martedì, Aprile 23, 2024

ORE 10.15, VIA GARIBALDI. LOTTOMATICA ANCORA KO

Emesso, ieri, solo qualche abbonamento di Curva Nord, poiché non è necessario assegnare un posto preciso, ma negli altri settori la prelazione è tuttora impossibile

(gmajo) – Oggi è mercoledì 6 luglio, il grande giorno secondo cui Lottomatica avrebbe reso funzionante, con un giorno di ritardo rispetto alla tabella di marcia programmata e reclamizzata, la propria rete sul territorio parmigiano per la Campagna Abbonamenti del Parma FC, che ha avuto il suo start  ieri, martedì 5 luglio. Né di Venere, né di Marte, ammoniscono spesso gli scaramantici, e si sa quanto a queste cose di solito si badi con attenzione nel mondo del pallone, ma evidentemente, dando un calcio ad ogni forma di prevenzione astrale, era stata fissata questa data, martedì 5 luglio, per far decollare “Uniti si vince sempre!”. Ma torniamo ad oggi, mercoledì 6 luglio: com’è al momento la situazione nei punti Lottomatica? Esattamente come ieri… Continua all’interno
paterlini via garibaldiIl nostro check l’abbiamo fatto stamani, poco dopo le 10.15, alla Tabaccheria Paterlini di Strada Garibaldi 27/a: il titolare Daniele aveva appena provato, per l’ennesima volta, a rinnovare il proprio titolo, senza riuscirci. Il problema è lo stesso evidenziato ieri, di cui noi ancora non avevamo parlato, in attesa di ulteriori riscontri. Il baco del sistema sarebbe proprio nella fase di “prelazione”, in quanto, al momento, l’apparato non è in grado di assegnare i posti precedentemente occupati, rendendo di fatto impossibile il rinnovo per tutti i settori. Ieri, Paterlini, come potrete ascoltare nella registrazione, aveva emesso una decina di abbonamenti solo di Curva Nord, poiché lì non è necessario assegnare il posto, ovviamente, però, non si può fare altrettanto per le Petitot e la Centrale est. La vendita, comunque, ieri è stata bloccata, e alle 10.15 di oggi, davanti alla nostra microtelecamera compatta, non è andato a buon fine neppure il tentativo, fatto ad hoc per noi, di rinnovo del suo abbonamento personale. C’è da augurarsi che Lottomatica metta a posto le cose, perché è vero che i tifosi sono abituati ad andare al Tardini per il rinnovo, e c’è comodità di accesso e di parcheggio, ma a cosa serve mettere in piedi, e sbandierare, una struttura capillare sul territorio come quella di Lottomatica, se alla fine non risulta fruibile? Anche stamani decine di tifosi se ne sono dovuti andar via dalle ricevitorie senza l’abbonamento rinnovato, e non si può continuare a chiedere alle persone di fare giri inutili, buttando via il proprio tempo prezioso. Stando così le cose, visto che le postazioni attrezzate del Tardini paiono essere le uniche che funzionano senza intoppi (o con intoppi leggeri, che comportano solo la sospensione del servizio per  pochi istanti), e visto che la gente ama andare all’Ennio, si potrebbe aumentarne il numero dalle attuali quattro?
Nel nostro reportage di ieri, dopo aver ascoltato le preziose testimonianze dei punti Lottomatica di Noceto e San Pancrazio, i cui titolari ci avevano riferito di problematiche comuni a tutte le ricevitorie del circuito, avevamo concluso che tutti gli abbonamenti erano stati rinnovati al Tardini: in realtà qualche unità, prima dello stop, era stata rinnovata anche da Lottomatica, come ci ha riferito stamani Daniele Paterlini. Egli ci ha confermato che il prezzo degli abbonamenti da lui emessi era corretto, cioè 142 euro per la Curva Nord, anche se ieri avevamo raccolto informazioni diverse, e cioè che il sistema Lottomatica risultava erroneamente tarato già sulla “libera vendita” e non sulla “prelazione”, dunque con i prezzi già aumentati del 15%. Comunque sia, però, c’è qualche tara che va sistemata, di qui la sospensione del servizio che nelle prime ore di ieri sembrava una cosa leggera, ma tale non è se 24 ore dopo le problematiche persistono. Ma quanti abbonamenti sono stati rinnovati ieri? Noi abbiamo scritto 270, poiché una fonte di solito molto attendibile così ci aveva riferito e il numero e ci ha fatto gioco perché abbiamo potuto giocare sul fatto che l’anno prima erano stati 207 e così abbiamo argomentato che la cifra era stata anagrammata: poi con sorpresa abbiamo letto che sulla Gazzetta di Parma che i primi rinnovi erano in realtà 276, divenuti poi cifra tonda , circa 280 su Settore Crociato. Uno stucchevole (surreale?) balletto delle cifre che si sarebbe potuto evitare con una univoca comunicazione ufficiale e scritta. Diversi, poi,  i numeri del raffronto con la stagione passata: noi avevamo preso per fonte i 207 scritti da Settore Crociato, autore, un anno fa, di servizi ben curati ed articolati sulla campagna. Loro stessi, autocitandosi, inizialmente avevano parlato di 119, ma il dato era parziale, cioè relativo solo alle prime 4 ore del primo giorno di campagna, poi conclusa appunto a quota 207. Il dato era commensurabile, proprio perché in realtà ieri ci si è potuti di fatto abbonare solo per  mezza giornata. Sulla Gazzetta di Parma, invece, leggiamo che un anno fa furono 180… Indipendentemente da questo, però, Settore Crociato ha ragione quando argomenta che il raffronto più equipollente sarebbe da farsi non tanto con la passata stagione, caratterizzata dalla conferma del prezzo per i vecchi abbonati per l’intera campagna e non già solo per il breve periodo di prelazione, bensì con la precedente (2009-2010), quando le facilitazioni per i vecchi abbonati furono più stringate nel tempo, proprio come in questa Campagna: “Il confronto con il primo giorno della Campagna 2009/2010, all’indomani del ritorno nella massima categoria, con fase di prelazione corta, identica all’attuale, ma nel mese di giugno – scrive Settore Crociato segna, al contrario, calo, rispetto al dato odierno, di 683 unità. Allora, sotto l’effetto, ancora caldo, di quel trionfo sportivo, si registrarono ben 963 adesioni. L’andamento delle prossime giornate, quando sarà meglio oliato il nuovo sistema affidato agli sportelli delle ricevitorie territoriali di Lottomatica, potrà, con ogni probabilità, essere maggiormente indicativo sul trend generale”. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".