei Beatles aveva seguito con grande interesse le due pubblicazioni degli L.S.D. "Nojator e i Beatles" e non c'era volta che mi non chiedesse quando saremmo potuti andare a Londra o a Liverpool sulle orme dei fab four e in particolare a abbey road
    che noi avevamo parafrasato sulle strisce pedonali di via Cavour.Avrebbe voluto filmare i mitici luoghi.
    Purtroppo abbiamo sempre rimandato

    Fabrizio

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI