SE DOVERI AIUTA COLOMBA A FARE IL TURN OVER…

L’espulsione in pieno recupero consentirà a Giovinco di rifiatare (anche se non ne aveva certo bisogno): per tutti gli altri l’occasione di dimostrare che questa squadra non è Formica-dipendente. Il commento di Gabriele Majo dopo Parma-Chievo 2-1

Archimmagine -007(gmajo) – Come scrivevamo alla vigilia di Parma-Chievo Franco Colomba non è certo un rivoluzionario. E ieri lo ha dimostrato confermando, come personalmente ero sicuro accadesse, gli undici di Torino, nonostante i “suggerimenti” a mezzo stampa indicassero altri titolari rispetto a quelli da tempo immemorabile battezzati dall’irremovibile mister. Ora, il Signor Doveri, conscio che il Parma – come le altre 19 iscritte al massimo campionato – deve compiere la fatica di giocare tre volte in una settimana, per via di quel turno infrasettimanale che mercoledì ci porterà a Firenze, ha cercato di aiutare il tradizionalista Colomba a fare un po’ di turn over, cacciando fuori un suo giocatore in pieno recupero. Peccato si trattasse di Sebastian Giovinco, autore ieri di una tripletta: due gol sono regolarmente finiti sul tabellino sotto la voce “marcatori”, anche il terzo, non convalidato, ha avuto la sua ribalta sul taccuino essendo la cagione (una delle cagioni) del clamoroso rosso alla Formica, reo di avere insaccato nonostante il fischio ostativo dell’arbitro. Arbitro che alcuni minuti prima non gli aveva perdonato una simulazione, tra l’altro commessa al di fuori dei 16 metri, comminandogli la prima delle due ammonizioni, la seconda, appunto, sarebbe avvenuta per comportamento non regolamentare. Continua all’interno

DSC00273Ieri sera a “Pronto chi Parma?” l’arbitro Michelottida noi ritratto in tribuna stampa con doppio paio di occhiali inforcato, forse retaggio di quell’urlo ‘arbitro occhiali’ in voga negli anni ’70 – non ha avuto remore nell’esprimere colorite reprimende nei confronti della dabbenaggine di “Seba”, in quanto a suo dire si è trattato di due ammonizioni inutili (credo che lui abbia aggiunto pure stupide, non so se l’aggettivo sia precisamente questo, ma la sostanza quella è) che hanno finito per penalizzare la DSC00398squadra, non tanto ieri, ovviamente, visto che si era già a tempo abbondantemente scaduto, quanto per via di quel forzoso turn over di cui si diceva che ce ne farà privare mercoledì, causa la inevitabile squalifica che il Giudice Sportivo tra poche ore gli infliggerà. La punizione, secondo Miclòt, potrebbe essere una sonora tirata d’orecchie, nonostante il brevilineo sia stato indubbiamente l’eroe della giornata. Eh sì, perché ieri il Chievo lo ha stroncato lui, con le sue giocate, dimostrando ancora una volta l’imprescindibilità da lui DSC00399dell’odierno Parma. Teorema che potrebbe essere presto sfatato, qualora mercoledì sera i Crociati a Firenze riuscissero a mostrarsi non affetti dalla Giovinco-dipendenza patologica. In realtà qualche segnale confortante in questo senso lo si potrebbe anche ricavare dalla dinamica delle due segnature regolamentari della Formica, bravo a capitalizzare il lavoro dei compagni. Nel primo caso diremmo anche un po’ fortunato: “L’1-0 – riferisce nella sua precisa cronaca Paolo Grossi sulla Gazzetta di Parmaera arrivato da una torre aerea di Pellè su cui Andreolli si è impappinato, DSC00400regalando la palla a Giovinco solo davanti a Sorrentino. Prezioso il tocco sotto del 10 crociato a eludere il portiere e spedire la palla lemme lemme in porta”. Fortunato, ma bravo, perché solo davanti a Sorrentino c’era, ed era appunto nel luogo giusto al momento giusto: se poi le circostanze hanno voluto che proprio in quel mentre il difensore clivense si sbagliasse è un altro discorso, ma nel calcio ci sta. Piuttosto si è dimostrata l’utilità (più per la squadra che non per sé stesso) del generoso Graziano Pellè elevatosi fino in cima al punto più alto della protuberanza del maniero. Anche DSC00402la seconda marcatura non è frutto di una azione personale o di una magia su calcio piazzato (sua specialità): in questo caso il piccolo Sebastian si è giovato di una fuga sulla fascia di Biabiany. Il numero 7 figliol prodigo era stato a lungo rimpianto perfino dal Saltimbanco, al fianco del quale, per grazia ricevuta, ho seguito gran parte del match in tribuna stampa, prima di trasferirmi nei minuti finali nella nuova “cabinina” di Radio Rai per documentare, come d’abitudine, gli ultimi DSC00241istanti di radiocronaca ed il commento dell’inviato di Tutto il Calcio Minuto per Minuto, ieri Tarcisio Mazzeo. Boni, noto per cibarsi con le carni selezionate di qualche allenatore (tra queste non quelle di origine siciliana) talvolta arricchisce i suoi spuntini anche con quelle di qualche calciatore, e due stagioni fa quelle di Biabiany erano tra le sue preferite: “Non avrei mai pensato di dover essere proprio io a richiedere a gran voce il francese in campo”, riconosceva ieri interloquendo con il suo compagno di banco. Nei piani di mister Colomba la prudenza viene DSC00431prima di tutto e non lo ha certo nascosto ieri in sala stampa, quando senza alcun timore, ha affermato: “Abbiamo messo Biabiany con due attaccanti che per noi non è pane quotidiano”, proprio perché l’equilibrio ha la precedenza. Nelle pagelle sulla Gazza Paolo Grossi, che ha attribuito al tecnico la sufficienza (6), ha affermato: “Biabiany che fa e disfa è la conferma che la sua prudenza è ancora sensata. Ma deve metter mano al turn over perché c’è poco brio”. Il riferimento al fatto che Biabiany oltre a fare (azione del raddoppio) DSC00426disfi è relativo al gol del temporaneo pareggio dei veneti nato da una palla persa dall’esterno e capitalizzata dai clivensi, nella fattispecie da Paloschi, ai quali, va detto onestamente, in quel mentre andava stretto pure il pari, avendo costretto nella propria metà campo i sofferenti padroni di casa per oltre un tempo. Di Carlo, sollecitato da stadiotardini.com a proposito di Paloschi, ha detto che dal giovane si aspetta molto ma molto di più perché è in grado di farlo. In compenso il mister, cui quella panchina zona Ovest-Sud non porta molto DSC00405bene, ha invidiato Giovinco ai crociati, aggiungendo lui di sua sponte (ormai le poche domande dei giornalisti erano terminate), verso fine conferenza l’elogio della Formica, salvo non sbilanciarsi sulla sua discussa espulsione, non essendosi accorto della ragione. E qui torniamo al turn over di Colomba, auspicato da Grossi, e favorito (pur nell’uomo sbagliato) da Doveri: ha ragione Michelotti a prendersela solo con il giocatore che deve imparare a non commettere ingenuità (a suo dire entrambi i gialli potevano Michelotti-Ociajessere evitati con una condotta più accorta della Formica) o l’arbitro ce ne ha messo un po’ del suo? Secondo Michelotti la giacchetta nera (nell’occasione azzurra) ha fatto il suo dovere e non avrebbe potuto fare altrimenti, pena essere a propria volta mal giudicato dagli ispettori di campo. Si può discutere sugli errori tecnici, vedo o non vedo, ma non sulle decisioni disciplinari, ha detto lo splendido ottuagenario durante Pronto chi Parma. Il moviolista della Gazzetta di Parma Aldo Tani gaz pr moviolagiudica esagerato il rosso: “L’arbitro ha applicato in maniera fiscale il regolamento e ha espulso l’attaccante gialloblù, evidentemente sorpreso da una decisione così severa”. A termini di regolamento ci potrà anche stare, a termini di buon senso direi di no, per la dinamica della doppia ammonizione. Colomba dice il giocatore non ha sentito perché ha l’istinto di segnare, Miclòt derubrica: “Glien tuti dil caneli”. Il saggio Paolo Grossi nell’attribuire 5 al discusso arbitro (ieri alla settima presenza nella massima serie) non fa alcun riferimento all’episodio incriminato: “Fischiare poco, in un calcio di per sé noioso, è anche una bella cosa, ma nel suo caso, senza entrare nello specifico degli episodi, sembra un modo di mascherare i limiti”. Fischiare poco? Boni, al contrario, si è lamentato perché per lui Doveri ha fischiato anche troppo frammentando il gioco. Sugli episodi che hanno determinato la controversa espulsione troviamo traccia, sulla Gazzetta di Parma, nel pezzo portante DSC00404della prima firma, il quale, pur con toni differenti, ci pare dello stesso pensiero di Michelotti: “Non facciamo questioni sulla sostanza di queste decisioni arbitrali: Giovinco ha sbagliato ed è stato applicato il regolamento. Poi possiamo dire che non c’è sempre corrispondenza tra infrazioni e sanzioni”. Comunque sia Giovinco mercoledì sera osserverà forzatamente il turn over, e poi, come ha osservato il serafico Colomba durante il question time di ieri, sarà di nuovo a disposizione domenica contro la Roma al Tardini. Chi potrebbe farne le veci a SAM_3510Firenze? Non so quanto Colomba mi ascolterà, ma personalmente sceglierei Crespo, il quale non ha ancora collezionato neppure un minuto in campionato, nonostante le referenze della gara di Coppa Italia del 21 agosto scorso che lo mostravano in splendida forma, a dispetto dell’età. Al momento a me pare in migliori condizioni rispetto a Floccari, il quale, invece, ha avuto dalla sua ben due spezzoni: la strana coppia Pellè-Crespo potrebbe fornire adeguate garanzie e potrebbe anche essere un azzardo SAM_3301spendibile, considerata la vocazione difensiva del resto della squadra. A me non dispiacerebbe neppure che venisse concessa una chance a Jadid, il quale nelle amichevoli ha spesso mostrato qualità. Vedremo. Durante l’incontro stampa di ieri Franco Colomba, per dirla come Piovani, si è cavato un sassolino dalle scarpe (meglio di lì che dai reni o dall’uretra) a proposito della definizione Parma B attribuita a chi al giovedì sera gioca contro le squadre di Lega Pro, in quella sorta di surrogato dello scomparso Campionato SAM_2933[2]Riserve di antica memoria. Posto che la definizione l’aveva data Crespo in conferenza stampa  a Collecchio, martedì 23 agosto – e non era di conio dei giornalisti – personalmente non capisco questa idiosincrasia a chiamare le cose con il proprio nome. Presentando la lodevole iniziativa sul piccolo schermo, l’Amministratore Delegato Pietro Leonardi (ospite lunedì scorso a Bar Sport su Tv Parma),  aveva riferito che avrebbero giocato quelle amichevoli vere coloro che presumibilmente il tecnico non leonardi bar sport 12 09 2011avrebbe fatto giocare la domenica successiva. Bene, giornalisticamente parlando non mi viene in mente definizione migliore di Parma B per indicare siffatta situazione: qualora fosse restaurato il Campionato Riserve bisognerebbe inventarsi, dunque, una denominazione più politically correct? Con questo non vogliamo dire che sia inutile, anzi, con Blasi si sono visti subito gli effetti benefici, ma perché nascondersi dietro un dito? Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo “SE DOVERI AIUTA COLOMBA A FARE IL TURN OVER…

  • 19 Settembre 2011 in 10:46
    Permalink

    Buongiorno sig.Majo.
    Mi sta bene l'espulsione di Giovinco, però gli "ispettori di campo" dovrebbero redarguire l'arbitro per non aver applicato il regolamento in una situazione simile nel primo tempo per un giocatore del Chievo, penso si trattasse di Thereau.
    Visto che in quella occasione ha sorvolato non estraendo il giallo, poteva farlo benissimo anche con Giovinco.
    L'uniformità di giudizio, questa sconosciuta.Saluti.

  • 19 Settembre 2011 in 10:55
    Permalink

    Sono d'accordo con Lei, Roger. La difesa d'ufficio dell'arbitro pensionato Michelotti del collega attualmente in servizio permanente effettivo, mi ha convinto fino lì, e l'esempio da Lei indicato ne è la più giusta pratica esemplificazione. Di solito non mi piacciono i piagnistei sui torti arbitrali, ma parimenti mi piacciono poco le loro decisioni cervellotiche. Ieri Doveri, a mio avviso, ha voluto un po' assurgere al ruolo di protagonista cacciando il vero eroe crociato della giornata. Quest'ultimo avrà anche commesso due "stupidate" come ritiene Miclòt, però non meritevoli di un rosso esagerato, anche se a stretti termini di regolamento ci può stare. Ma, appunto, l'uniformità di giudizio. E poi il buon senso. Due ammonizioni ravvicinate del genere sono esagerate. No, dico, perché con quel metro, applicato in maniera uniforme, tutte le partite finirebbero 7 contro 7 o giù di lì. E il commissario arbitrale dovrebbe valutare anche questo. Ricordo male o Collina era considerato un genio, proprio perché interpretava in maniera geniale il regolamento? Detto questo, però, teniamo per buona la reprimenda di Michelotti che deve essere di lezione a Giovinco, affinché non incappi più in situazioni del genere. Cordialmente gmajo

  • 19 Settembre 2011 in 14:47
    Permalink

    Beh ma state ancora a sentire i commenti di Michelotti?! Il più delle volte sono imbarazzanti. Ieri mi è capitato di seguirlo un paio di minuti e non ha avuto di meglio da dire che parlare dei bagni della Tribuna Petitot; ne ho avuto abbastanza ed ho cambiato canale. Ora che con il digitale terrestre TV PARMA è vista almeno in tutta l'Emilia Romagna, non ci facciamo una gran figura! E non ditemi che è bello sentire uno che straparla in vernacolo! Mi chiedo quando verrà pensionato… Da opinionista intendo!! Davide.

  • 19 Settembre 2011 in 15:16
    Permalink

    Salve Davide, non mi trovo d'accordo con la sua richiesta di "pensionamento" di Alberto Michelotti dal ruolo di opinionista di Pronto chi Parma? . Spesso in passato, soprattutto quando lavoravo per la società, ho notato qualche suo eccesso verbale di troppo, e talora qualche vizio di forma lo riscontro pure ora, ma in generale reputo che la sanguigna partecipazione del nostro Cor Pramzàn possa avere un significato positivo. Del resto, allora, mi chiedo che contributo possa dare quella trasmissione quando si trasforma in un lavandino per i tifosi dove vomitare il proprio disappunto quando le cose vanno male. Certo Albertone è colorito ma non credo che sia un danno di immagine per la tv che lo ospita, sebbene la stessa ora si veda anche al di fuori dei confini di Parma. In fin dei conti colorito e su di età lo è anche Civolani a Bologna, ma non so se la gente sia favorevole al suo pensionamento. Io, piuttosto, pensionerei tutti quegli urlatori delle tv milanesi, sebbene alcuni siano più giovani di Michelotti, perché certi teatrini non rientrano nei miei gusti. Poi quelle di Michelotti, del resto come quelle di tutti noi, sono opinioni opinabili, su cui, cioè, si può ragionare. Nel caso specifico mi trovo poco d'accordo con la sua difesa d'ufficio di Doveri, il quale non ha rispettato, a mio avviso, la par condicio, discriminando Giovinco con una punizione troppo severa rispetto alla gravità delle infrazioni commesse. Ma non perdiamoci questo baluardo di parmigianità che è Michelotti… Cordialmente Gmajo

  • 19 Settembre 2011 in 15:53
    Permalink

    Caro Gabriele, non ne faccio assolutamente una questione di età. Però non vorrai mica paragonare Michelotti con Civolani?! Non seguo le tv di bologna con la stessa assiduità ma non mi è mai capitato di sentire il Civolani, personaggio senza dubbio eccentrico, straparlare in dialetto di ciò che esce dai bagni delle Tribune del Dallara. Detto questo, per me Michelotti può anche rimanere al suo posto. Non guardo la trasmissione e faccio prima… Mi fa solo specie che Chiesa ed Ampollini ridano divertiti a certe scemenze che senza dubbio non fanno onore alla Parmigianità! Ma è comunque questioni di gusti! Quanto alla sua difesa incondizionata degli arbitri, non è mica una novità! In carriera ne ha fatte di cotte e di crude… e troppo spesso a favore di una squadra con la casacca bianconera! Davide.

  • 19 Settembre 2011 in 16:20
    Permalink

    Ri-Salve Davide. Debbo dire che non mi trovo d'accordo neppure a proposito della Sua valutazione circa l' esternazione di "Albertone" a proposito dei bagni del Tardini. O meglio: non avendolo ascoltato in quel frangente non so che toni e che parole abbia utilizzato. Tuttavia non ritengo ininfluente la tematica, a maggior ragione curando un sito dedicato allo Stadio Tardini. Non vorrei dire che i bagni sono lo specchio della civiltà di chi li ospita, anche perché c'è spesso il concorso di male-ineducati che li utilizzano che ne contribuiscono al deterioramento, tuttavia fa abbastanza specie alla prima giornata che lo stato di incuria sia quello che mi ha riferito anche un altro collega che mi aveva chiesto di fare delle foto da pubblicare sul blog. Soprattutto pensando che si tratti del "cesso" che condivide il muro portante con il neonato G GOLD. Insomma: al di là dei contenuti Michelotti se ha ravvisato dei problemi ha fatto bene ad affrontare il tema direttamente dal piccolo schermo, sperando che poi sortisca dei risultati. Mi pare, però, che la battaglia del vespasiano fosse già stata intrapresa da Miclòt anche nel recente passato, evidentemente senza successo, se ieri ha… "pisciato ancora fuori dal vaso" (mi perdoni il francesismo… Cordialmente Gmajo

  • 19 Settembre 2011 in 17:40
    Permalink

    Giovinco non meritava la prima ammonizione perchè aveva subito fallo sul primo dribbling, così si incentivano i "tuffatori":se la formica cascava sul primo contrasto era fallo per noi!!
    detto questo non credo che biabiany "disfa e poi fa" o meglio lui almeno fa!! ma perchè valiani quanti palloni ha perso? sono preoccupato dalla fase difensiva: se il chievo ha dominato nel secondo tempo in casa nostra, cosa succederà con avversari un attimo più forti? urgono rimedi……..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI