ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

Intervista esclusiva di stadiotardini.com all’assessore allo sport della Provincia di Parma, il quale ringrazia il privato che ha fatto le veci del pubblico per ovviare all’annoso problema dei diversamente abili esposti alle intemperie nell’impianto cittadino “però lo stadio dovrebbe essere accessibile sempre e ovunque: i disabili dovrebbero poter scegliere, come tutti, se andare in Curva o in Tribuna…”

(gmajo) – “Non è giusto confinare i disabili in un unico settore dello Stadio: come ogni tifoso anche il diversamente abile dovrebbe poter essere libero di scegliere se andare in Curva o in Tribuna”. Walter Antonini, assessore allo sport della Provincia di Parma, aggiunge ulteriori elementi al dibattito in corso su stadiotardini.com sulle condizioni del settore disabili dell’Ennio, dopo la garbata richiesta di aiuto del tifoso in carrozzina Fabio Giarelli ai nostri microfoni. “Ringrazio il privato che è venuto in soccorso del pubblico per donare una tettoia che protegga dalle intemperie i tifosi disabili. Mettere a posto questo spazio definito è importante e indifferibile oggi, ma è un passaggio da superare in futuro: i diversamente abili debbono stare in mezzo agli altri tifosi. Una piccola piattaforma in mezzo ad altri spazi potrebbe consentire ad una carrozzina di star in mezzo ad altra gente, e il disabile potrebbe conoscere altre persone, scambiare delle opinioni, fare amicizie, socializzare, confrontarsi e perché no litigare, in senso sportivo. Questa sarebbe integrazione…”. All’interno la trascrizione integrale della videointervista di Gabriele Majo a Walter Antonini

fabio e upper class al tardiniWalter Antonini, assessore allo sport della Provincia di Parma: in questi giorni stadioardini.com ha parlato di disabilità collegando l’argomento allo Stadio Tardini di Parma per via del settore disabili. Abbiamo ospitato le dichiarazioni di Fabio Giarelli, un tifoso in carrozzina che frequenta il Tardini e abbiamo ospitato il parere del suo collega comunale Giovanni Paolo Bernini. Che opinione si è fatto sull’argomento? Com’è il settore disabili del Tardini allo stato dell’arte?
antonini4“Mi sembra, intanto, che sia un bellissimo gesto, perché c’è da ringraziare la ditta privata che è intervenuta. Come al solito si aspetta sempre il privato per poter dare una mano laddove il pubblico dovrebbe avere una maggiore sensibilità ed attenzione, però, in questo momento di difficoltà economica è giusto che ci sia anche l’impegno dei privati. Credo che ci sia da fare un ragionamento rapido, ma un po’ più ampio: questa è una soluzione importante e indifferibile perché consente comunque a dei disabili di poter luca-pancalliassistere, protetti e coperti, alle partite del Parma, però nella accezione di integrazione per il mondo dello sport e per i disabili nello sport, credo che sia un passaggio che dovrà essere superato. Io credo che sia corretto che uno stadio sia accessibile sempre e ovunque. Come dice Luca Pancalli l’obiettivo degli stadi del futuro è che una persona anziana o un disabile possano andare tanto in curva come in tribuna e poter assistere normalmente, in mezzo a tanti altri, alle partite: questa è integrazione, stare assieme agli altri, conoscere persone nuove e usare lo sport, andare a vedere lo sport, per un processo di socializzazione. Creare uno spazio definito è comunque importante oggi, ma deve essere un passaggio da superare”.
Il sogno, dunque, potrebbe essere quello di avere tante postazioni attrezzate per disabili in mezzo agli altri tifosi, in ogni settore?
antonini3“Sì i diversamente abili debbono stare in mezzo agli altri tifosi perché una piccola piattaforma in mezzo ad altri spazi potrebbe consentire ad una carrozzina di star lì in mezzo ad altra gente, in mezzo ad altri tifosi. Questa sarebbe integrazione e integrazione è una parola molto usata: in realtà vuol dire conoscere anche altre persone, scambiarsi delle opinioni, fare amicizie, socializzare, confrontarsi, perché no litigare, in senso sportivo. Questa sarebbe integrazione…”.
Il risultato della campagna di sensibilizzazione porta avanti che sta per pr-ch_23essere ottenuto è la costruzione di una tettoia che dovrebbe proteggere i disabili dalle intemperie: purtroppo, infatti, da alcune stagioni a questa parte in caso di maltempo piove su di loro, per cui magari preferiscono starsene a casa piuttosto che rischiare qualche malanno, come testimonia la significativa foto a lato di Settore Crociato, scattata per Parma-Chievo dello scorso campionato con un solo tifoso in carrozzina con l’ombrello.  Lei ha sentito qualche testimonianza?
pr-sampvigno“Io sono stato coinvolto perché in un paio di casi mi è stato chiesto di interessarmi della questione, anche se la Provincia centra fino lì con lo stadio Tardini, impianto che è del Comune, però la sensibilità soprattutto di Ghirardi, ma anche di altri, ci ha permesso di affrontare la cosa togliendoci ogni imbarazzo. E’ una soluzione di cui ringrazio Settore Crociato che ha avuto l’idea, il sito stadiotardini.com che ha preso la cosa in carico, ed è una risposta efficace, una risposta importante, che dovrebbe dare una risposta anche a quei ragazzi in carrozzina o non, che vogliono andare a vedere il Parma”.
SAM_8223Noi come stadiotardini.com va da sé che siamo particolarmente affezionati a questo impianto dove vorremmo che il Parma continuasse a disputare gli incontri di serie A: lei, invece,ci pare abbia una diversa opinione, non vedrebbe male la creazione di un altro stadio, trasformando l’area del Tardini in un qualcosa di diverso. Anche se questo non vorrebbe dire cementificazione o costruzione di palazzi, per carità…
“Esatto, niente palazzi… Io credo che se il Parma Calcio non ha necessità di modificare o di ampliarsi e gli va bene il Tardini, va antonini1benissimo il Tardini lì dov’è. E’ chiaro che in un’ottica, tra virgolette, di sviluppo che potrebbe esserci, o comunque anche di crescita della società sportiva, che gli permetta di stare sul mercato, l’esser proprietario di uno stadio è una cosa importante. Il problema, poi, è cosa si potrebbe fare dell’area del Tardini: io – lo dissi anche in periodi non sospetti – credo che quello spazio non debba essere adibito a costruzioni, ma debba rimanere uno spazio sportivo. La mia idea all’epoca era quello di renderlo un parco per gli sport all’aperto, quindi uno o due campetti di basket, un SAM_1228percorso vita, spazi per giocare anche per i ragazzi, metterci più alberi, per fare in modo che quello sia un altro piccolo polmone verde, magari maggiormente dedicato allo sport all’aperto. I costi non sono proibitivi e non dovrebbero essere in questo caso sostenuti da privati, perché per impianti sportivi all’aperto i costi poi sono abbastanza contenuti e la città li potrebbe tranquillamente sostenere”.
La Provincia, recentemente, si era aperta ai Boys, con una esperienza comune a Traversetolo, se non ricordo male…
10_scuola_tifo“Ho avuto questa idea di collaborare assieme per far capire ai bambini che venivano alla Festa provinciale dello sport (foto a lato da www.boysparma1977.it) che noi teniamo ogni anno in una cittadina della nostra provincia, dove arrivano tra i 3 e i 4.000 bambini, attraverso un percorso formativo, che cos’è il tifo, che cos’è il tifo positivo e che cos’è, in qualche maniera, l’attaccamento ai valori del tifo, la maglia, la bandiera, eccetera, che possono sembrare cose molto pompose, 09_scuola_tifomolto passate, ma sono anche una maniera per stare assieme, un modo per conoscersi. Io credo che questa opportunità serva a noi per entrare in rapporto e per far conoscere ai ragazzi il tifo e possa servire ai Boys per conoscere meglio il mondo dei ragazzi, ad esempio delle scuole e credo che assieme ci consenta anche di fare un’operazione verità. Io sono convinto che i Boys a Parma siano un ottimo gruppo, che ha una grande sensibilità: in qualche caso, all’interno, ha delle persone antonini7che forse non è importante che stiano nei Boys, che possono andare a fare dell’altro, grazie a Dio sono pochissime e forse le possiamo mettere sulle dita di una mano, massimo due, ma tutto il resto dei Boys sono ragazzi – che io ho conosciuto e che avevo conosciuto tanti anni fa – straordinari, che hanno sensibilità, che hanno questa voglia di stare assieme al Parma e che vanno sicuramente sostenuti”.
In questi giorni c’è parecchia sensibilità sul tema dei disabili sui media: noi ci siamo tv parma disabilioccupati del problema all’interno dello stadio Tardini, essendo una sorta di nostro compito istituzionale, mentre su Tv Parma hanno fatto diversi servizi legati soprattutto alla stazione ferroviaria di Parma. Vuole dire qualcosa in merito?
“Sì, torniamo un po’all’inizio di questo discorso… E’ brutto constatare che quando si costruisce qualcosa non lo si faccia già senza barriere architettoniche, eppure sembra una sciocchezza, ma ancora oggi è così. Parma e la provincia di Parma hanno fatto dei grandi tiziana tv parmapassi avanti, ma ancora non è fatto non dico tutto, perché tutto non è mai possibile, ma non è ancora così tanto. Negli ultimi 20 anni Parma ha lavorato molto per l’abbattimento delle barriere architettoniche e credo che un lavoro ancora forte sia quello di una maggiore attenzione nelle nuove costruzioni, non solo pubbliche, ma anche private e credo che la stazione, le scuole, i teatri, per quanto vogliamo dire non tutti sono ancora totalmente accessibili; è un buon lavoro che è stato iniziato da tutte le amministrazioni comunali del territorio della Provincia di Parma e anche antonini8dalla Provincia e credo che sia un percorso che ci mette sicuramente davanti agli altri, ma non ci deve poi far fermare, perché poi di barriere – io me ne accorgo – ancora oggi anche nelle aree nuove ne trovo ancora”.
Nel 2009 il Ministro Carfagna si era congratulata con Parma indicandola quale città modello per l’accoglienza ai disabili: dal 2009 al 2011 è cambiato qualcosa?
“Non so quanto possa essere cambiato, ma credo che i complimenti fatti al nostro territorio e alla nostra città siano guadagnati e meritati. carfagna parma citta modello x disabiliCredo che 20 anni di lavori di varie amministrazioni di tutti i colori abbiano portato la città ad avere una maggiore accessibilità. Credo, però, che Parma abbia fatto qualche cosa di più: non è solo una questione di accessibilità, è una questione di integrazione: credo che dagli anni ’80 in poi Parma – intesa come città e come provincia – sia sempre stata un modello di integrazione, sperimentando cose nuove, cose, all’epoca, anche all’avanguardia, quindi è stato sicuramente un complimento meritato da un’intera città e un intero territorio”.
(Walter Antonini, Assessore allo Sport della Provincia di Parma,29.07.2011. Video intervista esclusiva e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

4 pensieri riguardo “ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

  • 1 Agosto 2011 in 13:04
    Permalink

    apprezzabile lo sforzo, ma ormai almeno un trepiedi da tavolo e un microfonino per gli intervistati si impongono…
    Gianni

  • 1 Agosto 2011 in 15:50
    Permalink

    Salve Gianni, al momento le strumentazioni a disposizione sono queste, alias la mia compatta, che forse accetta il trepiede, ma non il microfono per l'intervistato. Tanto poi c'è la fedele trascrizione… Vedremo in tempi migliori… Saluti Gmajo

  • 1 Agosto 2011 in 23:48
    Permalink

    Com'è avanti questo Assessore provinciale che non conoscevo. Intervento intelligente e costruttivo che ci fa capire quanto siamo indietro. Altro che Parma città modello.Ce nè di strada!… G Sport, stiamo aspettando un vostro segnale. E avrete il nostro applauso. Ghiretti, Aiello ndo state? Non avete niente da dire? E'no, dite la vostra anche voi. La questione vi riguarda.Eccome. Luigi

  • 2 Agosto 2011 in 10:42
    Permalink

    Salute Luigi, in effetti l'apporto di Walter Antonini ha offerto un differente punto di vista, oggetto di crescita intellettuale per tutti, diversamente abili inclusi. L'idea di uno stadio che possa accogliere carrozzine non solo in un "lager" stabilito ma in qualsiasi punto senza discriminazioni è plausibilissima, anche se di difficile attuazione in un impianto "vetusto" quale l'odierno Tardini. Ieri, mentre ero a Collecchio a documentare il primo giorno di Primavera (mi riferisco a quella crociata affidata a Pizzi, non certo a quella metereologica, dato che siamo in agosto) ho notato come sul campo del settore giovanile del Centro Sportivo esistano piazzole dedicate ai diversamente abili se non ricordo male almeno 4. Quando era stata progettata la struttura, e andiamo attorno alla metà degli anni '90, c'era già stata questa sensibilità. Non solo: anche la rampa di accesso alla tribuna ha un percorso delimitato colorato di giallo su cui possono transitare le carrozzine (a parte qualche sobbalzo, perché in qualche punto il selciato ha ceduto all'usura del tempo). Insomma, in piccolo, è quanto auspica Antonini per gli stadi nuovi. Ghiretti l'ho già messo in croce abbastanza con la faccenda dei seggiolini, che poi non vorrei me ne tirasse in testa uno alla prima occasione, quanto ad Aiello, in effetti sarebbe da ascoltare, ma perché infierire di questi tempi, quando il privato sembra voglia supplire alla perdurante manchevolezza del pubblico? G Sport metterà la tettoia, primo step di lavori di riqualificazione che forse comporteranno altre novità per i disabili (auspichiamo ancora il G HANDCAP, corridoio attrezzato per loro, ma nel caqso sarà una soluzione per il futuro, non certo per l'immediato): l'esito della campagna di sensibilizzazione mi pare già sufficiente. O meglio, lo sarà, quando la tettoia non solo sarà su, ma quando la medesima avrà superato l'esame di Fabio Giarelli e degli altri tifosi in carrozzina, sperando di non dover più documentare un unico disabile temerario con l'ombrello come era capitato agli amici di Settore Crociato in occasione dell'ultimo Parma-Chievo. Saluti Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI